• Film

La persona peggiore del mondo: primo spot tv in italiano e tutte le anticipazioni sul film premiato a Cannes

Tutto quello che c’è da sapere su La persona peggiore del mondo, il film di Joachim Trier premiato a Cannes nei cinema dal 18 novembre.

Il 18 novembre Teodora porterà nei cinema italiani La persona peggiore del mondo (The Worst Person in the World), il film di Joachim Trier con Renate Reinsve, Migliore attrice al Festival di Cannes. Il film è stato una delle sorprese del festival per il modo in cui il regista norvegese reinventa con ironia e profondità la commedia romantica: in dodici capitoli assistiamo all’educazione sentimentale di Julie, donna libera, imprevedibile e contraddittoria, alle prese con i problemi della sua generazione e a lungo divisa tra due uomini.

Trama e cast

La trama ufficiale: Julie (Renate Reinsve), che presto compirà 30 anni, non riesce a sistemarsi nella vita. Quando pensa di aver trovato una certa Stabilità con Aksel (Anders Danielsen Lie), 45 anni, autore di bestseller, incontra il giovane e attraente Eivind (Herbert Nordrum).

Il cast è completato da Maria Grazia Di Meo, Hans Olav Brenner, Lasse Gretland, Torgny Amdam, Sofia Schandy Bloch, Marianne Krogh, Rebekka Jynge, Helene Bjørneby, Eia Skjønsberg, Vidar Sandem, Thea Stabell, Deniz Kaya, Savannah Marie Schei, Karla Nitteberg Aspelin, Anna Dworak, Nataniel Nordnes, Karen Røise Kielland, Tumi Løvik Jakobson e August Wilhelm Méd Brenner.

La persona peggiore del mondo – trailer e video

Prima clip in lingua originale pubblicata il 10 luglio 2021

Seconda clip in lingua originale pubblicata il 16 luglio 2021

Primo trailer italiano ufficiale pubblicato il 20 ottobre 2021

Secondo trailer italiano ufficiale pubblicato il 3 novembre 2021

Primo spot tv italiano ufficiale pubblicato l’8 novembre 2021

Curiosità

  • Il regista norvegese Joachim Trier ha diretto anche Thelma, Segreti di famiglia e Oslo, 31. august.
  • Joachim Trier dirige “La persona peggiore del mondo” da una sceneggiatura scritta con Eskil Vogt (Thelma, Segreti di famiglia).
  • Il film è l’ultimo capitolo della trilogia “Oslo” di Joachim Trier.
  • Il team che ha supportato il regista Joachim Trier dietro le quinte ha incluso il direttore della fotografia Kasper Tuxen (Il professore e il pazzo), il montatore Olivier Bugge Coutté (Thelma), lo scenografo Roger Rosenberg (Snabba cash) e la costumista Ellen Dæhli Ystehede (Oslo, 31. august).
  • Le musiche originali del film sono del compositore Ola Fløttum (Forza maggiore, Lost Girls and Love Hotels). Flottum e il regista Joachim Trier hanno collaborato anche per Oslo, 31. august, Segreti di famiglia e Thelma.
  • Renate Reinsve ha studiato alla Statens Tearhøgskole (National Theatre School) e ha debuttato sul palco nel 2013 in “Peer Gynt” al teatro Trøndelag. Nel 2014 ha vinto il premio Hedda (Heddapris) per la migliore attrice per il suo ruolo nella commedia La visita della vecchia signora di Friedrich Dürrenmatt. Nel 2016, è stata nominata per l’Amanda Award come migliore attrice per il film Welcome to Norway. Renate ha recitato anche in Oslo, 31. august diretta da Joachim Trier. Il personaggio di Julie in “La persona peggiore del mondo” è il suo primo ruolo importante in un lungometraggio.
  • Anders Danielsen Lie ha fatto irruzione nel cinema all’età di 11 anni con il ruolo principale in Herman del 1990. Oggi è famoso per i suoi primi ruoli in Reprise e Oslo, 31. august entrambi diretti da Joachim Trier, e per aver interpretato Anders Behring Breivik in 22 luglio di Paul Greengrass. Danielsen Lie ha anche recitato in Personal Shopper di Olivier Assayas (2016) e in Bergman Island di Mia Hansen-Løve.
  • Herbert Nordrum si è laureato alla Statens Tearhøgskole (National Theatre School) nel 2011 poi ha lavorato al teatro Trøndelag dal 2012 al 2015. Ha recitato per il Teatro Nazionale norvegese dove ha interpretato tra gli altri il ruolo di Amleto e di Romeo in Romeo e Giulietta. È apparso nelle serie televisive Unge Lovende (NRK) e Beforeigners (Rubicon TV) e ha interpretato uno dei ruoli principali nella serie Match (2018). Nordrum è stato anche nominato per l’Amanda Award come miglior attore per il suo ruolo di “Poppe” in Fjols til Fjells (2020).
  • L’attore Anders Danielsen Lie (Aksel) ha detto al regista Joachim Trier prima dell’inizio delle riprese: “Voglio realizzare la migliore performance che abbia mai fatto”. Trier ha rivelato: “È migliorato con il suo mestiere ed è diventato ancora più coraggioso nell’esporre emozioni più profonde”. Danielsen Lie ha lavorato a stretto contatto con la co-protagonista Renate Reinsve per raccontare la storia del suo personaggio attraverso i suoi occhi, essendo lei la protagonista. Ha aggiunto: “C’è una mascolinità vecchio stile [nel mio personaggio]. Sente di appartenere a un tempo che è passato ed è alienato dalla frammentazione della cultura nel mondo digitale”. Danielsen Lie ha finito per ricevere le migliori recensioni della sua carriera dopo che il film è stato presentato in anteprima al festival di Cannes.
  • La scena di nudo frontale di Anders Danielsen Lie è stata inclusa per mostrare lo sguardo femminile, ha rivelato il regista Joachim Trier: “Era importante mostrare perché stiamo facendo un film su una giovane donna e il suo sguardo. Le scene di sesso sono spesso girate da un punto di vista maschile. Non molti registi uomini lo sanno. Penso che alle ragazze dovrebbe essere permesso avere anche un po’ di piacere per gli occhi.” Ha detto che Danielsen Lie era piuttosto sportivo al riguardo e ha detto: “Sì, va bene, sono nudo in quella scena”. Trier ha aggiunto che ha anche migliorato il realismo perché si verifica durante una sequenza di rottura: “Cerco di fare film su situazioni oneste, e a volte sei nudo in quelle situazioni”.

Chi è Joachim Trier?

Joachim Trier, classe 1974, è un regista e sceneggiatore riconosciuto a livello internazionale. I suoi film Reprise (2006), Oslo, August 31 (2011), Segreti di famiglia (2015) e Thelma (2017), tutti scritti insieme all’acclamato Eskil Vogt, sono stati selezionati da festival internazionali come Cannes, Sundance, Toronto, Karlovy Vary, Göteborg, Milano e Istanbul, dove hanno vinto numerosi premi. Il suo primo film Reprise ha vinto gli Amanda Awards 2007 (gli Oscar norvegesi) per il miglior film, la miglior regia e la migliore sceneggiatura. Questo film è stato candidato all’Oscar norvegese per il miglior film internazionale 2006. Oslo, 31. august è stato selezionato al festival di Cannes 2011, nella sezione Un Certain Regard, e nominato al César per il miglior film straniero 2013 dopo aver raggiunto le 200.000 presenze in Francia. Con Segreti di famiglia, il suo primo film in inglese, nel 2015 ottiene la sua prima selezione in Concorso al Festival di Cannes. Thelma riceve riconoscimenti in diversi festival internazionali tra cui il Nordic Council Film award. Nel 2018, Joachim ha co-diretto con suo fratello, Emil Trier, il documentario L’Autre Munch (The Other Munch), film che ha debuttato al Lincoln Center di New York. “La persona peggiore del mondo” è il suo quinto lungometraggio.

Intervista al regista Joachim Trier

Quale è la genesi de “La persona peggiore del mondo”?

Il mio film precedente, Thelma, era ambientato in un mondo e parlava di personaggi che non apparteneva alla mia vita. Era un film di genere, con suspense e una dimensione fantastico. Dopo questo film, volevo tornare alle origini, confrontarmi con le idee, personaggi, situazioni vicine alla mia esperienza e al cinema che ho sempre amato. È iniziato quasi come una terapia: di cosa voglio parlare adesso? Ho passato 40 anni, ho visto i miei amici hanno tutti i tipi di relazioni e ho sentito il desiderio di parlare d’amore, e il divario tra la fantasia della vita che avremmo sognato di condurre e la realtà di ciò che sono le nostre vite. Il personaggio di Julie ha cominciato a prendere forma: una giovane donna spontanea, che crede che uno può cambiare vita a suo piacimento e chi lo cerca, poi chi si trova un giorno a confrontarsi con i limiti tempo e quelli di ciascuno compreso il proprio. Non c’è un numero infinito di opportunità in un’esistenza.

Renate Reinsve è fantastica nei panni di Julie.

È stata una delle principali motivazioni per fare questo film. La conosco da quando ha recitato in un piccolo ruolo in Oslo, il 31 agosto: all’epoca era molto giovane ma già bravissima. Poi è apparsa in parecchi film, ma mai in un ruolo da protagonista, quindi io deciso di scrivergliene uno. Ha lavorato molto per costruire Julie, per rivelare la sua complessità. Renate è audace e coraggiosa, non ha problemi a mostrare difetti, non ha un ego malvagio al quadrato. Isabelle Huppert è venuta a Oslo qualche mese fa per vedere uno spettacolo teatrale del suo amico Bob Wilson. Il giorno dopo abbiamo bevuto qualcosa e Isabelle ha detto “la scorsa notte c’era una ragazza fantastica in scena! “. Ho detto “sì lo so sto scrivendo un film per lei!” “. Renate possiede questo rara combinazione di leggerezza e profondità, ha lo stesso enorme talento per la commedia e per il dramma.

Nel film volevi proporre tutte le domande poste da una giovane donna del nostro tempo (su amore, sesso, coppia, maternità, età adulta, carriera professionale…)?

Alcune di queste domande sono esistenziali e comuni a uomini e donne. Questo film si occupa di di come le relazioni romantiche riflettano le nostre aspettative esistenziali. Nella nostra cultura occidentale, siamo stati educati con l’idea che l’amore e la carriera sono i luoghi in cui va la vita. Quindi va oltre il genere. Ma dal momento che Julie è un personaggio femminile, non posso fare a meno di definirlo un film sulle donne, a patto di non generalizzare. Questo film parla principalmente dell’individuo Julie, Non volevo fare una presentazione sulla “donna del nostro tempo”! Questo aspetto del guardare al femminile trova naturalmente la sua strada nel film, attraverso situazioni sincere, umoristiche, satiriche, e attraverso vari aneddoti che ho vissuto o immaginato.

Foto e poster