• Film

La mosca compie 35 anni: storia e curiosità del remake di David Cronenberg

Storie e curiosità de La mosca, lo scioccante remake horror di David Cronenberg con Jeff Goldblum e Geena Davis compie 35 anni.

35 anni fa usciva nei cinema americani La mosca (The Fly), un memorabile horror fantascientifico diretto da David Cronenberg e co-prodotto da Mel Brooks. Il film interpretato da Jeff Goldblum, Geena Davis e John Getz è al contempo un adattamento dall’omonimo racconto di George Langelaan del 1957 sia un remake del film del 1958 L’esperimento del dottor K. con protagonista l’icona horror Vincent Price.

La storia del film

Seth Brundle (Jeff Goldblum), uno scienziato brillante ma eccentrico, tenta di conquistare la giornalista investigativa Veronica Quaife (Geena Davis) offrendole uno scoop sulle sue ultime ricerche nel campo del trasporto di materia, che contro tutte le aspettative hanno dato risultati sorprendenti anche se ci sono delle cose ancora da mettere a punto. Brundle pensa di aver risolto l’ultimo problema quando trasporta con successo una creatura vivente, ma quando tenta di teletrasportare se stesso una mosca entra in una delle cabine di trasmissione e Brundle scopre che il suo DNA è irrimediabilmente compromesso e che si è fuso con quello di una mosca dando il via ad una terrificante trasformazione che renderà Brundle un mostruoso ibrido uomo/insetto. Cronenberg mette mano ad un classico di fantascienza degli anni ’50, lo contamina con il suo inquietante body-horror e il risultato è qualcosa che lo spettatore non dimenticherà facilmente, grazie all’interpretazione di Goldblum ma soprattutto al disturbante make-up speciale di Chris Walas (Gremlins). Il truccatore, che aveva già collaborato con Cronenberg per Scanners, grazie alla metamorfosi del Brundle di Goldblum vincerà un Oscar per i migliori effetti speciali e due anni dopo passerà dietro al macchina da presa per dirigere La mosca 2. “La mosca” ebbe un enorme successo di critica e pubblico incassando 60 milioni di dollari al botteghino contro un budget di nove milioni di dollari, diventando il più grande successo commerciale della carriera di Cronenberg.

