Stasera in tv: “Ghost in the Shell” con Scarlett Johansson su Italia 1

Italia 1 stasera propone “Ghost in the Shell”, film di fantascienza del 2017 di Rupert Sanders con Scarlett Johansson, Takeshi Kitano e Juliette Binoche.

Ghost in the Shell, il manga e anime di culto di Masamune Shirow debutta in formato live-action in un remake americano diretto dal regista Rupert Sanders (Biancaneve e il cacciatore) e interpretato da Scarlett Johansson, Takeshi Kitano, Pilou Asbæk, Michael Pitt e Juliette Binoche.

Ghost in the Shell – trama e trailer

“Ghost in the Shell” segue la saga di Major, un singolare ibrido umano-cyborg delle operazioni speciali a capo della task force d’elite Section 9. Dedicato a contrastare i più pericolosi criminali ed estremisti, Section 9 affronta un nemico il cui unico obiettivo è eliminare gli sviluppi di cyber tecnologia della Hanka Robotic.

Ghost in the Shell – cast e personaggi

Scarlett Johansson: maggiore Mira Killian
Takeshi Kitano: Daisuke Aramaki
Pilou Asbæk: Batou
Michael Pitt: Hideo Kuze
Juliette Binoche: dott.ssa Ouelet
Chin Han: Togusa
Anamaria Marinca: dott.ssa Dahlin
Michael Wincott: dott. Osmund
Peter Ferdinando: Cutter
Chris Obi: ambasciatore Kiyoshi
Danusia Samal: Ladriya
Lasarus Ratuere: Ishikawa
Rila Fukushima: Geisha
Joe Naufahu: Peter Browning
Yutaka Izumihara: Saito
Tawanda Manyimo: Borma
Daniel Henshall: Skinny Man
Kaori Momoi: Hairi
Pete Teo: Tony
Adwoa Aboah: Lia
Andrew Stehlin: No Pupils
Kai Fung Rieck: Diamond Face

Doppiatori italiani

Domitilla D’Amico: maggiore Mira Killian
Gabriele Sabatini: Batou
Gianfranco Miranda: Hideo Kuze
Franca D’Amato: dott.ssa Ouelet
Franco Mannella: Cutter
Selvaggia Quattrini: dott.ssa Dahlin
Pino Insegno: dott. Osmund
Andrea Lavagnino: ambasciatore Kiyoshi
Francesco De Francesco: Skinny Man
Orsetta De Rossi: Hairi
Simone D’Andrea: Togusa
Christian Iansante: Yakuza
Gaia Bolognesi: Ladriya
Raffaele Carpentieri: Ishikawa
Stella Gasparri: Lia
Gianluca Machelli: No Pupils
Luca Pernisco: Diamond Face
Federico Frignani: Delivery Man
Raffaele Palmieri: Ming
Silvia Avallone: voce femminile
Emilio Mauro Barchiesi: Male Dispatcher

Il nostro commento

“Ghost in the Shell” è un film visivamente sorprendente con una protagonista davvero azzeccata, sorvoliamo sulla polemica del casting non nipponico poiché anche lo stesso Mamoru Oshii l’ha trovata fuori luogo, ma purtroppo l’operazione può dirsi fondamentalmente riuscita a metà. Il live-action di Rupert Sanders presenta una prima parte impeccabile e in perfetta sintonia con l’anime originale, ma una seconda parte vittima dell’abitudine di Hollywood di puntare a tutti i costi ad un platea “generalista”, da cui l’errore madornale di banalizzare il concetto di “Ghost”, il cuore del manga / anime originale, semplificandolo in semplici ricordi rimossi e umanizzando all’estremo sia la protagonista che la nemesi principale diventata una sorta di Ultron / Frankenstein in cerca di vendetta nonché un frullato di diversi personaggi del manga / anime originale. In soldoni se non avete visto l’anime o letto il manga originale potreste riuscire a cogliere la parte migliore dell’intera operazione, in caso contrario sarà molto difficile se non impossibile fare qualsiasi paragone con il materiale originale.

