Stasera in tv: “La Belle Epoque” su Rai 3

Rai 3 stasera propone “La Belle Epoque”, commedia francese del 2019 di Louis Bedos con Daniel Auteuil, Guillame Canet, Fanny Ardant e Doria Tillier.

Cast e personaggi

Daniel Auteuil: Victor Drumond
Guillaume Canet: Antoine
Doria Tillier: Margot
Fanny Ardant: Marianne Drumond
Pierre Arditi: Pierre
Denis Podalydès: François
Jeanne Arènes: Amélie
Michaël Cohen: Maxime Drumond
Bertrand Poncet: Adrien
Lizzie Brocheré: Gisèle
Thomas Scimeca: Freddy
Bruno Raffaelli: Maurice
Christiane Millet: Sylvie / Josiane

Doppiatori italiani

Luca Biagini: Victor Drumond
Francesco Prando: Antoine
Domitilla D’Amico: Margot
Maria Pia Di Meo: Marianne Drumond
Gino La Monica: Pierre
Antonio Palumbo: François
Anna Cugini: Amelie
Gabriele Sabatini: Maxime Drumond
Sacha Pilara: Adrien
Gianna Gesualdo: Gisèle
Carlo Petruccetti: Freddy
Gianluca Machelli: Maurice
Mirta Pepe: Sylvie / Josiane

Trama e cast

Victor è un uomo all’antica che odia il presente digitale. Quando un eccentrico imprenditore, grazie all’uso di scenografie cinematografiche, comparse e un po’ di trucchi di scena, gli propone di rivivere il giorno più bello della sua vita, Victor non ha dubbi. Sceglie di tornare al 16 maggio del 1974: il giorno in cui in un café di Lione ha incontrato la donna della sua vita, la bellissima Marianne. E voi, se poteste rivivere il giorno più bello della vostra vita, quale scegliereste?

Curiosità

  • “La Belle Epoque” candidato a 11 Premi Cesar ne ha vinti 3: Migliore attrice non protagonista a Fanny Ardant, Migliore sceneggiatura originale a Nicolas Bedos e Migliore scenografia a Stéphane Rozenbaum.
  • Il film è stato presentato in anteprima al Festival di Cannes 2019 il 20 maggio e in Italia in anteprima alla Festa del Cinema di Roma 2019.
  • Intorno al 32° minuto di film si può vedere un poster di A couteaux tirés (Potenti e dannati) diretto da Charles Gérard nel 1964, e anche uno di Love Streams – Scia d’amore diretto da John Cassavetes nel 1984 al 78° minuto. Entrambi raccontano storie di coppie separate che si riuniscono o storie di amanti.
  • Il pappagallo in gabbia si chiama “Mesrine”, un riferimento a Jacques Mesrine, un famoso criminale francese degli anni ’60 e ’70 che evase più volte di prigione.
  • Quando Margot, nei panni di Marianne chiede quali sono le sue opinioni politiche, Victor risponde: “Molto strane. Comunista in questo momento, ma tra 35 anni voterai per Sarkozy”. Denis Podalydès (François) ha interpretato Nicolas Sarkozy in La conquête (2011).

Note di regia

 

“La Belle Epoque” è nato come un’immagine nella mia mente, o meglio una situazione che ho trovato subito patetica e comica. Ho immaginato un ragazzo che va avanti da anni, a litigare a casa con sua moglie. Lo sta criticando per la sua mancanza di socialità, la sua incapacità di muoversi con i tempi, con la tecnologia, con Macron, con i suoi bambini e così via. Quindi il ragazzo esce dalla cucina, arriva in fondo al corridoio, ed entra in una stanzetta dove tutto – dalla decorazione interna agli LP ai vecchi nastri VHS – lo riporta agli anni ’70. È come una bolla protettiva che ha creato per se stesso dove può regredire. Questa era l’immagine: un uomo che si dimena nel presente e si rifugia un periodo i cui codici lo rassicurano e lo proteggono. Volevo filmare le vertigini che a volte provo io, questa sconfitta psicologica e il suo antidoto, al contempo ridicolo e molto commovente. Ho pensato che questa immagine avesse una premessa molto cinematografica e molta satira. Tanto più che sono arrivato a quest’uomo come riflesso di me e di alcune persone vicino a me, un po’ mio padre e per certi versi, me stesso. [Nicolas Bedos]

Intervista con Daniel Auteuil e Guillame Canet

 

Daniel Auteuil e Guillame Canet spiegano cosa li ha spinti ad accettare i rispettivi ruoli ne La Belle Epoque.

DA: Prima di tutto volevo incontrare questo giovane regista che col primo film, Un amore sopra le righe, ha dimostrato di avere qualcosa di originale da dire. Poi, quando ho letto la sceneggiatura de LA BELLE ÉPOQUE, sono stato immediatamente colpito dal modo in cui racconta la nostalgia e gioca con questo desiderio. Nicolas racconta brillantemente come, nonostante il passare del tempo, in fondo non cambiamo mai. Lo credo sinceramente. La forza di questo film deriva dal modo col quale un giovane come lui sente un periodo che non ha mai conosciuto ma di cui che sente comunque nostalgia. È un film estremamente personale, commovente e riesce a parlare a tutti. Inoltre, mi ha offerto la possibilità di ritrovare con Fanny. Quindi, ho accettato con entusiasmo la sua offerta.

GC: Inizierò dicendo che mi sono davvero divertito con Un amore sopra le righe. Il modo con cui Bedos ha diretto i suoi attori ma anche, e forse soprattutto, ho adorato il modo in cui ha scritto la storia e diretto il film. Ha dimostrato di avere le caratteristiche giuste per essere un vero regista. Quindi, quando Nicolas mi ha offerto un ruolo in LA BELLE ÉPOQUE, inizialmente sono stato lusingato, perché so quanto sia forte il suo senso critico. Sono stato felice di scoprire che gli piacevo e che voleva lavorare con me. Ma, in tutta onestà, temevo che non saremmo andati d’accordo. Conoscendo il suo temperamento e il mio temevo che sarebbero volate scintille. Gliel’ho detto subito e mi ha rassicurato. La sceneggiatura e il modo con cui Nicolas tratta la nostalgia mi ha fatto, fin da subito, impazzire. Io stesso sono una persona piuttosto nostalgica. Sono molto turbato dal modo di vivere che abbiamo scelto nella nostra società. Facciamo sempre più affidamento sui nostri cellulari e su Internet. Ad esempio, non ci preoccupiamo più di usare i nostri ricordi quando dobbiamo trovare qualcosa. Non sono ostile al progresso, ma sono nostalgico per il periodo che Nicolas descrive e che il personaggio che Victor vuole rivivere; un periodo in cui la nostra relazione con il tempo era così diversa. In realtà, tutto ciò che mi riporta alla mia infanzia mi commuove. Questo è probabilmente il motivo per cui la sua sceneggiatura, a parte il fatto che è scritta molto bene, ha avuto un tale effetto su di me.

Auteuil (Victor) e Canet (Antoine) descrivono i loro personaggi:

DA: È un uomo completamente fuori sincrono con i tempi moderni e, in una certa misura, vuole che tutto si fermi. Ha avuto esperienze incredibili: professionalmente come fumettista e personalmente perché sa cosa vuol dire amare appassionatamente, da essere convinto che nulla sarà mai così intenso. Victor si sente come se precipitasse in un baratro. Ma scegliendo di rivivere il giorno più felice della sua vita realizza che l’unica cosa che conta davvero, da sempre, è il momento in cui ha incontrato la donna che ha sposato. Per interpretare Victor ho lavorato con due emozioni contemporaneamente: il disincanto e la speranza che si riaccende quando tutto sembra perduto. Una piccola scintilla è tutto ciò che serve per riaccendere il fuoco. Quello che mi piace di lui è che si innamorerà davvero dell’attrice che interpreta sua moglie in questo passato rievocato. Rimane la stessa persona nonostante il passare del tempo. C’è una canzone di Johnny Hallyday che dice “Gli uomini non cambiano, gli uomini invecchiano.” Mi ci identifico molto.

GC: Lo vedo come un mix tra Nicolas e me nel suo modo di non accontentarsi ed esigere da sé stesso e dagli altri. Di conseguenza non ho dovuto scavare molto in profondità per creare il mio personaggio. Durante le riprese mi sono divertito immensamente a guardare il comportamento di Nicolas sul set. Ha alimentato la mia ispirazione… (ride)

Auteuil e Canet raccontano la loro esperienza sul set con il regista Nicolas Bedos:

DA: È al tempo stesso preciso e sensibile. Il modo in cui dirige i suoi attori non è mai ingombrante o fastidioso per un vecchio attore come me … (ride) Ed è molto intelligente, ha gusto e le sue intuizioni vanno a segno. Capisci subito che hai a che fare con un vero regista. E questo non è così comune … Con LA BELLE ÉPOQUE, Nicolas ha realizzato un film molto cinematografico nel vero senso del termine. Ma anche, e soprattutto, è un film fatto da un ragazzo che ha un vero amore per gli attori. Quando qualcuno ti guarda con quel grado di entusiasmo e di passione si instaura una forma di fiducia che ti consente naturalmente di lasciarti andare.

GC: Prima di lavorare con lui ho immaginato che fosse un regista che amasse le relazioni conflittuali. Quello che è successo è stato esattamente il contrario! Ero alla presenza di un regista molto attento e premuroso nei confronti dei suoi attori, e ha dimostrato di essere molto aperto nel suo approccio al lavoro di tutti. Puoi immediatamente percepire il suo desiderio di metterti a tuo agio e farti dare il meglio di te stesso, ma in un ambiente di lavoro molto confortevole. E secondo me ha un’altra enorme qualità. Nicolas è diretto con le persone, il che è un enorme risparmio di tempo. Dice immediatamente ciò che non gli va. È estremamente preciso, un vero direttore d’orchestra. E il suo amore per il suo lavoro gli dà un’energia che aiuta tutti sul set.

La colonna sonora

  • Le musiche originali de “La Belle Epoque” sono della compositrice Anne-Sophie Versnaeyen (Agente speciale 117 al servizio della Repubblica – Allarme rosso in Africa nera).
  • 4 brani della colonna sonora sono stati scritti da Anne-Sophie Versnaeyen in collaborazione con il regista Nicolas Bedos che al riguardo ha dichiarato: “Ho chiesto di avere un pianoforte nel café del film, come parte della scenografia, e l’ho suonato spesso durante le pause. È lì che mi sono inventato molti dei temi usati nel film. Altri temi sono stati composti da Anne-Sophie Versnaeyen, una violinista che ha orchestrato la partitura per Un amore sopra le righe. La nostra difficoltà era quella di passare costantemente tra l’emozione e l’ironia rimanendo fedeli al tono che volevo dare al film. Billie Holiday, per esempio, è stata perfetta. La sua interpretazione di The Man I Love ti lascia coinvolgere in maniera sottile, nelle emozioni, senza essere mai esagerata.”

TRACK LISTINGS:

1. Violin Sonata No. 4 in C Minor, BWV 1017: II. Allegro (Giuliano Carmignola;Andrea Marcon) 4:36
2. Soirée Hemingway (Anne-Sophie Versnaeyen) 1:24
3. Margot Théâtre (Anne-Sophie Versnaeyen) 1:44
4. La ronde (Nicolas Bedos & Anne-Sophie Versnaeyen) 1:33
5. A la porte (Nicolas Bedos & Anne-Sophie Versnaeyen) 0:58
6. Bienvenue dans nos décors (Anne-Sophie Versnaeyen) 2:28
7. Chambre Margot (Anne-Sophie Versnaeyen) 2:30
8. The Man I Love (Album Version) (Billie Holiday) 3:06
9. Honey (Bobby Goldsboro) 3:56
10. Por Una Cabeza (Quintango) 2:30
11. Dessiner Margo (Nicolas Bedos & Anne-Sophie Versnaeyen) 1:10
12. Rescue Me (Fontella Bass) 2:53
13. Me and Bobby McGee (Doria Tillier) 3:02
14. Yes Sir, I Can Boogie (Baccara) 4:33
15. Lost In Your Arms (Franck Hedin) 3:02
16. Baby Come Back (Player) 3:34
17. Crying Tree (Benedic Lamdin; Riaan Vosloo) 2:34
18. J’ai dix ans (Alain Souchon) 3:04
19. And I Will Follow (After All) 4:50
20. Ballade de Marianne (Anne-Sophie Versnaeyen) 2:47
21. Générique de Fin (Nicolas Bedos & Anne-Sophie Versnaeyen) 4:13

La colonna sonora de “La Belle Epoque” è disponibile su Amazon.

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →