Flee: due clip in italiano e tutte le anticipazioni sul documentario animato candidato a 3 Premi Oscar

Tutto quello che c’è da sapere su “Flee”, il documentario animato candidato a 3 Premi Oscar al cinema dal 10 marzo 2022.

Il 10 marzo 2022 I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection porteranno nelle sale italiane Flee, il documentario animato del regista danese Jonas Poher Rasmussen, il racconto del viaggio verso la salvezza del rifugiato afghano Amin, candidato a 3 premi Oscar.

Trama e cast

Amin è uno pseudonimo, come per tutti gli altri personaggi principali del film, che protegge l’anonimato dell’amico del regista che ha vissuto questa incredibile storia sulla sua pelle. Amin, arrivato come minore non accompagnato in Danimarca dall’Afghanistan, oggi, a 36 anni, è un accademico di successo. Da oltre vent’anni ha un segreto che rischia di far crollare il castello della sua vita, faticosamente costruito, proprio alla vigilia del matrimonio con il suo compagno di lunga data. Flee è una storia vera che racconta in modo unico gli strazianti tentativi di un rifugiato afghano di trovare asilo all’estero. Un documentario di animazione, un viaggio viscerale, poetico ma anche pieno di solitudine e di un’incessante voglia di vivere. Un racconto sincero del bisogno di un uomo di confrontarsi con il proprio passato per conquistarsi un grande futuro.

Il cast di voci include Daniel Karimyar, Fardin Mijdzadeh, Milad Eskandari, Belal Faiz, Elaha Faiz, Zahra Mehrwarz, Sadia Faiz, Georg Jagunov, Rashid Aitouganov, Navid Nazir, Hafiz Højmark, Denis Rivin.

Flee – trailer e video

Trailer italiano ufficiale pubblicato l’11 febbraio 2022

due clip ufficiali in italiano pubblicate il 9 marzo 2022

Curiosità

  • Il film è una co-produzione Danimarca, Francia, Svezia, Norvegia, Stati Uniti, Slovenia, Estonia, Spagna, Italia e Finlandia.
  • Jonas Poher Rasmussen è un regista danese/francese nato nel 1981. Ha debuttato nel 2006 con l’acclamato documentario televisivo Something About Halfdan, seguito da una serie di documentari radiofonici da tutto il mondo. Si è diplomato alla scuola di cinema danese Super16 nel 2010. Il suo debutto nel lungometraggio Alla ricerca di Bill, un mix di documentario e finzione, gli è valso il premio Nordic Dox al CPH:DOX e il premio del concorso internazionale a DocAviv. Nel novembre 2015 ha presentato in anteprima il suo documentario What He Did, che ha vinto il prestigioso Fipresci (Federazione Internazionale dei Critici Cinematografici) al Thessaloniki Film Fest. 2016. Il suo nuovo film FLEE, un documentario animato su un caro amico, è stato ufficialmente selezionato a Cannes 2020, ha vinto, tra gli altri, il Gran Premio della Giuria al Sundance, il premio per il miglior doc a Göteborg e il Premio Cristal ad Annecy.
  • In selezione nell’abortita edizione di Cannes 2020, FLEE ha avuto la sua prima assoluta, che ha incantato pubblico e critica, al Sundance Film Festival 2021 dove ha vinto come Miglior documentario straniero, seguita dall’anteprima italiana alla 17ª edizione del Biografilm Festival 2021, dove si è aggiudicato il premio come Miglior film del concorso internazionale e l’Audience Award all’interno del concorso internazionale. La corsa ai riconoscimenti mondiali è proseguita con due premi all’European Film Awards 2021 e al National Board of Review, USA 2021 con il premio “Freedom of Expression” per citarne solo alcuni, fino ad ottenere la nomination come Miglior film d’animazione ai Golden Globes 2022 e ben tre candidature ai Premi Oscar 2022 come Miglior Film Internazionale, Miglior Film di Animazione e Miglior Documentario.
  • “Flee” è il primo film ad essere simultaneamente idoneo e ad essere candidato per tre categorie degli Oscar (film d’animazione, documentario e lungometraggio internazionale). “Flee” è anche il terzo film ad essere nominato come miglior documentario e miglior film straniero dopo Honeyland (2019) e Collective (2019), nonché il terzo film a farlo in anni consecutivi.
  • Contrariamente a quanto si pensa, il film non utilizza mai il rotoscoping per animare Amin, ma piuttosto animazione disegnata a mano. Il filmato delle sue interviste è stato filmato e utilizzato come riferimento, ma non è mai stato rintracciato secondo il direttore dell’animazione Kenneth Ladekjær.
  • Il film ha totalizzato 11.709 spettatori durante la sua corsa originale nei cinema danesi.

Note di regia

Cresciuto in una famiglia molto liberale, mi è sempre stato insegnato a essere rispettoso, di mentalità aperta e curioso per le persone intorno a me, nonostante il loro passato, le convinzioni politiche o qualsiasi altra cosa potessero aver rappresentato. Incontrare le persone, chiunque esse siano e ovunque si trovino nella vita è uno dei miei approcci principali alla regia dei miei film documentari. Il mio obiettivo è creare connessioni oneste e reali in un ambiente di fiducia, poiché ciò mi aiuterà a raggiungere le loro storie più intime. Cerco di capire le loro sfumature e complessità, compresi i lati vulnerabili o brutti, e anche gli aspetti più disumani della loro vita. Nel processo in cui racconto queste storie intime, cerco sempre di esplorare nuovi modi e approcci per condividere le mie storie. Cerco modi per stravolgere il formato del film, in modo che si adatti alla storia raccontata. Ho lavorato con rievocazioni teatrali e ibridi fiction/documentari. Ora, con FLEE, ho introdotto l’animazione nel mio repertorio. Miro a creare una narrazione avvincente e invitante per dare alle testimonianze così generosamente condivise con me dai miei soggetti la piattaforma che meritano. Venendo da una famiglia ebrea, il tema della fuga e della dislocazione è particolarmente importante per me. I miei antenati sono fuggiti dalla Russia all’inizio del XX secolo per sfuggire alle persecuzioni e ai pogrom. Come Amin, il protagonista di FLEE, hanno navigato attraverso il Baltico verso la Danimarca. È qui che è nata mia nonna, in un hotel vicino alla stazione ferroviaria centrale della mia attuale città natale, Copenaghen. La sua famiglia – la mia famiglia – ha chiesto asilo, ma gli è stato negato, quindi sono stati costretti a trasferirsi di nuovo, questa volta in Germania. Da studentessa delle elementari a Berlino, mia nonna è stata costretta a stare davanti ai suoi compagni di classe con una stella gialla ben visibile sul petto. Presto dovette fuggire di nuovo, questa volta in Inghilterra. È successo quasi un secolo fa, ma la storia del suo spostamento forzato e dislocazione incombe ancora sulla mia famiglia…Realizzare FLEE mi ha dato nuove intuizioni sulle drastiche conseguenze della fuga da casa, soprattutto da bambino, come Amin…come mia nonna. Ho iniziato a capire le difficoltà che i bambini come loro devono affrontare, quando il loro passato e presente sono così sconnessi. Ho capito perché tendevano a guardare al futuro, mantenendo una distanza di sicurezza dalle persone che li circondavano. Ho capito cosa vuol dire avere un segreto profondo che non puoi condividere con nessuno, ma che sarà sempre una presenza silenziosa nelle relazioni di quella persona e nella vita in generale, Quanto ad Amin, ho capito che questa sensazione di dislocamento era ancora molto presente in lui, anche dopo tutti questi anni. Credo sia perché non ha mai avuto la possibilità di confrontarsi con il suo passato e condividere la sua storia, la storia di FLEE. [Jonas Poher Rasmussen]

L’incontro con Amin

Il regista e documentarista radiofonico Jonas Poher Rasmussen ha incontrato il suo amico Amin Nawabi (uno pseudonimo) negli anni ’90 quando Amin si è trasferito nella piccola città dove è cresciuto Jonas. Ha incontrato per la prima volta il nuovo arrivato ben vestito su un treno locale quando erano studenti delle scuole medie – con pochissimi immigrati Amin si è distinto tra la folla. Senza conoscere l’intera portata del retroscena di Amin, Jonas ha visto un immigrato afgano che si è ambientato bene in Danimarca grazie a una forte etica del lavoro e grandi capacità sociali. Ignaro fino a molto tempo dopo che il viaggio del suo amico verso l’età adulta era una storia straordinaria come nessun’altra. A partire dalla morte di suo padre a Kabul quando era un bambino, e proseguendo a Mosca, quando i membri della sua famiglia hanno fatto diversi tentativi strazianti di reinsediarsi nell’Europa occidentale, l’infanzia di Amin è stata caratterizzata da periodi di attesa, speranza e fuga. Dopo il liceo, Jonas ha iniziato a fare documentari radiofonici e lui e Amin hanno parlato di lavorare insieme su una storia sul passato di Amin, ma Amin non era ancora pronto a fare i conti con le sue esperienze: troppo dolore e crepacuore erano rimasti nascosti sotto la superficie, e temeva sia per la propria sicurezza che per quella della sua famiglia, quindi hanno lasciato l’idea sapendo che l’avrebbero rivisitata quando fosse stato il momento giusto.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore Uno Helmersson (Carl Mørck – 87 minuti per non morire, The Absent One – Battuta di caccia, La Donna Leone, The Bridge: La serie originale).
  • La colonna sonora include i brani “Take On Me” degli A-Ha, “Help Me” e “Breathe In” di Low Roar, “Joyride” dei Roxette, “Wheel of Fortune” degli Ace of Base e Veridis Quo dei Daft Punk.

TRACK LISTINGS:

1. What Is Home 1:57
2. Sister Telling Stories 1:35
3. Reading Diary 1:26
4. Dad Taken 1:52
5. Running Hiding 1:14
6. Fleeing Kabul (feat. Mari Samuelsen) 3:29
7. The Mugging 3:25
8. They Are Not Well 2:22
9. The Forest 3:24
10. The Gun 5:06
11. Captured 3:20
12. Leaving Family Behind 7:39
13. The Cure 1:36
14. Settling Down 1:47
15. The Garden 1:25
16. Free at Last 1:05

La colonna sonora di Flee è disponibile su Amazon.

Foto e poster

Ultime notizie su Oscar

Tutto su Oscar →