Curiosità sul film

  • Nonostante Rila Fukushima sia stata accreditata allo stesso livello del resto del cast, sembra che non si veda da nessuna parte in questo film, cosa che ha confuso il pubblico. La sua faccia era in realtà il modello per le facce robotiche della Geisha. Tuttavia, mentre le geisha di sottofondo sono interpretate da stuntwomen e ballerine che indossano le maschere che le somigliano, la stessa Fukushima interpreta anche l’iconica geisha vestita di rosso (rivelata nei video dietro le quinte).
  • La maschera della Geisha Cyborg che appare nel film è un effetto pratico creato da Weta Workshop sul modello dell’attrice giapponese Rila Fukushima. Anche l’apertura o l’esplosione della testa della Geisha sono state gestite meccanicamente piuttosto che con l’ausilio di CG. Il funzionamento interno delle teste è stato modellato sulla tecnologia a orologeria.
  • Le maschere animatroniche delle geishe erano alimentate avendo le batterie e il cablaggio situati nelle sezioni dei capelli della maschera, mentre un auricolare era posizionato sul lato della maschera in modo che le attrici potessero ascoltare i comandi del regista. Ventilatori sono stati anche montati all’interno delle maschere per fornire una ventilazione adeguata alle attrici, ma nonostante questo accorgimento faceva ancora così caldo che le maschere dovevano essere rimosse ogni 10 minuti.
  • Per prepararsi ai loro ruoli, la maggior parte delle attrici, ballerine e stuntwoman che interpretavano le geishe hanno dovuto frequentare un campo di addestramento per geishe, per conoscere le tecniche e i modi di fare di una geisha tradizionale. Le attrici sono state allenate dalla coreografa di geisha veterana Hanayo.
  • La produzione di questo film è stata accolta con polemiche sulla scelta di affidare il ruolo principale del Maggiore Motoko Kusanagi (un personaggio in origine giapponese) ad una donna bianca, con il ruolo andato a Scarlett Johansson (Major). Proteste online sono scaturite copiose quando Paramount Pictures ha rilasciato la prima immagine promozionale della Johansson in costume. La rabbia verso il suo casting è stata aggravata da notizie che riportavano che Lola VFX, la società dietro agli effetti visivi de Il curioso Caso di Benjamin Button era stata incaricata di gestire test sugli effetti visivi per dare ad attori bianchi un aspetto asiatico, anche se i risultati di tali test sono stati respinti immediatamente dopo essere stati esaminati.
  • Matthias Schoenaerts è stato considerato per il ruolo di Batou.
  • Il titolo del film, del manga e dell’anime è un cenno a “Ghost in the Machine” un concetto filosofico utilizzato per la prima volta da Arthur Koestler nel suo libro “The Ghost in the Machine” del 1976, utilizzato per indicare il dualismo cartesiano tra mente e corpo. Nel libro Koestler condivide il concetto di Gilbert Ryle (Il concetto di mente, 1949) secondo cui la mente di un individuo non sarebbe un’entità non-materiale indipendente, che abita e governa temporaneamente un corpo. Al contrario, l’idea è che durante la sua evoluzione il cervello umano ha conservato le strutture precedenti, più primitive, e si è sviluppato sulla base di esse. Il saggio cerca di spiegare la tendenza umana verso l’autodistruzione analizzando la struttura del cervello, la filosofia e le dinamiche cicliche storico-politiche, analizzando in particolare la corsa agli armamenti nucleari.
  • Sam Riley era in trattative per il ruolo di Hideo Kuze.
  • La petizione online contro il casting non asiatico del film, “DreamWorks: Stop Whitewashing Asian Characters!”, ha ricevuto oltre 104.000 firme.
  • Il Maggiore Motoko Kusunagi nel film è stato rinominato Major Mira Killian per rivolgersi ad un pubblico più ampio dei soli fan del manga giapponese.
  • Scarlett Johansson (Maggiore) e Pilou Asbæk (Batou) hanno già collaborato nell’action-thriller fantascientifico Lucy (2014).
  • In un’inquadratura decisiva della città, in alto a sinistra si può vedere una pubblicità della Pan Am. L’inclusione delle compagnie aeree in bancarotta è un riferimento a Blade Runner (1982) che aveva anch’esso una loro pubblicità nel film.
  • Diverse scene di questo film sono copie dell’originale Ghost in the Shell. Alcune parti mostrate in città sono addirittura riproduzioni esatte delle tavole originali.
  • Per il doppiaggio giapponese del film, i doppiatori di Ghost in the Shell (1995) – Atsuko Tanaka (il maggiore), Akio Ôtsuka (Batou) e Kôichi Yamadera (Togusa) hanno ripreso i loro ruoli.
  • Mamoru Oshii, il regista giapponese dell’originale Ghost in the Shell (1995), si è espresso contro la polemica che circonda Scarlett Johansson nel ruolo del Maggiore nonostante l’attrice non sia giapponese. Il regista ha dato la sua benedizione all’operazione e ha detto “Credo che avere Scarlett nel ruolo di Motoko sia stato il miglior casting possibile per questo film”.
  • Sebbene il film sia stato girato a Wellington, in Nuova Zelanda e il nome dell’ambientazione non sia mai menzionato, la città raffigurata è una Hong Kong altamente digitalizzata. Ad esempio, la baraccopoli sporca con abitazioni ristrette è Sham Shui Po e lo splendido sfondo quando il Maggiore è sulla barca è l’isola di Hong Kong Central. Anche altre location del film sono progettate per assomigliare esattamente a luoghi di Hong Kong o sono visivamente simili. Queste includono il quartier generale di Hanka, un cartello per “Central” visto sull’autostrada mentre il Maggiore si dirige verso l’ultima scena d’azione e il luogo della battaglia con il carro armato ragno, che sembra la passerella pedonale circolare di Causeway Bay, anche se fatta per sembrare fatiscente e ricoperta di vegetazione.
  • La scena in cui il maggiore porta la prostituta Lia in una stanza per esaminarla alla ricerca di prove di umanità era inizialmente più lunga e intima (si scambiavano anche un bacio). Ma è stata tagliata durante la post-produzione.
  • Scarlett Johansson non indossa una parrucca in questo film, i suoi capelli sono stati tinti di nero con punte tinte di un colore blu che brilla di una sfumatura viola durante le scene più scure. Questo è un omaggio intenzionale al colore dei capelli del Maggiore, che erano viola, nella serie televisiva Ghost in the Shell: Stand Alone Complex (2002).
  • La scena al bar Yakuza in cui Batou beve una birra servita da un barista con un braccio meccanizzato è un omaggio a Ratz il barista in “Neuromante” di William Gibson. Questo libro è considerato una forte influenza sul genere cyberpunk.
  • Il personaggio del dottor Ouelet è stato originariamente scritto come un personaggio maschile, ma è stato riscritto come una donna per accogliere nel cast Juliette Binoche che ha impressionato i realizzatori durante la sua audizione. Rupert Sanders ne era molto entusiasta perché gli piaceva l’idea di aggiungere un po’ di maternità al personaggio.
  • Quando è uscito in Giappone, il remake live-action ha ricevuto recensioni migliori rispetto all’originale Ghost in the Shell (1995). Il franchise di Ghost in the Shell è abbastanza di nicchia in Giappone, ma molti fan lo considerano alla pari con l’originale.
  • Ladriya, l’unico altro membro femminile della Sezione 9 della Pubblica Sicurezza, è l’unico personaggio che non esiste in nessun precedente lavoro di Ghost in the Shell ed è stato creato da zero per il film.
  • L’auto di Batou è una Lotus Esprit S3 modificata. L’auto di Aramaki è una Lotus Excel modificata.
  • Ballerini e stuntman sono stati scelti per interpretare la Geisha robotica. I loro movimenti flessibili e acrobatici fornivano le necessarie contorsioni inquietanti della Geisha.
  • La tuta che Scarlett Johansson indossa nel film come corpo sintetico del Maggiore, noto come Thermosuit, è realizzata in silicone.
  • Il Maggiore è indicato più volte come un “miracolo”. Il suo nome anglicizzato nel film è “Mira Killian”, un tributo all’idea che lei sia un “miracolo” dell’ibridazione tecno-umana e una testimonianza della grandezza dello spirito umano.
  • Sebbene il film sia in gran parte una storia originale, utilizza diversi personaggi, oltre a spunti visivi e tematici non solo da Ghost in the Shell (1995), ma anche dal suo sequel, Ghost in the Shell 2 – L’attacco dei cyborg ( 2004).
  • Viene mostrato Batou mentre lega con diversi cani randagi, incluso un Basset Hound che chiama Gabriel. Il regista di Ghost in the Shell (1995), Mamoru Oshii, è un grande fan dei Basset Hound e ne aveva uno lui stesso, anch’esso di nome Gabriel. Un Basset Hound è visto più volte nel film originale. Nel sequel dell’originale, Ghost in the Shell 2 – L’attacco dei cyborg (2004), viene mostrato che Batou ha un Basset Hound da compagnia. Oshii voleva che il suo Basset Hound facesse un cameo nel film, ma non aveva la documentazione adeguata per portare il cane sul set.
  • Batou aveva un fucile appositamente progettato per il film che è stato creato con un aspetto futuristico, ma sul set si sono verificati problemi quando l’arma continuando ad incepparsi ha causato all’attore Pilou Asbæk il fallimento di diverse riprese. Rupert Sanders lo ha incoraggiato a continuare a filmare normalmente anche se la pistola non funzionava correttamente.
  • La maggior parte degli attori che interpretano gli ufficiali della Sezione 9 della Pubblica Sicurezza hanno dovuto addestrarsi per diversi mesi insieme ai coordinatori degli stunt su come eseguire combattimenti corpo a corpo e come maneggiare pistole e coltelli.
  • Un calco del corpo di Scarlett Johansson, completo di viso dipinto di carne e parrucca, è stato utilizzato per la fine della sequenza in cui viene mostrato il corpo completamente formato. Quella in piedi sulla piattaforma dopo la sequenza di “shelling” non era in realtà Scarlett Johansson.
  • La sequenza di “shelling” che apre il film, ad eccezione di alcuni sfondi CGI e green screen, è stata eseguita principalmente con effetti pratici. Il corpo di Scarlett Johansson è stato utilizzato come modello per il guscio cibernetico per motivi di autenticità. Weta Workshop, che ha progettato la conchiglia, ha studiato attentamente l’anatomia umana per creare accuratamente il modello. La costruzione del guscio ha richiesto cinque mesi. Il liquido bianco attraverso il quale il guscio sale era una soluzione di plastica. Per la pelle è stato realizzato uno stampo in gel balistico del guscio.
  • Il cervello che è inserito nel guscio nella sequenza di apertura dello “shelling” era un effetto pratico. La testa era animatronica e si apriva con l’aiuto di telecomandi, mentre il cervello stampato in 3D era modellato da gel balistico.
  • Rupert Sanders era un grande fan del film d’animazione originale del 1995 molto prima che questo film entrasse in produzione. Ha visto il film per la prima volta su una copia VHS nel suo dormitorio durante gli anni del college.
  • Le pubblicità olografiche che si vedono durante il film non sono interamente CGI. Attori e controfigura sono stati utilizzati per eseguire il motion capture per molti degli spot.
  • Juliette Binoche inizialmente rifiutò il film tre volte prima di cedere e accettare di fare un provino, su diretta richiesta di Rupert Sanders.
  • Margot Robbie è stata considerata per il ruolo di Major.
  • Dopo aver visto Takeshi Kitano esibirsi davanti a lui sul set, Pilou Asbæk è rimasto così colpito dalle sue capacità di recitazione che ha deciso di essere uno dei suoi nuovi attori.
  • Il Maggiore visita un condominio alla ricerca del suo passato. Quando arriva, vede il nome dell’edificio su una carta, “Appartamenti Avalon”. Questo è un riferimento ad Avalon (2001) di Mamoru Oshii, che, allo stesso tempo, è fortemente influenzato dal manga e dall’anime Ghost in the Shell. In questo film, Ash, una giocatrice di un videogioco di realtà virtuale, mette alla prova il senso della realtà mentre tenta di svelare la vera natura e lo scopo del gioco. Avalon è un’isola leggendaria presente nelle leggende arturiane. È conosciuto come il luogo in cui la spada di Re Artù, Excalibur, fu forgiata e, in seguito, dove Artù fu portato per riprendersi dalle ferite dopo la battaglia di Camlann. Nel film, Avalon viene definita l’isola dove i guerrieri dal cuore puro vanno dopo la morte. Inoltre, parte di questo film è stato girato presso gli Avalon Studios di Wellington, in Nuova Zelanda.
  • Nella scena della città, apparivano annunci pubblicitari mostrati come “Innocenza” in caratteri katakana giapponesi. Si tratta di una citazione dal film anime di Mamoru Oshii Ghost in the Shell 2 – L’attacco dei cyborg (2004).
  • Gli Obi che completano le vesti e il kimono della Geisha sono stati cuciti e progettati per avere un tema a circuito stampato, in riferimento all’ambientazione futuristica del film.
  • I kimono indossati dalle Geishe Robotiche in questo film erano fatti di seta autentica, tinta in diverse tonalità di rosa, malva e fucsia. Sono state fatte a mano e cucite da zero.
  • Le luci che sembrano brillare dalle vesti della geisha sono state realizzate rivestendo i colletti dei kimono con luci a LED.
  • Il film è stato selezionato per la categoria dei migliori effetti visivi agli Oscar 2017, tuttavia non ha ricevuto una nomination.
  • C’è una scena in alcuni trailer in cui si vedono diversi monaci che pregano in una cappella. Due di questi monaci anziani sono stati interpretati da Tricky, musicista biritannico noto per il suo canto in stile sprechgesang sussurrato e per il suo sound cupo e stratificato, e dall’informatico giapponese Andrew Ng, anche se le loro scene sono state cancellate durante la post-produzione.
  • Rupert Sanders si è convinto che Scarlett Johansson fosse la scelta perfetta dopo aver visto il suo lavoro in Lost in Translation – L’amore tradotto (2003), Lei (2013), Under the Skin (2013) e Lucy (2014).
  • Prima di questo film, la veterana attrice giapponese Kaori Momoi era apparsa in un solo film americano (Memorie di una geisha, 2005).
  • Questa è la terza volta che Scarlett Johansson interpreta il ruolo di una donna potenziata dopo Natasha Romanoff che ha ricevuto un addestramento al combattimento russo in giovane età nell’universo cinematografico Marvel, e Lucy (2014), un corriere a cui viene somministrata accidentalmente una droga che potenzia e le dà un maggiore controllo sul suo cervello.
  • La Touchstone Pictures era originariamente coinvolta nel progetto, ma dopo la scadenza del contratto con la DreamWorks, la Paramount Pictures ha rilevato i diritti di distribuzione.
  • Uno dei tanti edifici digitalizzati di Hong Kong nel film è il famoso Lippo Centre, che è anche presente nella pista Golden City del videogioco di corse Burnout 3.
  • Takeshi Kitano ha recitato nel film Johnny Mnemonic (1995), in cui il protagonista (Keanu Reeves), un corriere di dati, memorizza i dati su un chip di memoria impiantato nel suo cervello.
  • Scarlett Johansson ha lavorato a questo film tra Captain America: Civil War (2016) e Avengers: Infinity War (2018).
  • Tre dei membri del cast sono apparsi anche nella serie tv Il trono di spade: Pilou Asbæk, Joseph Naufahu e Rila Fukushima. Hanno interpretato rispettivamente Euron Greyjoy, Khal Moro e la Sacerdotessa Rossa.
  • Pilou Asbæk ha dovuto tingere di bianco i suoi capelli naturalmente castani per interpretare Batou.
  • Questo è la quarta produzione tratta da un fumetto per Rila Fukushima, dopo Wolverine – L’immortale (2013) (Yukio), la serie tv Arrow (2012) (Katana) e Terra Formars (2016) (Sakakibara).
  • Il carro armato ragno, in particolare la testa del ragno robot, ha più di una vaga somiglianza con il logo “Bad Robot Productions”, società di produzione di JJ Abrams.
  • Il film segna il debutto in un lungometraggio della modella Adwoa Aboah.
  • Scarlett Johansson e Chin Han hanno già lavorato insieme in Captain America: The Winter Soldier (2014).
  • Funko ha rilasciato figures della linea Pop! che ritraggono il Maggiore, Batou e la Geisha del film.
  • Come Alex Rain, il protagonista del film sui robot Cyborg – La vendetta (1992), Il Maggiore è un agente di polizia ricostruito come un cyborg.
  • Il Maggiore si chiama Mira Killian in questo film, per allinearsi meglio con il suo aspetto occidentale. Tuttavia, alla fine, viene rivelato che era una ragazza asiatica di nome Motoko Kusanagi. Questo era il nome del Maggiore nell’anime originale.
  • Il cattivo del film è Kuze, che è un cyborg terrorista. Il suo personaggio è una fusione che incorpora elementi di diversi cattivi del franchise come quello di “L’uomo che ride”, un hacker della serie Ghost in the Shell: Stand Alone Complex (2002) che indossa un parka, il Marionettista, un cattivo del film originale Ghost in the Shell (1995), ed è basato principalmente su Hideo Kuze, un membro degli Individual 11 e amico d’infanzia di Motoko Kusanagi in Ghost in the Shell: S.A.C. 2° GIG – Individual Eleven (2006).
  • La fiala rossa che Cutter dà al dottor Ouelet per eliminare il Maggiore è etichettata C11H17N3O8 che è la tetradotossina, il composto tossico prodotto dai batteri simbionti nel pesce palla.
  • Durante la battaglia con il carro armato ragno, mentre il carro armato si avvicina ad un Kuze ferito (Michael Pitt), quest’ultimo punta il dito contro il carro armato come se fosse una pistola. Questo è un riferimento all’anime Cowboy Bebop (1998) in cui il personaggio principale, Spike Spigal, fa lo stesso.
  • Quando Il Maggiore fa visita alla madre di Motoko agli Appartamenti Avalon, l’atrio centrale circolare è un condominio di Hong Kong. La stessa location è stata utilizzata anche nel film Gau ji (2004).
  • Nonostante sia stato un flop critico e d’incassi, il film ha venduto particolarmente bene in home video, debuttando al numero 2 nella classifica delle vendite di home video per DVD, Blu-ray e 4K UHD nella sua prima settimana di uscita, dietro il film d’animazione Baby Boss ( 2017).
  • Il film costato 110 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 170.

Ghost in the Shell – 10 film da guardare dopo il live-action

Visionato il film abbiamo pensato di stilare una speciale classifica che però non poteva risolversi in una semplice “Top 10” di film di fantascienza, quindi abbiamo scelto di partire dall’anime originale di Mamoru Oshii scegliendo alcuni elementi distintivi in esso contenuti vedi Intelligenza artificiale, umani potenziati, cyborg, realtà virtuale e Internet (tutti elementi del genere “cyberpunk”), e da questi elementi trarne 10 titoli in sintonia su più livelli con il manga / anime originale.

  • 1. Ghost in the Shell (1995)

Naturalmente è d’obbligo dopo aver visionato il live-action guardare l’anime originale anni ’90 di Mamoru Oshii, chiaramente ci riferiamo a chi non lo conosce, per rendersi conto di quanto alcuni cambiamenti apportati nell’adattamento live-action ne abbiano cambiato e snaturato il senso più profondo.

  • 2. Matrix (1999)

Un film che ha indelebilmente segnato al storia della fantascienza e non solo dal punto di vista degli effetti speciali, poiché l’originale Matrix è qualcosa di realmente speciale. Un ambizioso ibrido di generi che gioca con la percezione della realtà, non solo del protagonista Neo (Keanu Reeves), ma anche dello spettatore da sempre affascinato da ciò che si cela nelle profondità della metaforica “Tana del Bianconiglio”.

