Stasera in tv: “Schindler’s List – La lista di Schindler” su Rete 4

Rete 4 stasera propone Schindler’s List – La lista di Schindler, dramma del 1993 di Steven Spielberg con Liam Neeson, Ben Kingsley e Ralph Fiennes.

Cast e personaggi

Liam Neeson: Oskar Schindler
Ben Kingsley: Itzhak Stern
Ralph Fiennes: Amon Goeth
Caroline Goodall: Emilie Schindler
Jonathan Sagall: Poldek Pfefferberg
Embeth Davidtz: Helene Hirsch
Malgorzata Gebel: Victoria Klonowska
Shmuel Levy: Wilek Chilowicz
Mark Ivanir: Marcel Goldberg
Beatrice Macola: Ingrid
Andrzej Seweryn: Julian Scherner
Friedrich von Thun: Rolf Czurda
Krzysztof Luft: Herman Toffel
Harry Nehring: Leo John
Norbert Weisser: Albert Hujar
Adi Nitzan: Mila Pfefferberg
Michael Schneider: Juda Dresner
Miri Fabian: Chaia Dresner
Anna Mucha: Danka Dresner
Jacek Wójcicki: Henry Rosner
Beata Paluch: Manci Rosner
Piotr Polk: Leo Rosner
Ezra Dagan: Menasha Levartov
Beata Deskur: Rebecca Tannenbaum
Rami Heuberger: Josef Bau
Uri Avrahami: Chaim Nowak
Adam Siemion: Adam Levi
Magdalena Dandourian: Nuisa Horowitz
Paweł Deląg: Dolek Horowitz
Henryk Bista: Mr. Löwenstein
Wojciech Klata: Lisiek
Elina Löwensohn: Diana Reiter
Bettina Kupfer: Regina Perlman
Jochen Nickel: Wilhelm Kunde
Grzegorz Damiecki: Sergente Kunder
Alexander Held: burocrate SS
Lidia Wyrobiec-Bank: Clara Stenberg
Hans-Michael Rehberg: Rudolf Höss

Doppiatori italiani

Alessandro Rossi: Oskar Schindler
Franco Zucca: Itzhak Stern
Roberto Pedicini: Amon Goeth
Isabella Pasanisi: Emilie Schindler
Lucio Saccone: Poldek Pfefferberg
Carolina Zaccarini: Helene Hirsch
Francesco Pannofino: Wilek Chilowicz
Marco Mete: Marcel Goldberg
Dario Penne: Julian Scherner
Roberto Chevalier: Albert Hujar
Micaela Esdra: Mila Pfeffembarg
Pinella Dragani: Chaia Dresner
Perla Liberatori: Danka Dresner
Davide Perino: Adam Levi
Mario Milita: signor Lowenstein
Corrado Conforti: Lisiek
Cristina Boraschi: Diana Reiter
Anna Rita Pasanisi: Regina Perlman
Sandro Iovino: Wilhelm Kunde
Fabrizio Manfredi: Sergente Kunder
Silvio Anselmo: Menasha Levartov
Cesare Barbetti: Rudolf Höss

La trama

Cracovia, 1939. L’industriale tedesco Oskar Schindler, bella presenza e temperamento avventuroso, manovrando i vertici nazisti tenta di rilevare un fabbrica per produrre pignatte e marmitte. Già reclusi nel ghetto di Podgorze, ed impossibilitati a commerciare, alcuni ebrei vengono convinti da Schindler a fornire il denaro per rilevare l’edificio: li ripagherà impiegandoli nella fabbrica, pagandoli con utensili da scambiare e sottraendoli al campo di lavoro comandato dal sadico criminale tedesco Amon Goeth. Dopo aver ricevuto la breve visita di Emilie, la moglie che subito torna in Moravia vista la vita di libertino impenitente del marito, Schindler, sempre più nelle grazie dell’alto comando nazista e di Goeth, costruisce un campo per i suoi operai, dove le milizie non possono entrare senza la sua autorizzazione. Infine, scatenatosi lo sterminio, decide di attivare, dando fondo a tutte le sue risorse finanziarie, una fabbrica di granate nella natia Brinnlitz. Con l’aiuto dell’inseparabile Itzhak Stern, il contabile ebreo, compila una lista di 1100 persone ebree perché vengano a lui affidate come operai. Mentre gli uomini arrivano a destinazione, le donne vengono per errore tradotte ad Auschwitz, e solo con grande rischio ed impiegando a fondo risorse e conoscenze, Schindler riesce a strapparle alla morte. Per sette mesi la fabbrica produce appositamente granate difettose, finché l’armistizio non trova l’industriale senza denaro. I suoi operai gli donano un anello d’oro con su incisa una frase del Talmud: “Chiunque salva una vita salva il mondo intero”.

