Holy Spider: trailer italiano e colonna sonora del thriller di Ali Abbasi premiato a Cannes 2022 (al cinema)

Tutto quello che c’è da sapere su “Holy Spider”, il thriller del regista iraniano Ali Abbasi basato su eventi reali, premiato a Cannes 2022, nei cinema italiani dal 16 febbraio 2023 con Academy Two.

 

Dal 16 febbraio nei cinema d’Italia con Academy Two Holy Spider, il thriller basato su eventi reali del regista iraniano Ali Abbasi (Border – Creature di confine), che ha fatto tappa al Festival di Cannes 2022 dove la protagonista, Zar Amir Ebrahimi, ha vinto la Palma d’Oro come Miglior attrice.

Holy Spider – Trama e cast

La trama ufficiale: Iran, 2001. Raihimi (Zar Amir Ebrahimi), una giornalista di base a Teheran, si sposta nella città santa di Mashhad per indagare su un serial killer che uccide le prostitute convinto di liberare le strade dai peccatori per conto di Dio. Nonostante il numero delle vittime continui ad aumentare, le autorità locali non sembrano aver fretta di risolvere il caso e Raihimi si rende presto conto che potrà contare solo sulle proprie forze.

Il cast del film include anche Mehdi Bajestani, Arash Ashtiani, Forouzan Jamshidnejad, Alice Rahimi, Sara Fazilat, Sina Parvaneh, Sara Fazilat, Nima Akbarpour, Mesbah Taleb.

Holy Spider – Trailer e video

Curiosità sul film

  • Ali Abbasi (Border – Creature di confine) dirige da una sua sceneggiatura scritta con Afshin Kamran Bahrami e Jonas Wagner (story supervisor).
  • Basato sulla storia vera del serial killer iraniano Saeed Hanaei, noto come “Spider Killer”, che ha ucciso 16 prostitute in Iran tra il 2000 e il 2001. Hanaei era un operaio e veterano della guerra Iran-Iraq che, secondo quanto riferito, iniziò la sua follia criminale quando qualcuno scambiò sua moglie per una prostituta.
  • Zar Amir-Ebrahimi è stata inizialmente coinvolta nel film solo come direttrice del casting, ma è stata scelta come protagonista dopo che un’attrice ha avuto paura di recitare senza hijab e ha abbandonato il ruolo all’ultimo minuto. Rahimi aveva fatto il provino a circa 50 attrici per il ruolo che avrebbe poi rivendicato. Il regista Ali Abbasi inizialmente voleva qualcuno di fanciullesco, più forte fisicamente per il ruolo di Rahimi, poiché la vedeva molto giovane e inesperta, e davvero desiderosa di mettersi alla prova, e pensava che Ebrahimi fosse troppo morbida e matura per interpretare il personaggio che aveva in mente. Ma quando ha visto Ebrahimi usare la sua esperienza di vita per ricordargli che le persone disperate fanno scelte pericolose, la sua visione è cambiata e lei è stata scelta. La performance di Ebrahimi è stata acclamata e ha vinto il premio come migliore attrice al Festival di Cannes del 2022 diventando la prima attrice iraniana a vincere il premio.
  • Il progetto ha iniziato a essere sviluppato nel 2016. I realizzatori hanno inizialmente provato a girare il film in Iran, ma questa idea è stata abbandonata nel 2019. È stato fatto un piano per girare in Giordania all’inizio del 2020, che ha dovuto essere rinviato più volte a causa del Pandemia di covid-19. Alla fine del 2020, hanno deciso di spostare la produzione in Turchia, dove le restrizioni COVID erano più allentate, ma sono state bloccate dalle autorità turche. Il regista Ali Abbasi ha affermato che ciò è accaduto perché il governo iraniano ha interferito. La produzione è poi tornata in Giordania, dove le riprese sono iniziate a maggio 2021 e sono durate 35 giorni.
  • Pochi giorni dopo che Zar Amir-Ebrahimi ha vinto il premio come migliore attrice al Festival di Cannes per la sua interpretazione in questo film, i funzionari iraniani hanno accusato l’attrice di origine iraniana e il regista danese-iraniano, Ali Abbasi, di “blasfemia”. Alcuni sono andati anche oltre, chiedendo le loro esecuzioni. L’Organizzazione iraniana per il cinema e gli affari audiovisivi, che opera sotto gli auspici del Ministero della cultura e della guida islamica, ha rilasciato una dichiarazione definendo il film “oscenità spudorata”, aggiungendo che si trattava di “il prodotto della mente contorta di un uomo iraniano-danese”, e condannando il Festival di Cannes per aver assegnato al film il premio come migliore attrice, definendolo “una mossa offensiva e politicamente motivata”. Ebrahimi ha anche detto alla CNN di aver ricevuto circa 200 minacce dopo la cerimonia di premiazione a Cannes. Anche il regista di “Holy Spider” e altri coinvolti nella realizzazione di questo film hanno ricevuto minacce simili.
  • Il regista Ali Abbasi in un’intervista ha raccontato di aver cambiato il cognome di Saeed Hanaei nel film e di aver romanzato alcuni fatti sulla vera giornalista su cui è basata la protagonista del film, che ha seguito il caso per attirare l’attenzione sul tema della misoginia. In particolare, Abbasi e il suo team ritraggono Rahimi sotto copertura come prostituta per cercare di cogliere l’assassino sul fatto. In realtà la vera giornalista ha assistito ai processi di Saeed Hanaei, come fa Rahimi nel film, ma gli eventi che si verificano quando il personaggio va sotto copertura sono in realtà cose accadute a una vittima che è scappata da Hanaei e l’ha aiutata a consegnarlo alla giustizia. Abbasi ha anche affermato che un’importante decisione narrativa è stata quella di non fare un film su un altro serial killer, ma fare un film su una società di serial killer.
  • Un gruppo di donne ha interrotto il red carpet della prima del film al Festival di Cannes per chiedere la fine del femminicidio in Francia. Hanno mostrato bombolette di fumo nero e un lungo striscione che elencava i nomi delle 129 donne conosciute che sono state brutalmente assassinate in Francia dall’ultimo Festival di Cannes nel luglio 2021. Non è chiaro se il gruppo stesse protestando contro la vera violenza nei confronti delle donne rappresentata nel film, o se lo stessero usando come un’opportunità per aumentare la consapevolezza su problemi simili affrontati dalle donne in Francia.
  • Nella premiere del film a Cannes, alcuni membri del pubblico sono usciti dalla proiezione a causa dell’intensità della violenza sessuale esplicita mostrata nel film.
  • La prima ripresa del film che mostra la città dall’alto (con la scritta Holy Spider) è come una ragnatela e il santuario è nel mezzo.
  • Il film ha ricevuto una standing ovation di 7 minuti al termine della sua proiezione al Festival di Cannes del 2022.

