Stasera in tv: Jurassic World – Il regno distrutto su Canale 5

Canale 5 stasera propone Jurassic World – Il regno distrutto, film del 2018 diretta da J.A. Bayona e interpretato da Chris Pratt e Bryce Dallas Howard.

Cast e personaggi

Chris Pratt: Owen Grady
Bryce Dallas Howard: Claire Dearing
Isabella Sermon: Maisie Lockwood
Justice Smith: Franklin Webb
Daniella Pineda: dott.ssa Zia Rodriguez
Rafe Spall: Eli Mills
Toby Jones: Gunnar Eversoll
Ted Levine: Ken Wheatley
James Cromwell: Benjamin Lockwood
Geraldine Chaplin: Iris Carroll
Jeff Goldblum: Ian Malcolm
BD Wong: dott. Henry Wu
Peter Jason: Sherwood
Robert Emms: Jack
Conlan Casal: Radovan

Doppiatori italiani

Andrea Mete: Owen Grady
Federica De Bortoli: Claire Dearing
Sara Tesei: Maisie Lockwood
Alex Polidori: Franklin Webb
Gaia Bolognesi: dott.ssa Zia Rodriguez
Alessandro Quarta: Eli Mills
Mino Caprio: Gunnar Eversoll
Massimo Corvo: Ken Wheatley
Dario Penne: Benjamin Lockwood
Melina Martello: Iris Carroll
Fabrizio Pucci: Ian Malcolm
Loris Loddi: dott. Henry Wu
Roberto Fidecaro: Sherwood

Trama e recensione

Sono passati tre anni da quando il parco tematico di Jurassic World è stato distrutto dai dinosauri scappati dalle gabbie di contenimento; Isla Nublar adesso è un luogo selvaggio abbandonato dagli umani dove i dinosauri sopravvissuti cercano riparo nella giungla. Al risveglio del vulcano, inattivo fino a quel momento, Owen (Chris Pratt) e Claire (Bryce Dallas Howard) intraprendono una campagna per salvaguardare le specie di dinosauri ancora in vita da un evento di distruzione di massa. Owen è intento a cercare Blue, il suo principale velociraptor ancora disperso nella foresta, mentre Claire nel frattempo ha sviluppato un rispetto nei confronti di queste creature, divenute ormai la sua missione. Giunti sull’isola proprio mentre la lava inizia a scorrere i due scoprono anche una cospirazione di portata globale che potrebbe far ritornare l’intero pianeta a un rovinoso stato di disordine come non si vedeva dalla preistoria. Con tutta la meraviglia, l’avventura e le emozioni che hanno caratterizzato una delle più famose e fortunate saghe della storia del cinema, questo nuovo evento cinematografico segna il ritorno dei nostri personaggi preferiti e dei dinosauri—insieme a nuove specie più imponenti e spaventose che mai. Benvenuti a Jurassic World: Il Regno Distrutto.

Curiosità

  • La pellicola, sequel di Jurassic World del 2015, è il quinto capitolo cinematografico del franchise di Jurassic Park.
  • Cinque dinosauri animatronici sono stati creati per questo film, a differenza di Jurassic World (2015), che ne presentava solo uno. Sono stati usati più animatronics a causa delle molte interazioni diverse e più strette che gli attori avevano con i dinosauri. Una scena è stata quando Bryce Dallas Howard cavalcava in cima al T-rex sedato.
  • Lo sceneggiatore Colin Trevorrow ha detto a proposito di Rexy / Roberta: “Abbiamo seguito questo stesso personaggio sin dall’inizio; è la stessa T-rex che era in Jurassic Park (1993) e in Jurassic World (2015). È iconica, non solo perché è un T- rex, ma perché è questo T-rex “.
  • L’Allosaurus era un vero predatore all’apice del periodo Giurassico, mentre T-Rex, Carnotaurus, Spinosaurus, Velociraptor e molti altri visti nei film provengono in realtà dal Cretaceo.
  • Per consigli su procedure veterinarie e movimenti animatronici, i realizzatori hanno reclutato Jonathan Cranston, un chirurgo veterinario del Gloucestershire che aveva esperienza con la fauna selvatica del Sudafrica. Cranston ha consigliato al direttore J.A. Bayona e i produttori su come coreografare diverse scene per rappresentare accuratamente complesse procedure veterinarie che hanno coinvolto i dinosauri. Cranston ha anche lavorato a stretto contatto con Chris Pratt, Bryce Dallas Howard, Daniella Pineda e Justice Smith per insegnare loro come eseguire tali procedure. Inoltre, Cranston ha consigliato ai burattinai di creare movimenti animali sottili e autentici e ha anche lavorato con Bayona in due scene. Cranston è stato sul set per dodici giorni, principalmente ai Pinewood Studios.
  • Nel far sentire i dinosauri più “realistici” nel film, il team di produzione si è ispirato ad elementi del mondo reale, trattandoli meno come creature fantastiche e più come animali che potrebbero esistere nella vita reale. In effetti, il consulente veterinario del film, Jonathan Cranston, ha aggiunto che il dolore fisico ed emotivo trasmesso dai dinosauri, in questo film, è stato fondamentale nel renderli credibili, come lo erano i loro reali progetti fisici. Ha anche incorporato più personalità in loro, esplorando angoli per rendere i personaggi e gli spettatori in empatia con loro.
  • (a circa 32 minuti) Quando Owen si riunisce con Blue, scopre che il suo rapace preferito ha costruito un nido su un sito giurassico familiare, sotto l’albero gigante dove il dottor Grant e i bambini hanno schivato per poco ila loro Ford Explorer distrutta dopo il primo incontro ravvicinato con il T-Rex. è stata un’idea dello sceneggiatore Colin Trevorrow, come afferma Andy Nicholson: “Era un pensiero che Colin aveva per l’ultimo film invece della (scena nel) centro visitatori originale”, dice Nicholson. “Volevamo inserirlo in questo film. Avevamo bisogno di un momento in cui Blue incontrasse Owen, ed è bello poter creare ricordi dei fan come questo.”
  • Il regista J.A. Bayona ha chiesto al team degli effetti visivi di Industrial Light & Magic di riflettere l’input genetico dell’Indoraptor, ma ha aggiunto riferimenti come il classico Frankenstein (1931) con Boris Karloff al mix. “Volevamo che il dinosauro avesse lo stato d’animo di una creatura rifiutata. Ho pensato alla terrificante tristezza di Frankenstein”, dice Bayona, che ha anche richiesto riferimenti a pazienti malati di mente negli ospedali psichiatrici. “Volevamo inglobare nell’Indoraptor il tipo di scatti che hanno con i loro corpi a causa della malattia”.

  • L’elenco dei dinosauri nel film include: Allosaurus, Ankylosaurus, Apatosaurus, Baryonyx, Brachiosaurus, Carnotaurus, Compsognathus, Gallimimus, Indoraptor, Mosasaurus, Pteranodon, Sinoceratops, Stegosaurus, Stygimoloch, Triceratops, Tyrannosaurus Rex, Velociraptor, Dilophosaurus, Dimetrodon, Dracorex, Edmontosaurus, Indominus Rex, Kosmoceratops, Mononykus, Protoceratops.
  • J.A. Bayona, nato a Barcellona durante l’ultimo anno della dittatura franchista, era ancora un adolescente quando Jurassic Park (1993) uscì nel suo multiplex locale. Ricorda ancora il suo senso di euforia, vedendo per la prima volta sullo schermo dinosauri realistici. Non avrebbe mai immaginato che avrebbe diretto il quinto film Jurassic ventiquattro anni dopo.
  • Circa duemilacinquecento ragazze sono state provinate per il ruolo di Maisie Lockwood, anche Ruby Barnhill è stata considerata per la parte, avendo lavorato con il produttore esecutivo Steven Spielberg in Il GGG – Il grande gigante gentile (2016). La parte alla fine è andata a Isabella Sermon, segnando il suo debutto cinematografico.
  • Lo Stygimoloch sembra un po’ più grande del Pachycephalosaurus mostrato in Il mondo perduto – Jurassic Park (1997). Nella vita reale, si ritiene che il Pachycephalosaurus fosse più grande, anche se c’è ancora confusione anche tra i paleontologi sul fatto che questi due dinosauri condividissero o meno la stessa specie.
  • Jeff Goldblum ha riflettuto sulla sceneggiatura dello scrittore e produttore Colin Trevorrow e su come ha usato i dialoghi dei romanzi di Michael Crichton per le battute del film.”Colin è un uomo molto brillante, e ha scritto una bellissima scena per me. L’ho chiamato per condividere le mie idee per il personaggio e abbiamo collaborato”, ha detto Goldblum. “Poi J.A. Bayona e io ci siamo incontrati. È molto appassionato dei temi dell’anti-avidità, dell’antimilitarismo e della scienza. È stata una ripresa fantastica”.
  • J.A. Bayona è stato scelto per la regia grazie al suo lavoro nel film horror prodotto da Guillermo del Toro, The Orphanage (2007) e film come The Impossible (2012) e Sette minuti dopo la mezzanotte (2016), oltre a prestare il suo talento alla regia di episodi della serie tv horror Penny Dreadful. Bayona è stato recentemente scelto per dirigere episodi della serie tv Il signore degli anelli.
  • Questo film è uscito venticinque anni dopo Jurassic Park (1993), ventuno anni dopo Il mondo perduto – Jurassic Park (1997), diciassette anni dopo Jurassic Park III (2001) e tre anni dopo Jurassic World (2015).
  • Il fatto che Isla Nublar sia un’isola vulcanica era già menzionato nel romanzo originale di Jurassic Park, dove ci sono riferimenti all’attività vulcanica che aiutano a replicare l’atmosfera dell’era mesozoica. Inoltre, lo stesso vulcano può essere visto nel gioco per dispositivi mobili Jurassic World, con il nome del vulcano Mount Sibo da Jurassic Park: The Game (2011) e il sito web di collegamento della Masrani Global.
  • Quando si è trattato di progettare l’Indoraptor, J.A. Bayona e il team di progettazione hanno prima esaminato i riferimenti agli animali, dai dinosauri, ai serpenti, ai cani e ai gatti. “Gli elementi più importanti nel design dell’Indoraptor sono stati presi da animali reali”, ha detto. “Gli occhi, la consistenza della pelle, gli artigli, il modo in cui striscia. Volevo che fosse molto scuro e scomparisse nell’oscurità. Mi sono messo nei panni di un bambino e quello che sarebbe spaventoso: gli occhi e i denti “Così abbiamo messo colore e luminosità negli occhi e gli abbiamo dato denti bianchissimi. Per me è stato un modo per renderlo terrificante. Il design delle braccia era molto lungo. Ciò lo rende anche raccapricciante e quasi umano. “Oltre a fare riferimento a Nosferatu – Il vampiro (1922) per gli artigli, Bayona ha mostrato a Industrial Light & Magic cher curato gli effetti visivi del film un po’ di Frankenstein (1931) per il suo umore oscuro ma malinconico.” Quando l’Indoraptor è di corridoio lungo e buio, c’è una sorta di sapore spettrale “, ha detto. Bayona ha anche discusso di come potrebbero incorporare la scossa nervosa di persone malate di mente nella performance animata. Per David Vickery, supervisore degli effetti visivi di Industrial Light & Magic, dava l’impressione di un cane rognoso e rabbioso. “JA voleva che fosse incredibilmente magro e malnutrito”, ha detto Vickery. Sebbene l’Indoraptor è sia bipede e quadrupede, Industrial Light & Magic ha lottato con le sue proporzioni cercando di evitare che diventasse troppo mostruoso.”Così abbiamo provato a infondere gran parte del Velociraptor nei suoi tratti e nel movimento”, ha aggiunto Vickery.

  • Tom Holland, lo Spider-Man dei film Marvel, è rimasto terrorizzato dal film, J.A. Bayona ha spiegato: “Ho invitato tutta la sua famiglia ad una proiezione, ero seduto con lui ed è stato molto divertente vedere come reagiva al film. Nei momenti emotivi era proprio tipo ‘No!’ e poi saltava. Si è divertito molto, ma l’unica scena che lo ha colpito è stato l’Indoraptor che artiglia la coda di cavallo di Maisie attraverso la gabbia, quella è la scena che a Tom piace e che lo ha spaventato a morte”.
  • (a circa 18 minuti) Claire convince Owen in un bar. In Jurassic Park III, i Kirby convincono il dottor Alan Grant in un bar.
  • J.A. Bayona ha voluto che che la seconda metà del film si spostasse in un ambiente completamente diverso “che ci fosse più suspense, che fosse più dark, claustrofobico e avesse anche questo sorta di elemento gotico che adoro”. Il concept di suspense a sfondo gotico per il film è stato influenzato dai film di Sir Alfred Hitchcock, così come da Dracula (1979).
  • Per la prima volta da Jurassic Park III (2001) il tirannosauro nel film non è solo ritratto con CGI, ma anche con animatronica.
  • Il T-rex animatronico è stato progettato da un team di circa diciotto persone, guidato dal supervisore degli effetti delle creature Neal Scanlan, che ha anche lavorato agli effetti della trilogia del sequel e degli spin-off di Star Wars. È stata progettata e messa in mostra una maquette su piccola scala e il modello in scala reale è stato progettato per muovere la testa, il collo e parte del busto, con le gambe e la parte posteriore essenzialmente progettate come supporto per gli effetti CGI aggiunti in seguito nel processo di sviluppo. Avendo anche occhi articolati e in grado di ruggire, il team degli effetti usava un cocktail sconosciuto di liquidi viscidi per imitare la saliva, cosa che veniva fatta spargendola manualmente sui denti e sulla bocca della creazione.
  • L’associazione animalista P.E.T.A. ha elogiato il film e il punto di vista di alcuni personaggi rispetto agli animali. “P.E.T.A. invia squadre di soccorso quando si verifica un uragano o altri disastri naturali e gli animali stanno soffrendo a causa di quel disastro naturale” ha dichiarato il vicepresidente senior Lisa Lange di P.E.T.A. in un’intervista. “Quindi, immagino che sarebbe una specie di paragone. E poi, fai tutto il possibile per consentire a questi animali di continuare a vivere e continuare a mangiare e non soffrire. Per noi, la sofferenza è il grande problema.” Il fattore motivante in ogni film di Jurassic Park è che gli umani hanno resuscitato questi animali, provocando regolarmente caos e carneficina. Mentre gli zoo e i parchi naturali vedono meno incidenti mortali ogni anno, l’organizzazione sostiene i temi di questo franchise e il senso di diritto che gli umani dimostrano su altre specie. “Davvero, tutti questi film di Jurassic Park hanno davvero incoraggiato le persone a pensare al quadro più ampio e al ruolo che svolgiamo nella devastazione dell’ambiente e degli animali che ci vivono. Siamo molto grati ai realizzatori per questo”.
  • L’attore James Cromwell (Benjamin Lockwood) ha paragonato Donald Trump ad un T-rex, affermando: “Potremmo davvero far cambiare idea alle persone che sostengono il dinosauro che abbiamo alla Casa Bianca in questo momento. Non c’è modo di raggiungerlo. È come raggiungere un T-rex, ma noi possiamo cambiare le persone che sono affascinate da questa finzione. Possiamo sottolineare la verità. Possiamo far loro sapere che li ascoltiamo. Sentiamo quali sono i loro problemi e siamo disposti ad affrontarli, a fare qualsiasi cosa per rendere le loro vite migliore e vivibile.”
  • Una scena è stata scritta ma mai filmata, Claire e Owen camminano per l’Arcadia, cercando di localizzare la gabbia del T-rex, e aprendo una gabbia trovano un Dilofosauro. J.A. Bayona ha dichiarato il motivo per cui la scena non è stata girata, “Voglio dire, quella era una sezione piuttosto lunga del film, l’Arcadia. Abbiamo pensato che non avessimo bisogno di quella scena perché stava rendendo quella sezione ancora più lunga, quindi abbiamo deciso anche di non girarla”.

  • J.A. Bayona spera che gli spettatori abbiano imparato qualcosa sui pericoli della scienza moderna. In un’intervista ha dichiarato: “Una delle cose che amo dei film di Steven Spielberg è in qualche modo come è in grado di combinare un grande intrattenimento con idee importanti, e a volte sembrano racconti morali. Ti dicono cos’è la cosa giusta da fare e la cosa sbagliata da fare. E questo mi piace. Fin dall’inizio, dalla primissima pagina del libro di Michael Crichton, ho trovato la stessa intenzione, come a indicare non la scienza, ma l’uso sbagliato della scienza. Quindi si spera che questo possa piantare un seme nelle persone e nei bambini. Non per i dinosauri, ma per gli animali. Penso che se si riesce farlo sarebbe fantastico”. Tuttavia Bayona crede che se fosse possibile riportare in vita i dinosauri, in realtà la curiosità vincerebbe sul dilemma morale. Ha aggiunto: “Dal momento in cui dirai alla gente che puoi creare un dinosauro, la gente impazzirà e dimenticherà le ripercussioni morali ed etiche”.
  • (a circa 1h 55 min) Verso la fine Rexy / Roberta irrompe in uno zoo e ruggisce contro un leone, casualmente meno di un anno dopo l’uscita del film, una nuova specie di mammifero gigante è stata identificata dopo che i ricercatori hanno studiato le ossa che erano state conservate per decenni in un cassetto di un museo keniota. La specie, soprannominata “Simbakubwa kutokaafrika” che significa “grande leone africano” in swahili, vagò nell’Africa orientale circa 20 milioni di anni fa.
  • Dopo l’uscita di questo film, il 26 giugno 2018 è stato pubblicato un romanzo intitolato “The Evolution of Claire”, scritto da Tess Sharpe. Il libro inizia quando Claire Dearing reduce dall’incidente di Jurassic World tche orna nella sua città natale su richiesta di sua sorella Karen. Quindi riflette sulla sua vita prima di essere assunta per lavorare a Jurassic World. Il libro riprende poi dodici anni prima nel 2004, mentre lei e la sua coinquilina Regina stanno facendo i bagagli per lasciare il college per le vacanze estive. Mentre riflettono su quello che è successo quell’anno, Karen arriva per accompagnare Claire a casa dei genitori.
  • Per coincidenza, questo film è uscito lo stesso anno in cui l’originale Jurassic Park è stato selezionato dal National Film Registry come “culturalmente, storicamente o esteticamente significativo”.
  • Un sequel dal titolo Jurassic World: Dominion è programmato in uscita per l’11 giugno 2021 con la regia di Colin Trevorrow, che ha diretto l’originale Jurassic World e scritto il sequel “Il regno distrutto”.
  • Il film costato 170 milioni di dollari ha incassato nel mondo 1 miliardo e 308 milioni.

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono state affidate nuovamente al compositore Michael Giacchino già autore delle musiche del Jurassic World originale. Tra i crediti di Giacchino troviamo alcuni dei più popolari ed acclamati progetti cinematografici della storia recente, tra cui Inside Out, Apes revolution – il pianeta delle scimmie, Gli incredibili – una normale famiglia di supereroi, Ratatouille, Zootropolis e Rogue One: A Star Wars Story. Nel 2009, la colonna sonora per il successo Pixar Up gli è valsa un Oscar, un Golden Globe, un BAFTA, il Critical Choice Award e un Grammy Award.
  • Gli esordi di Giacchino includono la divisione “Disney Interactive”, dove ha iniziato a comporre musiche per videogiochi, e la “DreamWorks Interactive”, dove il suo lavoro è stato portato all’attenzione di Steven Spielberg, che lo ha voluto per creare le musiche del videogioco The Lost World: Jurassic Park, diventando il primo gioco per la PlayStation con delle musiche orchestrali dal vivo, registrate con musicisti della Seattle Symphony. Giacchino ha continuato a musicare numerosi videogiochi, tra cui la serie “Medal of Honor” di Spielberg.
  • Il lavoro di Giacchino nei videogiochi ha suscitato l’interesse di J.J. Abrams, e così è iniziata una lunga collaborazione che ha dato vita alle colonne sonore delle serie televisive di successo Alias e Lost, e per i film Mission: Impossible III, Star Trek, Super 8 e Into Darkness – Star Trek. Altri suoi progetti includono collaborazioni con la “Disney Imagineering” sulle musiche per le attrazioni Space Mountain, Star Tours (con John Williams) e la giostra di Ratatouille a Disneyland Paris.
  • I crediti di Giacchino includono musiche per il sequel The War – il pianeta delle scimmie, il cinecomic Spider-Man: Homecoming e l’acclamato Coco della Pixar, l’acclamata commedia Jojo Rabbit di Taika Waititi e il reboot The Batman di Matt Reeves in arrivo nel 2021.

TRACK LISTINGS:

1. This Title Makes Me Jurassic (2:54)
2. The Theropod Preservation Society (3:47)
3. Maisie and the Island (2:07)
4. March of the Wheatley Cavalcade (2:14)
5. Nostalgia-Saurus (1:05)
6. Double Cross to Bear (2:31)
7. Lava Land (3:16)
8. Keep Calm and Baryonyx (2:46)
9. Go With the Pyroclastic Flow (3:43)
10. Gyro Can You Go? (2:16)
11. Raiders of the Lost Isla Nublar (3:20)
12. Volcano to Death (1:38)
13. Operation Blue Blood (3:43)
14. Jurassic Pillow Talk (2:47)
15. How to Pick a Lockwood (3:10)
16. Wilting Iris (1:11)
17. Shock and Auction (2:28)
18. Thus Begins the Indo-Rapture (3:41)
19. You Can Be So Hard-Headed (2:28)
20. Between the Devil and the Deep Blue Free (3:29)
21. There’s Something About Maisie (1:20)
22. World’s Worst Bedtime Storyteller (2:27)
23. Declaration of Indo-Pendence (4:02)
24. To Free or Not to Free (3:00)
25. The Neo-Jurassic Age (3:33)
26. At Jurassic World’s End Credits/Suite (10:55)

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

I Video di Blogo

Sky Cinema: promo con Alessandro Gassmann

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →