• Film

Sotto le stelle di Parigi: nuove clip in italiano e tutte le anticipazioni sul film di Claus Drexel

Tutto quello che c’è da sapere su Sotto le stelle di Parigi, il film di Claus Drexel su immigrazione e clochard al cinema dal 25 novembre.

Il 25 novembre arriva solo al cinema, con Officine UBU, Sotto le stelle di Parigi, il nuovo film del regista franco-tedesco Claus Drexel Da sempre attento al tema dell’immigrazione e delle disuguaglianze sociali, Drexel si è ispirato alla clochard intervistata nel suo documentario “Au Bord Du Monde” per scrivere la storia di questo film, dove il mondo sommerso dei senzatetto viene ritratto con quella purezza, sensibilità e poesia che raramente vengono accostate alla vita di strada.

La protagonista di questa fiaba metropolitana è la senzatetto Christine, splendidamente interpretata da Catherine Frot (La Signora delle Rose, Quello che so di lei, Marguerite), la cui rotine viene sconvolta dall’arrivo improvviso del piccolo Suli (Mahamadou Yaffa), un bambino di origine eritrea rimasto solo a Parigi dopo aver smarrito la madre, e che trova nella burbera clochard il suo unico punto di riferimento. Christine e Suli percorreranno insieme le vie di Parigi per ritrovare la madre del bambino, accompagnando lo spettatore nel viaggio non solo nel cuore della città ma anche nel loro, uniti dalla speranza di poter ritrovare la luce in una società ostile.

Trama e cast

La trama ufficiale: Christine (Catherine Frot) vive da molti anni per le strade di Parigi, isolata dalla famiglia e dagli amici. In una fredda notte d’inverno, un bambino di otto anni si presenta davanti al suo rifugio. Si chiama Suli (Mahamadou Yaffa), non parla la sua lingua, ed è stato separato dalla madre, che deve essere rimpatriata. Uniti dalla loro condizione marginale, i due intraprendono un viaggio emotivo e pieno di tenerezza per ritrovare la madre del bambino. Sotto le stelle di Parigi, queste due anime sole impareranno a conoscersi e Christine riscoprirà il calore di un’umanità che credeva perduta.

Il cast di “Sotto le stelle di Parigi” è completato da Mahamadou Yaffa, Jean-Hemri Compère, Richna Louvet, Raphaël Thiéry, Farida Rahouadj con la partecipazione di Dominique Frot.

Sotto le stelle di Parigi – trailer e video

Trailer italiano pubblicato il 21 novembre 2021

Prima clip in italiano pubblicata il 23 novembre 2021

Primo spot tv in italiano pubblicato il 23 novembre 2021

nuove clip in italiano pubblicate il 25 novembre 2021

Curiosità

  •  Claus Drexel (America) dirige “Sotto le stelle di Parigi” da una sua sceneggiatura scritta con Olivier Brunhes (Il miracolo) e basata sul documentario “Au bord du monde” di Drexel.
  • Il team che ha supportato il regista Claus Drexel dietro le quinte ha incluso il direttore della fotografia Philippe Guilbert (Benvenuti a casa mia), lo scenografo Pierre-François Limbosch (Le donne del 6º piano), la montatrice Anne Souriau (Il viaggio di Jeanne) e la costumista Karine Charpentier (Felicità).
  • Catherine Frot debutta sullo schermo nel 1980 in Mio zio d’America di Alain Resnais. Quando Cédric Klapisch porta la commedia Un air de famill allo schermo, Frot riprende il suo ruolo e replica il successo avuto a teatro vincendo un César nel 1997. Dopo alcuni ruoli da borghese, vira poi nelle commedie in La cena dei cretini di Francis Veber (1998), è apparsa anche in Paparazzi e poi in La Nouvelle Eve un anno dopo. Presto rivela altre sfaccettature del suo talento: dopo Chaos (2001) di Coline Serreau, prende parte alla trilogia di Lucas Belvaux (Una coppia perfetta, Dopo la vita, Rincorsa). È protagonista in La voltapagine (2006) e aggiunge nuovi ruoli alla sua galleria di donne candide e insolite (Les Sœurs fâchés nel 2005, Lezioni di felicità – Odette Toulemonde nel 2007). Nel 2012 interpreta il ruolo principale in Bowling al fianco di Mathilde Seigner. Lo stesso anno prende parte in La cuoca del presidente. Nel film, interpreta la prima cuoca all’Eliseo, scelta da François Mitterrand. Nel 2015, Catherine Frot ha raggiunto la consacrazione vincendo il César come migliore attrice per la sua interpretazione in Marguerite di Xavier Giannoli. Due anni dopo, l’attrice è coprotagonista in Quello che so di lei a fianco di Catherine Deneuve e interpreta la moglie di Christian Clavier nella commedia Un figlio all’improvviso.

Film patrocinato da Comunità di Sant’Egidio, Opera San Francesco e City Angels

La Comunità di Sant’Egidio, Opera San Francesco per i Poveri e l’Associazione City Angels, hanno accordato il patrocinio a Sotto le stelle di Parigi. Roberto Zuccolini, portavoce della Comunità di Sant’Egidio, dichiara: “Abbiamo concesso con convinzione il nostro patrocinio a Sotto le stelle di Parigi, un film che emoziona e porta gli spettatori a immedesimarsi nelle vicende di due marginali, Christine e Suli, aiutandoli a scoprire l’importanza di quei legami di cui tutti hanno bisogno per vivere.”

Fra Marcello Longhi, Presidente di Opera San Francesco dichiara: “Con piacere “accogliamo” l’uscita nelle sale di Sotto le stelle di Parigi perché ben racconta una realtà che noi di Opera San Francesco conosciamo bene a Milano. Quella dei senza dimora è una vita difficile, spesso ai limiti, ma non per questo priva di umanità e generosità. Il nostro compito, oltre che di impegnarci a migliorare la loro quotidianità, è anche quello di far emergere la loro condizione. Per questo, la pellicola di Claus Drexel è importante: perché ci pone dinanzi a una fetta di realtà”.

Il fondatore di City Angels, Mario Furlan, riguardo il legame con il film dichiara: “Siamo orgogliosi di patrocinare questo bellissimo film che ha un forte contenuto sociale e divulga messaggi positivi, di accoglienza e di amore”. I City Angels sono volontari di strada che dal 1994 aiutano senzatetto e cittadini in difficoltà in 21 città Italiane e 3 città Svizzere.

Chi è Claus Drexel?

Claus Drexel è bavarese e lavora principalmente in Francia. Dopo aver studiato scienze all’Università di Grenoble, si trasferisce a Parigi per studiare cinema. Ha diretto tre cortometraggi: C4 (1996), Max au Bloc (1998) e La Divine Inspiration (2000) interpretato da Keir Dullea (2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick). I suoi cortometraggi sono stati selezionati in oltre un centinaio di festival in tutti e cinque i continenti, e hanno ricevuto numerosi premi. Il suo primo lungometraggio, Affaire de famille (2008), con André Dussollier e Miou-Miou, ha ricevuto il First Script Trophy del CNC per la sceneggiatura, oltre a numerosi premi nei festival. Nel 2012 ha diretto la messa in scena della Passione di San Matteo di JS Bach al Cirque d’Hiver di Parigi, con Didier Sandre nel ruolo dell’evangelista. Au bord du monde, il suo documentario sui senzatetto a Parigi, è stato proiettato a Cannes 2013 (sezione ACID). Il film ha ricevuto numerosi riconoscimenti nei festival, incluso il Premio FIPRESCI a Salonicco e il premio La Croix. È stato nominato per il premio Louis-Delluc per il miglior film francese dell’anno. Télérama lo ha scelto per il suo festival presentando i migliori quindici film del 2014. Nell’autunno 2016, Claus Drexel si stabilisce in una cittadina isolata in Arizona per filmare America, documentario sulle elezioni presidenziali americane. Il film è stato distribuito da Diaphana nel 2018 ed è stato nominato per il César come miglior documentario 2019.

Intervista a cast e regista

Da dove nasce il desiderio di creare una storia su due personaggi che vivono per strada?

Claus Drexel: Dopo Au Bord Du Monde, il mio documentario sui senzatetto, pensavo a un soggetto di fantasia che testimoniasse questa realtà. Ho un profondo attaccamento per queste persone che troppo spesso vengono rappresentate con un’immagine sciatta. Volevo coltivare la loro bellezza, la loro sensibilità e la loro poesia. Catherine Frot, che era stata molto toccata da Au Bord Du Monde, mi ha contattato a quel tempo. Ben presto, lei e io, abbiamo discusso della possibilità di un progetto cinematografico che restituisse ai senzatetto questa immagine.

I migranti occupano un posto molto importante in “Sotto le stelle di Parigi”.

Claus Drexel: Prima e durante la scrittura, Olivier Brunhes e io abbiamo trascorso molto tempo con loro nelle “giungle” del nord della Francia. Fin dall’inizio abbiamo avuto l’idea di integrare questo tema nella sceneggiatura, perché ci sembrava impossibile parlare di grande esclusione all’inizio del 21° secolo, senza menzionare la crisi migratoria. Ci ha particolarmente colpito una donna accompagnata dai suoi figli molto piccoli. Ci siamo chiesti cosa sarebbe successo a loro se fossero stati improvvisamente separati dalla loro madre. Da lì è nato il personaggio di Suli (Mahamadou Yaffa), il ragazzino che si ritrova tutto solo e che trova in Christine il suo unico punto di riferimento.

I migranti occupano un posto molto importante nel film.

Claus Drexel: Prima e durante la scrittura, Olivier Brunhes e io abbiamo trascorso molto tempo con loro nelle “giungle” del nord della Francia. Fin dall’inizio abbiamo avuto l’idea di integrare questo tema nella sceneggiatura, perché ci sembrava impossibile parlare di grande esclusione all’inizio del 21° secolo, senza menzionare la crisi migratoria. Ci ha particolarmente colpito una donna accompagnata dai suoi figli molto piccoli. Ci siamo chiesti cosa sarebbe successo a loro se fossero stati improvvisamente separati dalla loro madre. Da lì è nato il personaggio di Suli (Mahamadou Yaffa), il ragazzino che si ritrova tutto solo e che trova in Christine il suo unico punto di riferimento.

Da dove nasce il tuo interesse per le persone più povere?

Claus Drexel: Non sai mai veramente perché ti avvicini a un argomento. Ma due cose mi toccano nel profondo. Da un lato, il fatto che le ricchezze che ci sono state offerte dalla terra sono sempre più monopolizzate da un piccolo gruppo di uomini prepotenti che sono, inoltre, molto orgogliosi di esserlo. E, dall’altra parte, sono sconvolto dai pregiudizi, dal fatto di dire che i poveri, i disoccupati, i senzatetto, le prostitute, ecc. sono tutti uguali. Mia figlia una volta ha detto a qualcuno: “Mio padre fa film per cercare di capire le persone che non capiamo”. Questa frase mi ha illuminato sul mio passo che era stato, fino a quel momento, inconsapevole. Volevo conoscere queste persone che incontravo per strada o in metropolitana e che non avevano voce se non attraverso quelle delle associazioni che si occupano di loro. Volevo passare del tempo con loro e ho impiegato più di un anno del mio tempo personale per farlo. Li ho filmati: i senzatetto hanno segnato il mio ingresso nel documentario e hanno dato una nuova direzione al mio lavoro di regista.

Nel film recitano anche molti attori non professionisti…

Claus Drexel: Volevo coinvolgere persone della strada che conoscevo per interpretare i loro ruoli. Ma non è sempre facile fissare un appuntamento preciso con persone che vivono totalmente al di fuori dei ritmi della società moderna. Quindi, ciò che è possibile fare nei documentari (dove puoi adattarti alla buona volontà delle persone che stai filmando), non è sempre possibile nella finzione, dove governano i vincoli dei piani di lavoro. Ci siamo quindi avvicinati ai circoli teatrali creati per i senzatetto, quello di Emmaus in particolare. Sono dei senzatetto, ma sono abituati a frequentare regolarmente un circolo teatrale. Quindi sapevamo che sarebbero venuti nelle date che avevamo fissato per loro. La colazione di Saint-Leu, invece, è stata girata interamente con gli utenti reali, perché abbiamo avuto la possibilità di girare durante una vera distribuzione di pasti. La gente quindi era già lì. Abbiamo solo suggerito a chi volesse partecipare al film di rimanere più a lungo e di collaborare con noi.

Come ha conosciuto Claus Drexel?

Catherine Frot: Sono stata travolta da Au Bord Du Monde, il suo documentario. Sono andata a vedere il film diverse volte, ci ho portato degli amici. Ho scoperto che Claus aveva trovato il giusto sguardo per raccontare le vite di queste persone di strada; mi piaceva la sua sensibilità, il suo modo di girare. L’ho chiamato per congratularmi con lui e per chiedergli se fosse d’accordo che io usassi alcune delle testimonianze che aveva raccolto per scrivere un testo per il teatro. Lui invece mi ha proposto di farne un film.

Come ha conosciuto Claus Drexel?

Catherine Frot: Sono stata travolta da Au Bord Du Monde, il suo documentario. Sono andata a vedere il film diverse volte, ci ho portato degli amici. Ho scoperto che Claus aveva trovato il giusto sguardo per raccontare le vite di queste persone di strada; mi piaceva la sua sensibilità, il suo modo di girare. L’ho chiamato per congratularmi con lui e per chiedergli se fosse d’accordo che io usassi alcune delle testimonianze che aveva raccolto per scrivere un testo per il teatro. Lui invece mi ha proposto di farne un film.

Vi siete trovati subito d’accordo sul tipo di rapporto che il tuo personaggio instaura con Suli?

Catherine Frot: Abbiamo condiviso lo stesso interesse per Christine, una delle eroine del documentario, pur volendo allontanarcene nel film. Claus, che all’epoca trascorreva molto tempo con i migranti nelle giungle di Calais, ha avuto l’idea di Suli, un migrante, anche lui sperduto e solo. Da lì, l’ho lasciato andare avanti nella sceneggiatura con Olivier Bruhnes. Ci incontravamo regolarmente per riflettere insieme, ma quella restava la loro sceneggiatura.

Non ha mai interpretato un ruolo come questo, come si è preparata?

Catherine Frot: Per me era importante parlare di povertà. Dare una dimensione drammatica a questa donna è stata una forma di omaggio. Ho incontrato molte volte alcune persone che avevano testimoniato nel documentario di Claus; ho frequentato i luoghi che li accolgono: la chiesa di Saint-Leu, al 1° arrondissement, il Camres, verso la Gare de l’Est, “La Moquette” in rue Gay Lussac. Mi ha aiutato a entrare nel mondo in cui vive Christine.

Stilisticamente, il personaggio si allontana dai senzatetto che incontri per strada…

Catherine Frot: vero che le donne in questa situazione differiscono poco da quelle che hanno un tetto sopra la testa: sono spesso ritrose, molto discrete – lo si vede benissimo in LE INVISIBILI di Louis-Julien Petit- ma, in Au Bord Du Monde, avevo notato anche personalità meno comuni, con oggetti preziosi e gioielli dorati. Volevo un grande cappotto nero con cappuccio. Mi ricordava i dipinti italiani, le raffigurazioni dei racconti di streghe dei fratelli Grimm; una rappresentazione della povertà molto lontana dalla realtà odierna. La Christine nel film doveva ricordare un dipinto.

Ci racconti dei senzatetto con cui ha lavorato…

Catherine Frot: Con loro era tutto semplice, conoscevano un po’ di storia e sapevano perché erano lì. Claus, che li conosceva bene, lasciava che si esprimessero e dicessero quello che volevano. E ha ripreso tutte queste sequenze durante il montaggio.

La colonna sonora

  •  Le musiche originali di “Sotto le stelle di Parigi” sono del compositore Valentin Hadjadj (Girl, Rialto).

TRACK LISTINGS:

1. Sous les étoiles de Paris
2. L’apparition
3. Sur les quais
4. Voyage en hiver
5. Les bois de Schubert
6. Aux marches de Montmartre
7. Kaleidoscope
8. Direction Roissy
9. De toute urgence
10. La séparation
11. Générique

La colonna sonora è disponibile su Amazon.

Foto e poster

Foto: Carole Bethuel