Exodus: Christian Bale sarà Mosè per Ridley Scott?

Due film su Mosè in poche ore. Perché se questa mattina segnalavamo l'addio di Steven Spielberg al progetto Warner Bros. Gods and Kings, a favore di Ang Lee, ecco arrivare in serata la risposta della Fox con Exodus, da tempo annunciato biopic firmato Ridley Scott.

Secondo quanto riportato da Deadline, infatti, Christian Bale sarebbe stato pesantemente corteggiato sia dalla major che dal regista, che vorrebbero lui e solo lui sul set. Inizialmente sceneggiato da Adam Cooper e Bill Collage, Exodus potrebbe improvvisamente spingere sull'acceleratore produttivo, a causa delle mosse odierne della Warner, 'costretta' ad intervenire dopo la fuga misteriosa di Steven Spielberg.

Riscritto da Steve Zaillian, che ha collaborato con Scott in American Gangster, lo script sarebbe ormai pronto, tanto da poter riportare Ridley nuovamente sul set una volta uscito The Counselor, dramma con Michael Fassbender, Jeremy Renner, Brad Pitt, Javier Bardem e Natalie Portman protagonisti. E Prometheus 2? Altra storia.

Dovendo però incrociare progetti ed agende, c'è da dire che Bale si appresta a tornare sul set con David O. Russell, grazie ad un drammone al momento senza titolo per la Sony Pictures. Al suo fianco troveranno spazio Bradley Cooper, Jennifer Lawrence, Amy Adams, Jeremy Renner e Louis CK, per una pellicola che potrebbe portargli via almeno un due mesi di lavoro. Solo a quel punto l'attore Premio Oscar per The Fighter potrebbe indossare i panni di Mosè, rilanciato in grande stile ad Hollywood anche dal boom di ascolti della miniserie sulla Bibbia prodotta da History Channel.

Di progetti biblici in sala ne vedremo a bizzeffe nei prossimi anni, tanto da mettere in scena una vera e propria guerra tra major rivali, quasi costrette ad anticipare la concorrenza. Nel 1956, indimenticabile, il più grande adattamento biblico di tutti i tempi, con I Dieci Comandamenti di Cecil B. DeMille.

Fonte foto: GettyImage

  • shares
  • Mail