• Film

Il cinema c’è, domenica 13 dicembre le sale d’essai in Lombardia riaprono simbolicamente

Domenica 13 dicembre 2020 svariate sale d’essai in Lombardia riaprono simbolicamente per riaffermare l’importanza del rito collettivo

Che la sala cinematografica, come altri esercizi, stia attraversando un momento critico è evidente. La riapertura dei cinema a giugno, protrattasi fino a fine ottobre, non aveva certo riequilibrato del tutto la situazione, ma ha senz’altro contribuito a dare una boccata d’ossigeno. La nuova chiusura si è perciò rivelata, se possibile, persino più dannosa, a più livelli, di quella stabilita a marzo.

Da qui l’iniziativa, a quanto pare la prima di una serie, volta a riaffermare l’importanza della sala, la sua insostituibilità, mentre ad oggi, di certo non solo per la contingenza pandemica, gli unici discorsi di cui si ha traccia hanno a che vedere con soluzioni alternative come lo streaming, di per sé non la vera, men che meno l’unica minaccia, va detto. Domenica 13 dicembre 2020, dunque, un gruppo di sale cinematografiche d’essai lombarde propone una riapertura simbolica dei propri cinema con l’auspicio che possa essere il primo atto di una serie di iniziative per riaffermare che IL CINEMA C’È. Un modo per incontrarsi, per far vedere insomma che gli esercenti ci sono.

Sul comunicato ufficiale si legge una bella nota, che riportiamo di seguito.

L’iniziativa è prevista nel giorno della festa di Santa Lucia, protettrice degli occhi nonché della luce che rischiara l’inverno dopo la notte più lunga. Augurandosi di poter rivedere al più presto le luci di tutti i cinema di nuovo stabilmente accese, le sale promotrici prendono spunto da questa ricorrenza per riaffermare come il rito collettivo della sala cinematografica custodisca la vivacità culturale dello sguardo.

L’idea nasce dalla constatazione di uno status quo vieppiù insostenibile, a fronte di una comunicazione e un’azione fumose, che relegano questo settore in un limbo da cui rischia giorno dopo giorno di uscirne compromesso in maniera difficilmente recuperabile. In primis il fatto che i governi di alcuni Paesi europei hanno stabilito la riapertura delle sale cinematografiche per le feste natalizie, mentre qui in Italia la sospensione si protrarrà fino al 15 gennaio 2021.

Da parte nostra è difficile non farsi portavoci d’istanze così forti, in un momento così delicato, evitando al tempo stesso di entrare nel merito di un dibattito inevitabilmente polarizzato. L’assenza di una strategia chiara in merito allo svolgimento delle attività dello spettacolo è tuttavia solo in parte giustificata dalla complessità della situazione; ci sono diverse fattispecie da considerare, a cui si ricollegano altrettanti scenari, che, per quanto possibile, vanno vagliati. Che a riguardo non vi sia a quanto pare nemmeno una discussione in atto è ciò che contribuisce maggiormente all’apprensione di chi opera in uno dei settori più colpiti in assoluto nell’attuale contesto.

Di seguito trovate la lista (in aggiornamento) delle sale aderenti finora.

Cinema Beltrade, Milano

Cinema Centrale, Milano

Cinema Mexico, Milano

Cinema Palestrina, Milano

Il Cinemino, Milano

Anteo Palazzo del Cinema, Milano

CityLife Anteo, Milano

Cinema Don Bosco, Carugate (MI)

Cinema Sala Ratti, Legnano (MI)

Area Metropolis 2.0, Paderno Dugnano (MI)

Cinema Rondinella, Sesto San Giovanni (MI)

Conca Verde, Bergamo

Treviglio Anteo spazioCinema, Treviglio (BG)

Nuovo Eden, Brescia

Cinema Alpi, Temù (BS)

CremonaPo spazioCinema, Cremona

Ariston Multisala, Mantova

Capitol Anteo spazioCinema, Monza

Cinema Excelsior, Cesano Maderno (MB)

Bloom Cinema, Mezzago (MB)

Cinema Astrolabio, Villasanta (MB)

Cinema Roma, Seregno (MB)

Cinema Moderno, Lodi

Cine-Teatro C. Ferrari, Galbiate (LC)

Cinema Nuovo, Varese