Lea Seydoux in “The Shrouds” di David Cronenberg e Saoirse Ronan in “Blitz” di Steve McQueen

Lea Seydoux si unisce a Vincent Cassel in “The Shrouds” di Cronenberg, Saoirse Ronan nel dramma di guerra “Blitz” di Steve McQueen.

David Cronenberg dopo il recente Crimes of the Future, dove il regista ha creato una tanto fascinosa quanto inquietante summa del suo percorso nel genere body-horror narrando dell’evoluzione della “Nuova Carne”, e la recentissima notizia che uno dei suoi classici anni ottanta, Scanners, diventerà una serie tv, il regista canadese si sta preparando per girare il suo prossimo progetto cinematografico. Per il suo nuovo film dal titolo The Shrouds, Cronenberg ha scelto come protagonista femminile la talentuosa e sensuale Lea Seydoux, che il regista già aveva diretto proprio in “Crimes of the Future”. Seydoux si unisce all’unico altro membro del cast confermato, il collega e connazionale Vincent Cassel.

Parlando del film, Cronenberg ha insistito sul fatto che “non è un film francese” aggiungendo: “È un progetto molto personale per me. Le persone che mi conoscono sapranno quali parti sono autobiografiche”. In “The Shrouds” Cassel interpreta un uomo d’affari che costruisce un dispositivo per connettersi con i morti all’interno di un sudario funerario.

La storia di “The Shrouds” è incentrata su Karsh (Cassel), “un uomo d’affari innovativo e vedovo in lutto, che costruisce un dispositivo per connettersi con i morti all’interno di un sudario di sepoltura. L’attività rivoluzionaria di Karsh è sul punto di irrompere nel mainstream internazionale quando diverse tombe all’interno del suo cimitero vengono vandalizzate e quasi distrutte, inclusa quella di sua moglie. Mentre si sforza di scoprire un chiaro motivo per l’attacco, il mistero di chi ha causato questo caos e perché spingerà Karsh a rivalutare i suoi affari, il matrimonio e la fedeltà alla memoria della sua defunta moglie, oltre a spingerlo verso un nuovo inizio.

Lea Seydoux è attualmente impegnata con due progetti fantascientifici attualmente in produzione, il Dune 2 di Denis Villeneuve in arrivo il 17 novembre 2023 e La Bête di Bertrand Bonello attualmente sprovvisto di una data di uscita. In “Dune 2” Seydoux interpreterà Lady Margot, moglie Bene Gesserit del conte Hasimir Fenring, un caro amico dell’imperatore Padishah Shaddam IV (Christopher Walken), ma fedele alla Sorellanza. In “La Bête” Seydoux sarà Gabrielle, una donna che in un prossimo futuro in cui le emozioni sono diventate una minaccia, decide finalmente di purificare il suo DNA in una macchina che la immergerà nelle sue vite precedenti e la libererà da ogni forte sentimento che la “contamina”. Ma quando incontra Louis e sente una forte connessione con lui, come se lo conoscesse da sempre, le certezze di Gabrielle vacillano. Il film è descritto come ” un melodramma che che travalica il genere e si snoda in tre periodi distinti: 1910, 2014 e 2044″. Il nome di Seydoux è anche legato ad un nuovo adattamento del romanzo Emanuelle, personaggio simbolo della letteratura erotica creato dall’autrice francese Emmanuelle Arsan, che negli anni settanta ha dato vita ad un filone cinematografico proseguito fino agli anni 2000. Alla regia del nuovo adattamento di “Emmanuelle” c’è Audrey Diwan regista dell’acclamato La scelta di Anne – L’événement, Leone d’oro al miglior film al Festival di Venezia 2021.

Fonte: Screen Daily

La quattro volte candidata all’Oscar Saoirse Ronan (Piccole donne, Brooklyn, Lady Bird) ha firmato per recistare in Blitz, il nuovo film dell’inglese Steve McQueen, regista del film premio Oscar 12 anni schiavo, dello Shame con Michael Fassbender e del crime al femminile Widows – Eredità criminale. Il progetto in sviluppo come film originale di Apple TV racconterà le storie dei londinesi durante il Blitz della seconda guerra mondiale, una campagna di bombardamenti tedeschi contro il Regno Unito avvenuta nel 1940 e nel 1941. Il termine è stato utilizzato per la prima volta dalla stampa britannica e ha avuto origine dal termine Blitzkrieg, la parola tedesca che significa “guerra lampo”.

Il progetto cinematografico è prodotto da New Regency, che in precedenza aveva collaborato con McQueen in “12 anni schiavo” e “Widows”. Il film sarà prodotto anche da Tim Bevan ed Eric Fellner della Working Title Films, e da Arnon Milchan, Yariv Milchan e Michael Schaefer della New Regency. Le riprese del film dovrebbero iniziare entro la fine dell’anno.

Saoirse Ronan che vedremo il prossimo 29 settembre nei cinema italiani nel thriller Omicidio nel West End, ha due altri film in post-produzione: il dramma The Outrun e il thriller fantascientifico Foe.  Il primo che segue una donna trentenne che torna alle isole Orcadi dove è cresciuta e mentre cerca di venire a patti con la dipendenza che ha inghiottito l’ultimo decennio della sua vita riscopre la natura selvaggia è la sua capacità di ripristinare la vita e rinnovare la speranza. “Foe” ambientato in un futuro prossimo dopo che i gravi cambiamenti climatici hanno rovinato i terreni agricoli. Un contadino e sua moglie lottano in una delle ultime fattorie rimaste finché un colpo alla porta non cambia le cose.

Fonte: Deadline