Note di regia

Holy Spider è un film sull’ascesa e sulla caduta di uno dei più noti serial killer dell’Iran: Saeed Hanaei. In senso più ampio, il film è una critica alla società iraniana perché il killer è un uomo molto religioso e un cittadino molto rispettato. Vivevo ancora in Iran all’inizio degli anni 2000, nei giorni in cui Saeed Hanaei uccideva le prostitute di strada nella città santa di Mashhad. Era riuscito ad uccidere 16 donne prima di essere arrestato e processato e la storia catturò davvero la mia attenzione durante il suo processo. In un mondo normale non ci sarebbero dubbi che un uomo che ha ucciso 16 persone venga visto come colpevole. Ma qui in Iran era diverso: una parte del pubblico e dei media conservatori iniziò a celebrare Hanaei come un eroe. Sostenevano l’idea che Hanaei avesse semplicemente voluto adempiere al suo dovere di persona religiosa ripulendo le strade della città con l’uccisione di queste donne impure. Fu allora che mi venne l’idea di realizzare questo film. La mia intenzione non era quella di girare un film su un serial killer ma su una società killer seriale. Volevo parlare della misoginia profondamente radicata nella società iraniana, una misoginia che non è specificamente religiosa o politica ma culturale. La misoginia ovunque nel mondo si tramanda attraverso le abitudini delle persone. In Iran abbiamo una tradizione di odio verso le donne. Nella storia di Saeed Hanaei quest’odio è manifestato apertamente e la sua posizione così esplicita scatena reazioni opposte esemplificative della gamma di opinioni della società iraniana: quelle a suo favore e quelle contro di lui. Saeed Hanaei è al tempo stesso una vittima e un criminale. Come soldato in prima linea nella guerra Iran-Iraq ha sacrificato la gioventù per il paese, per renderlo migliore e dare significato alla propria vita. Ma poi si è reso conto che alla società non importa nulla di lui e che i suoi sacrifici durante la guerra non hanno cambiato nulla. Si ritrova in un vuoto esistenziale nonostante la sua fede in Dio. Saeed si reca alla moschea, piange nella casa di Dio e trova una nuova missione, una missione in nome di Allah. Holy Spider non vuole fare dichiarazioni politiche contro il governo iraniano. Non incarna l’ennesima critica alle società corrotte del Medio Oriente. La disumanizzazione di gruppi di persone, specialmente la disumanizzazione delle donne, non è qualcosa che succede solo in Iran ma si può ritrovare con diverse variazioni in ogni angolo del mondo. Ho immaginato il film come una storia specifica con personaggi specifici, non un film “a tema” su determinati problemi sociali. Non mi interessava fare l’ennesimo film sui diversi modi in cui un uomo può assassinare e mutilare una donna, volevo sottolineare la complessità del problema e mostrare le situazioni vissute da entrambe le parti, soprattutto per restituire umanità alle vittime. La storia di Rahimi è altrettanto importante di quella di Saeed. Ho scelto di avvicinarmi a lei e capire come ha affrontato, mentre segue questo caso, i conflitti con se stessa e quelli con la sua famiglia e con la società. Le vittime di Hanaei non erano genericamente delle donne di strada. Erano donne ognuna con una propria personalità e la mia speranza è quella di restituire loro una parte della dignità e dell’umanità di cui sono state private. Non come fossero delle sante, non come vittime sfortunate, ma come esseri umani come noi. [Ali Abbasi]

Intervista al regista

Lei è un cittadino iraniano che viveva in Iran nel periodo in cui hanno avuto luogo gli omicidi di Saeed Hanaei e poi il suo arresto nel 2001. Che cosa l’ha attratta di questa storia?

Nel 2001 vivevo ancora in Iran ma mi stavo trasferendo in Europa per studiare. In quel periodo avevamo un presidente orientato verso le riforme Mohammad Khatami, un uomo che aveva aperto gli orizzonti politici e culturali e si respirava in Iran aria di speranza. Poi arrivò l’11 settembre e l’attentato alle torri gemelle e prima di allora ebbero luogo la serie di omicidi e l’arresto di Saeed. Questi eventi non erano correlati ma ci diedero il senso di una realtà ancora più paradossale della finzione, come se non fosse più possibile distinguere fra la realtà e i film di Hollywood. Quando ebbero inizio gli omicidi, l’anno precedente, la cosa non mi aveva interessato particolarmente perché in Iran gli omicidi seriali non sono insoliti. In Iran purtroppo la criminalità è piuttosto diffusa. Il mio interesse per questa storia ha avuto inizio quando le persone iniziarono a fare riferimento a Saeed come ad un eroe, quando iniziarono a dire che stava compiendo il suo dovere di persona devota uccidendo le prostitute di Mashhad. Nonostante questo individuo avesse assassinato tante donne la gente discuteva per decidere se avesse fatto qualcosa di sbagliato oppure no.

Qual è la cosa che ha trovato più scioccante, in questa storia?

Avevo visto il documentario di Maziar Bahari “And Along Came a Spider” che uscì nel 2002, dopo che Hanaei fu impiccato – è disponibile su YouTube – e mi ero ritrovato stranamente a provare simpatia per il killer. Mi aspettavo di vedere una sorta di personaggio del tipo Buffalo Bill*. Invece Saeed appariva come un uomo ingenuo. Poiché non aveva avuto alcuna formazione nell’ambito dei media davanti alla telecamera diceva delle cose che andavano contro il suo interesse. Ma sembrava felice e con la coscienza a posto per quanto riguardava i suoi delitti. Non era una persona manipolatrice, sembrava un uomo onesto. Non voglio dire che mi piacesse o che approvassi le cose che aveva fatto ma averlo visto rendeva la sua storia e il suo personaggio più complicati di quanto mi fossi aspettato.

*Il killer nel film Il silenzio degli innocenti

La sua storia adatta i fatti reali per il cinema, introducendo una giornalista di Teheran che si reca a Mashhad per indagare sui delitti…

Il personaggio di Rahimi esisteva già in un certo senso. C’è una giornalista nel documentario di Maziar Bahari che parla del caso davanti alla telecamera e intervista Saeed. Ma lei è di Mashhad e non è stata coinvolta nell’indagine sui delitti. Ha coperto il processo e ha scritto un articolo eccellente sull’esecuzione di Saeed che mi ha ispirato. Ha riportato le sue ultime parole “il nostro accordo non era questo”, parole che suggerivano che ci fosse un accordo con le autorità.

Mi parli del significato del ragno che usa nel titolo.

C’è un doppio significato. Negli organi di stampa iraniani ci si riferiva a Saeed come allo Spider killer o killer ragno perché attirava le vittime nella sua ragnatela, spesso nel suo appartamento. La metafora del ragno ha origine da questo. Ma quando sono arrivato a Mashhad, ho visto il famoso santuario al centro della città e mi è parso al cento di una sorta di ragnatela. Saeed probabilmente vi andava spesso e molte delle sue vittime furono catturate nelle vicinanze. L’idea di Saeed che usciva fuori da quella ragnatela e trascinava le sue vittime nell’oscurità divenne molto vivida nella mia mente. E siccome secondo il killer quello che faceva era un lavoro sacro si trattava di un ragno santo, un Holy Spider.

La protagonista del film ha lasciato l’Iran e vive a Parigi. Che cosa può dirmi della sua storia?

Zar Amir Ebrahimi è stata la mia alleata in questo film fin dall’inizio e se c’è una persona che può definirsene autrice, oltre a me e ai produttori, è lei. Era una famosa star televisiva in Iran all’inizio degli anni 2000 quando fu pubblicato un suo filmato personale con immagini provocanti. Quando il filmato iniziò ad essere venduto in strada la sua carriera fu stroncata, non poté più lavorare e alla fine lasciò il Paese. Ha iniziato a lavorare a questo film come direttrice del casting. Quando abbiamo dovuto trovare all’ultimo minuto una sostituta per l’attrice che interpretava Rahimi decidemmo che sarebbe stato perfetto scegliere Zar al suo posto. Il suo arrivo ha cambiato il personaggio: Zar ha incanalato nella sua interpretazione le frustrazioni che aveva provato nella sua vita privata e pubblica dopo la diffusione del suo filmato.

Qual è il messaggio che vorrebbe che il pubblico facesse proprio guardando Holy Spider?

Non voglio che il pubblico veda Holy Spider come un film con un messaggio preciso anche se tratta di temi come la misoginia e la disumanizzazione. Era mia intenzione rispecchiare la società iraniana e sebbene lo specchio possa essere sporco o rotto, mostra una buona visuale di quello che significa vivere in quel Paese. Questo film è sia una dichiarazione politica che uno sguardo complessivo sulla società e anche se non ritengo che la società iraniana sia un posto malato, credo che la rappresentazione della realtà in Iran sia da considerarsi malata per il modo in cui i corpi delle donne vengono rappresentati sullo schermo. Sono stati disumanizzati, trasformati in figure non reali con i volti sepolti nella stoffa. Quasi tutte le famiglie in Iran hanno accesso alla tv via cavo non regolata che mostra di continuo immagini come Britney Spears che balla in bikini ma le donne iraniane sono raramente raffigurate come donne che hanno una vita sessuale. Inoltre, aver pensato a questa storia per oltre 10 anni mi ha fatto capire che è stata perpetrata un’altra fondamentale ingiustizia verso le famiglie delle vittime di Saeed Hanaei che ormai vengono menzionate molto raramente. Una altra profonda ingiustizia ha colpito le donne che sono state uccise, sono diventate dei numeri e le persone hanno smesso di provare compassione per loro e per le loro famiglie. Eppure erano persone reali e raccontando chi fossero e quale è stato il loro destino chi sopravvive può impedirci di dimenticare che erano esseri umani come noi.

Ali Abbasi – Note biografiche

È uno sceneggiatore e regista. È nato in Iran nel 1981 e ha lasciato i suoi studi in Iran per trasferirsi a Stoccolma dove, dopo la Laurea in architettura, ha studiato regia alla National Film School of Denmark, laureandosi nel 2011 con il cortometraggio M For Markus. Il suo primo lungometraggio Shelley è stato premiato alla Berlinale nel 2016 e distribuito negli Stati Uniti. È conosciuto soprattutto per il film Border premiato a Cannes nella sezione Un certain regard. Il film è stato scelto dalla Svezia come candidato agli Oscar, è stato distribuito in tutto il mondo, ha vinto il Danish Film Award ed ha avuto tre nomination agli Efa. Ha recentemente  diretto per HBO due episodi della serie tv The last of Us basata sull’omonimo videogioco.

