Oscar 2022: trailer e anticipazioni sui candidati al Miglior cortometraggio d’animazione

Tutto quello che c’è da sapere sui cinque corti candidati agli Oscar 2022 nella categoria miglior cortometraggio d’animazione.

Il miglior cortometraggio d’animazione sarà una delle otto categorie che saranno tagliate dalla diretta tv della cerimonia di premiazione degli Oscar 2022. A seguire scendiamo nel dettaglio e vi proponiamo schede dei cortometraggi candidati agli Oscar 2022 completi di trailer e ove possibile dove poterli visionare.

Affairs of the art di Joanna Quinn

Paese: Regno Unito / Canada

Anno: 2021

Regista: Joanna Quinn

Produttore: Les Mills, Michael Fukushima

Montaggio: Mia Rose Goddard

Musica: Benjamin Talbott

Durata (minuti): 16

Beryl, una lavoratrice di 59 anni, è totalmente ossessionata dal disegno, la sua fissazione domina l’intera famiglia. A parte il marito Ifor, modello e musa ispiratrice di Beryl, l’intera famiglia è dipendente da qualcosa: il figlio Colin è un fanatico della tecnica e la sorella Beverly è una fanatica narcisista, tassidermista. Apparentemente l’ossessione è nel DNA della famiglia.

La regista d’animazione britannica Joanna Quinn è una figura molto acclamata e importante nel mondo dell’animazione. È rinomata a livello internazionale per le sue abilità di disegno uniche, le meravigliose caratterizzazioni e il suo umorismo. I film e gli spot pubblicitari di Joanna hanno vinto numerosi premi tra cui 4 BAFTA, 3 Emmy e 2 nomination all’Oscar. Ha ricevuto borse di studio e dottorati onorari in quattro università del Regno Unito, tra cui il Royal College of Art di Londra, ed è stata insignita dell’International Animation Laureate per il 2014.

Bestia di Hugo Covarrubias

Paese: Regno Unito / Canada

Anno: 2021

Regista: Hugo Covarrubias

Produttore: Tevo Díaz

Fotografia: Hugo Covarrubias

Animazione: Hugo Covarrubias & Matías Delgado

Musica: Ángela Acuña, Camilo Salinas

Durata (minuti): 16

Il corto candidato agli Oscar 2022 è disponibile QUI.

Basato su eventi veri, “Bestia” esplora la vita di un agente della polizia segreta durante la dittatura militare in Cile. Il suo rapporto con il suo cane, il suo corpo, le sue paure e frustrazioni rivela una triste frattura della sua mente e del paese.

Abbiamo cercato di rappresentare questo argomento come se fosse una relazione regolare con una donna e un cane all’inizio del film”, ha detto l’animatore e regista cileno Hugo Covarrubias a Indiewire. “Più che un animale domestico e come un compagno, il loro rapporto è molto simbiotico. Nella nostra visione abbiamo realizzato una finzione basata su eventi reali. Abbiamo preso le sue immagini mentali in modo che tu non sappia cosa è reale e cosa non lo è. E il simbolismo è molto più indiretto che diretto…I pupazzi che raffigurano Ingrid sono fatti di resina perché è più leggera e infrangibile. Sembra ceramica o porcellana ma i concetti sono gli stessi nella sensazione e nella luminosità del materiale. Era una donna senza espressione e anche noi dovevamo rappresentare le diverse capacità di questa persona con il materiale”.

Hugo Covarrubias, (Santiago, 1977) è un regista e animatore specializzato in stop-motion. È il fondatore della compagnia teatrale Maleza, pioniera nel mescolare teatro e animazione, dove co-dirige gli spettacoli “Maleza” e “Un Poco Invisible”. Regista dei cortometraggi “El Almohadón de Plumas” e “La Noche Boca Arriba”. Con Zumbástico Studios, ha diretto le serie “El Ogro y el Pollo”, “Horacio y los Plasticines” ed è co-creatore e regista della serie “Puerto Papel”. È stato l’art director della serie “Zander”, “Bestia” è il suo terzo cortometraggio.

Il personaggio principale di “Bestia” è ispirato a Íngrid Olderöck, maggiore della polizia e agente della DINA durante la dittatura militare cilena, responsabile delle violazioni dei diritti umani in quel periodo. Il look della tecnica utilizzata, stop motion, realizzata da Covarrubias e Matías Delgado, si basa sull’estetica delle bambole di porcellana, per trasmettere l’inespressività e la freddezza del personaggio creato con resina poliuretanica bagnata in resina cristallina, per conferire al suo viso una texture simile alla ceramica. Nel frattempo, le scenografie e le decorazioni sono state realizzate con diversi cartoni opachi per creare un contrasto con la lucentezza della resina.

