E’ morto Renato Scarpa, il Sergio di “Un sacco bello”

E’ morto a 82 anni l’attore Renato Scarpa noto per i ruoli di Robertino in “Ricomincio da tre” e Sergio in “Un sacco bello”.

E’ morto nella sua casa di Roma a seguito di un malore l’attore e caratterista Renato Scarpa, aveva 82 anni. Scarpa era noto per il ruolo di “Robertino” nel film Ricomincio da tre di Massimo Troisi e di “Sergio” al fianco di Carlo Verdone in Un sacco bello, ma la carriera di Scarpa inizia nel lontano 1968 con un piccolo ruolo nella miniserie tv biografica Il poverello seguita dal debutto sul grande schermo l’anno successivo nell’esordio a colori dei Fratelli Taviani, il dramma Sotto il segno dello scorpione (1969).

La carriera di Renato Scarpa prende il via negli anni settanta con una serie di ruoli tipici con cui si sono formati i migliori caratteristi, vedi poliziotti, medici, ragionieri, insegnanti, impiegati e prelati. Scarpa interpreta un ispettore di polizia nel thriller A Venezia… un dicembre rosso shocking (1973) e nella commedia poliziesca Piedone a Hong Kong (1975), è il severo rettore di un collegio religioso in Nel nome del padre (1972) di Marco Bellocchio, un inflessibile padre domenicano nel Giordano Bruno di Giuliano Montaldo (1973) e un prete al fianco di Alberto Sordi nello struggente Un borghese piccolo piccolo (1977).

Nel 1975 Scarpa viene diretto da Roberto Rossellini nei panni del fratello di Erode nel dramma Il Messia ispirato alla vita di Gesù di Nazareth, nel 1977 è un insegnante dell’accademia di streghe del Suspiria di Dario Argento e uno psichiatra nel dramma biografico Al di là del bene e del male (1977) di Liliana Cavani e nel 1979 torna a recitare per Giuliano Montaldo nei panni di un armaiolo al fianco di Nino Manfredi nel controverso Il giocattolo.

Gli anni ottanta vedono Renato Scarpa in uno dei suoi ruoli più popolari, quello del timido e ipocondriaco Sergio trascinato forzosamente in una vacanza “on the road” da uno scatenato Carlo Verdone in Un sacco bello (1980), Scarpa recita nell’episodio “Enzo” che strizza l’occhio a Il sorpasso di Dino Risi. Nel 1981 Scarpa recita nella commedia western Occhio alla penna al fianco di Bud Spencer e lo stesso anno interpreterà un altro ruolo molto amato, quello del complessato Robertino in Ricomincio da tre (1981) di Massimo Troisi, Scarpa e Troisi torneranno a collaborare nell’ultimo film interpretato da Troisi prima della sua morte, Il postino (1994) in cui l’attore interpreta Giorgio Serafini il direttore dell’ufficio postale e amico del personaggio di Troisi.

Renato Scarpa nella sua lunga e prolifica carriera è tornato a collaborare in più occasioni con diversi registi con cui ha creato una solida intesa artistica, vedi Luciano De Crescenzo con ruoli in Così parlò Bellavista, Il mistero di Bellavista, 32 Dicembre e Croce e delizia,  Maurizio Nichetti (Ladri di saponette, Volere Volare, Stefano Quantestorie, Honolulu Baby) e Nanni Moretti (La stanza del figlio, Habemus Papam, Mia madre).

Altri crediti di Renato Scarpa lo vedono prete in Ad ovest di Paperino (1981), commercialista in Spaghetti House (1982), professore in Vado a vivere da solo (1982) primo film da protagonista di Jerry Calà, marito di Marisa Berenson in Via Montenapoleone (1987) di Carlo Vanzina ed è un anziano militante del Sindacato Pensionati della CGIL nel dramma Diaz – Don’t Clean Up This Blood (2012) incentrato sui fatti del G8 di Genova. Scarpa ha recitato anche per diverse produzioni internazionali come Only You – Amore a prima vista di Norman Jewison (1994) dove ha vestito i panni di un impiegato di Alitalia e ha interpretato un sarto sia in Il talento di Mr. Ripley (1999) che in The Tourist (2010).

Gli ultimi ruoli di Renato Scarpa l’hanno visto direttore di teatro in Domani è un altro giorno (2019) con protagonisti Marco Giallini e Valerio Mastandrea, ancora al fianco di Giallini nell’episodio “L’accattone” della serie tv Rocco Schiavone e come ultima apparizione un ruolo nella commedia Per tutta la vita di Paolo Costella uscita nelle sale quest’anno.

Filmografia

Sotto il segno dello scorpione, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1969)
Nel nome del padre, regia di Marco Bellocchio (1972)
San Michele aveva un gallo, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1973)
A Venezia… un dicembre rosso shocking (Don’t Look Now), regia di Nicolas Roeg (1973)
Giordano Bruno, regia di Giuliano Montaldo (1973)
Delitto d’amore, regia di Luigi Comencini (1974)
La poliziotta, regia di Steno (1974)
E cominciò il viaggio nella vertigine, regia di Toni De Gregorio (1974)
Anno uno, regia di Roberto Rossellini (1974)
Piedone a Hong Kong, regia di Steno (1975) (come Roberto Scarpa)
I giorni della chimera, regia di Franco Corona (1975)
Il messia, regia di Roberto Rossellini (1975)
Colpita da improvviso benessere, regia di Franco Giraldi (1976)
Suspiria, regia di Dario Argento (1977)
Standard, regia di Stefano Petruzzellis (1977)
Un borghese piccolo piccolo, regia di Mario Monicelli (1977)
Il mostro, regia di Luigi Zampa (1977)
Al di là del bene e del male, regia di Liliana Cavani (1977)
Il giocattolo, regia di Giuliano Montaldo (1979)
Un sacco bello, regia di Carlo Verdone (1980)
Uomini e no, regia di Valentino Orsini (1980)
Bionda fragola, regia di Mino Bellei (1980)
Occhio alla penna, regia di Michele Lupo (1981)
Ricomincio da tre, regia di Massimo Troisi (1981)
Ad ovest di Paperino, regia di Alessandro Benvenuti (1981)
Grog, regia di Francesco Laudadio (1982)
Sesso e volentieri, regia di Dino Risi (1982)
Spaghetti House, regia di Giulio Paradisi (1982)
Vado a vivere da solo, regia di Marco Risi (1982)
Ladies & Gentlemen, regia di Tonino Pulci (1984)
Così parlò Bellavista, regia di Luciano De Crescenzo (1984)
Benvenuta, regia di André Delvaux (1984)
Fatto su misura, regia di Francesco Laudadio (1985)
A me mi piace, regia di Enrico Montesano (1985)
Il mistero di Bellavista, regia di Luciano De Crescenzo (1985)
L’estate sta finendo, regia di Bruno Cortini (1987)
Via Montenapoleone, regia di Carlo Vanzina (1987)
Giulia e Giulia, regia di Peter Del Monte (1987)
Laggiù nella giungla, regia di Stefano Reali (1987)
32 dicembre, episodio La gialla farfalla, regia di Luciano De Crescenzo (1988)
Una casa a Roma, regia di Bruno Cortini (1988)
Ladri di saponette, regia di Maurizio Nichetti (1989)
Tracce di vita amorosa, regia di Peter Dal Monte (1990)
Volere volare, regia di Maurizio Nichetti (1991)
Il giornalino di Gian Burrasca, regia di Stelio Passacantando (1991)
I segreti professionali del dr. Apfelglück (Les secrets professionnels du Dr Apfelglück), regia di Alessandro Capone (1991)
Ordinario sopravvivenza, regia di Giovanni Leacche (1991)
La riffa, regia di Francesco Laudadio (1991)
Gli extra…, regia di Francisco José Fernández (1992)
Stefano Quantestorie, regia di Maurizio Nichetti (1993)
Un’anima divisa in due, regia di Silvio Soldini (1993)
Sud, regia di Gabriele Salvatores (1993)
Fade out (Dissolvenza al nero), regia di Mario Chiari (1994)
Only You – Amore a prima vista (Only You), regia di Norman Jewison (1994)
Il postino, regia di Michael Radford (1994)
Trinità & Bambino… e adesso tocca a noi!, regia di Enzo Barboni (1995)
Croce e delizia, regia di Luciano De Crescenzo (1995)
Roseanna’s Grave, regia di Paul Weiland (1997)
Il cavaliere di Lagardère (Le Bossu), regia di Philippe de Broca (1997)
A casa di Irma, regia di Alberto Bader (1999)
Il talento di Mr. Ripley (The Talented Mr. Ripley), regia di Anthony Minghella (1999)
Tobia al caffè, regia di Gianfranco Mingozzi (2000)
La stanza del figlio, regia di Nanni Moretti (2001)
Honolulu Baby, regia di Maurizio Nichetti (2001)
Ravanello pallido, regia di Gianni Costantino (2001)
Azzurro, regia di Denis Rabaglia (2001)
Ribelli per caso, regia di Vincenzo Terracciano (2001)
L’aria – cortometraggio (2005)
Incidenti, regia di Miloje Popovic, Alos Ramon Sanchez, Toni Trupia (2005)
Un amore su misura, regia di Renato Pozzetto (2006)
Marcello Marcello, regia di Denis Rabaglia (2008)
Palestrina princeps musicae, regia di Georg Brintrup (2009)
The Tourist, regia di Florian Henckel von Donnersmarck (2010)
Habemus Papam, regia di Nanni Moretti (2011)
Diaz – Don’t Clean Up This Blood, regia di Daniele Vicari (2012)
Viva la libertà, regia di Roberto Andò (2013)
Mia madre, regia di Nanni Moretti (2015)
Cain, regia di Marco Filiberti (2015)
Rosa, regia di Alessio Di Cosimo (2015) – cortometraggio
Il racconto dei racconti – Tale of Tales, regia di Matteo Garrone (2015)
Tommaso, regia di Kim Rossi Stuart (2016)
Sweet Democracy, regia di Michele Diomà (2016)
Le verità, regia di Giuseppe Alessio Nuzzo (2017)
Manuel, regia di Dario Albertini (2018)
Una storia senza nome, regia di Roberto Andò (2018)
Nevermind, regia di Eros Puglielli (2018)
Domani è un altro giorno, regia di Simone Spada (2019)

Fonte: Corriere