• Film

Only The Animals – Storie di spiriti amanti: trailer italiano e anticipazioni film con Valeria Bruni Tedeschi

Tutto quello che c’è da sapere su “Only The Animals – Storie di spiriti amanti”, il thriller con Valeria Bruni Tedeschi al cinema dal 12 maggio.

Dal 12 maggio nei cinema italiani con Parthénos Distribuzione Only The Animals – Storie di spiriti amanti, un thriller-noir diretto da Dominik Moll (“Harry, un amico vero”, “Due volte lei – Lemming”, “Il monaco”), e tratto dal romanzo “Seules les Bêtes” di Colin Niel. Il film è stato presentato alla 76. Mostra del Cinema di Venezia come film d’apertura delle Giornate degli Autori.

Trama e cast

La trama ufficiale: Una donna (Valeria Bruni Tedeschi) scompare improvvisamente durante una tempesta di neve. Il giorno dopo la sua automobile viene ritrovata su una strada che sale verso l’altopiano dove si trovano alcune fattorie isolate. Mentre la polizia non ha alcuna pista da seguire, cinque persone sanno di avere a che fare con la scomparsa. Ciascuna di loro ha un segreto, ma nessuno immagina quanto lontano sia partita questa storia…

Il film stato candidato a due Premi César per il miglior adattamento e miglior attrice non protagonista a Laure Calamy, già nel cast della fortunata serie “Chiami il mio agente!” distribuita da Netflix e vincitrice del Premio Orizzonti come miglior attrice a Venezia 78. Completano il cast gli attori francesi Denis Ménochet (“Bastardi senza gloria”, “Grazie a Dio”, “The French Dispatch”) e Damien Bonnard (“Dunkirk”, “I Miserabili”, “L’ufficiale e la spia”).(“Harry, un amico vero”, “Due volte lei – Lemming”, “Il monaco”), Nadia Tereskiewicz (“Persona non grata”, “Una notte nei campi”, “Chiami il mio agente!”), Guy Roger “Bibisse” N’drin, Juliet Doucet, Bastien Bouillon e Maie Amie.

Only The Animals – Trailer e video

Trailer italiano ufficiale pubblicato il 30 marzo 2022

Prima clip ufficiale in italiano pubblicata il 10 maggio 2022

Seconda clip ufficiale in italiano pubblicata l’11 maggio 2022

Note di regia

“Quando ho letto il romanzo di Colin Niel “Seules les Bêtes” sono stato immediatamente catturato dalla sua atmosfera unica e mi sono subito chiesto come potesse essere adattato per lo schermo. La trama ruota intorno alla misteriosa scomparsa di una donna durante una bufera di neve. Seguono cinque storie, nel corso delle quali osserviamo i pensieri di cinque personaggi sorprendenti e commoventi. Il confronto tra le prime storie, che si intersecano, si completano ma che si contraddicono anche, suscita l’attenzione del lettore e ci porta a immaginare cose nascoste negli angoli più bui della storia, creando un’atmosfera inquietante. E poi, a due terzi del libro, siamo colti di sorpresa da un inaspettato passaggio dal mondo rurale e spopolato della campagna all’ambiente urbano e tropicale di Abidjan. La giustapposizione di questi due mondi contrastanti, raramente rappresentati sullo schermo, tra gli aspri paesaggi innevati del Causse Méjean e i giovani truffatori dei quartieri popolari di Abidjan, suscita immagini forti. C’è innegabilmente qualcosa di molto cinematografico nel libro. A Gilles Marchand e a me piaceva l’idea di raccontare attraverso questa storia le difficoltà del vecchio mondo rurale francese, ma anche la sorprendente situazione dei giovani in una megalopoli africana, e questa interconnessione globale che oggi ci lega tutti. Un modo, attraverso questi personaggi singolari e i loro segreti, di evocare il mondo moderno. Per noi, il cuore della storia non sta nel risolvere il mistero della scomparsa (il “whodunit”), ma nei personaggi e in ciò che i loro viaggi rivelano sui loro rispettivi sogni e mondi. Si tratta di cinque storie d’amore, frustrate e asimmetriche, alimentate da incomprensioni, segreti, fantasie, delusioni e disillusioni. Ognuno dei personaggi è spinto dal bisogno di amare ed essere amato. Sperando in questo amore, volendo credere in esso, cercando di condividerlo, cercando di viverlo, ognuno di loro immaginerà delle cose, e tutte queste cose li porteranno ad agire. A volte in meglio, altre in peggio.” [Dominik Moll]

Il romanzo originale

Ingegnere agrario, rurale, idrico e forestale, laureato in studi avanzati in biologia ed ecologia evolutiva, Colin Niel ha lavorato per dodici anni nella conservazione della biodiversità. Ha vissuto per diversi anni nella Guyana francese, dove è stato capo missione per la creazione del parco amazzonico della Guyana, ma anche a Parigi, Lille, Montpellier, Guadalupa dove è stato vicedirettore del parco nazionale della Guadalupa. La sua pluripremiata serie guianese, The Cardboard Hammocks (2012), What Remains in the Forest (2013), Obia (2015) e On the Collapsed Sky (2018), presenta il personaggio di André Anato, un poliziotto alla ricerca delle sue origini. Nel 2019 ha firmato con il fotografo della Guyana Karl Joseph La Guyane du captain Anato, un libro fotografico in cui ritroviamo diversi personaggi di questi 4 romanzi attraverso 12 racconti inediti. Il 2 settembre 2020 esce Entre Fauves, un thriller corale ambientato tra il deserto della Namibia e le valli dei Pirenei, che esplora il rapporto tra l’uomo e i grandi predatori e l’istinto di caccia annidato in ogni essere umano. Il suo prossimo romanzo, Darwyne, ambientato in Amazzonia uscirà in Francia ad agosto 2022. Colin Niel attualmente vive a Marsiglia, dove si dedica alla scrittura.

La sinossi ufficiale del romanzo: Una donna è scomparsa. La sua auto è stata ritrovata all’inizio di un sentiero escursionistico che saliva sull’altopiano dove sono sopravvissute alcune masserie abitate da uomini single. Mentre i gendarmi non hanno piste e l’inverno impone la sua legge, diverse persone sanno di essere legate a questa scomparsa. A loro volta parlano. Ognuna ha il suo segreto, prezioso quasi quanto la sua stessa vita. Sulla Causse, questa immensa isola piatta dove alloggiano alcuni naufraghi, ci sono molti posti dove nascondere una donna, viva o morta, e più di una miseria nel cuore degli uomini. Con questo romanzo corale, Colin Niel orchestra una storia avvincente sulla solitudine che rasenta la follia.

Chi è Dominik Moll?

Regista e sceneggiatore francese, Dominik Moll è nato nel 1962 a Bühl, in Germania. Nel 2005 e nel 2000 i suoi lungometraggi Due volte lei – Lemming e Harry, un amico vero sono stati selezionati per concorrere alla Palma d’Oro a Cannes. Harry, un amico vero ha vinto quattro premi César, tra cui miglior attore, miglior regista e miglior montaggio nel 2001.

Mi considero un regista francese. Come persona, mi considero franco-tedesco – metà e metà – ma come regista sono francese, perché ho fatto tutti i miei film in Francia o nel sistema di produzione francese. Ne faccio completamente parte.

Filmografia

2019: Only the Animals (Seules Les Bêtes)
2018: Eden (Serie TV)
2016: News from Planet Mars (Des nouvelles de la planète Mars)
2013: Tunnel (The Tunnel) (Serie TV)
2011: Il monaco (Le Moine)
2005: Due volte lei – Lemming
2000: Harry, un amico vero (Harry, un ami qui vous veut du bien)
1994: Intimité

Intervista al regista

Dominik Moll racconta la scelta di adattare il romanzo “Seules les Bêtes” con Gilles Marchand.

Diverse cose, in realtà. A cominciare dalla sua unicità. Attraverso una trama avvincente e misteriosa, il romanzo esplora due mondi abbandonati dalla finzione e in cui tutto sembra opporsi. L’aspro altopiano montuoso del Causse, nel sud della Francia, dove i contadini sono a volte così isolati che hanno persino difficoltà a mettere su famiglia e, a cinquemila chilometri di distanza, una metropoli africana di quasi cinque milioni di abitanti, Abidjan, dove i giovani sognano di fare fortuna diventando brouteurs, cioè truffatori informatici. Colin Niel rende i suoi personaggi così vibranti e coinvolgenti che ho voluto farli vivere sullo schermo. E poi c’è la struttura molto insolita del romanzo, questa storia dove ogni capitolo corrisponde al punto di vista di un personaggio diverso. Ciò che a prima vista potrebbe sembrare semplicemente un’idea stilistica dice qualcosa di profondo sul rapporto di ogni personaggio con l’amore… E infonde una particolare forma di gioia con la risoluzione della trama.

Moll conferma che la costruzione della narrazione si basa sulla “struttura Rashomon”, utilizzata anche da Tarantino in Jackie Brown.

È vero, ma nel film di Kurosawa abbiamo tre interpretazioni diverse della stessa storia. In OnlytheAnimals, i punti di vista sono incompleti, intrecciati e non coprono necessariamente lo stesso lasso di tempo. Per esempio, nella terza parte con Evelyne e Marion, andiamo indietro nel tempo. Questa costruzione rende la storia più allegra e sofisticata che se ci fossimo trovati esattamente nello stesso continuum spazio-temporale in ogni capitolo.

Moll si sofferma sul personaggio di Michel (Denis Ménochet) che rappresenta la dipendenza da Internet e il potere dei social network.

L’idea era di mostrare il potere di proiezione e immaginazione che Internet può generare. Quando si è dietro lo schermo del computer o del telefono, ci si sente protetti, meno esposti, le inibizioni cadono, si osa andare oltre rispetto a quando si è davvero di fronte a qualcuno: lo schermo funge da catalizzatore per i propri desideri. E anche come via d’uscita. Quando ho fatto le mie ricerche sulle truffe su Internet, ho letto racconti su persone che erano state derubate di decine di migliaia di euro. C’era una donna che non riusciva ad ammettere che il bell’uomo che l’aveva sedotta online non esistesse, teneva la sua foto sul comodino nonostante tutte le prove che dimostravano la truffa. Internet decuplica il potere di fantasticare, nel bene e nel male… Detto questo, Joseph non ha una connessione a Internet e non se la passa molto bene nemmeno lui.

Moll parla del personaggio di Valeria Bruni Tedeschi, meno eccentrica del solito nell’approcciare il suo ruolo in questo film.

È un’attrice che mi piace molto. Nei suoi film, interpreta brillantemente personaggi che le sono abbastanza vicini, spesso con molto umorismo. Per OnlytheAnimals, ho voluto che creasse un personaggio più distante da lei, e quindi probabilmente più difficile da interpretare. Evelyne ha tutto sotto controllo, non vuole essere sopraffatta dai suoi sentimenti. Probabilmente ha un difetto ma, come ha detto Valeria durante la fase di lettura, “non ho bisogno di sottolineare questo difetto perché lo porto dentro di me, si vedrà comunque”. Ed è proprio quello che è successo. La trovo sconvolgente nella scena in cui finisce per schiaffeggiare Marion.

Moll parla dei due piani su cui viaggia il film, una dimensione finanziaria e una politica.

Sappiamo che il denaro non può renderci felici, ma è difficile non desiderare l’avere più soldi per essere più felici. I giovani brouteurshanno un rapporto molto particolare con il denaro. Vogliono sperperarli. Subito, subito. Non cercano di migliorare la loro vita quotidiana. Lo spendono tutto in una notte, facendo credere di avere così tanti soldi da poterli buttare via. Non si immaginano nel futuro ma solo nel momento presente. Come dice il giovane Armand: “È meglio essere ricco un giorno che schiavo tutta la vita”. OnlytheAnimals è prima di tutto un film noir, un giallo. Ma girare ad Abidjan, mostrare questi giovani e la loro sete di ricchezza, mostrando anche l’isolamento di uno specifico mondo rurale in Francia, mettendo questi due mondi a confronto oggi… tutto questo, naturalmente, ha una dimensione politica. Che ci si trovi sul Causse o ad Abidjan, al di là delle disuguaglianze economiche, tutti sono alla ricerca di un ideale. Ma nonostante il Web che ora potenzialmente collega tutti gli individui del pianeta, il paradosso del “così lontano così vicino” sta crescendo. Possiamo essere sempre più vicini… ma siamo sempre più lontani.

Moll parla del titolo “Only The Animals” e del suo significato.

Mi è sempre piaciuto il titolo, con la sua misteriosa bellezza, ma ogni volta che vedo Colin, l’autore del romanzo, mi dimentico di chiedergli quale sia il significato esatto per lui. Ci sono naturalmente gli animali nel film e forse sono gli unici a sapere cosa sia successo veramente la notte della tempesta… Nella sceneggiatura, Cedric, il poliziotto, parlava filosoficamente degli sguardi del bestiame, chiedendosi cosa passi loro per la testa quando ci guardano: “Non sappiamo se sono stupidi o solo dispiaciuti di vederci…”. Forse dobbiamo solo preservare la bellezza di questo mistero e lasciare a ognuno la propria interpretazione.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore tedesco Benedikt Schiefer (Peak – Un mondo al limite, Babai, La vita invisibile di Euridice Gusmao).
  • La colonna sonora include i brani: “Tu t’en vas” di Alain Barrière & Noëlle Cordier, “Tu t’en vas” di Bertrand Belin & Barbara Carlotti, “Bouatouman” di Serge Defalet, “Sous les cocotiers” di Bab Lee.

TRACK LISTINGS:

1. The Blizzard 2:12
2. Only the Mist 3:46
3. Alice’s Temptation 1:11
4. When You Love Each Other, Nothing Can Happen to You 2:00
5. Joseph’s Temptation 3:59
6. Michel’s Temptation 3:43
7. The Good Way 1:59
8. Mysterious Connections 0:54
9. The Breeze (Bonus track) 2:22
10. Tu t’en vas (Bertrand Belin & Barbara Carlotti) 3:50

La colonna sonora di “Only The Animals – Storie di spiriti amanti” è disponibile su Spotify.

 

Foto e poster