Curiosità

  • In un’intervista del 1987 Vincent Price ha rivelato che quando questo remake è uscito la star Jeff Goldblum gli ha scritto una lettera dicendo: “Spero che ti piaccia tanto quanto mi è piaciuto il tuo”. Price è stato toccato dalla lettera, ha scritto una risposta ed è andato a vedere il film, che ha descritto come “meraviglioso fino ad un certo punto…poi è andato un po’ troppo lontano”.
  • La frase pronunciata da Brundle «Sto dicendo che sono un insetto che aveva sognato di essere un uomo e gli era piaciuto. Ma adesso il sogno è finito e l’insetto è sveglio» è un duplice riferimento alla storia The Butterfly Dream del filosofo e mistico cinese Zhuāngzǐ e a La Metamorfosi di Franz Kafka.
  • David Cronenberg è rimasto sorpreso quando il film è stato visto da alcuni critici come una metafora culturale dell’AIDS, poiché originariamente intendeva che il film fosse un’analogia più generale per la malattia stessa, condizioni terminali come il cancro e, più specificamente, il processo di invecchiamento.
  • Il vomito della mosca era un mix di miele, uova e latte.
  • Diverse sequenze sono state filmate ma tagliate dalla versione finale, tra cui: una sequenza in cui Brundle invia un gatto e il babbuino sopravvissuto attraverso le telecapsule e ne risulta una creatura mutata che picchia a morte con una sprnaga; una scena in cui Brundle si arrampica all’esterno del suo edificio mentre un arto di insetto emerge dal suo fianco; e un finale alternativo in cui Veronica ha un altro sogno del suo bambino non ancora nato, questa volta come un bambino con bellissime ali di farfalla.
  • Originariamente il film era un progetto per la regia di Tim Burton.
  • I designer di Chris Walas, Inc. hanno studiato libri grafici sulla malattia come punto di partenza per i loro trucchi / disegni delle creature “Brundlefly”. L’ultima creatura “Brundlefly” è orribilmente deformata e asimmetrica. Ciò riflette l’idea del regista David Cronenberg che la creatura non doveva essere una mosca gigante, ma piuttosto una fusione letterale di un uomo e un insetto che incarna elementi di entrambi.
  • David Cronenberg ha incontrato una certa opposizione quando ha annunciato di voler scegliere Jeff Goldblum per il ruolo principale. Il dirigente della Fox che stava supervisionando il progetto sentiva che Goldblum non era una star affidabile e Chris Walas sentiva che sarebbe stato difficile lavorare con la sua faccia per gli effetti del trucco. Entrambi, tuttavia, si sono rimessi al giudizio di Cronenberg. Lo stesso Cronenberg in seguito ha avuto delle riserve quando Goldblum ha suggerito Geena Davis, la sua ragazza dell’epoca, per l’altro ruolo principale, poiché non voleva lavorare con una coppia reale. Cronenberg si è convinto dopo la prima lettura di Davis che fosse giusta per il ruolo.
  • Geena Davis non stava recitando quando l’orecchio destro di Jeff Goldblum cade. La sua reazione nel film è stata genuina ed è rimasta sinceramente scioccata quando è stato girato e David Cronenberg ha mantenuto la sua reazione nel film.
  • James Woods e Richard Dreyfuss hanno rifiutato il ruolo di Seth Brundle, idem Mel Gibson che è stato preso in considerazione per il ruolo ma ha rifiutato per fare Arma letale.
  • Un’opera in due atti basata sul film è stata prodotta per il teatro nel 2008. David Cronenberg è stato il regista, Howard Shore ha composto la musica e i testi sono stati scritti da David Henry Hwang (con il quale Cronenberg ha collaborato a M. Butterfly).
  • Un primo trattamento per un sequel, scritto da Tim Lucas, vedeva coinvolta Veronica Quaife alle prese con i mali della compagnia Bartok. La coscienza di Brundle era in qualche modo sopravvissuta all’interno del computer delle telecapsule e gli scienziati di Bartok lo avevano reso schiavo e lo stavano usando per sviluppare il sistema per scopi di clonazione. Brundle si scopre in grado di comunicare con Veronica attraverso il computer, e alla fine prende il controllo dei sistemi di sicurezza del complesso Bartok per attaccare in modo raccapricciante i cattivi. Alla fine, Veronica libera Brundle cospirando con lui per reintegrare una versione non contaminata del suo corpo originale. David Cronenberg ha approvato l’idea in quel momento. Geena Davis che poi si è ritirata da La mosca 2 era disposta a fare un sequel solo perché il suo personaggio doveva essere ucciso nella scena iniziale, mentre Goldblum no (sebbene fosse d’accordo con un cameo), e questo trattamento lo riflette. Tuttavia un trattamento successivo scritto da Jim Wheat e Ken Wheat è stato utilizzato come base per la sceneggiatura finale, scritta da Frank Darabont. Mick Garris ha anche scritto un trattamento, con elementi incorporati nel film finale.
  • Secondo la sceneggiatura, Stathis pratica il tiro al piattello, motivo per cui aveva un fucile a portata di mano per il climax del film.
  • È stata un’idea di Geena Davis che David Cronenberg sia apparso come ginecologo.
