Joker: il regista Todd Phillips racconta i travagli sul set di Joaquin Phoenix

Todd Phillips, regista del film "Joker", racconta la dedizione e le difficoltà di Joaquin Phoenix durante le riprese.

A quanto sembra Joaquin Phoenix ha preteso molto da se stesso e dalla sua performance mentre girava Joker. Il regista Todd Phillips afferma che Phoenix avrebbe spesso abbandonato la scena per poi tornare fortemente determinato a migliorare e affinare la sua caratterizzazione.

Phoenix ha avuto un momento difficile quando ha realizzato che il personaggio che aveva scelto di interpretare una volta sul set stava subendo più cambiamenti rispetto alle previsioni, costringendo Phoenix a tenere il passo e adattarsi ad una inevitabile evoluzione del personaggio, realizzando che scena dopo scena l'Arthur Fleck della sceneggiatura era diventato una persona completamente diversa.

In una nuova intervista, a Todd Phillips è stato chiesto come è stato lavorare con Joaquin Phoenix. L'attore è noto per essere un partner di lavoro con cui non è sempre facile interagire sul set, e recitare in "Joker" lo ha confermato, anche se secondo Phillips è proprio questo lato caratteriale che rende Phoenix un attore così eccezionale.

Nel mezzo della scena prendeva e se ne andava. E gli altri poveri attori pensavano fosse colpa loro, ma non era mai colpa loro - è sempre stato lui, era che semplicemente non aveva la giusta sensazione...Se lui partecipasse al Jimmy Kimmel e andasse via dopo due minuti, direi "Questo è il mio ragazzo".

 

Uno dei momenti sul set in cui Joaquin Phoenix non ha mai abbandonato la scena e quando stava lavorando con Robert De Niro, l'attore veterano è rimasto colpito da ciò che ha visto mentre lavorava al film e ha osservato: "Joaquin è stato molto intenso in quello che stava facendo, concentrato a dovere, com'è giusto che sia". I due hanno stretto un rapporto di lavoro istantaneo incentrato sul lavorare e collaborare nel miglior modo possibile.

Todd Phillips e Joaquin Phoenix hanno lavorato insieme per mesi prima dell'inizio della produzione di "Joker". Sono entrati in accese discussioni su ogni piccolo dettaglio del personaggio, incluso quanto avrebbe dovuto pesare: Phoenix voleva interpretare Arthur Fleck con un peso normale, mentre Phillips voleva che il personaggio fosse molto magro. Alla fine il regista ha avuto la meglio e Phoenix ha perso 23 chili per entrare nel personaggio. L'attore ha anche imparato come applicare il proprio trucco da clown e ha creato un diario, che ha riempito di battute che appaiono nel film.

Joaquin Phoenix e Todd Phillips si sono presi tutto il tempo necessario per creare la loro storia di origine del Joker scollegata dai fumetti e indipendente rispetto all'universo esteso DC e i risultati di questo certosino lavoro sono tutti su schermo. Prima che Phoenix firmasse ufficialmente per fare il film, c'erano voci su una potenziale interpretazione di Leonardo DiCaprio nei panni del Principe Pagliaccio del Crimine, voci senza fondamento poiché Phillips afferma che il film è stato scritto appositamente per Phoenix. l'attore dopo il Leone d'oro al miglior film conquistato a Venezia sembra pronto per la corsa come migliore attore protagonista agli Oscar 2020.

 

Fonte: New York Times

 

 

 

  • shares
  • Mail