Il male non esiste: trailer italiano e tutte le anticipazioni sul film Orso d’Oro a Berlino

Tutto quello che c’è da sapere su “Il male non esiste”, il nuovo film del regista iraniano Mohammad Rasoulof al cinema dal 10 marzo 2022.

Il 10 marzo 2022 arriverà nei cinema italiani con Satine Film l’acclamato Il male non esiste, il film di Mohammad Rasoulof che affronta il tema della penna capitale premiato con l’Orso d’Oro al Festival Internazionale del Cinema di Berlino.

Un film insieme poetico e devastante che pone ognuno di noi di fronte alla responsabilità delle nostre scelte – Jeremy Irons (Presidente di Giuria Berlinale .70)

Il male non esiste – trailer e video

Primo trailer italiano ufficiale pubblicato l’8 febbraio 2022

Secondo trailer italiano ufficiale pubblicato il 1° marzo 2022

Trama e cast

La trama ufficiale: Ogni società che impone la pena di morte ha bisogno che le persone uccidano altre persone. Quattro uomini si trovano di fronte a una scelta impensabile ma semplice. Qualunque cosa decidano, corroderà direttamente o indirettamente se stessi, le loro relazioni e tutta la loro vita. In quattro episodi collegati tematicamente, Mohammad Rasoulof racconta le loro storie, che inevitabilmente sono anche le storie delle persone che li circondano.

1 – IL MALE NON ESISTE
Heshmat (Ehsan Mirhosseini), 40 anni, è un padre di famiglia gentile e simpatico. Ha una vita tranquilla con sua moglie e sua figlia. Si sente coinvolto nella routine quotidiana. Guadagna abbastanza soldi per mantenere la sua famiglia, ma vediamo nei suoi occhi che vivono con un segreto.

2 – LEI DISSE, “PUOI FARCELA”
Pouya (Kaveh Ahangar) ha appena iniziato il servizio militare obbligatorio di 2 anni. Con un congedo onorevole, potrà richiedere il passaporto e realizzare il suo sogno di lasciare l’Iran per vivere all’estero con la sua ragazza. Dopo solo una settimana di formazione di base, si trova di fronte a un dilemma. Ha una lunga notte davanti a sé; una notte in cui Pouya deve decidere tra i suoi sogni o in cosa crede.

3 – COMPLEANNO
Javad (Mohammad Valizadegan) è un giovane soldato a cui sono stati concessi tre giorni di permesso dalla sua base. Si reca in una piccola città vicino al Mar Caspio per stare con Na’na (Mahtab Servati) per il suo compleanno. Ha portato un anello e ha intenzione di farle la proposta durante la festa. Dopo essere arrivato a casa di Na’na, viene a sapere che la morte di un caro amico di famiglia ha costretto loro ad annullare la celebrazione. Il segreto della morte di questo sconosciuto sconvolge le vite di Javad e Nana.

4 – BACIAMI
Una coppia di mezza età, Bahram e Zaman (Mohammad Seddighimehr & Zhila Shahi), vive in campagna dove allevano api mellifere e sono benvoluti e rispettati dai loro vicini. Darya, su richiesta di Bahram e l’approvazione di Zaman, va a stare con loro nella loro fattoria per alcuni giorni. La presenza di Darya (Baran Rasoulof) alla fattoria di Bahram e Zaman altera notevolmente le loro vite.

Il cast del film include anche Masoud Tosifyan, Bardia Yadegari, Pejvak Imani, Shaghayegh Shourian, Darya Moghbeli , Parvin Maleki, Reza Bahrami, Salar Khamseh, Alireza Zareparast, Kaveh Ebrahim, Gholamhosein Taseiri e Pouya Mehri.

Curiosità

  • “Il male non esiste” ha vinto l’Orso d’oro al Festival di Berlino 2020. È il terzo film iraniano ad essere incoronato miglior film a Berlino, dopo Una separazione (2011) e Taxi (2015).
  • Il film segna il debutto cinematografico di Baran Rasoulof.
  • Il film è stato girato in segreto e poi bandito in Iran.

Note di regia

L’anno scorso ho visto uno dei miei inquirenti uscire dalla banca mentre attraversavo una strada a Teheran. Improvvisamente, ho provato una sensazione indescrivibile. A sua insaputa, l’ho seguito per un po’. Dopo dieci anni era un po’ invecchiato. Volevo fotografarlo sul mio cellulare, volevo correre verso di lui, rivelarmi a lui e urlargli con rabbia tutte le mie domande. Ma quando lo guardavo da vicino e osservavo i suoi modi con i miei occhi, non potevo vedere un mostro malvagio. In che modo i governanti autocratici trasformano le persone facendole diventare semplici componenti delle loro macchine autocratiche? Negli stati autoritari, l’unico scopo della legge è la conservazione dello stato e non l’agevolazione e la regolazione dei rapporti tra le persone. Vengo da un tale stato. E spinto da tali esperienze personali, volevo raccontare storie che chiedevano: come cittadini responsabili, abbiamo una scelta quando facciamo rispettare gli ordini disumani dei despoti? Come esseri umani, fino a che punto dobbiamo essere ritenuti responsabili del nostro adempimento di quegli ordini? Di fronte a questa macchina dell’autocrazia, quando si tratta di emozioni umane, dove ci lascia la dualità di amore e responsabilità morale?

Chi è Mohammad Rasoulof?

Il regista, scrittore e produttore iraniano indipendente Mohammad Rasoulof è nato a Shiraz, in Iran, nel 1972. Mentre studiava sociologia all’università, Rasoulof ha iniziato la sua carriera di regista con documentari e cortometraggi. Il suo primo film Gagooman (The Twilight, 2002) ha vinto il premio come miglior film al Fajr Film Festival in Iran. Dopo l’uscita del suo secondo film, Jazireh Ahani (Iron Island, 2005), ha dovuto affrontare alcuni problemi con le leggi sulla censura in Iran e di conseguenza le sue opportunità di produrre e proiettare film sono state ampiamente limitate e bandite. Ad oggi, Mohammad Rasoulof ha prodotto sette lungometraggi, nessuno dei quali è stato proiettato in Iran a causa della censura, anche se i suoi film godono di un vasto pubblico all’estero. Nel 2009, all’indomani delle elezioni presidenziali iraniane, è stato arrestato insieme con Jafar Panahi, durante le riprese di un film. Durante un primo processo è stato condannato a sei anni di reclusione (cinque per assembramento e collusione contro la sicurezza nazionale e un anno per propaganda contro il sistema). Fu assolto in appello dalla prima accusa e la sua pena fu ridotta a un anno. La pena non è stato applicata, ma è arrivata con il divieto di lasciare il paese.

Il divieto è stato revocato nel 2011, quando il suo film Goodbye è stato selezionato al Festival di Cannes, dove ha vinto il premio Un Certain Regard come miglior regista. I suoi due film successivi, Manuscripts Don’t Burn e A Man of Integrity, sono stati proiettati a Cannes nella stessa sezione, rispettivamente nel 2013 e nel 2017. “A Man of Integrity” ha ricevuto il Certain Regard Grand Prix. È stato anche presentato al Telluride Film Festival. Quando Mohammad Rasoulof è tornato dagli Stati Uniti, il suo passaporto è stato confiscato all’arrivo all’aeroporto di Teheran ed è stato privato della libertà di movimento e di lavoro. Dopo diversi interrogatori, nel luglio 2019 è stato condannato a un anno di reclusione, seguito da due anni di divieto di lasciare il paese e divieto di partecipare a qualsiasi evento sociale o politico. Tutte queste limitazioni non hanno impedito a Rasoulof di lavorare. L’anno scorso ha lavorato come produttore e sceneggiatore nei film Hatchback Ghermez (The Red Hatchback) e Pesar-Madar (Son-Mother). Poi, Rasoulof ha completato il suo lavoro come sceneggiatore, regista e produttore dell’ultimo film Sheytan Vojud Nadar (Il male non esiste). Il film ha vinto l’Orso d’Oro al Festival di Berlino nel 2020 e il premio è stato ritirato in sua assenza dagli attori del film.

Intervista al regista

“Il male non esiste” è composto da quattro episodi che ricordano le quattro sfaccettature di un diamante; quattro storie che affrontano ciascuna un filo conduttore in modo diverso. Cosa ti ha dato l’idea di dividere la storia in quel modo?

Sapere come realizzerò il mio prossimo film è un’ossessione per me, anche quando sono attualmente in un altro film. Ancora oggi, pur vivendo nella totale incertezza, ho un’idea abbastanza precisa di come girerò il mio prossimo film. Ma quando sono tornato in Iran dopo il mio precedente film, A Man of Integrity, presentato in festival cinematografici stranieri, sono stato bombardato da così tanti problemi che non potevo guardare avanti a un altro film. Questa situazione molto sconcertante è durata due anni, quando ho cercato di trovare una soluzione per filmare di nuovo. Mi sono reso conto che il modo migliore per evitare la censura era realizzare ufficialmente dei cortometraggi. Più brevi sono le riprese di un film, meno le autorità di censura sono interessate, quindi c’è meno rischio di essere scoperti. Così ho iniziato a pensare a diverse storie. Il tema comune mi è venuto subito in mente: come ci assumiamo la responsabilità delle nostre azioni in un contesto totalitario. Resistere agli ordini totalitari è un’idea allettante, ma ha un costo. Porta a rinunciare a molti aspetti della vita e talvolta alla disapprovazione dei tuoi coetanei. Volevo creare personaggi che fossero orgogliosi di aver avuto la forza di disobbedire e che ne affrontassero le conseguenze. Nonostante tutto ciò che hanno perso, rimangono fedeli ai propri standard morali.

Più che la pena di morte, il filo conduttore di queste quattro storie è il tema della responsabilità individuale. Ma ogni episodio si svolge in un ambiente diverso. Come l’hai affrontato?

La prima idea mi è venuta al mio ritorno in Iran, quando con mia grande sorpresa, tutti quelli che ho incontrato mi hanno chiesto perché fossi tornato. Cosa avevo fatto di così brutto? Avevo fatto un film che trattava di corruzione; Avevo raccontato una storia. La gente si aspettava che mi sottoponessi alla repressione, che scappassi perché avevo disobbedito. Pensare a questa situazione ha ispirato il secondo episodio: la storia di un giovane il cui futuro sembra tracciato, ma a causa di un rifiuto durante il servizio militare, vede la sua vita puntare nell’ignoto. Nello stesso periodo, quando sono passato davanti a una banca vicino a casa mia, ho visto uscire un uomo, lo stesso uomo che, dieci anni prima, mi aveva sottoposto a un duro interrogatorio in prigione e aveva preso parte al mio arresto durante una sparatoria…Ho fatto subito il collegamento con la “banalità del male”, il concetto sviluppato da Hannah Arendt. Ho pensato tra me e me, quest’uomo probabilmente non ha mai pensato al significato delle sue azioni. Era molto probabile che l’unico modo che aveva trovato per provvedere alla sua famiglia fosse compiere queste azioni. Questo mi ha dato l’idea per il primo episodio. Il quarto episodio è, per me, una specie di balzo in avanti rispetto al secondo. È stato ispirato dal mio rapporto con mia figlia. Quando era più giovane, mi chiedeva spesso quale fosse il senso della mia lotta contro il potere, perché nessuno mostrava il minimo interesse per la mia lotta. Lei ha pensato sarebbe stato meglio concentrarmi sulla mia vita personale e familiare. Questo dilemma, tra mantenere i propri standard o la propria famiglia, mi ha ispirato a scrivere l’ultimo episodio. Il terzo episodio è nato dalla mia fede nelle donne. Sono convinto che se un giorno ci sarà un cambiamento nella struttura culturale e politica dell’Iran, verrà dalle donne. Quindi volevo scrivere una storia che mostrasse l’influenza che le donne hanno sull’ambiente circostante. Questa madre costruisce la sua famiglia in modo tale che sua figlia non esiterà a rinunciare al suo vero amore per combattere la repressione.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore Amir Molookpour (Woodgirls – A Duet for a Dream, Son-Mother).

TRACK LISTINGS:

1. There Is No Evil 3:58
2. Escape, Pt. 1 3:44
3. If I…? 1:02
4. On the Road 2:53
5. The Beehive 1:49
6. Escape, Pt. 2 1:51
7. If I…! 1:58

La colonna sonora de “Il male non esiste” è disponibile su Amazon.

Foto e poster