• Film

Frank Grillo nel fantasy horror “The Dagon”, Elizabeth Banks protagonista nel dramma “A Mistake”

Frank Grillo combatte letali creature nottur in “The Dragon”, Elizabeth Banks è un chirurgo donna messa alla gogna nel dramma “A Mistake”.

Frank Grillo (Boss Level, Copshop) ha firmato per recitare da protagonista in un horror del filone “creature mostruose”, dal titolo The Dagon. Il film è diretto da Brad Anderson, all’attivo per lui il notevole L’uomo senza sonno con Christian Bale, lo straniante horror psicologico Session 9, l’interessante ma irrisolto horror apocalittico Vanishing on 7th Street e il thriller The Call con Halle Barry centralinista del 911. Il lavoro più recente di Anderson è il thriller Fractured del 2019, interessante incubo a sfondo psicologico costruito attorno alla mente traumatizzata di un uomo (Sam Worthington), che ha letteralmente perso moglie e figlia che sembrano scomparse nel nulla.

“The Dagon” segue Jack (Grillo) un padre che cerca di tenere sotto controllo l’isolata vita rurale della sua famiglia. Quando la figlia maggiore diventa maggiorenne, la famiglia deve affrontare i Dagon, le terrificanti e letali creature notturne che li circondano ogni giorno al calar del sole.

Il film sembra un mix tra The Witch e il fantascientifico Pitch Black, purtroppo per gli estimatori di H.P. Lovecraft, la trama esclude ogni riferimento al racconto “Dagon” del “Solitario di Provdence”, già adattato molto liberamente nel 2001, in un mix con “La maschera di Innsmouth”, dal regista Stuart Gordon.

La dichiarazione di Marc Hofstatter, capo delle acquisizioni di Independent Entertainment:

The Dagon è uno di quei rari script che offre una storia e personaggi in cui di immergi completamente, solo per ritrovarti completamente spiazzato. In Frank Grillo il team ha trovato l’uomo perfetto per il nostro protagonista empatico ma enigmatico, e Brad Anderson ha costantemente prodotto un lavoro eccezionale in questo genere e oltre. Non potremmo essere più entusiasti di presentare la sua visione per The Dagon ai nostri acquirenti.

Una dichiarazione congiunta dei produttori Neal Edelstein e Mike Macari:

The Dagon è il film che abbiamo cercato di trovare e realizzare per anni. Riunirsi con Brad e avere Frank come protagonista ci dà l’opportunità di realizzare la versione migliore di questo avvincente thriller.

Anche il regista Brad Anderson ha commentato questa nuova collaborazione:

Frank Grillo è uno degli attori più avvincenti e dinamici in circolazione e desideravo lavorare con lui da anni. The Dagon è fatto su misura per i suoi enormi talenti e non potrei essere più felice di averlo a bordo. Collaborare con Neal e Mike al nostro film Fractured è stata una delle mie esperienze creative più emozionanti e sono entusiasta di farlo di nuovo. In questi giorni, in particolare, penso che abbiamo bisogno di più film come The Dagon: storie oscure elevate che possono coinvolgerti, inorridirti, commuoverti e, come tutte le grandi fiabe, funzionare sia come racconti di ammonimento che come fari di speranza.

Frank Grillo dopo la notevole performance nel rutilante Boss Level con Mel Gibson, seguita da una decina di titoli tra cui ricordiamo Jiu Jitsu con Nicolas Cage, Cosmic Sin con Bruce Willis, Copshop – Scontro a fuoco con Gerard Butler ha ben 13 pellicole in fare fasi di realizzazione. Oltre al dramma d’azione Paradise Highway con Morgan Freeman pronto per l’uscita, su un camionista costretto a contrabbandare merci illecite per salvare suo fratello da una letale gang carceraria, tra i film in post-produzione segnaliamo il thriller con rapina The Yacht, il film di guerra Operation Seawolf con Dolph Lundgren, il film biografico Lamborghini in cui Grillo interpreta il fondatore dell’iconica casa automobilistica. Inoltre l’attore è stato diretto dal figlio Remy, al suo debutto alla regia, nel thriller-horror Man’s Son, su una coppia che monta un film di Charles Manson che comincerà a influenzare la realtà in maniera inquietante e vedremo Grillo con Harvey Keitel e Tyrese Gibson anche nel thriller d’azione Hard Matter, in cui si racconta di una società distopica assetata di potere che ha preso il controllo del sistema carcerario convenzionale e ha reso i criminali le nuove forze dell’ordine. Il nome di Frank Grillo è collegato anche all’horror d’azione Year 2, su un branco di lupi mannari che assediano una piccola città e affiancherà Alex Pettyfer in Branded, su un giocatore di football incarcerato per l’omicidio di uno spacciatore che si unisce a una banda di suprematisti bianchi nel penitenziario di San Quintino.

Elizabeth Banks (L’angelo del male, Charlie’s Angels) ha firmato per recitare nell’adattamento cinematografico di “A Mistake”, un dramma basato sul romanzo dello scrittore Carl Shuker. In “A Mistake” Banks interpreterà un’eminente chirurgo donna che ha attraversato anni di sessismo occasionale nell’ospedale in cui lavora e che all’improvviso si ritrova a lottare per la sua carriera e la sua reputazione dopo la morte di un paziente.

Il film sarà diretto dalla regista Christine Jeffs al suo terzo lungometraggio e secondo adattamento letterario dopo il dramma sentimentale Rain del 2001. Jeffs ha anche diretto Gwyneth Paltrow e Daniel Craig nel dramma biografico Sylvia del 2003, in cui si racconta la storia d’amore tra i poeti Edward James “Ted” Hughes e Sylvia Plath. Il film più noto di Jeffs è Sunhine Cleaning del 2008, pellicola che tra dramma e commedia racconta di due sorelle, interpretate da Amy Adams e Emily Blunt, che avviano un’attività insolita, un servizio di rimozione di rifiuti a rischio biologico e pulizia di scene del crimine. Prima della notizia della regia di “A Mistake”, Christine Jeffs stava preparando il dramma western al femminile Sugar, su un gruppo di donne senza paura delle piantagioni del sud che dopo la Guerra Civile si uniscono per salvare due giovani ragazze (una afroamericana e un’indiana Cherokee) che vengono rapite dai membri del KKK dopo aver assistito al linciaggio di un proprietario terriero nero.

Elizabeth Banks ha attualmente due film in post-produzione, uno da regista, Cocaine Bear, la storia vera di un trafficante di droga il cui aereo si schianta con un carico di cocaina trovato e mangiato da un orso, e Bank è nel cast di The Beanie Bubble, film ispirato dalla storia dietro una delle più grandi manie speculative che hanno divampato nella cultura americana negli anni ’90 e reciterà in Signal Hill, che racconta di un avvocato che affronta un caso di brutalità della polizia nel 1981, in cui un giovane studente universitario muore in circostanze sospette sotto la custodia della polizia.

La sinossi ufficiale del romanzo: In medicina, un singolo errore in una carriera altrimenti immacolata può determinare il resto della tua vita, anche se l’errore non è stato tuo. Elizabeth Taylor è una chirurgo di talento, l’unica consulente donna nel suo ospedale. Ma mentre opera una giovane donna la cui vita è a rischio per una pericolosa intossicazione del sangue, qualcosa va terribilmente storto. Nel bel mezzo di un nuovo schema per segnalare pubblicamente le prestazioni dei chirurghi, i suoi colleghi iniziano a stringere i ranghi e la vita di Elizabeth è sconvolta. Dura e brusca, Elizabeth è una sopravvissuta e ha avuto successo in questo campo più esigente e palpabilmente sessista. Ma può sopravvivere a un singolo errore? “A Mistake” è un procedural thriller su donne potenti che lavorano in ambiti difficili. Il romanzo esamina come una sopravvissuta che ha attraversato con successo anni di una cultura di sessismo casuale e machismo si ritrova improvvisamente nella lotta della sua vita. Quando un errore è pericoloso per la vita, chi dovrebbe essere ritenuto responsabile? Carl Shuker ha prodotto alcuni dei migliori scritti sulla fisicità dell’intervento medico, in cui la chirurgia che cambia la vita è dettagliata momento per momento. “A Mistake” illustra audacemente il sorprendente mix di freddamente intellettuale e profondamente personale insito nella vita e nel lavoro di un chirurgo.

Fonte: Deadline / Variety