• Film

Memoria: trailer italiano, trama e cast del film con Tilda Swinton premiato a Cannes

Tutto quello che c’è da sapere su “Memoria”, il film di Apichatpong Weerasethakul con Tilda Swinton al cinema dal 16 giugno.

Dal 16 giugno nei cinema con Academy Two Memoria, il nuovo film del regista thailandese Apichatpong Weerasethakul premiato al Festival di Cannes. La vincitrice dell’Oscar Tilda Swinton è protagonista di uno sconcertante dramma su una donna scozzese che, dopo aver sentito un forte “bang” all’alba, inizia a sperimentare una misteriosa sindrome sensoriale mentre attraversa le giungle della Colombia.

Trama e cast

La trama ufficiale: “Memoria” è la storia di una donna che si scopre punto di congiunzione tra presente, passato e futuro. Jessica, una straordinaria Tilda Swinton, è una botanica in viaggio a Bogotà per far visita alla sorella. Durante il suo soggiorno viene svegliata nella notte da un boato assordante. Un rumore che si ripresenterà anche durante il giorno e di cui Jessica prova a trovare l’origine. Nella sua ricerca incontrerà l’archeologa Agnés (Jeanne Balibar) che si trova a Bogotà per studiare alcuni resti umani, vecchi di 6000 anni, rinvenuti durante lo scavo per un tunnel sotto le Ande e si imbatterà in Hernàn (Juan Pablo Urrego), un pescatore che vive nel cuore della foresta amazzonica che le svelerà l’origine degli strani rumori che la tormentano.

Il cast è completato da Agnes Brekke, Daniel Giménez, Jerónimo Barón, Aida Morales, Constanza Gutiérrez, Elkin Dia e Daniel Toro.

Memoria – trailer e video

Curiosità

  • “Memory” è stato presentato in concorso al 74º Festival di Cannes, dove ha vinto il Premio della giuria.
  • Il team che ha supportato il regista Apichatpong Weerasethakul dietro le quinte ha incluso il direttore della fotografia Sayombhu Mukdeeprom, il montatore Lee Chatametikool, la scenografa Angélica Perea e la costumista Catherine Rodríguez.
  • Il sonoro del film è curato da Akritchalerm Kalayanamitr (sound design), Javier Umpiérrez (sound supervisor), Raúl Locatel (sound director).
  • “Memoria” è prodotto da Diana Bustamante, Julio Chavezmontes, Charles de Meaux, Simon Field, Keith Griffiths, Michael Weber e Apichatpong Weerasethakul.

Note di regia

Da bambino ero attratto dalle giungle, dagli animali e dalle montagne. Durante gli anni ’70, sono cresciuto leggendo romanzi su cacciatori alla ricerca di tesori di civiltà perdute. Tuttavia, la Thailandia non possiede antichi imperi pieni d’oro, né tribù di cacciatori di teste, né anaconde. Quarant’anni dopo, sono ancora attratto da questi paesaggi, ma ora sono ricoperti da strati di altre storie. Sono attratto dalla storia dell’America Latina come se fosse una parte mancante della mia giovinezza. Sono venuto in Colombia per raccogliere espressioni e ricordi, non l’oro dell’Amazzonia. Sono profondamente in debito con le persone che ho incontrato in varie città, da psicologi, archeologi, ingegneri, attivisti, a collezionisti di cianfrusaglie. Un altro fattore importante nella nascita di questo progetto è una mia allucinazione. Durante la ricerca, ho sentito spesso un forte rumore all’alba. Era interno e si è verificato in molti dei luoghi che ho visitato. Questo sintomo è inseparabile dalla mia esperienza in Colombia. Ha costituito la base di un personaggio la cui esperienza sonora si sincronizza con la memoria del paese. Immagino le montagne qui come espressione dei ricordi delle persone attraverso i secoli. Le massicce sierre, con le loro pieghe e insenature, sono come le pieghe del cervello, o le curve delle onde sonore. Con le decine di atti di violenza e traumi, il terreno si gonfia e trema, per diventare un paese con frane e terremoti senza fine. Anche il film stesso cerca un equilibrio in questa topografia attiva. I suoi scheletri, le immagini e i suoni, sono scossi fuori posto. Forse questo è un “punto debole” in cui io e questo film possiamo sincronizzarci, uno stato in cui l’illusione è la norma. [Apichatpong Weerasethakul]

Chi è Apichatpong Weerasethakul?

Apichatpong Weerasethakul è riconosciuto come una delle voci più originali del cinema asiatico e mondiale. I suoi precedenti lungometraggi, cortometraggi e installazioni gli sono valsi ampi riconoscimenti internazionali e numerosi premi, tra cui la Palma d’oro a Cannes nel 2010 con Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti. Il suo Tropical Malady ha vinto il Premio della Giuria del Concorso di Cannes nel 2004 e Blissfully Yours ha vinto il Premio Un Certain Regard di Cannes nel 2002. Syndromes and a Century (2006) è stato riconosciuto come uno dei migliori film dell’ultimo decennio in diversi sondaggi del 2010. “Memoria” è il primo lungometraggio che ha realizzato fuori dalla Thailandia e il primo con un cast internazionale. Nato a Bangkok, Apichatpong è cresciuto a Khon Kaen, nel nord-est della Thailandia. Ha iniziato a realizzare film e cortometraggi video nel 1994 e ha completato il suo primo lungometraggio nel 2000. Ha anche allestito mostre e installazioni in molti paesi dal 1998 ed è ora riconosciuto anche come uno dei maggiori artisti visivi internazionali. La sua prima esibizione dal vivo “Fever Room” (2015), è stata presentata nei principali luoghi e festival teatrali a Gwangju, Bruxelles, Parigi, Berlino, Vienna e Tokyo e in altre città.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore César López al suo primo lungometraggio per il cinema.
  • La colonna sonora include i brani: “Memoria” / “Sala de Ensayo” di César Lopez, “Figuras” / “Luna” di Felipe Duran, “No pares” di El junte sobrenatural.

Il regista Apichatpong Weerasethakul sulla colonna sonora: La musica del film Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti non era collegata al film in sé, ma al cinema. I membri della troupe hanno ascoltato una canzone in particolare che ero arrivato ad associare al film e in fase di post-produzione o di missaggio del suono l’avrebbero provata. La musica può essere come un segno di memoria. Per “Memoria” è stato di nuovo diverso. Perché si tratta di suono. Volevo introdurre la musica come suono in quella scena in cui vedi Jessica arrivare e la musica entra in scena. Non si tratta solo di musica in sé, ma di strumenti che si uniscono per creare questa melodia. Dopodiché, per tutto il film, si tratta di frammenti di suoni diversi, natura, uccelli, acqua che potrebbero essere musicali.

Foto e poster