Olivia Newton-John: il ricordo di Hollywood dell’attrice di “Grease” morta a 73 anni

Olivia Newton-John è scomparsa all’età di 73 anni. Hollywood ricorda l’attrice e cantante di “Grease” e “Xanadu” sui social media.

Olivia Newton-John, una delle voci più note degli anni ’70 e attrice in “Grease” e “Xanadu”, è morta a 73 anni. Suo marito, John Easterling, ha pubblicato la notizia sulla sua pagina Facebook ufficiale. Non è stata fornita una causa di morte, ma a Newton-John era stato diagnosticato un cancro al seno che è riemerso per la terza volta nel 2017.

Dame Olivia Newton-John (73) è morta pacificamente questa mattina nel suo ranch nel sud della California, circondata da familiari e amici. Chiediamo a tutti di rispettare la privacy della famiglia in questo momento molto difficile. Olivia è stata un simbolo di trionfi e speranza per oltre 30 anni condividendo il suo viaggio con il cancro al seno. Newton-John era un attivista per le cause ambientali e dei diritti degli animali e sosteneva la ricerca sul cancro al seno.

John Travolta, suo partner in “Grease” è è stato tra i primi a scrivere un tributo sui social media.

Mia carissima Olivia, hai reso tutte le nostre vite molto migliori. Il tuo impatto è stato incredibile. Ti amo tanto. Ci vedremo lungo la strada e saremo di nuovo tutti insieme. Tuo dal momento in cui ti ho visto e per sempre! Il tuo Danny, il tuo John!

Olivia Newton-John e John Travolta dopo il successo di Grease sono tornati a recitare insieme nel 1988 in Due come noi, commedia che vede Dio stanco dell’egoismo umano dare un’ultima chance all’umanità, mettendo alla prova due giovani che vivono un’esistenza precaria: Zack Melon (Travolta) e Debbie Wylder (Newton-John). Dopo che i  due si innamorano, gli angeli e il demonio lavoreranno, sotto sembianze umane, per influenzarli e decidere così il destino della Terra.

Olivia Newton-John  – La carriera musicale

Dame Olivia Newton-John di origine australiana nasce a Cambridge in Inghilterra il 26 settembre 1948. È stata quattro volte vincitrice del Grammy Award con cinque successi numero uno e altri dieci successi nella Top Ten della Billboard Hot 100 e due album numero uno di Billboard 200 con vendite globali di oltre 100 milioni di dischi, Newton-John dalla seconda metà del 20° secolo ad oggi è uno degli artisti musicali più venduti. Nel 1974 si aggiudica il quarto posto all’Eurovision Song Contest con il brano Long Live Love. Nello stesso anno escono i singoli If You Love Me (Let Me Know) (n. 1 in Canada, n. 2 in Australia, n. 5 nella Billboard Hot 100 e n. 10 in Nuova Zelanda) e I Honestly Love You (n. 1 per due settimane nella Billboard Hot 100, in Canada, in Australia per quattro settimane e in Svezia) col quale vince il Grammy Award alla registrazione dell’anno, il Grammy Award alla miglior interpretazione vocale femminile pop e miglior album e il disco d’oro. Da questo momento, la sua popolarità cresce notevolmente, anche negli Stati Uniti. Nel 1975 esce il singolo Have You Never Been Mellow che arriva in prima posizione nella Billboard Hot 100 e in Canada e in decima in Australia. I suoi altri singoli di maggior successo includono “If Not for You” (1971), “Let Me Be There” (1973), “If You Love Me (Let Me Know)”(1974), “Have You Never Been Mellow” (1975), “Sam” (1977), “Hopelessly Devoted to You” (da Grease), “A Little More Love” (1978) e, dal film Xanadu del 1980, “Magic” e “Xanadu” (with the Electric Light Orchestra). Nel 1978, Newton-John recita nel film musicale Grease, la cui colonna sonora rimane uno degli album di musica registrata più venduti al mondo. Presenta due importanti duetti di successo con il co-protagonista John Travolta: “You’re the One That I Want” – che è considerato uno dei singoli più venduti di tutti i tempi – e “Summer Nights”. Le sue registrazioni da solista includono il vincitore del Grammy Record of the Year “I Honestly Love You” (1974) e “Physical” (1981) – Top Hot 100 Single di Billboard degli anni ’80.

Il tributo di Hollywood sui social media

Jane Lynch, Antonio Banderas, Lea Salonga, Gabrielle Union, George Takei sono solo alcune delle personalità di Hollywood che hanno pubblicato tributi sui social media alla star e cantante di “Grease” Olivia Newton-John, a seguire ne trovate una selezione.

La figlia di Newton-John, Chloe Lattanzi, ha pubblicato una serie di fotografie di lei e sua madre su Instagram senza commento.

Jane Lynch, che ha cantato “Physical” insieme a Newton-John in un un episodio della serie tv “Glee” nel 2010, ha twittato “ONJ. Angelo.”

Il cantante Richard Marx ha pubblicato una serie di foto con Olivia Newton-John.

Il mio cuore è spezzato. Riposa ora, dolce amica. Eri una persona gentile e amorevole come non mai. Mi mancherai ogni giorno. 💔

Il tweet della cantautrice Melissa Etheridge.

Viaggia bene, cara amica. Sono stata una delle prime che mi ha contattato dopo la mia diagnosi di cancro. Che bella donna e che talento speciale. Difficile sapere cosa dire. Ci mancherà.

L’attore di “Star Trek” George Takei ha dichiarato: “Abbiamo perso una grande artista iconica in Olivia Newton John, che se n’è andata troppo presto da noi all’età di 73 anni. Confido che ora sia nella grande Xanadu. Sappi che ti siamo per sempre irrimediabilmente devoti, Olivia. Riposa in canti e allegria”.

Lea Salonga, che recita in “Original Sin”, reboot della serie tv di “Pretty Little Liars” della HBO Max, ha dichiarato: “Riposa in pace, Olivia Newton-John. La sua è stata una delle voci della mia infanzia. Le più sentite condoglianze a tutti coloro che l’amavano e l’hanno amata”.

Il regista James Gunn ha condiviso le sue condoglianze e ha rivelato che per un periodo ha vissuto nell’ex casa di Newton-John.

E’ davvero triste sapere della scomparsa di Olivia Newton-John. La mia prima vera cotta da ragazzino. Adoravo Grease e la sua musica e, per coincidenza, ho anche comprato e vissuto per un po’ nella meravigliosa casa che ha costruito a Malibu. Riposa in pace. ❤️

Edgar Wright regista di “Ultima notte a Soho” e “Shaun of the Dead” ha reso omaggio alla defunta star elogiando il suo film musicale di culto “Xanadu”.

Olivia Newton John ha dominato così interamente le classifiche e Top Of The Pops quando ero un bambino, che sembrava che tutto ciò che cantasse fosse musica pop. E sì, Xanudu è ancora un classico intramontabile. RIP.

Riposa in pace, Olivia Newton-John. Le più sentite condoglianze alla sua famiglia e ai suoi cari.

Addio con amore alla leggenda che sarà per sempre la mia prima cotta. Riposa in pace, Olivia Newton-John. 🥲🙏🏼👼🏻

Il tributo di Dionne Warwick, che ha cantato con Newton-John nel suo album del 2006 “My Friends and Me”.

Un’altra voce angelica è stata aggiunta al Coro Celeste. Non solo Olivia era una cara amica, ma una delle persone più simpatiche con cui ho avuto il piacere di registrare e di esibirmi. Mi mancherà sicuramente. Ora riposa tra le braccia del Padre celeste 🥲🙏🏾♥️

“Grease” è il mio film numero 1 di tutti i tempi e mi ha reso una fan di Olivia Newton John per tutta la vita. Io e mia sorella abbiamo guardato Xanadu più volte di quante ne potessi contare. Inviando tanto amore e preghiere per un vero dono di donna e talento. #RIPOliviaNewtonJohn 🙏🏾🙏🏾🙏🏾🙏🏾

RIP Olivia Newton-John. Grazie mille per la musica meravigliosa e i ricordi divertenti.

Sono così addolorata per la notizia della scomparsa di Olivia Newton John. Ricordo di essere stata così colpita da una star quando l’ho incontrata al mio primo raduno di Hollywood per la Paramount. Era la luce più dolce e brillante e mi è piaciuto conoscerla in “Un party per Nick”. RIP cara, dolce Olivia.

Sono molto triste che la bella, talentuosa e coraggiosa Olivia Newton-John sia morta. Non l’ho mai incontrata, ma tutti dicono che era meravigliosa, sempre gentile.

Olivia Newton-John al cinema

Funny Things Happen Down Under, regia di Joe McCormick (1965)
Together (Toomorrow), regia di Val Guest (1970)
Grease – Brillantina, regia di Randal Kleiser (1978)
Xanadu, regia di Robert Greenwald (1980)
Due come noi (Two of a Kind), regia di John Herzfeld (1983)
Un amore rinnovato (She’s Having a Baby), regia di John Hughes (1988) – non accreditata
Un party per Nick (It’s My Party), regia di Randal Kleiser (1996)
Sordid Lives, regia di Del Shores (2000)
Score – A Hockey Musical, regia di Michael McGowan (2010)
Tre uomini e una pecora (A Few Best Men), regia di Stephan Elliott (2011)
The Very Excellent Mr. Dundee, regia di Dean Murphy (2020)

Fonte: Variety