Avatar, i sequel - parla James Cameron: li girerò tutti e 4 contemporaneamente

'Non voglio dovermi scontrare con i sequel di Star Wars. Sarebbe stupido. Non voglio un testa a testa. E spero che loro non vogliano scontrarsi con noi'. James Cameron parla delle release di Avatar.

avatarbar640.jpg

Dopo aver annunciato al mondo dal panel Fox del CinemaCon l'arrivo di 4 sequel di Avatar rispetto ai 3 inizialmente previsti, James Cameron è tornato a parlare della propria creatura in un'intervista con Famous Monsters of Filmland. Il regista premio Oscar per Titanic ha rivelato che i 4 sequel non verranno girati back to back, bensì, clamoroso ma vero, contemporaneamente. In un'unica volta.

"Sarà davvero una gigantesca produzione". "Nei modi sembrerà una miniserie. Gireremo tutti e quattro i film contemporaneamente. Lunedì potrei girare una scena del quarto, e martedì una del primo... Stiamo lavorando a una storia di otto ore. Sarà una grossa sfida tener tutto sotto controllo nelle nostre menti, capire esattamente a che punto siamo. E' una saga. E' come girare i tre film de Il padrino tutti insieme."

Il primo sequel di Avatar uscirà al cinema nel dicembre del 2018, con il secondo in arrivo nel mese di dicembre del 2020, il 3° nel dicembre del 2022 e il quarto nel dicembre del 2023. Via alle riprese tra pochi giorni, in Nuova Zelanda, con set più 'naturali' e 'reali' rispetto a quanto visto nel 2009.

"Per i sequel inserirò più cose del mondo reale". "Potrei usarle solo come esempio per generare la CG oppure posso effettivamente integrare alcuni di questi elementi fotografici, ma voglio più realtà. Per quanto riguarda le release, non voglio dovermi scontrare con i sequel di Star Wars. Non sarebbe carino nei loro confronti. Vogliamo fare buoni affari. Non sarebbe giusto per loro. Sarebbe stupido. Non voglio un testa a testa. E spero che loro non vogliano scontrarsi con noi."

Confermati nel cast Sam Worthington, Zoe Saldana, Stephen Lang e Sigourney Weaver, con Cameron co-sceneggiatore insieme a Rick Jaffa e Amanda argento, Josh Friedman e Shane Salerno.

  • shares
  • Mail