J.K. Rowling scrive ai fan riguardo le accuse di transfobia

J.K. Rowling è recentemente finita nella bufera dopo alcuni tweet considerati anti-transgender e un articolo intitolato "Opinione: creare un mondo post-COVID-19 più equo per le persone che mestruano" con il tweet "Persone che mestruano. Sono sicura che c'era una parola per quelle persone. Qualcuno mi aiuti. Wumben? Wimpund? Woomud?".

Nei giorni successivi Katie Leung, che ha interpretato Cho Chang in diversi film di Harry Potter; Daniel Radcliffe, meglio noto come Harry Potter e Eddie Redmayne alias Newt Scamander di Animali Fantastici hanno criticato pubblicamente le parole di Rowling.

Rowling dopo il putiferio innescato dalle sue dichiarazioni e nessun passo indietro rispetto ad esse, ha deciso di utilizzare il suo sito ufficiale per pubblicare una lunga lettera ai fan in cui spiega le sue ragioni di cui vi proponiamo alcuni stralci a seguire.

Non è un pezzo facile da scrivere, per ragioni che presto diventeranno chiare, ma so che è tempo di spiegarmi su un problema circondato dalla tossicità. Scrivo questo senza alcun desiderio di alimentare quella tossicità.

 

Rowling ricorda di aver supportato Maya Forstater, consulente fiscale che ha perso il lavoro e la successiva causa per alcuni suoi tweet che sono stati considerati "transfobici" in cui affermava la sua convinzione che il sesso sia esclusivamente determinato dalla biologia.

ll mio interesse per le questioni dei trans ha preceduto il caso di Maya di quasi due anni, durante i quali ho seguito da vicino il dibattito sul concetto di identità di genere. Ho incontrato persone transessuali e letto vari libri, blog e articoli di persone trans, specialisti di genere, intersessualità, psicologi, esperti di tutela, assistenti sociali e medici, e ho seguito il discorso online e sui media tradizionali. Ad un certo livello, il mio interesse per questo problema è stato professionale, perché sto scrivendo una serie crime, ambientata ai giorni nostri...

 

Rowling nella lettera spiega l'alto livello di aggressività dell'attivismo transche  considera essenzialmente pericoloso.

Per tutto il tempo che ho fatto ricerche e apprendendo, le accuse e le minacce degli attivisti trans sono state gorgoglianti nella mia cronologia di Twitter. Inizialmente è stato attivato da un "mi piace". Quando ho iniziato a interessarmi all'identità di genere e alle questioni transgender, ho iniziato a esaminare i commenti che mi interessavano, come un modo per ricordare a me stesso cosa avrei potuto cercare in seguito. In un'occasione, ho distrattamente messo "mi piace" invece di fare screenshot. Quel singolo "mi piace" era considerato prova di un errore, e iniziò un basso livello persistente di molestie...cito tutto questo solo per spiegare che sapevo perfettamente cosa sarebbe successo nel momento in cui avessi sostenuto Maya [Forstater]. A quel punto dovevo essere stata alla mia quarta o quinta cancellazione. Mi aspettavo le minacce di violenza, che mi si dicesse che stavo letteralmente uccidendo le persone trans con il mio odio, che mi chiamassero t*oia e pu**tana e, naturalmente, che i miei libri fossero bruciati, anche se un uomo particolarmente violento mi disse che li aveva compostati. Quello che non mi aspettavo dopo la mia cancellazione fu la valanga di email e lettere che mi colpirono, la stragrande maggioranza delle quali erano positive, grate e di supporto. Provengono da una sezione trasversale di persone gentili, empatiche e intelligenti, alcune delle quali lavorano in settori che si occupano di disforia di genere e persone trans, tutte profondamente preoccupate dal modo in cui un concetto socio-politico sta influenzando la politica, la pratica medica e le tutele. Sono preoccupati per i pericoli per i giovani, i gay e per l'erosione dei diritti delle donne e delle ragazze. Soprattutto, sono preoccupati per un clima di paura che non serve a nessuno, per lo meno non ai giovani trans.

 

Rowling smentisce le accuse di transfobia e ricorda chi come lei viene etichettata sui social media con l'appellativo TERF ( trans-exclusionary radical feminist).

Non sono tornata su Twitter per molti mesi sia prima che dopo aver twittato il supporto per Maya, perché sapevo che non stavo facendo nulla di buono per la mia salute mentale. Sono tornata solo perché volevo condividere un libro per bambini gratuito durante la pandemia. Immediatamente, attivisti che chiaramente si credono bravi, gentili e progressisti, sono tornati nella mia cronologia, assumendo il diritto di sorvegliare il mio discorso, accusarmi di odio, lanciarmi insulti misogini e, soprattutto, come ogni donna coinvolta in questo dibattito saprà, darmi della TERF. Se non lo sapevi già - e perché dovresti? - "TERF" è un acronimo coniato da attivisti trans, che sta per femminista radicale che discrimina i trans. In pratica, una sezione enorme e diversificata di donne viene attualmente chiamata TERF e la stragrande maggioranza non è mai stata una femminista radicale. Esempi di cosiddette TERF vanno dalla madre di un bambino gay che temeva che il suo bambino volesse morire per sfuggire al bullismo omofobico, ad una donna anziana fino ad ora totalmente poco eminente che ha promesso di non visitare mai più Marks & Spencer perché stanno permettendo l'accesso negli spogliatoi delle donne a qualsiasi uomo affermi di identificarsi come una donna. Ironia della sorte, le femministe radicali non sono nemmeno discriminatorie contro i trans poiché includono anche uomini trans nel loro femminismo, perché sono nate donne.

 

 

Rowling nella sua lettera elenca cinque ragioni che la preoccupano rispetto all'attivismo trans.

In primo luogo, ho un fondo di beneficenza che si concentra sull'alleviamento della privazione sociale in Scozia, con particolare enfasi su donne e bambini. Tra le altre cose, la mia fiducia sostiene progetti per donne detenute e per sopravvissute ad abusi domestici e sessuali. Finanzierò anche ricerche mediche sulla SM, una malattia che si comporta in modo molto diverso negli uomini e nelle donne. Per un po' mi è stato chiaro che il nuovo attivismo trans sta avendo (o probabilmente avrà, se tutte le sue richieste saranno soddisfatte) un impatto significativo su molte delle cause che sostengo, perché sta spingendo per erodere la definizione legale di sesso e sostituirlo con il genere. Il secondo motivo è che sono un ex insegnante e fondatore di un'organizzazione benefica per bambini, il che mi dà interesse sia per l'istruzione che per la salvaguardia. Come molti altri, nutro profonda preoccupazione per l'effetto che il movimento dei diritti di transizione sta avendo su entrambi. Il terzo è che, come autore molto vietato, sono interessata alla libertà di parola e l'ho difesa pubblicamente, persino con Donald Trump. Il quarto è dove le cose iniziano a diventare veramente personali. Sono preoccupata per l'enorme esplosione di giovani donne che desiderano affrontare la transizione e anche per il numero crescente che sembra essere dannoso (tornare al loro sesso originale), perché si rammaricano di aver intrapreso azioni che, in alcuni casi, hanno alterato il loro corpo in modo irrevocabile, e portato via loro la fertilità. Alcuni affermano di aver deciso di fare il passaggio dopo aver realizzato di essere attratti dallo stesso sesso e che la transizione è stata in parte guidata dall'omofobia, nella società o nelle loro famiglie.

 

Rowling prosegue le sue argomentazioni tornando all'elemento che più la preoccupa, le conseguenze dell'attivismo trans.

L'argomento di molti attuali attivisti trans è che se non si lascia passare una transizione disforica di genere agli adolescenti, si uccideranno. In un articolo che spiega perché si è dimesso da psichiatra di Tavistock (una clinica di genere del NHS in Inghilterra), Marcus Evans ha affermato che le affermazioni secondo cui i bambini si uccideranno se non gli si consentisse la transizione non si allineano sostanzialmente con dati o studi validi in quest'area. Né si allineano ai casi che ho incontrato da decenni come psicoterapeuta. Gli scritti di giovani uomini trans rivelano un gruppo di persone particolarmente sensibili e intelligenti. Più ho raccontato dei loro resoconti sulla disforia di genere, con le loro penetranti descrizioni di ansia, dissociazione, disturbi alimentari, autolesionismo e odio di sé, più mi chiedevo se, fossi nata 30 anni dopo, anche io avrei potuto provare la transizione. Il fascino della fuga dalla femminilità sarebbe stato enorme. Ho lottato con un grave disturbo ossessivo compulsivo da adolescente. Se avessi trovato online comunanza e simpatia che non riuscivo a trovare nel mio ambiente immediato, credo che avrei potuto essere persuasa a trasformarmi nel figlio che mio padre aveva apertamente affermato di aver preferito. Ho letto tutte le argomentazioni sul fatto che la femminilità non risieda nel corpo sessuato e le affermazioni secondo cui le donne biologiche non hanno esperienze comuni e le trovo anch'esse profondamente misogine e regressive...È anche chiaro che uno degli obiettivi di negare l'importanza del sesso è quello di erodere ciò che alcuni sembrano vedere come l'idea crudelmente segregazionista delle donne che hanno le loro realtà biologiche o - altrettanto minacciose - realtà unificanti che le rendono una classe politica coesiva. Le centinaia di email che ho ricevuto negli ultimi giorni dimostrano che questa erosione riguarda molti altri altrettanto. Non è abbastanza per le donne essere alleate delle trans. Le donne devono accettare e ammettere che non vi è alcuna differenza materiale tra donne trans e loro stesse.

 

Rowling accenna anche alla sua esperienza personale come donna bloccata in un matrimonio violento.

Sono riuscita a sfuggire al mio primo matrimonio violento con qualche difficoltà, ma ora sono sposata con un uomo veramente buono e di principio, sicuro e protettivo come non mi sarei mai aspettata in un milione di anni. Tuttavia, le cicatrici lasciate dalla violenza e dalle aggressioni sessuali non scompaiono, non importa quanto sei amata, e non importa quanti soldi hai fatto. Il mio nervosismo perenne è diventato qualcosa con cui scherzare in famiglia - e anche io so che non è divertente - ma prego che le mie figlie non abbiano mai le stesse ragioni per odiare improvvisi rumori forti o trovare persone dietro di me quando non le ho sentite avvicinarsi. Se potessi entrare nella mia testa e capire cosa provo quando leggo di una donna trans che muore per mano di un uomo violento, troverai solidarietà e vicinanza. Ho un senso viscerale del terrore in cui quelle donne trans avranno trascorso i loro ultimi secondi sulla Terra, perché anch'io ho conosciuto momenti di cieca paura quando ho realizzato che l'unica cosa che mi teneva in vita era l'autocontrollo traballante del mio aggressore.

 

Rowling conclude la sua lettera spiegandone i motivi che l'hanno spinta a scriverla.

L'ultima cosa che voglio dire è questa. Non ho scritto questo saggio nella speranza che qualcuno tiri fuori un violino per me...sono straordinariamente fortunata; sono una sopravvissuta, certamente non una vittima. Ho citato solo il mio passato perché, come ogni altro essere umano su questo pianeta, ho un retroscena complesso, che modella le mie paure, i miei interessi e le mie opinioni. Non dimentico mai quella complessità interiore quando creo un personaggio immaginario e certamente non lo dimentico mai quando si tratta di persone trans. Tutto ciò che chiedo - tutto ciò che voglio - è che un'empatia simile, una comprensione simile, sia estesa a molti milioni di donne il cui unico crimine vuole che le loro preoccupazioni siano ascoltate senza ricevere minacce e abusi.

 

Per leggere la lettera integrale vi rimandiamo al sito JKRowling.com.

 

 

  • shares
  • Mail