Kill Me If You Can: trailer e anticipazioni del documentario di Alex Infascelli

Tutto quello che c’è da sapere su “Kill Me If You Can” di Alex Infascelli, il documentario sul marine che ha ispirato il film “Rambo” al cinema nel 2023.

Dopo l’anteprima come evento speciale alla Festa del Cinema di Roma 2022, da febbraio 2023 nei cinema d’Italia con Wanted Cinema Kill Me If You Can, il documentario di Alex Infascelli tratto da “Il Marine. Storia di Raffaele Minichiello” di Pier Luigi Vercesi. Nell’autunno del 1969, Raffaele Minichiello, italoamericano pluridecorato Marine e veterano del Vietnam di 19 anni, si imbarcò a Los Angeles su un volo TWA diretto a San Francisco. Era armato. Nelle successive 48 ore mise in atto il primo dirottamento transoceanico della storia, con destinazione finale: Roma. L’incredibile storia di Raffaele Minichiello ha inspirato il personaggio di Rambo, interpretato da Sylvester Stallone nell’omonimo cult degli anni 80’ diretto da Ted Kotcheff.

Kill Me If You Can – la trama

La trama ufficiale: Il 31 ottobre del 1969 le trasmissioni televisive di tutta l’America vengono interrotte da un annuncio: un uomo armato fino ai denti, ha preso il controllo di un jet della TWA in partenza da Los Angeles e diretto a San Francisco, destinazione finale: Roma. Inizia così il più lungo dirottamento nella storia dell’aviazione. Mentre l’America è incollata davanti alla televisione a seguire con il fiato sospeso l’odissea del volo TWA 85, gli agenti dell’FBI scoprono l’identità del ragazzo. Si chiama Raffaele Minichiello, anni 19, emigrato negli Usa dall’Irpinia dopo il terremoto del 1962, Marine pluridecorato per il valore dimostrato in battaglia. Nel frattempo, anche l’Italia ha iniziato a seguire la gimcana tra i cieli del proprio connazionale. All’arrivo a Roma, Minichiello cerca la fuga con una macchina della polizia ma viene catturato e arrestato… Kill Me If You Can racconta l’incredibile vicenda di Raffaele Minichiello, una vita punteggiata da terremoti, attentati, guerre, tragedie personali e guai di ogni sorta, ma sempre all’insegna di una irriducibile voglia di vivere, o meglio, di sopravvivere, nonostante un destino che sembra proprio accanirsi contro di lui.

Il documentario include interventi e testimonianze di Raffaele Minichiello, Dick Scoppettone, Charlene Delmonico Nielsen, Roswitha vom Bruck, Cristiano Minichiello, Livio Ristucci, Angelo Caputo, Tony Spolzino, Daniele Minichiello, Jerry Napolillo, Otis Turner, Wayne Zatkalik, John H. Suddarth Jr., Pier Luigi Vercesi.

Kill Me If You Can – trailer e video

Curiosità

  • “Kill Me If You Can” è il terzo documentario di Alex Infascelli dopo S Is for Stanley – Trent’anni dietro al volante per Stanley Kubrick (2015) e
    Mi chiamo Francesco Totti (2020).
  • “Kill Me If You Can” è montato e diretto da Alex Infascelli e scritto dallo stesso Infascelli con Vincenzo Scuccimarra. Infascelli e Scuccimarra sono alla loro terza collaborazione dopo i documentari “Mi chiamo Francesco Totti” e “S Is for Stanley”.
  • La fotografia del film è stata curata da Enrico Parenti ( Soyalism, Container 158, Standing army – Esercito permanente)
  • “Kill Me If You Can” è prodotto da Fremantle e The Apartment con Rai Cinema Prodotto da Lorenzo Mieli e Gabriele Immirzi.

Note di regia

Nei miei due precedenti documentari, ho affrontato la (complessa) semplicità di due uomini come Emilio D’Alessandro e Francesco Totti. Nel raccontare Raffaele Minichiello – Mini per gli amici – ho dovuto ricalibrare il mio modulo narrativo, perché qui mi trovavo di fronte a un enigma. Raffaele, nella sua cifra formalmente semplice, non solo è indecifrabile ma è anche portatore inconsapevole di verità che nemmeno lui sembra possedere. Per la prima volta mi sono ritrovato senza un finale scritto, un approdo designato, o forse in questo caso è meglio dire: una pista d’atterraggio sicura. E invece ho scelto di documentare il nostro incontro, costruendo intorno ad esso un tableau di risonanza, non per condire – credo che già solo l’intervista sarebbe bastata – ma per comprendere, per riprendere fiato. Il sorprendente materiale d’archivio che ho trovato in anni di ricerche, sottolinea come anche prima di me, altri avessero già trovato interessante la sua storia, e importante l’osservare Raffaele nel suo mondo, tale è la sua estraneità da esso. Infatti, che sia incastonato in un fotogramma in B/N girato in 16mm negli anni ’60, o un video Rai degli anni ’80, Raffaele sembra sempre staccato dal contesto e immerso in un suo mondo, un suo tempo, una sua dimensione. In questo continuo “zoommare”, dentro e fuori dal personaggio, quello che è venuto fuori è il più onesto dei miei lavori, non solo in termini di approccio o empatia con il protagonista, ma dal punto di vista narrativo. Alcune scoperte o colpi di scena, mi sono apparsi mentre ero già al montaggio. E così, ho lasciato che cadessero dove mi trovavo cronologicamente. [Alex Infascelli]

Alex Infascelli – note biografiche

Dopo un inizio nel 1990 come aiuto regista a Los Angeles per la Propaganda Films (Twin Peaks, Seven), torna in Italia e diventa uno dei più apprezzati registi di video musicali d’avanguardia del decennio. Nel 2001 dirige il suo primo lungometraggio “Almost Blue”. Il film, in concorso alla Semaine de la Critique a Cannes, è anche candidato per la Camera d’Or (Cannes) e il Golden Globe. Vince il David di Donatello, Nastro d’Argento, Ciak d’Oro ed è finalista al Hollywood Film Festival. Da allora ha diretto oltre 50 video musicali, 4 lungometraggi (Almost Blue, Il Siero Della Vanità, H2Odio, Piccoli crimini coniugali) e due miniserie per Sky (Nel Nome Del Male, Donne Assassine) per il quale ha ottenuto il premio come miglior regista italiano al Roma Fiction Fest. E’ anche fotografo e giornalista per Rolling Stone e Vanity Fair. Nel 2015 ha curato la regia della serie “Delitti” per Sky. Nello stesso anno ha presentato alla Festa Del Cinema di Roma il documentario S Is for Stanley – Trent’anni dietro al volante per Stanley Kubrick, che narra le vicende di Emilio D’Alessandro, autista e collaboratore di Stanley Kubrick per 30 anni. Il documentario vince il David di Donatello come miglior documentario del 2016 ed entra nella cinquina degli EFA Awards, gli Oscar europei. Nel 2021 vince nuovamente il David per il documentario Mi chiamo Francesco Totti.

Filmografia: De Generazione (1994) – episodio Vuoto a rendere / Esercizi di stile (1996) – episodio Se son rose pungeranno / Almost Blue (2000) / L’ultimo giorno (2003) – mediometraggio / Il siero della vanità (2004) / H2Odio (2006) / S Is for Stanley – Trent’anni dietro al volante per Stanley Kubrick (2015) – documentario / Piccoli crimini coniugali (2017) / Mi chiamo Francesco Totti (2020) – documentario.

Il libro di Pier Luigi Vercesi

Pier Luigi Vercesi, giornalista del «Corriere della Sera», dirige il settimanale «Sette». È autore di diversi saggi, tra i quali Storia del giornalismo americano (con Sofia Basso, Mondadori 2005) e Ne ammazza più la penna. Storie d’Italia vissute nelle redazioni dei giornali (Sellerio 2014), e di documentari televisivi sulla Roma di Nerone, sulla Germania del Novecento e sulla Prima guerra mondiale.

 

La sinossi ufficiale del romanzo: Il 31 ottobre 1969 le telescriventi di tutto il mondo battono una notizia che ha dell’incredibile. Ralph Minichiello, marine italo-americano di vent’anni, decorato in Vietnam per le sue azioni «eroiche», sta dirottando un aereo decollato da Los Angeles. All’aeroporto di New York, dove il Boeing 707 atterra per rifornirsi di carburante, Minichiello riesce a beffare l’imponente dispiegamento di forze dell’Fbi coordinato da John E. Hoover in persona. L’aereo sembra diretto al Cairo ma all’alba del 1° novembre si ferma a Roma, dove il marine, su un’auto della polizia guidata da un vicequestore, comincia una disperata fuga verso Napoli e il paese in cui è nato, Melito Irpino. Dopo rocambolesche avventure nella campagna romana, viene arrestato e condotto nel carcere di Regina Coeli. Gli inquirenti faticano a credere al suo racconto: un anno, il 1968, vissuto nelle giungle del Vietnam; il torto subìto al suo ritorno negli Stati Uniti; la decisione di sfidare, da solo, il Paese per cui era disposto a sacrificare la vita. Tutto per 200 maledetti dollari. Qualche giorno dopo cominciano a giungere, da ogni parte del mondo, messaggi di solidarietà per il ragazzo capace di sfidare «l’impero» impegnato nella «sporca guerra» diventata l’emblema di tutte le proteste che riempiono le piazze dell’Occidente. Se estradato, Minichiello, che a quattordici anni era emigrato in America con i genitori per fuggire dalla miseria dell’Irpinia colpita dal terremoto, rischia la pena di morte. Ma ormai è un simbolo: la sua vicenda si intreccia, involontariamente, con una storia che parte dalle proteste nelle università americane, passa per il Maggio francese, per Woodstock, la strage di Piazza Fontana a Milano, la ritirata americana dal Vietnam e gli Anni di piombo in Italia. Non è più la bravata di un ragazzo diventato uomo sparando raffiche di mitra in Vietnam ma la parabola di un’intera generazione che mette sotto accusa i propri genitori. Di Minichiello hanno detto che ispirò Rambo, in verità la sua storia è più simile a quella di Forrest Gump. E non è destinata a concludersi in un carcere italiano. Dopo una battaglia giudiziaria romanzesca, con avvocati di Hollywood pronti a scendere nell’agone e la politica italiana che la cavalca, il suo destino lo riporta altre volte sull’orlo del baratro della disperazione e della sfida: da solo contro tutto il mondo.

Il libro ““Il Marine. Storia di Raffaele Minichiello” è disponibile su Amazon.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono della band La Batteria, complesso musicale romano che ha esordito con l’omonimo album nel gennaio 2015, una raccolta di brani originali ispirati al mondo delle colonne sonore e delle sonorizzazioni italiane degli anni ’60 e ’70. I quattro componenti de La Batteria sono veterani della scena musicale romana più trasversale, con esperienze che vanno dal post-rock progressivo (Fonderia), al pop (Otto Ohm e Angela Baraldi), al jazz sperimentale (I.H.C.), al hip hop (La Comitiva, Colle der Fomento), fino alla world music (Orchestra di Piazza Vittorio). A Marzo 2016 La Batteria ha pubblicato in download gratuito Fegatelli, una raccolta di inediti e remix, mentre a Maggio è uscito Tossico Amore (Penny Records/Goodfellas), una reinterpretazione da parte della band della colonna sonora del film Amore Tossico, composta da Detto Mariano. A Novembre 2016 il gruppo è stato invitato dal pianista Stefano Bollani a suonare con lui nella sua trasmissione “L’importante è avere un piano” su RaiUno. Nel 2018 hanno firmato la colonna sonora del film prodotto da Sky Tafanos e nell’aprile del 2019 hanno pubblicato il loro secondo album La Batteria II (Penny Records/Goodfellas).

Foto e poster

Ultime notizie su Film Italiani

Tutto su Film Italiani →