• Film

L’ora del crepuscolo: trailer italiano e tutte le anticipazioni sul film di Braden King

Tutto quello che c’è da sapere su “L’ora del crepuscolo”, il dramma indipendente di Braden King al cinema dal 20 gennaio 2022.

Dal 20 gennaio nei cinema italiani L’ora del crepuscolo (The Evening Hour), il dramma tratto dall’omonimo romanzo di Carter Sickels. Il film distribuito nelle sale da Invisible Carpet è diretto da Breaden King ed è stato selezionato in concorso nei più importanti festival internazionali (Sundance, Torino International Film Festival, Rotterdam International Film festival).

Trama e cast

La trama ufficiale: “L’ora del crepuscolo” racconta la storia dell’infermiere Cole Freeman (Philip Ettinger) che vive nel precario equilibrio di una cittadina mineraria in declino degli Appalachi, occupandosi dei vecchi e degli infermi della comunità mentre vende i loro antidolorifici in eccesso ai tossicodipendenti locali per sbarcare il lunario. Ma quando il suo vecchio amico, Terry Rose (Cosmo Jarvis), torna con piani pericolosi che minacciano il fragile equilibrio che Cole ha creato, il suo mondo e la sua identità vengono gettati nel caos. La vita di Cole è ulteriormente complicata dall’improvviso ritorno a casa di sua madre, Ruby (Lili Taylor), e dai suoi mutevoli rapporti con due donne locali, Charlotte (Stacy Martin) e Lacy (Kerry Bishé). Di fronte a una serie di scelte impossibili e a una crescente pressione da tutte le parti, Cole decide di agire per salvare il tessuto affiatato di famiglia, amicizia, terra e storia che lega tutto – e tutti – e che egli ama. “L’ora del crepuscolo” presenta un ritratto empatico di un paesaggio rurale americano in transizione e di coloro che combattono per sopravvivere al suo interno.

Il cast del film include anche Marc Menchaca, Tess Harper, Ross Partridge, Hannah Barefoot, Philip Ettinger, Michael Trotter, Tony Demil, Hale Lytle, Allison Gabriel, Jayson Warner Smith, Frank Hoyt Taylor, Sean Ramey, Ashley Shelton, Jennifer Leigh Mann e Susan McPhail.

L’ora del crepuscolo – trailer e video

Trailer ufficiale inn lingua originale pubblicato il 7 luglio 2021

Due trailer in italiano pubblicati il 24 dicembre 2021

Curiosità

  • Secondo lungometraggio per il regista Braden King dopo il dramma romantico Here del 2011 con Peter Coyote e Ben Foster co-diretto con Dani Valent. Altri crediti di King includono il video musicale “Do You Believe in Rapture?” dei Sonic Youth e i documentari Homeland: The Story of the Lark (2010) e The Film That Buys the Cinema (2014).
  • Braden King dirige “L’ora del crepuscolo” da una sceneggiatura dell’esordiente Elizabeth Palmore basata sul romanzo “The Evening Hour” di Carter Sickels.
  • Il team che ha supportato il regista Braden King sul set ha incluso il direttore della fotografia veterano Declan Quinn (Vanya sulla 42esima strada, Rachel sta per sposars, Hamilton, Diana: il musical).

Il libro originale

Lo scrittore Carter Sickels è un finalista dell’Oregon Book Award e un finalista del Lambda Literary Award. Il suo nuovo romanzo “The Prettiest Star” è stato segnalato da Oprah Magazine e Entertainment Weekly come libro del 2020 consigliato da leggere. I suoi scritti appaiono su Guernica, BuzzFeed, Bellevue Literary Review e altre pubblicazioni. Carter è il destinatario del Lambda Literary Emerging Writer Award del 2013 e borse di studio della Bread Loaf Writers’ Conference, del Virginia Center for the Creative Arts e della MacDowell Colony. È assistente professore di inglese alla Eastern Kentucky University.

La sinossi ufficiale del romanzo: La maggior parte della ricchezza a Dove Creek, West Virginia, è nella terra, nei giacimenti di carbone che hanno fornito a generazioni uno stile di vita. Nato e cresciuto qui, il ventisettenne Cole Freeman ha evitato il lavoro come minatore per diventare aiutante in una casa di cura. Ha una massa di capelli biondi schiariti e un tocco gentile che ben si adatta al lavoro. È anche uno spacciatore, che rivende i farmaci da prescrizione che i suoi pazienti più anziani gli danno a una folla più giovane in cerca di diversi tipi di fuga. In questo panorama mutevole e depresso dal punto di vista economico, Cole sta annaspando. La società mineraria sta cercando di acquistare la proprietà della famiglia Freeman e le proteste di Cole sembrano solo una fase di stallo. Nonostante abbia spesso sognato di partire, ha un senso del dovere verso questa terra, soprattutto dopo la morte del nonno. Suo nonno non è l’unica perdita: anche un caro amico di Cole, Terry Rose, se ne andato, prima con il matrimonio, poi con la droga. Mentre Cole prova a barcamenarsi in una duplice storia d’amore con due donne in difficoltà, trascorre la maggior parte del suo tempo con i pazienti anziani della casa di cura cercando disperatamente di ignorare il decadimento di tutto e di tutti intorno a lui. Solo quando un disastro si abbatte su queste montagne Cole è costretto a confrontarsi con le sue paure e, infine, a intraprendere un’azione decisiva, se non per salvare il suo mondo, almeno per salvare se stesso. The Evening Hour segna il potente debutto di uno scrittore che porta originalità, sfumature e un incredibile talento per  personaggi in un iconico paesaggio americano in preda al cambiamento.

Intervista al regista

Quali sono state le tue prime impressioni leggendo il romanzo e la sceneggiatura?

A volte le decisioni o le scoperte possono sembrare molto tranquille. Il mio ricordo principale è arrivare a circa pagina nove del libro e imbattermi in un riferimento fuori mano a una città chiamata Piney View, West Virginia, che è sia la casa di un caro amico che una delle poche città degli Appalachi in cui io avevo passato del tempo reale fino a quel momento. Era quasi come se il libro mi parlasse in un linguaggio codificato che non aveva nulla a che fare con la sua storia. Sembrava di seminare delle briciole di pane. Proseguendo nella lettura, sono stato sempre più preso dai modi in cui il libro di Carter Sickels sembrava contenere un ritratto dell’America rurale che sembrava così ricca, vera e sconosciuta. Quando ho raggiunto la fine, ero dentro. Era strano; non c’era una domanda. Solo una specie di calma, “Beh, questo è quello che farò dopo”. A volte questa è la sensazione più potente, il vero segno che sei sulla buona strada. Leggere lo squisito distillato di Elizabeth Palmore del libro di Carter ha solo rafforzato ulteriormente quella convinzione.

Comunità come questa sono così spesso emarginate o stereotipate nelle rappresentazioni sullo schermo. Come l’hai affrontato e com’era il rapporto tra la produzione e la comunità nella contea di Harlan, dove hai girato il film e dintorni?

Quello che posso dire è che il mio processo di sviluppo per i film di finzione che ho realizzato non è poi così diverso da come mi sono avvicinato al lavoro documentaristico. E’ trascorso del tempo. Tra il 2016 e il 2018 ho fatto viaggi intermittenti attraverso il Kentucky sud-orientale e la Virginia occidentale meridionale e occidentale, esplorando luoghi, fotografando e incontrando persone. Seguo le briciole di pane cercando di convincere il paesaggio a parlare con me. A dire il vero, questa è una delle parti migliori del processo, spesso eseguita da soli, e comporta sempre guidare, ascoltare musica, chiacchierare e avventura. Devo conoscere la configurazione del terreno prima di girare qualsiasi film, ma dovevo davvero conoscere la configurazione del terreno prima di poter girare questo. Ho avuto la fortuna di incontrare alcuni meravigliosi esseri umani lungo la strada. Ad Harlan, nel Kentucky, l’autore (ed eventuale produttore associato) Robert Gipe è diventato un faro, un’ancora e un caro amico. Herby e Ada Smith e la banda di Appalshop a Whitesburg, nel Kentucky, erano guide simili. Il fotografo Roger May in West Virginia. Tanti altri lungo la strada. Questo film è al 100% una collaborazione con la gente delle contee di Bell, Harlan e Letcher nel Kentucky sudorientale. Non avremmo potuto farcela senza la loro fiducia, contributi, talenti e input. Questa è in realtà la cosa di cui ero più felice quando abbiamo ricevuto per la prima volta la chiamata dal Sundance: “OK. Buono. Abbiamo fatto bene alla nostra gente. Abbiamo fatto bene ai nostri amici che ci hanno dato la loro fiducia”. Ma alla fine della giornata, la linea di fondo è sempre la stessa: passi il tempo, guardi e ascolti.

Com’è stata la tua collaborazione con il direttore della fotografia Declan Quinn? Come sono state alcune conversazioni in termini di cosa avevate in ​​mente entrambi per l’aspetto del film?

È un po’ difficile parlarne perché abbiamo iniziato col finire le frasi a vicenda – creativamente parlando – abbastanza presto. Quando lavori con Declan, lavori con la storia del cinema indipendente. Ha migliorato ogni mia idea. Ed è anche solo una delle persone più gentili, di buon cuore e laboriose che abbia mai incontrato. Lavorare con lui è stato un sogno. L’unica cosa che sapevo all’inizio di questo film era che non volevo affrontarlo in un modo più da doc, portatile e neorealista, ma che volevo fare qualcosa di molto più progettato, realizzato e cinematografico. Il trucco era che dovevamo trovare un modo per farlo senza che il film diventasse distante o freddo. Dovevamo ancora immergere il pubblico, metterlo lì su quelle colline, fargli annusare l’aria e la terra. Declan e io abbiamo passato molto tempo a parlare di come evitare di riprendere ciò che stava accadendo e cercando invece di trovare il modo di riprendere come si sentono le cose. Questa è in realtà la domanda che mi trovo a fare me stesso più sul set e durante l’intero processo: “Ti sembra giusto?” In realtà è l’unica domanda di cui hai bisogno. Se ti sembra giusto, vai. In caso contrario, continui a lavorare, esplorare, guardare, ascoltare, finché raggiungi l’obiettivo.

La colonna sonora

  • Le musiche originali de “L’ora del crepuscolo” sono del collettivo Boxhead Ensemble composto da Michael Krassner (Universal Soldier – Il giorno del giudizio) & Tim Rutili (Above the Arroyo: A Dream of the Stairs of Los Angeles).

Il regista Braden King parla dell’importanza della musica in “L’ora del crepuscolo”:

La musica è fondamentale. È un personaggio, l’anima del luogo, i personaggi, la storia stessa. Ho lavorato per anni con i compositori Michael Krassner e Tim Rutili. Michael ha musicato alcuni dei miei primi film studenteschi nei primi anni ’90, ci conosciamo da tanto tempo. Tendiamo a lavorare presto, in fase di sceneggiatura. Grazie a lui, non ho mai dovuto ricorrere ad una colonna sonora temporanea. Per “L’ora del crepuscolo”, l’unico vero mandato era che, poiché miravamo ad avvicinarci alla storia e alla rappresentazione della regione in un modo più insolito, non volevo fare la consueta colonna sonora di violini e banjo solo perché stavano girando in Appalachia. Se avessimo deciso di utilizzare quegli strumenti, li avremmo usati in modo non tradizionale e in un modo più strutturato ed espressivo. Michael e Tim hanno finito per mettere insieme uno straordinario ensemble di musicisti per creare la colonna sonora del film. Funzionavano, inviavano tracce, vedevamo cosa funzionava nella modifica e poi tornavamo indietro e rielaboravano determinati pezzi per adattarli ancora meglio. Gran parte del film ruota attorno all’idea di distorsione o disturbo all’interno di una grande bellezza. Un Eden avariato. Abbiamo cercato molto duramente di rifletterlo con i toni e le trame utilizzate nella partitura. Per quanto riguarda le fonti, lavorare con il supervisore musicale Chris Swanson è stata una collaborazione che desideravo da molto tempo. Chris ed io ci conosciamo da circa 20 anni: una delle prime uscite pubblicate dalla sua etichetta “Secretly Canadian” è stata una versione in vinile della colonna sonora dal vivo di un film che ho fatto e che Michael Krassner ha musicato nel 1997 intitolato “Dutch Harbor: Where the Sea Breaks its Back”. L’etichetta ha continuato a distribuire alcuni dei miei artisti e album preferiti di tutti i tempi tra cui Songs: Ohia, che ha quattro tracce nel film. L’etichetta di Mike Quinn “No Quarter” distribuisce Doug Paisley, che seguo da anni, così come Joan Shelley e The Other Years, che hanno tutti brani nel film. Il nostro amico di Harlan, Robert Gipe, mi ha fatto conoscere l’album stellare della leggenda regionale Darrin Hacquard, “Signs and Wonders”, e tre delle sue canzoni sono finite nel film. Ci sono cose che la musica può articolare che nient’altro può. Sono così felice del modo in cui la colonna sonora e gli spunti della fonte si sono uniti in questo film per dargli veramente la sua anima, per dargli qualcosa di lirico, qualcosa di sottostante, qualcosa che può essere sentito e non solo logicamente compreso. Ascoltare e immergerci in tutta questa musica per così tanti mesi – so che ha influenzato il montaggio, il lirismo e la struttura del film stesso. Ha influenzato i suoi ritmi. È appena diventato una parte così integrale e fondamentale per tessere tutto insieme.

Foto e poster