Stasera in tv: “Richard Jewell” su Canale 5

Canale 5 stasera propone “Richard Jewell”, dramma del 2019 di Clint Eastwood con Paul Walter Hauser, Sam Rockwell, Kathy Bates, Olivia Wilde e Jon Hamm.

Cast e personaggi

Paul Walter Hauser: Richard Jewell
Sam Rockwell: Watson Bryant
Kathy Bates: Barbara “Bobi” Jewell
Jon Hamm: Tom Shaw
Olivia Wilde: Kathy Scruggs
Nina Arianda: Nadya
Ian Gomez: Dan Bennet
Wayne Duvall: Richard Rackleff

Doppiatori italiani

Fabrizio Vidale: Richard Jewell
Christian Iansante: Watson Bryant
Vittoria Febbi: Barbara “Bobi” Jewell
Massimo Bitossi: Tom Shaw
Laura Lenghi: Kathy Scruggs
Daniela Calò: Nadya
Andrea Ward: Dan Bennet

La trama

Diretto da Clint Eastwood e basato su fatti realmente accaduti, “Richard Jewell” è la storia di ciò che può accadere quando quel che viene riportato oscura la verità. “C’è una bomba al Centennial Park. Avete solo trenta minuti di tempo”. Il mondo viene così a conoscenza di Richard Jewell, una guardia di sicurezza che riferisce di aver trovato il dispositivo dell’attentato dinamitardo di Atlanta del 1996. Il suo tempestivo intervento salva numerose vite, rendendolo un eroe. Ma in pochi giorni, l’aspirante alle forze dell’ordine diventa il sospettato numero uno dell’FBI, diffamato sia dalla stampa che dalla popolazione, assistendo al crollo della sua vita. Rivoltosi all’avvocato indipendente e contro il sistema Watson Bryant, Jewell professa con fermezza la sua innocenza. Ma Bryant scopre di doversi scontrare con i poteri combinati dell’FBI, del GBI e dell’APD per scagionare il suo cliente, e tenta di impedire a Richard di fidarsi delle stesse persone che cercano di distruggerlo.

Curiosità

  • Il premio Oscar Eastwood ha diretto il film da una sceneggiatura del candidato all’Oscar Billy Ray (“Captain Phillips – Attacco in mare aperto”), basata sull’articolo di Vanity Fair “American Nightmare — The Ballad of Richard Jewell” di Marie Brenner. Eastwood ha anche prodotto il film con la sua Malpaso, insieme a Tim Moore, Jessica Meier, Kevin Misher, Leonardo DiCaprio, Jennifer Davisson e Jonah Hill.
  • Il team creativo di Eastwood comprende il direttore della fotografia Yves Bélanger e lo scenografo Kevin Ishioka, insieme alla sua consueta costumista Deborah Hopper e al montatore premio Oscar Joel Cox (“Gli spietati”), che nel corso degli anni ha collaborato con Eastwood su numerosi progetti.
  • Le riprese dei concerti e delle scene dell’esplosione si sono svolte nella stessa location del luogo dell’incidente originale del Centennial Olympic Park di Atlanta.
  • Bobbi Jewell ha chiesto che il concerto di Kenny Rogers fosse incluso nel film, poiché è un su grande fan.
  • Nella vita reale, la giornalista Kathy Scruggs ha lottato con la depressione e la dipendenza. Morì di overdose nel 2001.
  • Nel filmato delle notizie di WSB Channel 2 c’è il vero Richard Jewell.
  • Le riprese della scena dell’attentato sono state effettuate nel 23esimo anniversario dell’attentato originale. La maggior parte delle scene sono state girate nelle stesse date delle Olimpiadi del 1996, 23 anni dopo.
  • Paul Walter Hauser è ingrassato 11 chili per il ruolo.
  • Il materiale originale del film include “The Suspect”, un libro di Kent Alexander, allora avvocato statunitense del distretto settentrionale della Georgia e Kevin Salwen, editore del Wall Street Journal negli anni ’90 con sede ad Atlanta. La giornalista Kathy Scruggs non ha mai rivelato il nome della sua fonte, ma gli autori del libro lo hanno fatto. Secondo “The Suspect”, il principale agente dell’FBI Don Johnson ha fornito le informazioni alla giornalista. Nel film, all’agente principale dell’FBI viene dato il nome fittizio di Tom Shaw.
  • Tutti i “loghi” dei Giochi Olimpici di Atlanta 1996 nel film sono dei facsimili e mancano i 5 anelli olimpici. Sia il Comitato Olimpico Internazionale che l’ormai defunto Comitato di Atlanta per l’Organizzazione dei Giochi (ACOG) hanno negato l’uso dei loro loghi per la protezione del copyright e per “proteggere l’uso dell’emblema iconico”. Tuttavia, è strano che anche il vero logo di Atlanta 1996 di una “torcia” che mostra “100” (il Centenario dei Giochi) e la fiamma che si trasforma in stelle non sia stato utilizzato, considerando che il suo proprietario, ACOG, è un’entità defunta dal 1997 e pertanto non può esercitare ulteriori opzioni legali. Ma anche il sostituto del “logo della torcia” utilizzato dal film è discutibile poiché il Comitato Olimpico Internazionale proclama di possedere qualsiasi logo o immagine “simile ad una torcia”.
  • Richard Jewell è morto il 29 agosto 2007, all’età di 44 anni; secondo l’autopsia, la causa della morte è stata una grave malattia cardiaca con diabete e complicazioni correlate.
  • Leonardo DiCaprio e Jonah Hill sono stati attaccati al progetto ad un certo punto per interpretare Watson e Richard, ma in seguito hanno abbandonato. Tuttavia sono entrambi produttori esecutivi del film.
  • Questo film è stato originariamente creato alla Twentieth Century Fox, ma dopo che la Walt Disney Company ha acquisito le risorse di intrattenimento cinematografico e televisivo della Fox nel marzo 2019, ha trasferito il progetto e la Warner Brothers ha acquisito i diritti. Questo continua il rapporto di lunga data di Clint Eastwood con lo studio.
  • Secondo quanto riferito Clint Eastwood aveva bandito la Coca-Cola per quanto riguardava i suoi progetti dopo un lungo disaccordo con la Columbia Pictures, che era di proprietà della Coca-Cola Company. Data l’importanza delle lattine di Coca-Cola rosse nel film, sembrerebbe che ci sia stata una deroga al divieto. Coca-Cola è stata uno sponsor commerciale delle Olimpiadi estive del 1996, il che rende storicamente accurato che i prodotti Coca-Cola siano presenti nel film. Coca-Cola è un’azienda con sede ad Atlanta; Durante le Olimpiadi estive del 1996, hanno fornito bevande analcoliche esclusivamente nelle sedi delle Olimpiadi e hanno anche costruito un’attrazione di 8 acri chiamata Coca-Cola Olympic City adiacente al Centennial Olympic Park per le Olimpiadi estive del 1996.
  • Durante la scena in cui Richard incontra per la prima volta Watson Bryant c’è un cartello con il nome su un cubicolo dell’ufficio sopra la sua spalla che recita “Stephen S. Campanelli”. Campanelli è l’operatore Steadicam del film e ha utilizzato la Steadicam in tutti i film di Clint da I ponti di Madison County.
  • La statua “Quilt of Origins” utilizzata nel film è una replica esatta della statua situata nel Centennial Park. La statua reale durante le riprese si trovava a circa 91 metri a est della replica.
  • Paul Walter Hauser (Richard Jewell) ha anche interpretato il ruolo di Shawn Eckardt (uno degli assalitori di Nancy Kerrigan) in Tonya. Slate ha riferito che durante il periodo in cui il vero Jewell era oggetto di scherno da parte di molti comici e commentatori, il conduttore notturno Jay Leno ha deriso Jewell paragonandolo a “il ragazzo che ha picchiato Nancy Kerrigan” (che significa Eckardt). Entrambi i film parlano di crimini legati alle Olimpiadi.
  • Il libro che Watson Bryant legge nel suo ufficio è “Lonesome Dove” di Larry McMurtry.
  • Paul Walter Hauser, che interpreta Richard Jewell, aveva 9 anni al momento dell’attentato al Centennial Olympic Park del 1996.
  • Jewell possiede una console per videogiochi Sega Saturn. Questo sistema ha venduto poco negli Stati Uniti ed era un lontano terzo dietro alla Sony Playstation e al Nintendo 64, rendendolo una scelta insolita per il design di produzione. Un possibile motivo per la sua inclusione: questo era l’unico sistema di videogiochi su cui si poteva giocare il gioco “Virtua Cop”.
  • Il film segna il debutto di Eeryn Falk Lubicich.
  • Le interviste televisive tra Katie Couric e Richard Jewell dopo l’attentato mostrano le vere interviste di Richard Jewell. Il suono viene sostituito con voci fuori campo per Richard aggiunte da Paul Walter Hauser.
  • Le riprese della scena dell’esplosione sono state ritardate da forti temporali. La troupe aveva il permesso di far detonare l’esplosivo prima di mezzanotte. A causa del ritardo, L’esplosivo è stato fatto detonare e filmato intorno alle 4 del mattino nel parco, circondato da centinaia di stanze d’albergo.
  • Questo film è stato criticato per aver ritratto Kathy Scruggs mentre si offre di scambiare favori sessuali per informazioni. Nella vita reale, in realtà non ci sono prove che lo abbia fatto.
  • Richard Jewell ha ricevuto una candidatura agli Oscar e una ai Golden Globes per la migliore attrice non protagonista a Kathy Bates. La National Board of Review Awards ha inserito “Richard Jewell” nella lista dei Migliori dieci film dell’anno e scelto Kathy Bates come Miglior attrice non protagonista e premiato Paul Walter Hauser per la Miglior performance rivelazione.
  • Il film costato 45 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 44.

La controversia legale

“Richard Jewell” durante il suo percorso verso gli Oscar è incappato in una controversia, il film di Clint Eastwood è stato aspramente attaccato da un giornale di Atlanta, l’Atlanta-Journal Constitution, che ha accusato il film di ritrarre in maniera offensiva e diffamatoria una giornalista che all’epoca lavorava per la testata. La giornalista in questione è Kathy Scruggs interpretata da Olivia Wilde che nel film viene mostrata in una scena offrire sesso ad un agente federale in cambio di informazioni. Scruggs è colei che poi scriverà l’articolo che indicherà Jewell come sospettato del mancato attentato. L’Atlanta-Journal Constitution e la sua società madre, Cox Enterprises, hanno inviato una lettera a Warner Bros., Clint Eastwood, allo sceneggiatore Billy Ray e altri coinvolti nella realizzazione del film attraverso uno studio legale di Los Angeles.

La reporter dell’AJC nel film è ridotta ad un oggetto di scambio sessuale. Una tale rappresentazione fa sembrare che l’AJC abbia sfruttato sessualmente il proprio personale e / o che abbia facilitato o giustificato l’offerta di gratificazione sessuale alle fonti in cambio di storie. Questo è del tutto falso e malevolo, ed è estremamente diffamatorio e dannoso.

Al riguardo all’epoca è stata pubblicata una risposta da Warner Bros.:

È una sfortuna e della massima ironia che l’Atlanta Journal Constitution, dopo aver fatto parte della corsa al giudizio di Richard Jewell, stia ora provando a diffamare i nostri registi e il cast. Richard Jewell si concentra sulla vera vittima, cerca di raccontare la sua storia, confermare la sua innocenza e ripristinare il suo nome. Le affermazioni dell’AJC sono prive di fondamento e ci difenderemo con forza contro di esse.

Nonostante Richard Jewell non sia mai stato accusato formalmente di alcunché subì una vera e propria gogna mediatica che ebbe un grande impatto sulla sua vita personale e professionale. Jewell alla fine fu completamente scagionato, e in seguito fu scoperto e condannato il vero attentatore, Eric Rudolph, finito nella lista dei “Dieci criminali più ricercati dall’F.B.I.” e colpevole di diversi attentati tra il 1996 e il 1998, che causarono la morte di tre persone e il ferimento di altre 150. Nel 2006 il governatore Sonny Perdue ha ringraziato pubblicamente Jewell a nome dello Stato della Georgia per aver salvato così tante vite. Jewell è morto il 29 agosto 2007 all’età di 44 anni per insufficienza cardiaca a causa di complicanze di una patologia diabetica. La  giornalista Kathy Scruggs ha lottato con la depressione e la dipendenza ed è morta di overdose nel 2001.

La colonna sonora

  • Le musiche originali di “Richard Jewell” sono di Arturo Sandoval, lo stesso compositore de “Il corriere – The Mule” del 2018.
  • La colonna sonora include i brani: “The Gambler” di Kenny Rogers, “Macarena” di Los del Río, “I’ll Take You There” e “I Walked Alone” di Jack Mack and the Heart Attack, “I Reached the Stars” di Arturo Sandoval, “Stand by Me” di Bootstraps (usato nel trailer).

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →