Stasera in tv: “Godzilla 2 – King of the Monsters” su Italia 1

Italia 1 stasera propone “Godzilla II: King of the Monsters”, film di fantascienza del 2019 di Michael Dougherty con Vera Farmiga e Millie Bobby Brown.

Cast e personaggi

Kyle Chandler: Mark Russell
Vera Farmiga: dott.ssa Emma Russell
Ken Watanabe: dott. Ishiro Serizawa
Bradley Whitford: dott. Rick Stanton
Charles Dance: col. Alan Jonah
Millie Bobby Brown: Madison Russell
O’Shea Jackson Jr.: agente Jackson Barnes
Aisha Hinds: colonnello Diane Foster
David Strathairn: ammiraglio William Stenz
Sally Hawkins: dott.ssa Vivienne Graham
Zhang Ziyi: dott.ssa Ilene Chen / dott.ssa Ling Chen
Joe Morton: dott. Houston Brooks
CCH Pounder: senatrice Williams
Thomas Middleditch: Sam Coleman
Elizabeth Ludlow: tenente Lauren Grffin
Anthony Ramos: sergente Anthony Martinez
Jonathan Howard: Asher

Doppiatori italiani

Massimo De Ambrosis: Mark Russell
Sabrina Duranti: dott.ssa Emma Russell
Haruhiko Yamanouchi: dott. Ishiro Serizawa
Carlo Cosolo: dott. Rick Stanton
Michele Gammino: col. Alan Jonah
Luna Miriam Iansante: Madison Russell
Paolo Vivio: agente Jackson Barnes
Rachele Paolelli: colonnello Diane Foster
Antonio Sanna: ammiraglio William Stenz
Tiziana Avarista: dott.ssa Vivienne Graham
Jun Ichikawa: dott.ssa Ilene Chen
Massimo Corvo: dott. Houston Brooks
Anna Cesareni: senatrice Williams
Mirko Cannella: Sam Coleman
Joy Saltarelli: tenente Lauren Griffin
Alessandro Messina: Asher

Trama e recensione

In “Godzilla II: King of the Monsters” vedremo il tentativo eroico dell’agenzia cripto-zoologica Monarch e dei membri che la compongono, di affrontare una batteria di mostri dalle dimensioni impressionanti, tra i quali il possente Godzilla, che si scontrerà con Mothra, Rodan e la sua nemesi estrema, Ghidorah dalle tre teste. Quando queste antiche super specie – ritenute fino ad allora soltanto delle leggende – torneranno alla vita, combatteranno per la supremazia mettendo a rischio l’esistenza della razza umana.

Curiosità

  • Michael Dougherty ha diretto “Godzilla 2: King of the Monsters” da una sceneggiatura che ha scritto insieme a Zach Shields da una storia di Max Borenstein. La storia è basata sui personaggi Godzilla, King Ghidorah, Mothra e Rodan, creati da Toho Co..
  • Questo film è un sequel di Godzilla (2014) nonché trentatreesimo film di Godzilla, terzo film del MonsterVerse di Legendary e terzo film di Godzilla completamente prodotto da uno studio di Hollywood.
  • Uno scheletro può essere visto fuori dal tempio sottomarino di Godzilla. Questo scheletro ha una forma del corpo che ricorda Anguirus, un dinosauro che è stato alleato di Godzilla in alcuni film; i realizzatori hanno confermato che in realtà si tratta proprio di Anguirus.
  • Uno dei Titani, Leviathan, è a Loch Ness, il che implica che è l’origine della leggenda del mostro di Loch Ness. Toho in realtà ha quasi realizzato un film kaiju con Nessie nel 1978 in coproduzione con Hammer Horror ed è arrivato abbastanza avanti nella produzione da poter realizzare dei poster.
  • Durante un montaggio di una presentazione di tutti i numerosi Titani di cui Monarch è a conoscenza, il nome scientifico mostrato per Kong è Megaprimatus Kong, che era il suo nome scientifico nel materiale supplementare di King Kong (2005).
  • Secondo Monarch Sciences, Ghidorah (come il suo arcirivale Godzilla) è vivo da secoli e ha influenzato la rappresentazione di numerose creature mitologiche (come il Serpente Arcobaleno e l’Idra) che in realtà erano suoi avvistamenti. Questo tratto in cui i mostri hanno ispirato l’umanità a creare creature mistiche dal mondo reale è molto simile ai casi visti nella Gamera Trilogy di Shusuke Kaneko e nel suo Godzilla. Ci sono più affermazioni di somiglianze tra le sue opere e i mostri nel film precedente. Un’idea per Ghidorah di combattere Godzilla sott’acqua, come si vede nelle concept art rilasciate al Tokyo Comic-Con, è stata originariamente introdotta nella serie all’interno del lavoro di Kaneko.
  • Come visto sul sito web di Monarch Sciences, l’avamposto Monarch 61, dove si trova Mothra, omaggia il 1961, l’anno della prima di Mosura (1961). Sulla base del fatto che le Linee di Nazca sono menzionate nella sua descrizione, si può presumere che abbia dei legami con la cultura di Nazca. Il legame di Mothra con il continente latinoamericano è simile a quello della sua controparte AniGoji.
  • Come visto sul sito web di Monarch Sciences, l’Avamposto Monarch 56, dove è contenuto Rodan, omaggia il 1956, anno di uscita di Rodan il mostro alato (1956).
  • I nomi dati alle teste di Ghidorah durante la produzione, Ichi, Ni e San, sono le parole giapponesi per “uno”, “due” e “tre”. Soprannome di San, “Kevin”, probabilmente per come San si distrae facilmente.
  • Il regista Michael Dougherty ha ancora la sua figura Shogun Warrior Godzilla di quando era un bambino che tiene nella sua camera da letto, avendo fatto parte della sua vita e utilizzata come  sentinella contro i mostri sotto il letto o nell’armadio.
  • “Godzilla 2: King of the Monsters” rivela che gli antichi umani avevano costruito un enorme tempio per Godzilla, dove torna ancora per riposare. Questo spiegherebbe perché Godzilla ha un debole per l’umanità e farebbe di tutto per evitare vittime umane da Godzilla (2014). Ha avuto un’interazione positiva con gli umani per migliaia di anni e non ha davvero bisogno di litigare con loro o causare distruzione intenzionale alle loro case.
  • In “Godzilla 2: King of the Monsters”, King Ghidorah è alto 521 piedi (158,8 metri), il che lo rende 128 piedi più alto di Godzilla, che è alto 393 piedi (119,8 metri). Questa è la più grande incarnazione americana del mostro nella storia, e anche la seconda più grande incarnazione del mostro di sempre, essendo 67 piedi più corta della versione Heisei di Toho, che era di 460 piedi (140,2 metri).
  • Poiché ha la capacità di respirare sia con le branchie che con i polmoni, Godzilla è considerato più un anfibio che un vero rettile.
  • I Titani Scilla e Matusalemme sono basati rispettivamente sui kaiju Toho Kumonga e Anguirus. Nel caso di Scilla questo viene dato un cenno ancora più grande facendola emergere in Arizona, che è dove Kumonga è apparso in Godzilla: Final Wars.
  • Michael Dougherty in seguito ha rivelato che il nome “Godzilla” non è il nome principale del mostro, ma un soprannome, con il nome scientifico utilizzato all’interno dell’universo del film “Gojira”. Il conseguente doppiaggio scientifico di Titanus Gojira deriva dal termine latino “Titanus”, che significa “Titano”, e “Gojira”, che significa “grande lucertola” in giapponese.
  • Godzilla è notevolmente più alto di quanto non fosse nel primo film, il che porta alla convinzione che si stia veramente evolvendo. In questo film, è alto 393 piedi (119,8 metri), mentre in Godzilla (2014), era alto 355 piedi (108,2 metri). Ciò rende Godzilla di Legendary Studios la più grande incarnazione live-action di tutti i tempi, essendo quasi due metri più alto della versione di Shin Gojira (2016) e undici metri più alto di quanto non fosse nel reboot 2014.
  • L’Avamposto 33, che è etichettato sullo schermo di un computer sopra Skull Island, si riferisce all’uscita del film d’esordio di King Kong del 1933.
  • Nella protesta anti-Titani durante le scene di apertura, uno dei cartelli dei manifestanti recita Destroy All Monsters, un riferimento al film del 1968 di Toho, Gli eredi di King Kong (Destroy All Monsters).
  • Piuttosto che somigliare a una vera falena, Mothra combina caratteristiche di vespe e mantidi religiose, conferendole un aspetto più intimidatorio rispetto alle precedenti incarnazioni. Rodan combina anche aspetti di rapaci per accompagnare il suo aspetto da pterosauro.
  • Cinque personaggi militari minori nel film prendono il nome ciascuno da un noto artista di effetti speciali. *Il tenente Bottin prende il nome dal creatore di effetti speciali per il trucco Rob Bottin, che ha lavorato a film come La cosa (1982), RoboCop (1987), Atto di forza (1990) e il remake del 1976 di King Kong. “Il caporale Winston prende il nome dal defunto creatore di effetti speciali per il trucco Stan Winston, noto per il suo lavoro nei film Terminator, Jurassic Park, Aliens e molti altri. Winston e il suo studio erano anche destinati a gestire gli effetti dei mostri. per l’incarnazione originale del 1994 di GODZILLA della TriStar Pictures prima che la sceneggiatura di Terry Rossio e Ted Elliot fosse sostituita dalla versione di Roland Emmerich e Dean Devlin.*Il sergente Baker prende il nome dal creatore di effetti speciali di trucco in pensione Rick Baker, che ha disegnato e interpretato King Kong in il remake del 1976 ed è anche ampiamente apprezzato per il suo lavoro sugli effetti in Un lupo mannaro americano a Londra (1981). Baker ha anche avuto un cameo nella versione del 2005 di King Kong, ed è un buon amico del modellista di costumi della serie Godzilla di lunga data Shinichi Wakasa. *L’ufficiale del G-Team Tippett prende il nome dal regista e supervisore degli effetti visivi Phil Tippett, il cui lavoro include la trilogia originale di Star Wars, RoboCop e Jurassic Park. *L’ufficiale del G-Team Harryhausen prende il nome dal compianto pioniere dell’animazione in stop-motion Ray Harryhausen, che ha lavorato a film come Il settimo viaggio di Sinbad, Giasone e gli Argonauti e Scontro tra Titani.
  • The Asylum, uno studio americano specializzato in imitazioni di film di successo, ha prodotto Monster Island per sfruttare il successo di Godzilla 2: King of the Monsters.
  • L’avamposto Monarch dove viene studiato Rodan è il 56, un riferimento all’anno di uscita del suo film d’esordio, Rodan, il mostro alato (1956).
  • Un certo numero di film di fantascienza, horror e fantasy hanno contribuito a plasmare il look definitivo di “King of the Monsters”. Ad esempio Dougherty ha rivelato che è tornato a guardare Starship Troopers del 1997 per trarre ispirazione su come rendere spaventoso ed espressivo un insetto gigante. Per lui, l’interpretazione sardonica di Paul Verhoeven del romanzo di fantascienza seminale di Robert A. Heinlein “ha centrato il genere degli insetti giganti”. Alla fine, la produzione ha aggiunto la bioluminescenza e una struttura adiacente alla mantide religiosa per la “Regina dei mostri”.
  • Dei 17 Titani conosciuti sulla Terra, 8 sono menzionati ma mai effettivamente mostrati sullo schermo (Leviathan, Baphomet, Abaddon, Typhoon, Tiamat, Mokele Mbembe, Sargon e Bunyip). Kong non si vede nemmeno in questo film, ma è apparso in precedenza in Kong: Skull Island.
  • Con 521 piedi (158,8 metri) di altezza, King Ghidorah è il mostro più alto e più grande del film, facendo impallidire Godzilla (393 piedi / 119,8 metri), Rodan (154 piedi / 46,9 metri) e Mothra (52 piedi / 15,8 metri).
  • Mentre il suo predecessore Godzilla del 2014 presentava alcune somiglianze con il film del 1995 Gamera: Guardian of the Universe, Godzilla 2: King of the Monsters presenta anche alcuni paralleli con gli altri film del regista Shusuke Kaneko. L’aspetto fisico di Godzilla è cambiato dall’ultimo film, proprio come l’aspetto di Gamera si è evoluto in ogni film della trilogia di Heisei. Il film incorpora anche l’idea che i kaiju abbiano ispirato creature delle mitologie del mondo reale, un concetto presente sia in Gamera 3: Revenge of Iris che in Godzilla, Mothra e King Ghidorah: Giant Monsters All-Out Attack. Sia i nuovi design di Mothra che quelli di King Ghidorah in questo film condividono alcuni tratti con i loro design rinnovati da GMK. Dopo aver visto il film, lo stesso Kaneko ha riconosciuto le somiglianze tra Godzilla 2: King of the Monsters e GMK. Ci sono molti paralleli tra Godzilla 2: King of the Monsters e Gamera 2: Attack of the Legion. Entrambi i film mostrano l’umanità che decide di unire le forze con l’eroico mostro contro una minaccia molto più grande. Entrambi i kaiju antagonisti sono mostri extraterrestri che vogliono rimodellare la terra per soddisfare le loro esigenze con un esercito di servitori a loro disposizione. L’eroico kaiju viene quasi ucciso prima del suo incontro finale con il suo nemico, ma torna in vita. Con l’aiuto dell’umanità e un potente attacco finale, l’eroico mostro è vittorioso nello scontro finale con il suo nemico. Alla fine del film, sia l’umanità che il mostro eroico kaiju sono in una difficile alleanza, ma molti si chiedono quanto durerà. Il film condivide anche alcune somiglianze con Gamera 3: Revenge of Iris, con i cattivi umani che mirano a scatenare il mostro antagonista per ridurre drasticamente la popolazione umana. Presenta anche una giovane protagonista femminile che ha avuto una precedente esperienza traumatica con il mostro principale.
  • Il design di King Ghidorah è simile ai draghi visti nel film Il regno di fuoco (2002) con Christian Bale; il drago maschio e la testa centrale di King Ghidorah hanno corna più curve e hanno entrambi il ruolo Alpha, mentre i draghi femminili de “Il regno di fuoco” e le teste di Ghidorah possiedono corna più lineari e le loro teste sono meno strutturate rispetto ai loro “Alpha”.
  • Secondo il dottor Chen (Zhang Ziyi), la città sottomarina è più antica sia dei romani che degli egiziani. Sono in grado di apprendere dai murales sulle pareti del tempio che in questo luogo gli umani adoravano i Titani come dei e li veneravano. Qui, sembra che siano stati trattati con rispetto piuttosto che con paura. Tuttavia, il testo redatto nei titoli di coda di Godzilla 2: King of the Monsters fa luce sulla reale relazione tra gli antichi umani e i Titani. Questo testo racconta una storia che risale a migliaia di anni fa, quando i Titani erano ancora adorati. Sembra che non ci sia voluto molto perché questo rapporto cambiasse. Gli umani una volta dipendevano dai Titani per la protezione, ma hanno iniziato a vederli come armi. Gli umani credevano di poter usare i Titani per scopi bellici e idearono metodi di comunicazione telepatica. Questo si è evoluto in un modo per controllarli. I Titani si ribellarono ai loro aspiranti padroni e scoppiò una guerra. L’esito della guerra fu che la civiltà si disperse e cadde a pezzi. Il combattimento innescò un “cataclisma” non specificato che a sua volta ha creato un’era glaciale, e ci è voluto un po’ di tempo prima che l’umanità si riprendesse. Ciò significa che il rapporto tra umani e Titani non è cambiato molto nel corso degli anni. King of the Monsters crea una bella immagine di un tempo migliore in cui gli umani accettavano i Titani, ma i crediti contraddicono quell’immagine rivelando che le persone che li adoravano hanno cercato di usarli come armi. In King of the Monsters c’era l’idea che gli umani non vedessero i Titani ora nel modo in cui li vedevano prima, ma i titoli di coda espongono una verità sorprendente sull’umanità nel MonsterVerse. Potrebbero essere passati migliaia di anni, ma gli antichi umani non trattavano i Titani meglio del governo che voleva ucciderli all’inizio del film.
  • Il Titano d’Africa che non viene mostrato si chiama Mokele-Mbembe (“Colui che ferma il flusso dei fiumi) è un criptide congolese che vive nell’acqua, ritenuto simile ad un dinosauro sauropode. Non è noto se Titanus Mokele-Mbembe sia stato interpretato erroneamente dalla gente del posto come il criptide o se Titanus Mokele-Mbembe fosse soprannominato da Monarch per via della sua somiglianza con il criptide. Nel romanzo, Mokele-Mbembe è descritto come un quadrupede grigio con un dorso da rettile coperto di scaglie, con una testa che ricorda un elefante senza orecchie, sebbene le sue zanne puntino verso il basso invece che verso l’alto. Ciascuno dei suoi piedi possiede cinque artigli e le sue zampe anteriori sono leggermente più lunghe delle zampe posteriori. La coda di Mokele-Mbembe è lunga il doppio del resto del suo corpo. La sua bocca si apre come quella di un coccodrillo per rivelare denti affilati. Ha anche un corno ricurvo sulla sommità della testa, che si illumina di un debole colore verde.
  • Il Titan Sekhmet (Titanus Sekhmet) viene monitorato preso l’avamposto Monarch 65 al Cairo, in Egitto. Nella mitologia egizia, Sekhmet è una dea molto venerata raffigurata come un umanoide con la testa di leonessa. Sekhmet era visto dal popolo egiziano come un guerriero, una dea della guarigione e una divinità protettrice. Si credeva persino che avesse creato i deserti dell’Egitto con il suo alito caldo, che proveniva dall’essere la figlia del dio del sole, Ra. C’è molto da dedurre da ciò che ha detto su Sekhmet nella mitologia. Una o forse molte delle sue qualità potrebbero essere ciò che ha indotto Monarch ad attribuire questo nome al Titano che viveva al Cairo. Sekhmet potrebbe unirsi a Mothra come uno degli unici Titani femminili conosciuti nel MonsterVerse. Inoltre, se il Sekhmet del MonsterVerse possiede un alito infuocato, questo potrebbe spiegare il nome della creatura. Il suo status di dea della guarigione e divinità protettrice suggerisce che potrebbe essere uno dei benevoli Titani del MosterVerse, il che potrebbe metterla in netto contrasto con Abaddon e Typhon, le cui connessioni mitologiche sono indicative di comportamenti distruttivi. Vale la pena notare che la controparte mitologica di Sekhmet condivide due tratti che appartengono ad un kaiju di Toho. King Caesar di Godzilla vs Mechagodzilla era basato sullo Shisa (un leone guardiano cinese), e anche lui era adorato come protettore.
  • “Godzilla 2: King of the Monsters” costato tra i 170 e i 200 milioni di dollari, ne ha incassati nel mondo circa 386.

La colonna sonora

  •  Il compositore Bear McCreary (Battlestar Galactica, Cloverfield Paradox, Ancora auguri per la tua morte) ha composto la colonna sonora del film incorporando temi dalle precedenti colonne sonore di Godzilla di Akira Ifukube. Riguardo al suo coinvolgimento nel film, McCreary ha dichiarato: “Sono entusiasta di essere il compositore di Godzilla: King of the Monsters e onorato oltre le parole di avere l’opportunità di contribuire a una delle eredità musicali più longeve del cinema”. Il primo trailer presentava un riarrangiamento di Clair de Lune di Claude Debussy di Michael Afanasyev per Imagine Music. McCreary ha ulteriormente ampliato i suoi piani e il suo coinvolgimento, affermando: “Conosco Michael Dougherty da molto tempo, poiché entrambi frequentiamo gli circoli di nerd del cinema. Ho sempre apprezzato il suo amore per la musica da film, chiacchierando con lui per ore nel corso degli anni sulle colonne sonore che amiamo entrambi. Ero elettrizzato per lui quando ha ottenuto l’incarico per dirigere Godzilla, perché sapevo cosa significasse per lui. Quando in seguito mi ha chiesto di unirmi al progetto, ero sopraffatto dall’eccitazione, e in soggezione, e grato per la possibilità di unirmi a lui nel contribuire all’eredità del nostro mostro preferito. Sapevamo fin dall’inizio che volevamo incorporare i temi classici di Ifukube, eppure penso che i fan saranno entusiasti di sentire come si sono evoluti. Ci sono in serbo alcune sorprese divertenti. Adattandosi al materiale e al film visionario di Michael, questa colonna sonora è la più massiccia che abbia mai scritto e non vedo l’ora che i fan la sperimentino!”.
  • “Godzilla 2: King of the Monsters” segna la prima volta che il singolo del 1977 di Blue Öyster Cult, “Godzilla”, viene utilizzato in un film di Godzilla. Nel film si può ascoltare una cover del brano interpretata da Serj Tankian, il cantante dei “System of a Down”. Il brano dei Blue Oyster Cult, incluso nell’album “Spectres” del 1977, ha fruito di un cover “morbida” che resta fedele all’originale con qualche “update” tra cui un arrangiamento orchestrale di Bear McCreary, lo stile vocale di Serj Tankian e alcuni cori che intonano il nome del leggendario “Kaiju” o meglio “Titano” come ribattezzato nel Monsterverse.

TRACK LISTINGS:

Track Listing
1. Godzilla (feat. Serj Tankian) 3:10
2. Godzilla Main Title 2:34
3. Memories of San Francisco 2:11
4. The Larva 4:23
5. Welcome to Monarch 2:54
6. Outpost 32 7:03
7. Ice Breaker 2:33
8. Rise of Ghidorah 2:59
9. Old Rivals 3:49
10. The First Gods 5:18
11. Rodan 5:23
12. A Mass Awakening 5:32
13. The One Who is Many 5:37
14. Queen of the Monsters 3:35
15. For Andrew 1:18
16. Stealing the Orca 3:03
17. The Hollow Earth 5:25
18. The Key to Coexistence 2:18
19. Goodbye Old Friend 2:53
20. Rebirth 2:03
21. Fog Over Fenway 2:53
22. Battle in Boston 7:51
23. Redemption 4:11
24. King of the Monsters 3:34
25. Ghidorah Theme 2:41
26. Mothra’s Song 2:10

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →