• Film

Il videogioco “It Takes Two” diventa un film live-action e il regista di “Pig” adatta il fumetto “Sabrina” di Nick Drnaso

Il videogioco “It Takes Two” e il fumetto “Sabrina” saranno adattati in film live-action per il grande schermo.

It Takes Two, il videogioco di Electronic Arts, sarà adattato per il grande schermo in un film live-action scritto da Pat Casey e Josh Miller, già sceneggiatori di Sonic – Il Film  e Sonic – Il Film 2, che saranno anche produttori esecutivi del progetto, che nel frattempo è stato acquisito da Amazon dopo una battaglia all’ultima offerta. Dwayne Johnson, Dany Garcia e Hiram Garcia produrranno per conto di Seven Bucks. Il sito Variety riporta che Johnson potrebbe recitare nel film, ma al momento non ci sono notizie ufficiali su questa eventualità.

“L’adattamento cinematografico seguirà May e Cody che, mentre affrontano un divorzio, si ritrovano trasportati con la mente in due bambole che la loro figlia, Rose, ha realizzato per rappresentarli. Ora devono intraprendere un viaggio folle e fantastico per trovare un modo per tornare nei loro corpi”.

Dmitri M. Johnson e Dan Jevons produrranno per “dj2”, con Stephan Bugaj di “dj2” che sarà produttore esecutivo. Josef Fares e Oskar Wolontis di Hazelight Studios, che hanno sviluppato il gioco originale, saranno produttori esecutivi e consulenti per l’adattamento. Kimberly Bialek supervisionerà la produzione per conto di Seven Bucks Productions.

“It Takes Two” è un gioco platform d’azione e avventura sviluppato da Hazelight Studios e pubblicato da Electronic Arts. Il gioco è stato rilasciato per Microsoft Windows, PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One e Xbox Series X/S a marzo 2021. Come il titolo di debutto di Hazelight, A Way Out, il gioco non ha un’opzione per giocatore singolo, ma è giocabile solo in multiplayer cooperativo. “It Takes Two” ha ricevuto recensioni favorevoli dalla critica, ha vinto numerosi riconoscimenti, tra cui Gioco dell’anno ai The Game Awards e miglior gioco multipalyer e migliore proprietà originale ai British Academy Games Awards ed è stato un successo commerciale, con 5 milioni di copie vendute a febbraio 2022. Josef Fares, il regista dei precedenti “A Way Out” (2018) e Starbreeze’s Brothers: A Tale of Two Sons (2013), ha diretto anche “It Takes Two” che ha descritto come una “commedia romantica”. Fares ha anche fornito la motion capture per il dottor Hakim, uno dei personaggi chiave del gioco.

Michael Sarnoski (foto in alto) regista di Pig – Il piano di Rob, il sorprendente dramma con Nicolas Cage ex chef stellato diventato eremita e cacciatore di tartufi con l’aiuto del suo pregiato maiale “segugio”, scriverà e dirigerà l’adattamento cinematografico di Sabrina, che sarà basato sull’omonima graphic novel di Nick Drnaso.

La storia di Sabrina segue “un uomo in lutto la cui ragazza scompare, che va a vivere con il suo vecchio amico, un agente esperto di sorveglianza dell’Air Force che sta affrontando un matrimonio fallito. Dopo che una macabra videocassetta è stata inviata in forma anonima alle testate giornalistiche, la scomparsa di Sabrina diventa virale. Mentre il ciclo di notizie di 24 ore e i social media si impossessano della storia, i due uomini vengono presi di mira da teorici della cospirazione al vetriolo che minacciano il loro senso della verità e la loro fiducia reciproca”.

L’adattamento di “Sabrina” sarà il terzo lungometraggio per Sarnoski che nel frattempo ha firmato con Paramount per dirigere A Quiet Place Part III. Del progetto si sa solo che non sarà una continuazione della “Parte II”, ma più uno spin-off. Jeff Nichols era originariamente destinato alla regia, ma si è ritirato per un altro progetto di fantascienza, rimanendo accreditato come sceneggiatore. Al momento il sito IMDb riporta una data di uscita fissata al 22 settembre 2023.

 

Sabrina è scomparsa. Il popolo del web vuole sapere la verità… Il primo romanzo a fumetti a essere candidato al prestigioso Man Booker Prize. Coconino Press presenta il primo romanzo a fumetti a essere entrato tra i finalisti del Man Booker Prize, il più prestigioso premio letterario del mondo anglosassone: un evento editoriale paragonabile a quanto accaduto in Italia nel 2014, quando Unastoria di Gipi fu il primo fumetto candidato al Premio Strega. Al suo secondo graphic novel, dopo il folgorante esordio di Beverly, con Sabrina il giovane autore americano Nick Drnaso ha ricevuto gli elogi di scrittori come Zadie Smith e Jonathan Lethem e di maestri del fumetto come Chris Ware. E ha conquistato pubblico e critica internazionale con una storia che affonda il bisturi nelle paranoie dell’America di oggi, parlando di fake news e teorie cospirazioniste, ma soprattutto delle conseguenze che tutto questo comporta per le vite ordinarie delle persone comuni, congelate nella loro solitudine davanti allo schermo di un computer. Il fumetto è ambientato in Colorado e ruota attorno alla misteriosa sparizione di una ragazza (la Sabrina del titolo), concentrandosi soprattutto sull’impatto mediatico che la scomparsa di lei genera, tra fake news su Internet, teorie del complotto, spettacolarizzazione del dolore nel “circo” dei media, e sulle conseguenze che tutto questo provoca nelle vite delle persone più care a Sabrina: la sorella Sandra, il fidanzato Teddy, l’amico Calvin, militare in una base dell’aviazione americana. Attraverso questi personaggi, nei loro dialoghi minimalisti, emerge il ritratto di un’America smarrita, attraversata da costanti tensioni, in cui la violenza è sempre in agguato sotto la superficie e pronta in ogni momento a esplodere.

La graphic novel “Sabrina” è disponibile nell’edizione inglese su Amazon.

Fonte: Deadline