  • 3. Blade Runner (1982)

Altro classico imperituro del genere fantascientifico, in questo caso dietro ad immersivi effetti speciali, suggestive scenografie e un carismatico Harrison Ford cacciatore di replicanti, vi è una ribellione di “macchine” concepite per servire l’uomo che evolvono e come gli esseri umani cercano il loro creatore per avere risposte che il genere umano persegue dalla notte dei tempi.

  • 4. Johnny Mnemonic (1995)

Tratto da William Gibson, uno dei padri del genere cyberpunk, Johnny Mnemonic è un divertente salto in un ipotetico futuro dove i potenziamenti cibernetici sono all’ordine del giorno e spesso illegali. Un Keanu Reeves pre-Matrix veste i panni di un “corriere” che per soldi sostituisce grosse porzioni della sua memoria con memoria libera da occupare con dati sensibili. Uscito lo stesso anno dell’anime Ghost in the Shell, il film diretto da Robert Longo ha molti punti in comune con il manga di Masamune Shirow e l’anime di Mamoru Oshii.

  • 5. Nirvana (1997)

All’epoca della sua uscita vidi Nirvana in sala e rimasi stupito da come il film di Gabriele Salvatores riuscisse ad osare tanto in un panorama asfittico come quello del cinema italiano, in cui il fantastico e il cinema di genere vengono approcciati con uno snobbismo insostenibile. Nirvana ispirato al romanzo “Neuromante” di William Gibson e a film come Blade Runner (1982) e Johnny Mnemonic (1995) anticipa il cult Matrix (1999) dei fratelli Wachowski e all’epoca incassò la bellezza di 15 miliardi di lire…chapeau.

  • 6. Robocop (1997)

Nell’ambito del potenziamento cibernetico degli esseri umani Robocop è uno dei rappresentanti di spicco ed ancora oggi inarrivabile a fronte di due sequel, quattro serie tv e un recente e decisamente innocuo reboot. Il film esplora la difficoltà di integrare uomo e macchina con il cervello dell’agente Murphy integrato con un sistema informatico e 3 direttive inviolabili («Ordine pubblico totale», «Proteggere gli innocenti», «Far rispettare la legge»). I ricordi della sua vecchia vita però riaffioreranno e la sua parte umana innescherà un cortocircuito emotivo che avrà inattese conseguenze.

  • 7. Tron: Legacy (2010)

Titolo davvero sorprendente, fedele allo spirito del Tron originale, il sequel di Joseph Kosinski schiva con intelligenza il rischio di rappresentare un’operazione fuori tempo massimo e ci riporta a pié pari nel mondo digitale del film originale ora noto come “La Rete”. Immersivi gli effetti visivi e tanto impressionanti quanto inquietanti le sembianze del programma senziente CLU 2.0, il giovane clone digitale di Jeff Bridges.

  • 8. Immortal Ad Vitam (2004)

Il film di Enki Bilal, ispirato ad una sua graphic novel, è un audace mix di live-action e animazione che ci racconta di un futuristica New York del 2095 popolata da mutanti e umani geneticamente alterati tra cui Jill Biosko, una mutante che ricorda la Leeloo del classico Il quinto elemento di Luc Besson. Bilal è un “outsider” che realizza, con la medesima tecnica utilizzata per Sky Captain and the World of Tomorrow, un gioiellino a tratti brutale e inquietante, ma anche potente e suggestivo nel suo miscelare misticismo e scienza.

  • 9. Il mondo dei replicanti (2009)

Il film di Jonathan Mostow, basato sulla miniserie a fumetti “The Surrogates” di Robert Venditti e Brett Weldele, si rivela un’intrigante action fantascientifico con un protagonista, il divo Bruce Willis che è quasi sempre una garanzia, e una marcia in più rispetto a pellicole similari grazie alla descrizione di un futuro “artificiale” non così lontano dalla realtà. Il film racconta un genere umano ormai completamente straniato e isolato che vive, si fa per dire, solo attraverso degli androidi chiamati “surrogati”. Un po’ come accade oggi con gli avatar utilizzati in rete, il film pone l’accento su una vera e propria solitudine di massa su cui bisognerebbe riflettere.

