Ti mangio il cuore: riprese in corso dell’esordio al cinema della cantante Elodie

Si gira in Puglia “Ti mangio il cuore” di Pippo Mezzapesa, esordio al cinema di Elodie basato sul libro-inchiesta di Carlo Boniniì e Giuliano Foschini.

Riprese in corso in Puglia per Ti Mangio il cuore, il nuovo film del regista Pippo Mezzapesa (Il paese delle spose infelici) descritto come “un gangster movie e una grande, tragica storia d’amore”.

Protagonisti del film Elodie, la cantante ed ex concorrente del talent Amici di Maria de Filippi al suo esordio come attrice, affiancata per l’occasione da Francesco Patanè al suo secondo lungometraggio, l’attore ha recentemente recitato al fianco di Sergio Castellitto del film biografico Il Cattivo Poeta, ruolo che gli è valso una candidatura ai Nastri d’argento per il migliore attore non protagonista.

Il team che affianca il regista Pippo Mezzapesa dietro le quinte include il direttore della fotografia Michele D’Attanasio, lo scenografo Daniele Frabetti, la costumista Ursula Patzak e il montatore Giogiò Franchini.

Trama e cast

La trama ufficiale: Puglia, dimenticati da Dio gli altopiani del Gargano sono contesi da criminali che sembrano venire da un tempo remoto. Una terra da far west, in cui il sangue si lava con il sangue. A riaccendere l’odio tra due famiglie rivali, un amore proibito: quello tra Andrea, erede dei Malatesta, e Marilena, la bellissima moglie del boss dei Camporeale. Una passione impossibile da estirpare che travolge la ragione e riaccende la guerra tra i clan.

Accanto ai protagonisti Elodie e Francesco Patané nel cast anche Lidia Vitale, Francesco Di Leva, Tommaso Ragno, Giovanni Trombetta, Letizia Cartolaro, Michele Placido e Brenno Placido.

Note di regia

Ti mangio il cuore contiene materia ad alta temperatura. Amore, morte, criminalità, riti e impossibile redenzione in un meridione oscuro e misterioso. Tutti elementi magnetici che ho deciso di raccontare in bianco e nero, perché da subito ho sentito che erano questi i colori di una storia contemporanea, eppure così profondamente ancestrale nei sentimenti, negli atti, nelle sentenze. [Pippo Mezzapesa]

Elodie è forza, istinto, bellezza. Quello che cercavo per un personaggio all’incrocio bruciante dei sentimenti. Sono felice che cominci con me questo nuovo percorso. [Pippo Mezzapesa]

Quest’esperienza significa abbattere un altro muro e darmi la possibilità di scoprire un mondo per me ancora inesplorato, crescere, conoscermi meglio e continuare a imparare. Sono emozionata e onorata di prendere parte al nuovo progetto di Pippo Mezzapesa. [Elodie]

Il libro originale

La sceneggiatura di “Ti mangio il cuore” firmata da Antonella Gaeta, Pippo Mezzapesa e Davide Serino è basata sull’omonimo libro-inchiesta di Carlo Bonini (ACAB, Suburra) e Giuliano Foschini (Jihadisti italiani. Le storie, le intercettazioni, i documenti segreti dell’Isis in Italia) edito da Giangiacomo Feltrinelli Editore.

La sinossi ufficiale del libro: Da tempo in Italia non esistono più soltanto la mafia siciliana, la camorra e la ‘ndrangheta. C’è una quarta mafia, che oggi è la meno raccontata e conosciuta. Nelle terre che si estendono dal Gargano a San Severo, da Manfredonia fino a Cerignola, comandano le famiglie della Società foggiana e i Montanari del Promontorio. I loro tentacoli sono ormai estesi in un enorme giro d’affari internazionale. La loro violenza è arcaica e bestiale. Dagli anni Settanta a oggi gli omicidi sono stati 360, l’80 per cento dei quali è rimasto irrisolto. Una mattanza che ha fatto decine di morti e ha il suo motore nella cruenta faida decennale tra due famiglie. Quella di Carlo Bonini e Giuliano Foschini è un’inchiesta che, intrecciando atti giudiziari, testimonianze di investigatori, magistrati e vittime di questo inferno, si fa racconto drammatico, popolato da personaggi indelebili.

Pippo Mezzapesa è sceneggiatore e regista di quattro lungometraggi: Pinuccio Lovero – Sogno di una morte di mezza estate (2007, Festival di Venezia – SIC e in concorso ufficiale all’IDFA – Amsterdam), Il paese delle spose infelici (2011, Festival del Cinema di Roma – Concorso Ufficiale), Pinuccio Lovero – Yes I can (2012, Festival del Cinema di Roma – Prospettiva Italia), Il bene mio (2018, Festival di Venezia – Giornate degli Autori, premio del pubblico al Festival di Villerupt e candidato a due Globi d’Oro).

Girato in bianco e nero, “Ti mangio il cuore” è prodotto da Indigo Film con Rai Cinema, con il supporto logistico di Apulia Film Commission.

Foto: Sara Sabatino / Facebook

Ultime notizie su Film Italiani

Tutto su Film Italiani →