Zar Amir Ebrahimi – Note biografiche

Zar Amir Ebrahimi (Rahimi) è un’attrice iraniana che vive a Parigi. È cresciuta a Teheran, dove si è laureata in Performing Arts. Ha lavorato in teatro e in importanti serie tv e film. È diventata popolare con le soap Help Me (2004) e Nargess (2007). I lungometraggi che ha interpretato in Iran Waiting (2001) e A Trip to Hidalu (2006) non sono mai usciti in sala perché censurati dal governo. Fuori dall’Iran si è fatta conoscere dal grande pubblico grazie al film realizzato con l’animazione rotoscopica Tehran Taboo che è stato premiato a Cannes nel 2017. Nel 2018 ha vinto il Nizza International Film Festival per la sua interpretazione nel film Bride Price Vs Democracy. Il film che ha interpretato prima di Holy Spider, Tomorrow We Are Free è stato presentato al Talinn Black Nights Film Festival e all’Hamburg Filmfest. Il suo ultimo ruolo lo ha interpretato come protagonista femminile accanto a Denis Ménochet nel film Les Survivants diretto da Guillaume Renusson.

Mehdi Bajestani – Note biografiche

Mehdi Bajestani (Saeed) è un attore di cinema e teatro conosciuto in Iran. Ha debuttato al City Theater di Teheran nel 1997 nello spettacolo “The Caucasian Chalk Circle” di Bertholt Brecht diretto da Hamid Samandarian. Da quel momento in poi ha lavorato con i registi iraniani contemporanei più importanti tra i quali Vahid Rahbani, Shahab Hosseini e Maedeh Tahmasebi. Negli ultimi 20 anni ha interpretato varie serie tv e lungometraggi per il cinema tra i quali Nargess, Sweet Taste of Imagination, Azar, There Are Things You Don’t Know così come le serie tv Whisper e The Story of a City del regista Asghar Farhadi.

Elenco Sale

ANCONA – ITALIA
BARI – SPLENDOR
MOLA DI BARI – METROPOLIS
BOLOGNA – LUMIERE
MODENA – FILMSTUDIO
RAVENNA – CINEMACITY
REGGIO EMILIA – ROSEBAUD
RIMINI – SETTEBELLO
FIRENZE – ADRIANO
FIRENZE – SPAZIO ALFIERI
FIGLINE VALDARNO – NUOVO
PISANUOVO – ARSENALE
PRATO – TERMINALE
SERAVEZZA – SCUDERIE GRAN DUCALI
GENOVA – ARISTON
SAVONA – FILMSTUDIO
MILANOANTEO – PALAZZO DEL CINEMA
MILANO – ARIOSTO
MILANO – ELISEO
MILANO – PALESTRINA
BERGAMO – SCHERMO BIANCO
BRESCIA – MORETTO
CREMONA – CHAPLIN
LODI – MODERNO
SESTO S.GIOV. – RONDINELLA
SONDRIO – EXCELSIOR
VARESE – FILMSTUDIO
NAPOLI – MODERNISSIMO
PADOVA – LUX
PORDENONE – ZERO
UDINE – VISIONARIO
VICENZA – ODEON
ROMA – GIULIO CESARE
ROMA – GREENWICH
ROMA – QUATTROFONTANE
ROMA – NUOVO AQUILA
TORINO – NAZIONALE

Holy Spider – La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore Martin Dirkov (Holiday, Fantasy Fantasy, Shorta). Dirkov e il regista Ali Abbasi hanno già collaborato in precedenza per Border – Creature di confine.

1. Every Man (0:46)
2. Lights of Mashhad (1:55)
3. Wrong (0:54)
4. The Holy Spider (2:33)
5. Hair (0:58)
6. Dark Alleys (1:35)
7. Son and Cat (1:37)
8. A Man in a Car (1:08)
9. Carpet (1:52)
10. Feet (0:42)
11. Tomato Farm (2:08)
12. Rostami (2:06)
13. Crack Square (2:52)
14. Miss Pussy (2:36)
15. Corpse on Bike (1:56)
16. Street Walking (1:51)
17. Waiting for the Man (2:20)
18. Picked Up (1:14)
19. She Got Away (1:51)
20. Down (1:06)
21. Doing Time (1:31)
22. Rain (1:41)
23. Crazy (2:20)
24. Son (1:46)
25. Verdict (1:10)
26. Hang Man (1:37)
27. Leaving (2:46)
28. Credits (6:14)

La colonna sonora di “Holy Spider è disponibile su Amazon.

Holy Spider – Foto e poster

Ultime notizie su Film al cinema

Tutto su Film al cinema →