Curiosità

  • “Schindler’s List” ha vinto 7 premi Oscar su 12 nomination: Miglior film, regia, sceneggiatura non originale, fotografia, scenografia, colonna sonora e montaggio.
  • Per raccogliere costumi per 20.000 comparse, il costumista ha pubblicato annunci in cerca di vestiti. Poiché le condizioni economiche erano povere in Polonia, molte persone erano ansiose di vendere vestiti che ancora possedevano dagli anni ’30 e ’40.
  • Quando la sopravvissuta Mila Pfefferberg è stata presentata a Ralph Fiennes sul set, la donna ha iniziato a tremare in modo incontrollabile poiché l’attore le ricordava troppo il vero Amon Goeth.
  • L’originale elenco mancante degli ebrei di Schindler è stato trovato in una valigia insieme alla sua eredità scritta nascosta nella soffitta dell’appartamento di Schindler a Hildesheim nel 1999. Oskar Schindler vi soggiornò negli ultimi mesi prima della sua morte nel 1974.
  • Su sua insistenza (citando che si tratterebbe di “soldi insanguinati”), tutti i diritti d’autore e residui di questo film che normalmente sarebbero andati a Steven Spielberg vengono invece dati alla Shoah Foundation, che registra e conserva testimonianze scritte e videoregistrate di sopravvissuti al genocidio in tutto il mondo, compreso l’Olocausto.
  • Ralph Fiennes ha messo su ventotto libbre (tredici chilogrammi) bevendo Guinness per il suo ruolo di Amon Goeth. Steven Spielberg lo ha scelto per la sua “sensualità malvagia”.
  • La persona che posiziona il fiore sopra le pietre nei titoli di coda è Liam Neeson, e non Steven Spielberg, come alcuni pensano.
  • In realtà, non è stato Itzhak Stern ad aiutare Oskar Schindler a mettere insieme l’elenco, ma Marcel Goldberg. Molti sopravvissuti che parlano di Goldberg lo fanno con disprezzo, poiché non aveva scrupoli nel decidere chi sarebbe finito sulla lista, secondo quanto riferito accettando tangenti da alcuni sopravvissuti, togliendo i nomi dalla lista per aggiungere quelli di coloro che pagavano.
  • Durante la produzione, l’atmosfera era così cupa e deprimente che Steven Spielberg ha chiesto al suo amico Robin Williams se poteva raccontare alcune barzellette e fare sketch comici mentre Spielberg guardava episodi di Seinfeld. Alcuni sketch di Williams, mentre venivano riprodotti attraverso l’altoparlante per il cast e la troupe, finirono per essere parte del materiale dei dialoghi per il suo personaggio in Aladdin (1992), il Genio.
  • Steven Spielberg è stato in grado di ottenere il permesso di filmare all’interno di Auschwitz, ma ha scelto di non farlo, per rispetto delle vittime, quindi le scene del campo di sterminio sono state girate fuori dai cancelli su un set costruito in un’immagine speculare del luogo reale.

