Cannes 2016: tutti i film della selezione ufficiale

Nessun italiano in Concorso, uno in Un Certain Regard, ossia Stefano Mordini. L'imminente Festival di Cannes promette comunque scintille per via di un programma sulla carta notevole, che addirittura lascia fuori alcuni nomi illustri. Ecco tutti i film della Selezione Ufficiale

cannes_2016.jpg

È tempo di numeri. 1869 visti; 20 in Concorso; 17 in Un Certain Regard; 5 Fuori Concorso; 5 proiezioni speciali; 2 proiezioni di mezzanotte; 7 debutti. Il palinsesto dell'edizione 2016 del Festival di Cannes segna intanto un piccola inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni: per la prima volta l'anno pari, sulla carta, sembra essere più promettente dell'anno dispari. E come credere diversamente, quando in Concorso hai PARK Chan work, Assayas, Jarmush, Refn, Dolan, Verhoeven, Puiu, Mendoza, Almodovar, Loach, Dumont, Dardenne e via discorrendo?

Certo, non mancano gli assenti illustri: su tutti, basti citare Farhadi, Kurosawa, Bellocchio e Larrain. E qui ci ricolleghiamo subito ad un aspetto che salta subito all'occhio, almeno al nostro, ossia l'assenza di film italiani. Il già citato Bellocchio fino a ieri sembrava essere dentro col suo Fai bei sogni, protagonista Bérénice Bejo. Nulla da fare. Alla fine tra i Paesi europei maggiormente rappresentati (dopo la Francia, s'intende) spicca invece la Romania, che porta il veterano Mungiu e l'atteso Puiu. Interessante la situazione in Un Certain Regard, in cui figura Kore-Eda Hirokazu, fino all'anno scorso in Concorso con Little Sister, e dove, qui sì, troviamo un italiano, Stefano Mordini, che porta Pericle il Nero.

Arduo invece bissare un Fuori Concorso del calibro della passata edizione, sebbene Il gigante gentile di Steven Spielberg e Money Monster di Jodie Foster non lascino affatto indifferenti. Tra le proiezioni di mezzanotte e quelle speciali, un altro film di Jim Jarmush, che sale a due, e La mort de Louis XIV del catalano Albert Serra, atteso dopo il Pardo d'Oro di tre anni fa grazie a Historia de la meva mort. Di seguito tutti i film.

Film d'apertura

Cafe Society – di Woody Allen

Concorso

Toni Erdmann – di Maren Ade

Julieta – di Pedro Almodovar

American Honey – di Andrea Arnold

The Unknown Lady – di Jean-Pierre e Luc Dardenne

Personal Shopper – di Olivier Assayas

It’s Only The End Of The World – di Xavier Dolan

Ma Loute – di Bruno Dumont

Paterson – di Jim Jarmusch

Rester Vertical – di Alain Guiraudie

Aquarius – di Kleber Mendonca Filho

Mal de Pierres – di Nicole Garcia

I, Daniel Blake – di Ken Loach

Ma’Rosa – di Brilliante Mendoza

Loving – di Jeff Nichols

Bacalaureat – di Cristian Mungiu

Agassi – di Park Chan-Wook

The Last Face – di Sean Penn

Sieranevada – di Cristi Puiu

Elle – di Paul Verhoeven

The Neon Demon – di Nicolas Winding Refn

The Salesman - di Asghar Farhadi

Un Certain Regard

Varoonegi – di Behnam Behzadi

Apprentice – di Boo Junfeng

Voir Du Pays – di Delphine Coulin e Muriel Coulin

La Danseuse – di Stephanie Di Giusto

Clash – di Mohamed Diab

La Tortue Rouge - di Michael Dubok de Wit

Fuchi Bi Tatsu – di Fukada Koji

Omar Shakhsiya – di Maha Haj

Me’Ever Laharim Vehagvaot – di Eran Kolirin

After The Storm – di Kore-Eda Hirokazu

Hymyileva Mies – di Juho Kuosmanen

La Large Noche de Francisco Sanctis – di Francisco Marquez e Andrea Testa

Caini – di Bogdan Mirica

Pericle Il Nero – di Stefano Mordini

The Transfiguration – di Michael O’Shea

Captain Fantastic – di Matt Ross

Uchenik – di Kirill Serebrennikov

Fuori Concorso

Il gigante gentile – di Steven Spielberg

Money Monster – di Jodie Foster

The Nice Guys – di Shane Black

Gok Sung – di Na Hong-Jin

Proiezioni di mezzanotte

Gimme Danger – di Jim Jarmusch

Train to Busan – di Yeon Sang-Ho

Proiezioni speciali

Hissein Habré, A Chadian Tragedy - di Mahamat-Saleh Haroun

Exil - di Rithy Panh

A Chad Tragedy – di Mahamat-Saleh Aroun

The Death of Louis XIV – di by Albert Serra

L’Ultima Spiaggia – di Thanos Anastopolous e Davide Del Degan

Concorso Cortometraggi

Lotfi ACHOUR - LA LAINE SUR LE DOS (Tunisia, Francia 15’)

Sara DUNLOP - DREAMLANDS (Regno Unito 14’)

Juanjo GIMENEZ - TIMECODE (Spagna 15’)

Raymund GUTIERREZ - IMAGO (Filippine 15’)

Simón MESA SOTO - MADRE (Mother) (Colombia, Svezia 14’)

João Paulo MIRANDA MARIA - A MOÇA QUE DANÇOU COM O DIABO (The Girl who Danced with the Devil) (Brasile 14’)

Félix MOATI - APRÈS SUZANNE (Francia 15’)

Catalin ROTARU, Gabi Virginia SARGA - 4:15 P.M. SFARSITUL LUMII (4:15 P.M. The End of the World) (Romania 15’)

Farnoosh SAMADI, Ali ASGARI - IL SILENZIO (The Silence) (Italia 15’)

Simon VAHLNE - FIGHT ON A SWEDISH BEACH (Svezia 14’)

  • shares
  • Mail