  • Prima delle riprese, Robert Bierman (Stress da vampiro) era stato assunto per dirigere il film, ma si è ritirato dalla produzione dopo la morte di sua figlia uccisa in un tragico incidente e quando la produzione di Atto di forza è stata annullata, David Cronenberg ha poi assunto la direzione de La mosca.
  • John Travolta è stato preso in considerazione per il ruolo di Seth Brundle. Ma la 20th Century Fox non gli ha permesso di essere scelto a causa del fallimento critico e commerciale del suo film precedente, Due come noi (1983).
  • Rob Bottin (La cosa, Robocop) ha presentato la sua idea per il design del Brundlefly, che ha finito per essere scartata.
  • L’incidente di Brundle deriva dalla confusione del computer per la presenza di un modello genetico extra e dal suo tentativo di correggere la situazione fondendoli. Questo convenientemente ignora tutto il materiale genetico appartenente ai batteri e ad altri microrganismi che costituiscono una parte considerevole del corpo umano. Probabilmente una licenza artistica, altrimenti il film non si sarebbe potuto fare (Tuttavia, si potrebbe sostenere che la struttura genetica della mosca fosse sufficientemente complessa da confondere il computer, mentre gli organismi nascenti erano considerati parte integrante del corpo umano).
  • In tutti e quattro i film della serie “La mosca” (1958, 1959, 1986 e 1989) si accede al laboratorio da una grande porta scorrevole di metallo. Il laboratorio di Delambre nei film degli anni Cinquanta, il loft e il laboratorio di Seth Brundle nel 1986 e il laboratorio BartokCorp di Martin Brundle nel 1989. Presumibilmente David Cronenberg ha deciso di mantenere il motivo come un cenno al film originale ed è stato ripetuto nel sequel del 1989.
  • Il nome Brundle deriva dal pilota di Formula Uno Martin Brundle. David Cronenberg generalmente prende i nomi dei suoi personaggi dal mondo delle corse automobilistiche, essendo un appassionato. Il regista nota che questo è interessante considerando che Seth Brundle soffre di cinetosi, uno dei motivi per cui ha inventato le telecapsule.
  • Il discorso sulla “politica degli insetti” è stato inventato da David Cronenberg dai suoi giorni da entomologo. Era affascinato dalle società di insetti, dalla divisione del lavoro e dalla struttura delle caste in essa.
  • I bulbi oculari sciolti di Seth sono stati creati usando profilattici. Gli esterni avevano lenti a contatto applicate loro per abbinare il trucco indossato da Jeff Goldblum. Gli interni erano pieni di gelatina KY e pezzi di gomma sminuzzata. Una lenza era attaccata agli occhi finti e alla parte posteriore della testa dell’insetto protesico. Man mano che la testa si espandeva, i profilattici si strappavano, con il KY che cadeva perfettamente attraverso le orbite.
  • Sceneggiato, ma mai filmato, un segmento pensato per seguire la scena del gatto-scimmia cancellata: una donna senzatetto urla dopo aver interrotto Brundlefly mentre si nutre da un cassonetto aperto. Brundlefly afferra la donna per la borsa e le disintegra il viso con il suo vomito. Prima che finisca di nutrirsi del cadavere della donna, l’umanità di Brundlefly emerge per un momento; giusto il tempo di contemplare l’orrore della sua esistenza subumana.
  • Geena Davis afferma che l’unica volta che si è sentita “schifata” dalla quantità di sangue è stata nella scena in cui l’orecchio di Seth cade e lei lo tiene. Afferma che la sua reazione nel tenere il viso davanti a quello di Goldblum non è stata recitazione, era davvero disgustata.
  • La famigerata scena del gatto-scimmia in cui Brundlefly fonde un gatto e il babbuino rimanente e poi lo picchia a morte con un tubo di piombo è stata tagliata dopo una proiezione a Toronto. Secondo il produttore Stuart Cornfeld, il pubblico ha ritenuto che non si potesse tornare indietro per Seth e ha perso ogni simpatia per la sua difficile situazione, il che ha impedito la riproduzione anche del resto del film. Nelle stesse parole di Cornfeld: “Se picchi a morte un animale, anche un gatto-scimmia, il tuo pubblico non sarà più interessato ai tuoi problemi”.
  • Linda Hamilton è stata la prima scelta di David Cronenberg per il ruolo di Veronica dopo aver visto la sua interpretazione in Terminator (1984), ma l’attrice ha rifiutato, perché era disturbata dalla sceneggiatura. In particolare la scena che l’ha disturbata di più era quella in cui Veronica dà alla luce un verme.
  • Negli anni ’90 Geena Davis è stata coinvolta in un sequel alternativo de “La mosca”, che doveva essere diretto dal suo allora marito, Renny Harlin, intitolato “Flies”. Pare che la sceneggiatura presentasse una storia in cui Veronica non muore durante il parto e dà invece alla luce due gemelli.
  • È stata girata una scena in cui si vede Brundle mangiare il piede mozzato di Stathis dopo averlo sciolto con il suo vomito, ma è stato tagliato perché influiva negativamente sul ritmo.
  • Nella bozza originale della sceneggiatura di Charles Edward Pogue, il film si concludeva con Ronnie che cade in coma e ha un incubo in cui da alla luce un verme gigante, ma si sveglia in un ospedale e scopre di aver dato alla luce un bambino sano.

