E’ morto Ned Beatty, attore di “Quinto potere” e “Superman”

Blogo ricorda l’attore e caratterista americano Ned Beatty, candidato all’Oscar per Quinto Potere e scomparso all’età di 83 anni.

E’ scomparso a 83 anni l’attore americano Ned Beatty, aveva recitato in oltre 100 film tra cui Un tranquillo weekend di paura, Nashville, i Superman con Christopher Reeve e in Quinto potere , ruolo quest’ultimo che gli è valso una nomination all’Oscar per il migliore attore non protagonista.

La manager di Beatty, Deborah Miller, ha confermato la notizia aggiungendo che l’attore è morto per cause naturali, circondato dalla sua famiglia e dai suoi cari. “Ned era un talento iconico e leggendario, oltre che un caro amico”, ha detto Miller, “e mancherà a tutti noi”.

Nato il 6 luglio 1937 a Louisville, nel Kentucky, Beatty ha iniziato la sua carriera di attore a teatro all’età di 19 anni. Ha successivamente trascorso i successivi 10 anni lavorando nei teatri della Virginia, del Kentucky e dell’Indiana. Nel 1972 ha fatto il suo debutto cinematografico nel thriller Un tranquillo weekend di paura di John Boorman Deliverance, al fianco di Jon Voight e Burt Reynolds, nel ruolo dell’uomo d’affari di Atlanta Bobby Trippe. Nel 1976, ha ricevuto la sua prima e unica nomination all’Oscar nella categoria miglior attore non protagonista per la sua interpretazione in Quinto potere (Network) di Sidney Lumet in cui ha impersonato Arthur Jensen, il presidente del consiglio di amministrazione della rete televisiva in cui lavora l’Howard Beale di Peter Finch, altro attore premiato per questo film con un Oscar postumo. Nel 1978 interpreta Otis, l’assistente del Lex Luthor di Gene Hackman nel Superman di Richard Donner, ruolo che riprenderà due anni dopo anche in Superman II (1980).

Tra il 1972 e il 2013 Beatty ha accumulato più di 160 crediti in film e tv. I suoi crediti sul grande schermo hanno incluso ruoli in Tutti gli uomini del presidente, L’esorcista II – L’eretico, 1941 – Allarme a Hollywood, A scuola con papà, Quarto protocollo, il live-action Captain America del 1990, Rudy – Il successo di un sogno, Life, Shooter, La guerra di Charlie Wilson, ha prestato la voce all’orso Lotso in Toy Story 3 – La grande fuga mentre l’ultimo ruolo per il grande schermo è stato nella commedia romantica L’amore in valigia (2013) con protagonista Paula Patton. Per quanto riguarda la tv Beatty è apparso in Le strade di San Francisco, La signora in giallo, Hawaii Five-O, Agenzia Rockford, Pappa e ciccia, Homicide, Life on the Street e Law & Order – I due volti della giustizia. Beatty lascia sua moglie, Sandra Johnson, e i suoi otto figli e nipoti.

Filmografia

Un tranquillo weekend di paura (Deliverance), regia di John Boorman (1972)
L’uomo dai 7 capestri (The Life and Times of Judge Roy Bean), regia di John Huston (1972)
Il ladro che venne a pranzo (The Thief Who Came to Dinner), regia di Bud Yorkin (1973)
Il diavolo del volante (The Last American Hero), regia di Lamont Johnson (1973)
McKlusky, metà uomo metà odio (White Lightning), regia di Joseph Sargent (1973)
Un uomo da buttare (W.W. and the Dixie Dancekings), regia di John G. Avildsen (1975)
Nashville, regia di Robert Altman (1975)
Tutti gli uomini del presidente (All the President’s Men), regia di Alan J. Pakula (1976)
Il fantabus (The Big Bus), regia di James Frawley (1976)
Quinto potere (Network), regia di Sidney Lumet (1976)
Wagons-lits con omicidi (Silver Streak), regia di Arthur Hiller (1976)
Mikey e Nicky (Mickey and Nicky), regia di Elaine May (1976)
L’esorcista II – L’eretico (Exorcist II: The Heretic), regia di John Boorman (1977)
Il clandestino (Alambrista!), regia di Robert M. Young (1977)
Superman, regia di Richard Donner (1978)
Salvate il Gray Lady (Gray Lady Down), regia di David Greene (1978)
La saggezza nel sangue (Wise Blood), regia di John Huston (1979)
1941 – Allarme a Hollywood (1941), regia di Steven Spielberg (1979)
Promises in the Dark, regia di Jerome Hellman (1979)
Superman II, regia di Richard Lester (1980)
2 sotto il divano (Hopscotch), regia di Ronald Neame (1980)
The Incredible Shrinking Woman, regia di Joel Schumacher (1981)
La ballata di Gregorio Cortez (The Ballad of Gregorio Cortez), regia di Robert M. Young (1982)
Giocattolo a ore (The Toy), regia di Richard Donner (1982)
A scuola con papà (Back to School), regia di Alan Metter (1986)
The Big Easy, regia di Jim McBride (1987)
Quarto protocollo (The Fourth Protocol), regia di John Mackenzie (1987)
L’agente Porter al servizio di Sua Maestà (The Trouble with Spies), regia di Burt Kennedy (1987)
Cambio marito (Switching Channels), regia di Ted Kotcheff (1988)
Il corpo del reato (Physical Evidence), regia di Michael Crichton (1989)
Capitan America, regia di Albert Pyun (1990)
Riposseduta (Repossessed), regia di Bob Logan (1990)
Il mistero di Jo Locke, il sosia e miss Britannia ’58 (Hear My Song), regia di Peter Chelsom (1991)
Doppia anima (Prelude to a Kiss), regia di Norman René (1992)
Rudy – Il successo di un sogno (Rudy), regia di David Anspaugh (1993)
La giusta causa (Just Cause), regia di Arne Glimcher (1995)
Una rapina tira l’altra (The Curse of Inferno), regia di John Warren (1996)
He Got Game, regia di Spike Lee (1998)
La fortuna di Cookie (Cookie’s Fortune), regia di Robert Altman (1999)
Life, regia di Ted Demme (1999)
Pantaloncini a tutto gas (Thunderpants), regia di Peter Hewitt (2002)
The Walker, regia di Paul Schrader (2007)
Shooter, regia di Antoine Fuqua (2007)
La guerra di Charlie Wilson (Charlie Wilson’s War), regia di Mike Nichols (2007)
L’occhio del ciclone – In the Electric Mist (In the Electric Mist), regia di Bertrand Tavernier (2008)
The Killer Inside Me, regia di Michael Winterbottom (2010)
Toy Story 3 – La grande fuga (Toy Story 3), regia di Lee Unkrich (2010) – voce
Rango, regia di Gore Verbinski (2011) – voce
Rampart, regia di Oren Moverman (2011)
L’amore in valigia (Baggage Claim), regia di David E. Talbert (2013)

Fonte: Variety