Il Corvo, battaglia legale sui diritti del remake

Ancora guai in vista per l'annunciato remake de Il Corvo.

the-crow-header2.jpg

Sono anni, ormai, che ad Hollywood si parla di un remake de Il Corvo. Pochi mesi fa Corin Hardy aveva fatto sua la regia, se non fosse che il fallimento della Relativity Media abbia portato Dana Brunetti a scaricarlo, senza però prima consultarsi non solo con lui ma anche, se non soprattutto, con il produttore Edward Pressman. Ecco perché la Edward R. Pressman Film Corporation, che ha prodotto la storica prima versione cinematografica del fumetto, all'epoca diretta da Alex Proyas, ha presentato i documenti in tribunale per negare alla Relativity la possibilità di dar vita ad un prequel, remake, reboot o sequel del film.

Pressman aveva opzionato i diritti nel 2009, per poi estenderli nel 2014 e dare allo studios 3 anni per avviare la produzione della pellicola. La rottura improvvisa con Hardy, dice oggi Pressman, ha di fatto violato l'accordo iniziale con la Relativity. La telenovela The Crow, iniziata nel 2012, prosegue quindi senza soste. Nei panni che furono di Brandon Lee si sono avvicinati nel corso di 36 mesi Tom Hiddleston, James McAvoy, Luke Evans ed infine Jack Huston, a breve in sala con Ben-Hur. F. Javier Gutiérrez, dal 2012 al 2014 sicuro della regia, ha poi passato la palla ad Hardy, ora scaricato ufficialmente. Quel che avverrà de Il Corvo, in origine fumetto ideato da James O'Barr, rimane a questo punto un gigantesco punto di domanda.

A sceneggiare questo chiacchierato remake, almeno fino ad oggi, Cliff Dorfman, con lo stesso O'Barr coinvolto in qualità di consulente creativo. Celebre la trama: Un anno dopo essere stato assassinato con la sua ragazza, un chitarrista rock esce dalla tomba. Invulnerabile e scortato da un corvo, si accinge a una vendetta che ha per scopo la morte dei suoi assassini e per traguardo la riunione definitiva nell'aldilà con l'amata.

Fonte: Comingsoon.net

  • shares
  • Mail