Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ

Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ

Sylvester Stallone è nei cinema con I Mercenari (The Expendables, qui la nostra recensione). Stallone non è solo muscoli, ha ideato due dei miti di Hollywood: Rocky e Rambo, è regista e anche sceneggiatore, ha fatto guadagnare miliardi ad Hollywood... Eppure... Il ragazzone parla a cuore aperto con Michael Hainey di GQ in questa intervista di cui vi regaliamo qualche estratto.

Michael Hainey incontra Stallone nel suo ufficio, al secondo piano di un edificio di Beverly Hills. Trova l'attore in piedi, dietro la scrivania, indossa pantaloni neri, una camicia a maniche corte rosa pallido e gli occhiali con lenti color lavanda. Sulla parete dietro la scrivania c'è una copia della prima pagina del New York Post del 29 marzo 1977. C'è una foto di Stallone con i produttori di Rocky, dopo aver vinto l'Oscar per il miglior film. Il titolo è Rocky KO's Hollywood.

Cominciamo con Rocky. Mia madre mi portò a vedere il film e fu proprio mitico per me. Ha fatto la differenza nella mia vita.
Ha certamente fatto la differenza nella mia! Ci ho lavorato su con istinto.

Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ

Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ


Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ

Sai che cosa hai in comune con Charlie Chaplin e Orson Welles?
Uhm cosa? La dieta mediterranea?

Voi siete stati gli unici tre nominati agli Oscar, nello stesso anno, per il miglior attore e miglior sceneggiatore.
Chaplin mi ha scritto dopo Rocky. Tre persone mi hanno scritto... che non ho mai dimenticato. Uno era il presidente, il secondo è stato Chaplin, e il terzo è stato Frank Capra.

Che cosa ha detto Chaplin?
Chaplin disse: "Mi piacerebbe vedervi in Svizzera". E sapete una cosa? Non sono mai andato. Pochi mesi dopo era morto. La stessa cosa con Elvis.

Ti ha scritto anche Elvis?
Mi chiamò e disse: "Mi piacerebbe proiettare Rocky. Prenderemo in affitto il teatro a Memphis e guarderemo il film." Non andai. Ero timido, che ci crediate o meno. Ora dico ai miei figli "Prendete le occasioni quando vi vengono offerte!"

Hai rimpianti?
Tonnellate. Questo è il carburante che mi fa andare avanti. Non è il successo, non è il denaro. Sono i rimpianti. (...) Ammiro molto Eastwood. Ha iniziato come un dilettante ed è diventato un autore. Mi dispiace di non aver aderito alle opportunità che si sono presentate, perché avrei potuto fare tante cose.

Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ

Clint controlla il proprio destino.
Clint, credo, è anche molto intelligente dietro le quinte, per mantenere relazioni.

Nel mondo dello spettacolo, vuoi dire?
Yeah. Come il migliore del mondo che è Arnold. Non c'è nessuno al mondo come Arnold Schwarzenegger. E' un fenomeno. E' brillante. Non cammina in giro come un professore universitario, ma è intelligente.

Parliamo di Rambo... c'è un momento anche ne I Mercenari in cui si fa violenza verso le donne. Senti una responsabilità per questo?
No. L'unica cosa che cerco di inculcare nelle mie figlie è che è molto facile essere una vittima. La gente dice: "Stai portando via la loro innocenza." No. Voglio solo mostrare loro che questo mondo non è Beverly Hills. Non voglio che passino per New York City alle 3 del mattino e pensare che tutti sono amici. Se mai ho trattato con indifferenza la violenza in Rambo. La violenza è talmente orrenda che se avessi messo giù la realtà, sarei stato considerato un incubo.

Con Rocky e Rambo hai catturato la tensione che c'è negli uomini: romantico, padre di famiglia ma anche rabbioso.
Quando vedo i crimini perpetrati contro i bambini... sono preso dal panico. Se fosse accaduto a mio figlio... non riesco nemmeno a capacitarmi del male che sentirei. Non capisco come la società può dire: "Porgi l'altra guancia". Io rimuoverei l'altra guancia!

La tua carriera è decollata poco dopo che John Wayne è morto.
Ho una foto, io e lui insieme. Ero, credo, ai People's Choice Awards. Ero incredibilmente nervoso e tutto ad un tratto questo grosso tipo attraversa la stanza: è John Wayne! Ohmiodio! Mi dice: "Ho voluto presentarmi. Il mio nome è John Wayne. Benvenuto a Hollywood." Io ero nessuno. Zero!

Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ

Qual è la parte più difficile di essere una "stella d'azione"?
I film d'azione sono liquidati come "riempitivo", quando in realtà essi forniscono il denaro per i "film d'arte" da finanziare. E quando arriva il momento di dare riconoscimento, il film d'azione viene respinto... Ed è molto difficile fare un buon film d'azione.

Ma quanti soldi pensi di aver fatto per Hollywood?
Beh, ci sono due modi per metterlo giù. Rocky era 1,70 dollari al biglietto, e ha fatto $ 120 milioni. Ora, se si moltiplica il prezzo di oggi, 7 dollari un biglietto, avrebbe fatto 800 milioni di dollari per gli standard di oggi. E questo senza DVD. Direi intorno ai 1.6...?

Miliardi di Euro?
Qualcosa del genere.

Sei un uomo religioso?
Sono piuttosto spirituale; credo molto nello spirito dell'uomo. Non sono certo un ateo... Sono cattolico battezzato, ma non appartengo ad una chiesa.

Quale film ti ha influenzato da bambino?
Quello che ha cambiato la mia vita è stato Ercole con Steve Reeves.

Hai un mantra?
"Essere realista, conoscere i tuoi limiti. Non puoi essere migliore di quello che sei". Molte persone, e anche io l'ho fatto, hanno oltrepassato le rispettive capacità, e quindi hai questo incredibile senso di rifiuto e di rabbia. E l'altro è: "Ascolta la tua voce interiore".

Scrivi ancora poesie?
Le scrivo soprattutto per mia moglie. Ho volumi di poesie.

Tu non sei un tipo violento...
[Ride] No, non lo sono. Mi arrabbio solo quando l'onore è stato respinto o tradito. So che può sembrare banale, ma quando sei tradito... Mio Dio, è così profonda, quella ferita. Mi identifico con le persone che sono state tradite da qualcuno che hanno amato. Non c'è niente di peggio.

Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ
Sylvester Stallone come Chaplin e Orson Welles: l'intervista di GQ

Sei un romantico.
Yeah!

Minaccioso...
Non è affatto vero. Questo è il personaggio che interpreto. Ma sì, io sono un romantico senza speranza.

Hai creato tu il guardaroba di Rocky?
Quello era il mio guardaroba! Ce l'ho ancora a casa. Yeah! Ho comprato il cappotto quando avevo 19 anni e vivevo a Philadelphia. L'ho comprato a EJ Korvette per $ 32.

Nella galleria trovate foto e poster tratte da I Mercenari, Rocky e Rambo.

  • shares
  • +1
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: