Macchine Mortali, Peter Jackson adatterà il romanzo sci-fi di Philip Reeve

Prodotto e co-sceneggiato da Peter Jackson, Macchine Mortali vedrà Christian Rivers alla regia.

latest.jpg

Archiviata la trilogia de Lo Hobbit, Peter Jackson produrrà e co-sceneggerà l'adattamento cinematografico di Macchine Mortali, romanzo sci-fi di Philip Reeve edito in Italia da Mondadori. Il regista del Signore degli Anelli non siederà dietro la macchina da presa, e qui sta la vera notizia del giorno, lasciando l'arduo compito a Christian Rivers, che farà così il suo debutto alla regia.

Al fianco di Peter, in cabina di scrittura, sua moglie Fran Walsh e Philippa Boyens, con la Universal Pictures a produrre il tutto insieme alla MRC. Via alle riprese in Nuova Zelanda nella primavera del 2017.

Primo capitolo di una saga composta da 4 libri (più 3 prequel), Macchine Mortali è ambientato in un futuro ecologicamente e tecnologicamente devastato, Tom, giovane Apprendista Storico di Terza Classe, vive in una Londra che si aggira per il mondo ormai deserto cercando di divorare altre città più deboli allo scopo di procacciarsi schiavi e risorse. Un caso fortuito porta il ragazzo a sventare il piano omicida di una giovane orribilmente sfigurata che attenta alla vita del capo della Corporazione degli Storici, l'archeologo Valentine. Prima che la misteriosa ragazza precipiti nel nulla del selvaggio Territorio Esterno, Tom riesce a farsi rivelare la sua identità. Ma, da quel momento, da eroe e si trasforma in preda.

Christian Rivers è uno storico collaboratore di Jackson, avendo iniziato a lavorare al suo fianco all'età di 17 anni appena, per Splatters - Gli schizzacervelli. Prima come storyboard, poi come supervisore degli effetti visivi, e infine come regista di unità per i tre Lo Hobbit. Ora avrà un film tutto suo.

Fonte: HollywoodReporter

  • shares
  • Mail