Il fumetto sequel

Nel 2015 è stato pubblicato un sequel a fumetti dal titolo The Fly: Outbreak, una miniserie in cinque numeri scritta da Brandon Seifert (Hellraiser, Witch Doctor) con cover e illustrazioni di Menton3 (Silent Hill, Monocyte). La prima uscita ha fruito di cover alternative realizzate da Jason Edmiston e Lukas Ketner.

Anni fa uno scienziato ha avuto un terribile incidente in cui ha cercato di usare un dispositivo di teletrasporto di sua invenzione che lo ha trasformato in un ibrido umano / mosca. Ora suo figlio non completamente umano continua a cercare una cura per i geni mutati. Purtroppo un passo avanti nella sperimentazione si trasforma in un’epidemia che rischia di trasformare in un mostro chiunque vi sia esposto…

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore britannico premio Oscar Howard Shore (la trilogia Il signore degli anelli) assiduo collaboratore di David Cronenberg che ha musicato i film del regista a partire da Brood – La covata malefica del 1979 fino a Maps to the Stars del 2014.
  • Durante la registrazione della colonna sonora di Howard Shore, David Cronenberg ricorda che Mel Brooks si chiedeva se certi momenti fossero “troppo”. Ha notato in particolare quanto cresce la musica quando Brundle cammina per strada. “Il ragazzo sta solo camminando per strada” fece notare Brooks. “No, Mel”, rispose Cronenberg, “Il ragazzo sta per incontrare il suo destino”.
  • La canzone “Help Me” di Bryan Ferry è stata sviluppata per il film come strumento promozionale. Negli anni ’80 era uso comune avere una canzone scritta per il proprio film in modo da poter avere un video musicale trasmesso che promuovesse il film. David Cronenberg però non la ritenne adatta al film e per usarla nei titoli di coda, che era il piano originale, e quindi l’intera idea si rivelò un completo disastro. Alla fine la colonna sonora di Howard Shore venne approvata e “Help Me” venne lasciata nel film, anche se a malapena udibile durante la scena del bar.

TRACK LISTINGS:

1. Main Title 1:52
2. Plasma Pool 1:51
3. The Last Visit 2:22
4. Stathis Enters 2:17
5. The Phone Call 2:03
6. Seth Goes Through 2:02
7. Ronnie Comes Back 0:52
8. The Jump 1:19
9. Seth And The Fly 1:41
10. Particle Magazine 0:58
11. The Armwrestle 0:57
12. Brundlefly 1:41
13. Ronnie’s Visit 0:33
14. The Street 0:43
15. The Stairs 1:24
16. The Fingernails 2:31
17. Baboon Teleportation 0:55
18. The Creature 2:05
19. Steak Montage 0:55
20. The Maggot / Fly Graphic 1:32
21. Success With Baboon 0:55
22. The Ultimate Family 1:55
23. The Finale 2:45