• Film

Contagion: Steven Soderbergh lavora ad un sequel “filosofico”

Steven Soderbergh conferma di avere in cantiere un sequel del suo thriller “Contagion” del 2011, ma non sarà un sequel diretto.

In molti si sono stupiti su quanto il Contagion di Steven Soderbergh abbia raccontato quasi dieci anni prima una storia simile a quella vissuta in tutto il mondo nel 2020 durante la pandemia COVID-19, non per niente il film è stato tra i più visti in streaming durante il lockdown. In realtà alla stregua delle “profetiche” parole di Bill Gates in un video diventato virale su un moderno nemico di stampo pandemico che avrebbe fatto più vittime di una guerra, in quel caso il nemico era l’Ebola, sono decenni che si avvicendano virus che vengono scoperti, circoscritti e studiati, ma era prevedibile che prima o poi ne arrivasse uno che si diffondesse per via aerea e ci trovasse inesorabilmente impreparati.

Quindi esclusi poteri alla Nostradamus e complotti da serie tv, il Covid-19 ha fatto la sua comparsa e di fatto ha messo in ginocchio il mondo colpendo sia la salute che l’economia globale, e ora dopo che già diversi registi hanno esplorato storie sullo sfondo di questa pandemia globale, vedi il Songbird prodotto da Michael Bay o la commedia con rapina Lockdown di Doug Liman, poteva mancare un sequel al “Contagion” di Soderbergh?

Secondo una recente intervista sul podcast Happy Sad Confused, a Soderbergh è stato chiesto se ci sia un sequel in lavorazione per “Contagion”. Soderbergh ha risposto che c’è un sequel a cui lui e Scott Z. Burns, il suo partner di scrittura per “Contagion” stanno lavorando, ma si tratta di un nuovo progetto che potrebbe essere visto come “collegato” al thriller del 2011, quindi è escluso che vedremo un sequel diretto di “Contagion”.

Non un sequel in senso letterale. Ho un progetto in fase di sviluppo a cui Scott Burns sta lavorando con me, che è una sorta di sequel filosofico di ‘Contagion’, ma in un contesto diverso. Li guarderai come se fossero appaiati, ma con colori di capelli molto diversi. Quindi Scott e io stavamo parlando: “Allora qual è la prossima iterazione di una storia tipo “Contagion “? Ci abbiamo lavorato; probabilmente dovremmo ancora lavorarci di gran carriera.

Nella stessa intervista, il regista parla anche di due nuovi film in lavorazione, ma non entra nel dettaglio. Pare che sia in attesa del via libera e dell’approvazione del budget, ma Soderbergh sembra molto ottimista e spera di iniziare le riprese del primo dei due progetti entro primavera del 2021.

Spero che entro la primavera le cose cambieranno in una misura tale che il livello dei protocolli COVID per la produzione sia stata ridotta un po’.

Nel frattempo Soderbergh sta ultimando No Sudden Move per HBO Max e il regista è anche tra i produttori della cerimonia degli Oscar 2021.

Fonte: Screenrant

I Video di Cineblog