White Noise: trama e anticipazioni del film con Adam Driver che aprirà Il Festival di Venezia 2022

Tutto quello che c’è da sapere su “White Noise”, il film di Noah Baumbach con Adam Driver che aprirà il Festival di Venezia 2022.

White Noise, il nuovo film del regista Noah Baumbach con Adam Driver e Greta Gerwig sarà il film di apertura, in Concorso, della 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, diretta da Alberto Barbera (31 agosto – 10 settembre 2022). Si tratta del ritorno al Lido di Noah Baumbach, dopo aver presentato Storia di un matrimonio nel 2019.

“È un grande onore aprire la 79. Mostra di Venezia con “White Noise” – dichiara il Direttore Alberto Barbera – Valeva la pena di aspettare per avere la certezza che il film fosse finito in tempo. Adattata dal grande romanzo di Don DeLillo, Baumbach ha realizzato un’opera originale, ambiziosa e avvincente, che gioca con misura su più registri: drammatico, ironico, satirico. Il risultato è un film che esamina le nostre ossessioni, i dubbi e le paure radicate negli anni ’80, ma con riferimenti molto chiari alla realtà contemporanea.”

“È davvero meraviglioso tornare alla Mostra di Venezia – dichiara Noah Baumbach – ed è un incredibile onore portare White Noise come film della serata di apertura. Questo è un luogo che ama tanto il cinema, ed è un’emozione e un privilegio unirsi agli incredibili cineasti che hanno presentato qui i loro film”.

“White Noise” sarà proiettato mercoledì 31 agosto 2022 nella Sala Grande del Palazzo del Cinema (Lido di Venezia), nella serata di apertura della 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. White Noise è distribuito da Netflix.

Trama e cast

La trama ufficiale: Allo stesso tempo esilarante e terrificante, lirico e assurdo, ordinario e apocalittico, “White Noise” racconta i tentativi di una famiglia americana contemporanea nell’affrontare i conflitti mondani della vita quotidiana, alle prese con i misteri universali dell’amore e della morte, e la possibilità della felicità in un mondo incerto.

“White Noise” è interpretato da Adam Driver, Greta Gerwig, Don Cheadle, Raffey Cassidy, Sam Nivola, May Nivola, Jodie Turner-Smith, André L. Benjamin e Lars Edinger.

Curiosità

  • Il regista Noah Baumbach dirge “White Noise” da una sua sceneggiatura basata sul libro “Rumore Bianco” di Don DeLillo.
  • Questa è la prima volta che Noah Baumbach scrive e dirige un adattamento da libro a schermo, ed è solo il suo secondo adattamento dopo aver scritto con Wes Anderson la sceneggiatura di Fantastic Mr. Fox (2009).
  • Lol Crawley (Le strade del male) è intervenuto come direttore della fotografia dopo che Noah Baumbach ha licenziato l’originale DOP Michael Seresin (The War – Il pianeta delle scimmie).
  • Sia Barry Sonnenfeld che Michael Almereyda sono stati assegnati alla regia prima di Noah Baumbach.

Chi è Noah Baumbach?

Noah Baumbach (Regista/Sceneggiatore/Produttore) nato a Brooklyn, New York è figlio di due critici cinematografici, Georgia Brown e Jonathan Baumbach (anche lui scrittore). I suoi studi al Vassar College sono stati oggetto del suo primo film (realizzato a 26 anni), Scalciando e strillando (1995). Il suo secondo film, realizzato dieci anni dopo, Il calamaro e la balena (2005), è un’altra storia autobiografica al tempo in cui i suoi genitori si separarono. Raccontare questo trauma passato e le sue conseguenze è valso a Noah una selezione al Sundance Film Festival, tre nomination ai Golden Globe e una nomination all’Oscar per la migliore sceneggiatura. Da quel momento in poi la sua carriera ha preso il via e la sua produzione diventa più regolare con Il matrimonio di mia sorella (2007) con Nicole Kidman e sua moglie Jennifer Jason Leigh, Lo stravagante mondo di Greenberg (2010), girato a Los Angeles, con Ben Stiller e Greta Gerwig. Tornato a New York, dove vive, è stato il regista (e coautore con la sua attrice principale, Greta Gerwig) del successo Frances Ha (2012). Oltre a dirigere film, Baumbach ne scrive alcuni con Wes Anderson, un suo buon amico, ed è autore di colonne umoristiche sul New Yorker. Altri titoli del regista includono Mistress America, The Meyerowitz Stories, Storia di un matrimonio (candidato a due premi Oscar, miglior film e miglior sceneggiatura) e De Palma, un documentario sullo scrittore e regista Brian De Palma.

Il romanzo originale

Don DeLillo pubblica il suo primo romanzo nel 1971, Americana. Nel 1972 pubblica End Zone e l’anno successivo Great Jones Street che narra di un artista rock ritiratosi a vivere in un ambiente spoglio. Alla fine degli anni settanta intraprende un lungo viaggio formativo in Medio Oriente e in India; successivamente si trasferisce in Grecia, dove vive per tre anni e scrive il suo ottavo romanzo, il thriller psicologico I nomi. Torna quindi negli Stati Uniti dove scrive Rumore bianco (White Noise) con cui, nel 1985, vince il National Book Award. Viene ascritto al cosiddetto postmodernismo insieme a Thomas Pynchon, David Foster Wallace e Paul Auster. Osservatore acuto della società americana nel passaggio di millennio e del suo immaginario collettivo, descrive la realtà che lo circonda con una scrittura in cui racconta la società attraverso i media, la religiosità, i riti profani e le liturgie della politica comprese di intrighi tesi alla conquista del potere.

 

La sinossi ufficiale del romanzo: Il “rumore bianco” del titolo è il suono che ossessiona il protagonista del romanzo: forse è una semplice emissione della “partitura panasonica” in cui siamo immersi ogni giorno, oppure un minaccioso messaggio in codice. Jack Gladney, studioso di Hitler e direttore di un dipartimento di studi hitleriani nella sua università, tiene un corso sul fascino ipnotico esercitato dai discorsi del Fuhrer, dai canti e dagli inni del Terzo Reich; e finisce per calarsi nella materia delle sue ricerche al punto di ricavarne una specie di nicchia da cui non vuole più uscire. Il romanzo è appunto lo studio di questa perversione. Sino al giorno in cui una nuvola di gas tossico lo costringe a uscire dal suo rifugio…

Il romanzo “Rumore Bianco” di Don DeLillo è disponibile su Amazon.

Ultime notizie su Festival di Venezia

Tutto su Festival di Venezia →