Avatar 2: David Thewlis interpreterà un Na’vi

Dopo la notizia che James Cameron è tornato in Nuova Zelanda per girare Avatar 2, il regista sta attualmente affrontando il periodo di auto-quarantena, l'attore David Thewlis in un'intervista a Total Film (via Games Radar) conferma che interpreterà un Na'vi nel primo sequel di Avatar.

Sono un Na'vi, sono una cosa blu in esso - che non capivo bene quando sono andato a incontrare [Cameron]. Sono stato piuttosto sorpreso quando mi è stato offerto. Sono affascinato nel vedere come apparirò, perché in qualche modo li fanno sembrare un po' come se stessi. È fantastico!

 

Thewlis meglio noto come il Remus Lupin nella saga di Harry Potter e il villain Ares nel film Wonder Woman è parte delle new entry del cast di "Avatar 2" insieme a Kate Winslet, Michelle Yeoh, Jemaine Clement, Edie Falco, Cliff Curtis e Vin Diesel che reciteranno al fianco volti noti del franchise come Sam Worthington, Zoe Saldana, Stephen Lang e Sigourney Weaver.

Thewlis pur avendo avuto esperienza con gli effetti speciali, nell'intervista mette in risalto la sua difficoltà nell'approcciare un metodo di riprese come quello del performance-capture.

Non ho idea di come saranno le mie scene perché ci sono circa 16 ragazzi nella stanza con le macchine da presa, ma stanno solo girando scene di riferimento che Jim [Cameron] guarderà in seguito. Ciò che quei ragazzi stanno girando non sarà mai sullo schermo, ciò che viene girato è ovviamente su questi sensori. Ce ne sono circa 200 in giro per la stanza, a fare le loro cose. Per la prima volta, mi sono sentito come un nuovo arrivato, come se fosse il mio primo lavoro. Ero sul set con un'esperienza di 35 anni ed ero tipo, "Allora cosa facciamo? Cosa si fa qui? Perché lo sta facendo? Che si fa adesso?" Mi sentivo molto ingenuo. E ovviamente lo ero, perché nessuna delle regole era applicabile da tutto ciò che ho imparato.

 

"Avatar 2" in arrivo nelle sale a dicembre 2021 esplorerà gli oceani di Pandora e vedrà Jake Sully e Neytiri lottare per proteggere la loro famiglia. Dai tempi di "Avatar", quando il sequel uscirà saranno trascorsi ben dodici anni, la tecnologia è ulteriormente avanzata e come è noto Cameron è un regista in grado di sfruttare al massimo ogni passo in avanti tecnologico e almeno dal punto di vista dell'impatto visivo il sequel sarà senza alcun dubbio qualcosa di strabiliante.

 

Fonte: Joblo

 

 

  • shares
  • Mail