  • 10. Lucy (2014)

Prima di incarnare in Ghost in the Shell l’eroina cyborg nota come il Maggiore, la sensuale Scarlett Johansson interpretatava in Lucy di Luc Besson una donna che assume involontariamente una massiccia dose di una potente droga sperimentale che innesca in lei un cambiamento fisiologico impressionante (vedi “Limitless”), che con il trascorrere del tempo assumerà le prorpozioni di una vera e propria evoluzione genetica. Questo farmaco sintetico noto come “CPH4” permetterà alla protagonista di raggiungere il 100% dell’utilizzo delle sue capacità cerebrali e di manipolare materia, spazio e tempo. Una carismatica Johansson si cala perfettamente in un ruolo a mezza via tra il Neo di Matrix e il Maggiore di Ghost in the Shell e Besson riesce a non strafare nonostante l’ambizioso tema affrontato.

La colonna sonora

L’uscita ufficiale della colonna sonora del film da parte dei compositori Clint Mansell e Lorne Balfe era stata originariamente pianificata dalla Lakeshore Records con preordini disponibili per i CD, ma è stata inspiegabilmente cancellata poco dopo l’uscita del film il 31 marzo 2017. Alcuni hanno ipotizzato che la cancellazione era dovuto agli incassi deludenti del film al botteghino e alla sua accoglienza polarizzata sia dalla critica che dai fan della serie anime originale. Molti fan della musica del film su Internet hanno espresso la loro indignazione ed è stata persino avviata una petizione su Change.org che ha raggiunto oltre cinquemila firme per chiedere un rilascio ufficiale ad aprile 2018. Il 31 dicembre 2017, Lorne Balfe ha linkato diciotto tracce (le trovate QUI) che aveva composto in formato WAV di qualità da studio sul suo account Twitter ufficiale come regalo di Capodanno gratuito e ha ringraziato i fan per aver supportato il suo lavoro nel film. Tuttavia, più di un anno dopo la cancellazione dell’uscita della colonna sonora, né Lakeshore né Paramount Pictures hanno affrontato questa controversia e sebbene un album della colonna sonora sia stato pubblicato digitalmente lo stesso giorno del film stesso, che consisteva principalmente in brani con licenza che apparivano ed erano anche “ispirato dal film”, è improbabile che una versione ufficiale della colonna sonora vedrà mai la luce.

I titoli di coda del film contengono una versione remixata della colonna sonora di Kenji Kawai dal film originale. Non è la prima volta che la musica è stata remixata poiché “Beneath the Mask” di Kenji Kawai e Makai era in origine una versione di batteria e basso del 1998. Stranamente, l’uscita nel Regno Unito del film originale aveva una musica alternativa nei titoli di coda:”One Minute Warning” di Brian Eno e The Edge.

LE MUSICHE ORIGINALI :

01. Shelling (Prologue)
02. Alternative Shelling Sequence
03. Major on Site
04. Hanka Robotics
05. Holographic Conference Room
06. Glitch
07. Deep Dive
08. Lost
09. Street Gun Fight
10. Skinny Man Chase
11. Kuze’s Lair
12. My Mind is Human
13. Arrested
14. Confined
15. What’s Your Name
16. Ambush
17. Tank Battle
18. I Give My Consent
19. Motoko
20. Reborn (Epilogue)

La colonna sonora di “Ghost in the Shell” è scaricabile QUI

LE CANZONI DEL FILM:

1. Utai IV: Reawakening (Steve Aoki Remix) – Kenji Kawai
2. The Hacker – Johnny Jewel
3. Cathryn’s Peak – Boys Noize
4. Scars – DJ Shadow feat. Nils Frahm
5. Surge – Above & Beyond
6. Aokigahara Forest – io echo
7. Escape – Tricky
8. Enjoy the Silence – Ki:Theory
9. Free Fall – Johnny Jewel
10. Bed of Thorns – Gary Numan
11. The Key – Johnny Jewel
12. Utai IV: Reawakening – Kenji Kawai

La compilation di “Ghost in the Shell” è disponibile su Amazon.

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →