Goonies 2: Martha Plimpton pensa che probabilmente il sequel non si farà

Dopo Corey Feldman un altro membro del cast originale pensa che un "Goonies 2" non vedrà mai la luce.

goonies-2-martha-plimpton-pensa-che-il-sequel-non-si-fara.jpg

Dopo che Corey Feldman ha parlato del sequel Goonies 2 come di un progetto morto in un'intervista la scorsa estate, ora l'attrice Martha Plimpton, che nel film originale interpretava l'occhialuta nerd Stef Steinbrenner, è arrivata a dare un ulteriore colpo di grazia al progetto, l'attrice crede che il sequel non abbia alcuna possibilità di concretizzarsi.

Martha Plimpton, protagonista nella sitcom The Real O'Neals, ha recentemente parlato su Reddit. Ad un fan che voleva disperatamente sapere a che punto era il sequel dei Goonies, la Plimpton, il cui personaggio Stef è stata fonte d'ispirazione per la Barb della serie tv Stranger Things, ha deciso di dire la sua sul tanto chiacchierato Goonies 2.

Vorrei avere una risposta per voi, ma vi posso dire che davvero non mi aspetto nulla di concreto. Se ne parla da decenni e non credo che accadrà. Almeno per quanto ne so. Penso che il regista Dick Donner, che è un uomo brillante e divertente, provi gusto a torturare tutti noi con la prospettiva. Credo che sia la sua vendetta per essere stato torturato da tutti noi sul set per 6 mesi nel 1984.

Goonies 2 è stato annunciato un paio d'anni fa con il regista Richard Donner che nel 2014 confermò di persona che un sequel si sarebbe realizzato. A quel tempo disse anche che l'intero cast sarebbe tornato. Sia Sean Astin che Corey Feldman sono stati forti sostenitori del sequel, anche se Jeff Cohen, che ha interpretato Chunk, ha detto lo scorso anno che non avrebbe partecipato.

Durante la promozione del suo nuovo album "Angelic 2 the Core", l'attore e cantante Corey Feldman ha parlato di Goonies 2 definendolo praticamente un progetto morto. Feldman ritiene che Richard Donner stia diventando troppo vecchio per dirigere il film e nessuno vorrebbe tornare senza di lui al timone. Senza contare che a due anni dall'annuncio non c'è ancora una storia ne tantomeno uno script.

Richard Donner ha 87 anni e come si dice in giro nessuno vuole davvero farlo senza di lui. Lui è la forza motrice dietro al progetto. Certo è ancora vivo, ma come tutti sappiamo...quando si arriva a questa età le cose rallentano un po' e c'è una grossa possibilità che lui potrebbe non voler tornare a dirigere. Quindi penso che senza di lui non accadrà mai e ogni giorno che passa ci sono per lui sempre meno possibilità che la cosa possa mai accadere.

Dopo aver visto le reazioni dei fan di lunga data all'annuncio del reboot Ghostbusters, l'idea di scatenare una potenziale orda di fan rabbiosi rende il progetto qualcosa di troppo rischioso, di questo Feldman è assolutaente convinto.

Potrebbe avere una pessima reazione! Alla fine, come ho detto prima, l'unico modo in cui un sequel dei Goonies possa diventare realtà e che ci sia l'appoggio in toto della base dei fan... e che debba essere fatto bene. E come fare tutto ciò? Ovviamente non lo so. Perché io non sono Steven Spielberg, io non sono Richard Donner, io non sono Chris Columbus. Questi sono i ragazzi che hanno in mano questa decisione, so che sono tutti dei geni e io non voglio altro che esortarli ai più alti livelli di rispetto e fiducia durante il processo e se ad un certo punto vorranno il mio parere, sarò certamente felice di darglielo.

Warner Bros. non ha mai fissato una data di uscita per Goonies 2 e lo studio non ha mai ufficialmente annunciato il sequel come progetto in sviluppo. Attualmente lo studio sta sviluppando il reboot Gremlins 3, un sequel ambientato circa 30 anni dopo l'originale, ma il progetto attualmente non sta facendo grossi passi in avanti.

 

 

Fonte: Movieweb

 

 

 

  • shares
  • Mail