Oscar 2022: trailer e anticipazioni sui candidati al Miglior cortometraggio documentario

Tutto quello che c’è da sapere e dove guardare i cinque cortometraggi documentari candidati agli Oscar 2022.

Il miglior cortometraggio documentario sarà una delle otto categorie che saranno tagliate dalla diretta tv della cerimonia di premiazione degli Oscar 2022. A seguire scendiamo nel dettaglio e vi proponiamo schede dei cortometraggi candidati agli Oscar 2022 completi di trailer e ove possibile dove poterli visionare.

Audible di Matthew Ogens

Paese: Stati Uniti

Anno: 2019

Regista: Matt Ogens

Produttore: Geoff McLean. Peter Berg, Matthew Goldberg, Brandon Carroll, Matt Ogens, Nyle DiMarco, Sami Housman

Direttore della fotografia: Billy Pena

Montaggio: Darrin Roberts

Musica: Jackson Greenberg

Durata (minuti): 39

Il film candidato agli Oscar 2022 è disponibile su NETFLIX

“Audible” si concentra sugli adolescenti della Maryland School per non udenti, in particolare seguendo la vita di McKenstry-Hall, allora uno studente senior della scuola. Il film ritrae McKenstry-Hall mentre gareggia nella squadra di football della scuola e tenta di difendere la serie di vittorie consecutive della scuola, mentre affronta la perdita di un suo caro amico per suicidio. Il film è stato ispirato dall’infanzia del regista Matt Ogens, cresciuto a un’ora dalla scuola, e dal suo rapporto con uno dei suoi amici più cari, che è sordo.

“Non ho mai voluto un film di osservazione, guardando una situazione da lontano”, ha detto Ogens in un’intervista con Variety. “Volevo raccontare la storia dal punto di vista di Amaree e dei suoi amici, raccontare la storia che volevano raccontare, amplificare le loro voci. Ero un collegamento e sapevo fin dal primo giorno che sarebbe stata un’esperienza coinvolgente”.

Lead Me Home di Pedro Kos & Jon Shenk

Paese: Stati Uniti

Anno: 2021

Regista: Pedro Kos & Jon Shenk

Produttore: Bonni Cohen, Serin Marshall e Richard Berge

Direttore della fotografia: Jon Shenk

Montaggio: Don Bernier & Pedro Kos

Musica: Gil Talmi

Durata (minuti): 39

Il film candidato agli Oscar 2022 è disponibile su NETFLIX

In Lead Me Home, le tende diventano camere da letto; i camion diventano bagni; i parchi diventano cucine. L’amore si verifica, così come il conflitto e la violenza. Le persone si costruiscono una casa ovunque vadano a finire. Quando i registi Pedro Kos e Jon Shenk hanno deciso di affrontare il tema dei senzatetto, avevano un obiettivo: umanizzare l’esperienza, in qualunque forma potesse assumere. La coppia ha deciso di raccontare le storie di persone che vivono per strada e che, se non fosse stato per una vasta serie di circostanze sfortunate (dipendenza, malattie mentali, abusi sessuali, omofobia, costi sanitari, disabilità) non vivrebbero diversamente da quelle che dormono comodamente a pochi isolati o anche a pochi piani di distanza. All’ombra dello sconfinato sviluppo immobiliare che prolifera a Los Angeles, San Francisco e Seattle, Kos e Shenk hanno filmato la vita quotidiana di più di due dozzine di soggetti in tre anni per fornire una rappresentazione spaccato di com’è vivere senzatetto in America oggi. Concepito come una sinfonia visiva in due parti girata in periodi di produzione distinti, il film apre una finestra su un mondo parallelo nascosto in bella vista e sfida il pubblico a sentire le dimensioni, la portata e la diversità dell’America senza riparo.

Pedro Kos è di Rio de Janeiro, Brasile e ha conseguito il B.A. in regia teatrale alla Yale University. Tra i suoi lavori Rebel Hearts, che ha diretto, scritto e montato per Discovery +, il documentario originale Netflix di Jehane Noujaim e Karim Amer The Great Hack nominato per un premio BAFTA. Il suo debutto alla regia Bendig the Arc (co-diretto con Kief Davidson) è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2017. Jon Shenk dirige e gira documentari da 25 anni, in precedenza ha fotografato e co-diretto tre film con il suo partner, Bonni Cohen: Athlete A (Netflix), An Inconvenient Sequel: Truth To Power e Audrie & Daisy (Netflix). Per il suo lavoro, Jon ha vinto l’Independent Spirit Award, il Pare Lorentz Award dell’IDA, il Peabody Award, un Grierson Award, un Critics Choice Award e due Emmy Awards. Nel 2008 è stato Direttore della Fotografia per Smile Pinki, vincitore dell’Oscar.

The Queen of Basketball di Ben Proudfoot

Paese: Stati Uniti

Anno: 2021

Regista: Ben Proudfoot

Produttore: Elizabeth Brooke, Abby Lynn Kang Davis, Gabriel Berk Godoi, Ben Proudfoot, Brandon Somerhalder, Sarah Stewart

Direttore della fotografia: Brandon Somerhalder

Montaggio: Stephanie Owens & Ben Proudfoot

Musica: Nicholas Jacobsen-Larson

Durata (minuti): 22

Il film candidato agli Oscar 2022 è disponibile QUI.

È stata una delle più grandi giocatrici di basket femminile. 3 trofei nazionali. Ha segnato il primo canestro nel basket olimpico femminile alle Olimpiadi del ’76. arruolata nell’NBA. Ma hai mai sentito parlare di Lucy Harris?

Ben Proudfoot, regista nominato all’Oscar e imprenditore 30 Under 30 di Forbes 2020, è il fondatore e la forza creativa di Breakwater Studios. Un tempo campione del mondo nei giochi di prestigio, Ben ora porta quello spirito di meraviglia nel realizzare film, dirigere o produrre più di cinquanta cortometraggi originali all’anno. Il nativo della Nuova Scozia guida la narrazione umanista di Breakwater attraverso mezzi documentari, narrativi e di marca. Che stia realizzando l’ultimo Breakwater Original o dirigendo una serie di documentari di marca internazionale, Proudfoot guida un team eterogeneo di artisti, artigiani, tecnologi e uomini d’affari dedicati. Proudfoot è molto ricercato per raccontare storie emotivamente commoventi e facilmente condivisibili in uno stile da documentario di breve durata che combina il meglio del cinema hollywoodiano di alta qualità. Oltre a una lunga lista di premi e riconoscimenti, successi ai festival e piazzamenti in programmi televisivi, Breakwater ha vinto un Emmy per il documentario della PBS Montage: Great Film Composers and the Piano. Il suo film originale, That’s My Jazz, è stato presentato in anteprima mondiale al Tribeca Film Festival e ha vinto un James Beard Award. Il suo lavoro ha anche ricevuto otto Vimeo Staff Picks. Nel 2021, Proudfoot è stato nominato per la 93a edizione degli Academy Awards per il suo cortometraggio A Concerto Is a Conversation, una collaborazione lanciata al Sundance con il suo amico e co-regista Kris Bowers e produttore esecutivo di Ava DuVernay. L’antologia di Proudfoot Almost Famous è stata pubblicata con il New York Times con ampi consensi. La serie profila figure adiacenti alla storia nel suo stile caratteristico di interviste intime con indirizzo diretto. Vive a Los Angeles.

Three Songs for Benazir di Elizabeth Mirzaei & Gulistan Mirzaei

Paese: Afghanistan

Anno: 2021

Regista: Gulistan Mirzaei & Elizabeth Mirzaei

Produttore: Gulistan Mirzaei, Elizabeth Mirzaei, Omar Mullick, Homayoun Noori, Jamil Rezaei

Direttore della fotografia: Elizabeth Mirzaei

Montaggio: Melanie Annan & Christoph Wermke

Musica: Qais Essar

Durata (minuti): 22

Il film candidato agli Oscar 2022 è disponibile su NETFLIX

La storia di Shaista, un giovane che, appena sposato con Benazir e che vive in un campo per sfollati a Kabul, lotta per bilanciare i suoi sogni di essere il primo della sua tribù ad arruolarsi nell’esercito nazionale afgano con la responsabilità di mettere su famiglia . Anche se l’amore di Shaista per Benazir è palpabile, le scelte che deve fare per costruire una vita con lei hanno profonde conseguenze. Vincitore di 13 premi, tra cui il Cinema Eye Honors Outstanding Nonfiction Short e il Premio del Pubblico al Clermont-Ferrand International Short Film Festival.

Gulistan ed Elizabeth hanno fondato la Mirzaei Films per essere una finestra indigena sull’Afghanistan moderno, realizzando film riconosciuti per la loro intimità, l’accesso raro e il modo in cui sfidano la percezione dell’Afghanistan. Risiedono tra la California e Kabul e hanno due figlie insieme. Al momento, stanno lavorando per aiutare la loro famiglia e i loro amici in Afghanistan.

When We Were Bullies di Jay Rosenblatt

Paese: Stati Uniti

Anno: 2021

Regista: Jay Rosenblatt

Produttore: Jay Rosenblatt

Direttore della fotografia: Kirsten Johnson, Ellie McCutcheon & Jay Rosenblatt

Montaggio: Jay Rosenblatt

Animazione: Jeremy Rourke

Musica: Nicholas Jacobsen-Larson

Durata (minuti): 36

Il film candidato all’Oscar 2022 sarà disponibile dal 30 marzo su HBO e HBO Max.

When We Were Bullies inizia con una sbalorditiva “coincidenza” di 25 anni fa che alla fine porta il regista a rintracciare la sua classe di quinta elementare (e l’insegnante di quinta elementare) per vedere cosa ricordano di un incidente di bullismo di 50 anni fa. In modo giocoso ma toccante, inizia a capire la sua complicità e la natura sfuggente della memoria.

Jay Rosenblatt è un artista riconosciuto a livello internazionale che lavora come regista indipendente dal 1980 e ha completato oltre trenta film. Il suo lavoro esplora i nostri nuclei emotivi e psicologici. Sono personali nel loro contenuto ma universali nel loro fascino. I suoi film hanno ricevuto oltre 100 premi e sono stati proiettati in tutto il mondo. Una selezione dei suoi film è stata proiettata nelle sale del Film Forum di New York e nei cinema di tutto il paese. I suoi film più recenti sono stati proiettati per una settimana al MoMA.

Ultime notizie su Oscar

Tutto su Oscar →