Boxballet di Anton Dyakov

Paese: Russia

Anno: 2021

Regista: Anton Dyakov

Produttore: Aleksandr Boyarskiy, Sergey Selyanov

Durata (minuti): 15

Un giorno, una delicata ballerina di nome Olya incontra Evgney, una pugile ruvido e scontroso. Il contrasto tra i loro mondi e le loro filosofie è così netto che la possibilità stessa che i loro percorsi si incrocino sembra impossibile.Il contrasto tra l’esterno grezzo e l’interno non così evidentemente sensuale, la contrapposizione delle forme alla sostanza, il potere di una cosa che ha influenza su un’altra e proprio la possibilità di questa influenza, tutte queste questioni, ci riportano innegabilmente a uno dei problemi filosofici più importanti – “essere e apparire”.

Dyakov ha raccontato a Deadline di aver lavorato con un team di animatori per sviluppare l’aspetto del film: “Pensavo che le scene di boxe sarebbero state le più difficili da animare. Ma in realtà, si è scoperto che il balletto era la cosa più impegnativa perché quando abbiamo iniziato ad animare i ballerini – anche con riferimenti perfetti, registrazioni fantastiche – gli animatori hanno cercato di inventare qualcosa di completamente diverso, e abbiamo lottato con quello. Ma alla fine siamo riusciti a realizzarlo e sono davvero felice che sia andata così bene. Non mi sarei mai aspettato che accadesse. Non ho mai lavorato per quello. Non è mai stato il mio obiettivo. Quindi, quando sono arrivato alle nomination, il mio telefono non era pronto per la quantità di attenzione che stava ricevendo. E ho sentito tutti. Tutti si congratulavano con me e tutti mi chiedevano come mi sento. E all’inizio ho persino risposto qualcosa, non ricordo cosa, ero così confuso. E ora, quando il tempo [è] passato, posso solo dire che sono grato, e questa è probabilmente l’unica sensazione che posso cogliere”.

Un pettirosso di nome Patty (Robin Robin) di Dan Ojari & Mikey Please

Paese: Regno Unito

Anno: 2021

Regista: Dan Ojari & Mikey Please

Produttore: Helen Argo & Danny Gallagher

Fotografia: Dav Alex Riddett

Montaggio: Chris Morrell

Musica: Ben Please & Beth Porter

Durata (minuti): 16

Il corto candidato agli Oscar 2022 è disponibile su NETFLIX

Quando il suo uovo finisce casualmente in una discarica, Robin viene allevata da un’amorevole famiglia di topi. Man mano che cresce, le sue differenze diventano più evidenti. Robin parte per la rapina per porre fine a tutte le rapine per dimostrare alla sua famiglia che può essere davvero un buon topo, ma finisce per scoprire chi è veramente.

“un pettirosso di nome Patty” è uno speciale televisivo musicale animato in stop-motion prodotto da Aardman Animations, la società di produzione specializzata in film d’animazione che ha prodotto Galline in fuga, Wallace & Gromit – La maledizione del coniglio mannaro, Giù per il tubo, Pirati! Briganti da strapazzo e Shaun, vita da pecora.

The Windshield Wiper di Alberto Mielgo

Paese: Stati Uniti / Spagna

Anno: 2021

Regista: Alberto Mielgo

Produttore: Alberto Mielgo, Leo Sanchez

Durata (minuti): 14

Il corto integrale candidato agli Oscar 2022 è disponibile nel video in coda all’articolo.

All’interno di un bar, mentre fuma un intero pacchetto di sigarette, un uomo pone una domanda ambiziosa: “Cos’è l’Amore?”. Una raccolta di scenette e situazioni condurrà l’uomo alla conclusione desiderata.

“Sono nato e cresciuto in Spagna. Ho vissuto e lavoro a Londra, Parigi, Berlino, Tokyo e ora a Los Angeles. Mi muovo e viaggio in bicicletta. Tra i miei progetti: Gorillaz, Harry Potter, Beatles RockBAnd introduzione cinematografica, Tron Uprising, Love Death and Robots… Amo l’animazione sopra ogni arte, perché ha ogni arte in essa. Ci ho dedicato tutta la mia vita, quindi mi sono concentrato sul portare animazioni migliori e più intelligenti per un pubblico più mirato. Intorno a duemila e qualcosa ho creato l’amore della mia vita: Pinkmnan.TV per dirigere e progettare l’animazione che ho sempre voluto fare. Ho ricevuto un Prime Time Emmy (2013) e un Annie (2013) per il mio lavoro in “Tron Uprising” della Disney come miglior scenografo. Sono stato lo scenografo di “Into the Spiderverse” fino a quando la mia relazione con la Sony è finita, ma sono grato per il tempo che ho trascorso lì e per il tempo che Sony mi ha permesso di giocare quanto volevo. Ho scritto, progettato e diretto: “The Witness” un film d’animazione parte del nuovissimo e di successo Netflix Antology: Love Death and Robots, creato da Tim Miller e David Fincher. E sono così orgoglioso di questo. Il Testimone ha ottenuto 3 FOTTUTI Emmy. Non posso essere più orgoglioso di questo piccolo film: Miglior cortometraggio d’animazione, Miglior scenografia, Miglior animazione. The Witness ha anche ottenuto l’Annie 2019 per la migliore direzione artistica. E’ stata una corsa folle e fortunata.” [Alberto Mielgo]

Ultime notizie su Oscar

Tutto su Oscar →