  • Le immagini con una ragazzina con il cappotto rosso provengono da una storia che Audrey Hepburn ha raccontato a Steven Spielberg mentre stavano girando il suo ultimo film Always – Per sempre (1989). Gli raccontò di un incidente durante la seconda guerra mondiale in cui vide una bambina con lo stesso abbigliamento mentre le altre persone venivano caricate sui treni. Quel momento è rimasto impresso per sempre nella sua memoria e ha colpito Spielberg quando ha realizzato questo film. A causa della quantità di violenza e orrore rappresentati, Spielberg ha fatto in modo che Oliwia Dabrowska, la ragazzina dal cappotto rosso, e i suoi genitori gli promettessero di non guardare il film fino a quando non avesse compiuto i diciotto anni (nel 2007). Oliwia però ha violato la promessa ed è rimasta inorridita dal risultato.
  • Steven Spielberg si rifiuta di autografare qualsiasi materiale relativo a questo film.
  • Harrison Ford è stata la prima scelta per il ruolo del protagonista, ma ha rifiutato, dicendo che alcune persone non sarebbero state in grado di guardare oltre il suo personaggio di Indiana Jones per vedere l’importanza del film.
  • Quando “Schindler’s List” doveva essere proiettato nelle Filippine, la censura ha deciso di eliminare alcune scene di nudità e violenza. Quando Steven Spielberg ha saputo di questo taglio, ha minacciato di ritirare il film a meno che non fosse mostrato così com’era. Così è intervenuto il presidente filippino Fidel Ramos che ha annullato la censura e il film è stato proiettato senza tagli.
  • Steven Spielberg ha perseguito attivamente il progetto quando ha notato l’aumento dell’antisemitismo e del neo-nazismo negli anni ’90, fondamentalmente gli stessi sentimenti che avevano portato all’Olocausto. Era anche inorridito dal fatto che i negazionisti dell’Olocausto fossero presi sempre più sul serio dai media. La sua determinazione a realizzare il film è stata ulteriormente rafforzata quando i dirigenti dello studio gli hanno chiesto perché non avesse semplicemente fatto una donazione di qualche tipo, piuttosto che sprecare il tempo e il denaro di tutti per un film deprimente.
  • “Schindler’s List” è il  film in bianco e nero più costoso fino ad oggi. Il record precedente era detenuto da oltre trent’anni da un altro film ambientato durante la seconda guerra mondiale, Il giorno più lungo (1962).
  • Mentre Schindler fa un tour del campo, passa accanto ad un ragazzo vestito da prigioniero con le mani alzate sopra la testa e un cartello che pende su di lui. Si legge “jestem zlodziejem ziemniaków”, “Sono un ladro di patate”.

  • Come produttore Steven Spielberg ha provato ad affidare i compiti di regia di questo film a numerosi colleghi, perché temeva di non poter rendere giustizia alla storia. La regia è stata rifiutata da Martin Scorsese (che era interessato, ma alla fine ha ritenuto che fosse un argomento che doveva essere raccontato da un regista ebreo. Scorseseha accettato di consegnare il progetto a Steven Spielberg, che stava lavorando al remake Cape Fear – Il promontorio della paura (1991), che Scorsese ha rilevato), Roman Polanski (che non si sentiva ancora pronto ad affrontare l’Olocausto dopo esserne sopravvissuto durante l’infanzia) e Billy Wilder (che voleva fare questo come il suo ultimo film). Apparentemente, è stato Wilder a convincere Spielberg a dirigerlo.
  • Lo slogan del film “Chi salva una vita salva il mondo intero” è una citazione dal Talmud.
  • Una copia diretta della lista reale, che era nella collezione di Thomas Keneally, è stata trovata dal personale della Biblioteca Nazionale nel New South Wales, Australia. L’elenco di tredici pagine, dopo il restauro, è esposto nel museo della biblioteca.
  • Il primo resoconto pubblicato della storia di Oskar Schindler fu un articolo di Kurt R. Grossman, “The Humanitarian Who Cheated Adolf Hitler”, apparso nel numero di settembre 1959 di Coronet Magazine.
  • Nell’ottobre 1980, l’autore Thomas Keneally stava tornando in Australia dopo aver firmato un libro quando si fermò durante il viaggio verso l’aeroporto per acquistare una nuova valigetta in un negozio di valigie di Beverly Hills di proprietà di Leopold Pfefferberg, che era stato uno dei 1.200 salvati di Oskar Schindler. Nei cinquanta minuti che Keneally trascorse in attesa che il suo pagamento con carta di credito venisse approvato, Pfefferberg lo convinse ad andare nella stanza sul retro dove il negoziante teneva due armadietti pieni di documenti che aveva raccolto. Pfefferberg, che aveva raccontato la sua storia a tutti gli scrittori e produttori entrati nel suo negozio, alla fine ha logorato la riluttanza di Keneally e lo scrittore ha scelto poi di trasformare la storia nel suo prossimo libro, che sarebbe diventato il romanzo “Schindler’s Ark” su cui si basa “Schindler’s List”.
  • “Schindler’s List” e E.T. – L’extra-terrestre sono i due film per i quali Steven Spielberg vorrebbe maggiormente essere ricordato.
  • Il film è stato vietato in diverse nazioni a maggioranza musulmana, tra cui Malesia, Indonesia ed Egitto. La scusa generale era che era “ingiusto” nei confronti dei tedeschi (che significa nazisti) ed era eccessivamente simpatizzante verso gli ebrei. I neonazisti dei paesi occidentali, compresi Stati Uniti e Canada, fecero una campagna per boicottare il film, ma furono ignorati.
  • Quando Schindler rimprovera Itzhak Stern per aver mandato troppi lavoratori del campo di lavoro forzato nella sua fabbrica, Stern gli ricorda di Amon Göth che spara a venticinque uomini del campo di Bejski. Il Bejski a cui si riferisce Stern è Moshe Bejski, che alla fine divenne il falsario di documenti di Oskar Schindler, e più tardi giudice della Corte Suprema israeliana dal 1979 al 1991. È menzionato nel libro. E’ il numero 531 nella lista degli uomini e la sua occupazione era disegnatore.

  • Nel 2007, l’American Film Institute ha classificato “Schindler’s List” al numero 8 della lista dei migliori film di tutti i tempi nonché il più grande film di Steven Spielberg.
  • Il film ha finalmente fruttato a Steven Spielberg l’Oscar per il miglior regista dopo 3 precedenti candidature  (incontri ravvicinati del terzo tipo, I predatori dell’arca perduta. E.T. l’extraterrestre).
  • Kevin Costner ha espresso interesse ad interpretare Oskar Schindler, ha anche contattato personalmente Spielberg e ha detto che avrebbe interpretato la parte gratuitamente.
  • Helen Hirsch è basata su Helen Jonas (nata Sternlicht), la cui storia è mostrata nel documentario Inheritance (2006).
  • Steven Spielberg, come regista, ha realizzato dieci film sulla seconda guerra mondiale o relativi ad essa. (in ordine cronologico): Fighter Squad (1961), Escape to Nowhere (1961), 1941 – Allarme a Hollywood (1979), I predatori dell’arca perduta (1981), L’impero del sole (1987), Indiana Jones e l’ultima crociata (1989), un remake del film sulla seconda guerra mondiale Joe il pilota (1943) intitolato Always – Per sempre (1989), Schindler’s List (1993) e Salvate il soldato Ryan (1998).
  • A Saul Bass è stato chiesto di disegnare il poster per questo film. Alla fine, la sua versione consistente in un’immagine di carta bianca con del filo spinato contenente i nomi delle persone salvate da Schindler venne rifiutata.
  • Le riprese sono state completate in settantadue giorni, quattro giorni prima del previsto.
  • Tim Roth è stato considerato per il ruolo di Amon Göth.
  • Si diceva che il vero Oskar Schindler somigliasse a George Sanders e Curd Jürgens.
  • Il nome di Hitler nel film viene menzionato solo due volte. Una volta in un saluto “Heil Hitler”, e la seconda volta è anche “Heil Hitler”, come le parole finali di Amon Goeth e del film.
  • L’epilogo di questo film afferma: “Oggi in Polonia sono rimasti vivi meno di quattromila ebrei. Ci sono più di seimila discendenti degli ebrei di Schindler”. Il memoriale / dedica di chiusura di questo film afferma: “In memoria degli oltre sei milioni di ebrei assassinati”.
  • Steven Spielberg ha visto God afton, Herr Wallenberg (1990) sei volte prima delle riprese.
  • Sidney Lumet fu contattato per dirigere, ma sentì di aver già trattato l’argomento dell’Olocausto con L’uomo del banco dei pegni (1964).
  • A Juliette Binoche è stato offerto un ruolo, che ha descritto nelle interviste come una donna che doveva essere violentata e poi uccisa, ma lei rifiutò. Aveva già rifiutato di girare con Steven Spielberg un’altra volta nello stesso anno, declinando il ruolo di Ellie Sattler in Jurassic Park per realizzare Tre colori – Film blu.
  • Steven Spielberg ha lasciato il montaggio di Jurassic Park per due settimane in modo da poter iniziare a girare questo film in Polonia.
  • Ai Premi Oscar 1994 questo film e Jurassic Park (1993), entrambi diretti da Steven Spielberg, hanno gareggiato per la categoria Miglior sonoro. “Jurassic Park” ha vinto la statuetta.
  • Stellan Skarsgård è stato considerato per il ruolo di Oskar Schindler. Il ruolo è andato a Liam Neeson. Neeson inizialmente doveva interpretare Padre Frank Merrin in L’esorcista – La genesi (2004), ma si è ritirato ed è stato sostituito da Skarsgård.
  • La scenografa di questo film, che ha condiviso il premio Oscar per la migliore scenografia con Allan Starski, si chiama Ewa Braun. Eva Braun era anche il nome dell’amante di Adolf Hitler. Billy Crystal in seguito disse che si era pentito di non essere stato il conduttore degli Oscar quell’anno perché aveva sentito il nome in televisione e voleva chiamare subito l’ospite Whoopi Goldberg e sottolineare la strana coincidenza.
  • A causa del crescente interesse per Cracovia creato dal film, la città ha acquistato la Fabbrica di oggetti smaltati di Oskar Schindler nel 2007 per creare una mostra permanente sull’occupazione tedesca della città dal 1939 al 1945. Il museo è stato inaugurato nel giugno 2010.

  • “Schindler’s List” è il primo film di guerra a vincere l’Oscar per il miglior film dopo Platoon (1986), il primo film di guerra prevalentemente in bianco e nero ad essere nominato per l’Oscar per il miglior film da Il giorno più lungo (1962) e il primo film sulla seconda guerra mondiale prevalentemente in bianco e nero a vincere l’Oscar per il miglior film da Da qui all’eternità (1953). È anche il quinto film di guerra in bianco e nero sulla seconda guerra mondiale a vincere l’Oscar per il miglior film, il primo film sulla seconda guerra mondiale a vincere l’Oscar per il miglior film da Patton, generale d’acciaio (1970), il primo film sulla seconda guerra mondiale ad essere candidato all’Oscar per il miglior film da Anni ’40 (1987) di John Boorman, il primo film prevalentemente in bianco e nero a vincere l’Oscar per il miglior film dopo L’appartamento (1960), il primo film di guerra ad essere candidato all’Oscar per il miglior film da Nato il quattro luglio (1989), il primo film prevalentemente in bianco e nero ad essere nominato per l’Oscar per il miglior film da The Elephant Man (1980) e Toro scatenato (1980).
  • Nel 1964 la Metro-Goldwyn-Mayer annunciò che stava sviluppando un film biografico su Oskar Schindler, che sarebbe stato scritto da Howard Koch con Delbert Mann designato alla regia.
  • Polanski, che ha rifiutato la possibilità di dirigere il film, ha poi commentato: “Certamente non avrei fatto un buon lavoro come Spielberg perché non avrei potuto essere così obiettivo come lui”.
  • Secondo lo sceneggiatore Frederic Raphael, quando ha suggerito a Kubrick che “Schindler’s List” era una buona rappresentazione dell’Olocausto, Kubrick ha commentato: “Pensi che riguardi l’Olocausto? Riguardava il successo, non credi? L’Olocausto è su circa 6 milioni di persone che vengono uccise. Schindler’s List è su circa 600 che non lo fanno.” Il successo di “Schindler’s List” ha portato il regista Stanley Kubrick ad abbandonare il suo progetto sull’olocausto, Aryan Papers, che avrebbe riguardato un ragazzo ebreo e sua zia che sopravvissero alla guerra fuggendo attraverso la Polonia fingendo di essere cattolici.
  • Fiennes è stato scelto come Amon Göth dopo che Spielberg ha visto le sue interpretazioni in A Dangerous Man: Lawrence After Arabia e Cime tempestose di Emily Brontë. Spielberg ha detto del provino di Fiennes che “Ho visto una malvagità sensuale. È tutta una questione di sottigliezza: c’erano momenti di gentilezza che si muovevano attraverso i suoi occhi e poi si sono raggelati all’istante”.
  • Kevin Costner e Mel Gibson hanno espresso interesse ad interpretare Schindler, ma Spielberg ha preferito scegliere il relativamente sconosciuto Neeson, così che la qualità da star dell’attore non avrebbe sopraffatto il personaggio.
  • In Germania sono sorte polemiche per la prima televisiva del film su ProSieben. Le proteste tra la comunità ebraica sono seguite quando l’emittente intendeva trasmetterlo in televisione con due interruzioni pubblicitarie di 3-4 minuti ciascuna. Ignatz Bubis, capo del Consiglio centrale degli ebrei in Germania, ha detto: “È problematico interrompere un film del genere con la pubblicità”. Jerzy Kanal, presidente della Comunità ebraica di Berlino, ha aggiunto “È ovvio che il film potrebbe avere un impatto maggiore [sulla società] se trasmesso senza ostacoli pubblicitari. La stazione deve fare tutto il possibile per trasmettere il film senza interruzioni”. Come compromesso, la trasmissione includeva un’interruzione consistente in un breve aggiornamento di notizie incorniciato da spot pubblicitari.

  • Il comandante di Auschwitz, Rudolph Hoess, che appare come un personaggio in questo film, è stato precedentemente interpretato da Gunter Maria Halmer in due produzioni non correlate: La scelta di Sophie e la mminserie tv Ricordi di guerra.
  • Il regista Michael Haneke ha criticato la sequenza in cui le donne di Schindler vengono accidentalmente mandate ad Auschwitz e trascinate nelle docce: “C’è una scena in quel film in cui non sappiamo se c’è gas o acqua che esce dalle docce del campo. Puoi fare qualcosa del genere solo con un pubblico ingenuo come negli Stati Uniti. Non è un uso appropriato della forma. Spielberg aveva buone intenzioni, ma è stato stupido”.
  • Il film esplora il tema del bene contro il male, utilizzando come protagonista un “buon tedesco”, una caratterizzazione popolare nel cinema americano. Mentre Göth è caratterizzato come una persona quasi completamente oscura e malvagia, Schindler si evolve gradualmente da sostenitore nazista a soccorritore ed eroe.
  • Branko Lustig ha un cameo nel film, appare come il maître dell’hotel nella prima scena di Oskar Schindler. Lustig è uno dei produttori di questo film e un sopravvissuto all’Olocausto (dopo aver ricevuto il suo Oscar, ha recitato il suo numero di serie, A3317).
  • Steven Spielberg ha un cameo nel film: è un ebreo di Schindler liberato tra le centinaia che attraversano un campo verso la fine del film.
  • La scena della “liquidazione” del ghetto di Cracovia era solo una pagina di sceneggiatura, ma Steven Spielberg l’ha trasformata in venti pagine e venti minuti di tempo su schermo “sulla base di testimonianze viventi”. Ad esempio, la scena in cui Leopold Pfefferberg sfugge alla cattura dei soldati tedeschi dicendo loro che gli era stato ordinato di sgomberare i bagagli dalla strada e salutandoli è stata presa direttamente dal suo racconto.
  • La ragazza con il cappotto rosso era una vera ragazza di nome Roma Ligocka. A differenza della sua controparte cinematografica, è sopravvissuta alla guerra e ha scritto un libro di memorie intitolato “The Girl in the Red Coat: A Memoir”.
  • Alcune controversie rimangono tra critici e registi riguardo al ritratto di Amon Goeth (Ralph Fiennes). Alcuni hanno detto che è presentato in modo troppo stereotipato come il malvagio psicopatico nazista, altri affermano che la performance non è andata abbastanza lontano rispetto alla sua controparte nella vita reale. I sopravvissuti all’olocausto hanno testimoniato che, oltre a ordinare le esecuzioni, Goeth stesso ha sparato a caso e torturato dozzine di persone su base giornaliera e ha persino fatto fare a pezzi dei prigionieri dai suoi due cani. Avrebbe anche impiccato le vittime in tutto il campo, al punto che non c’era letteralmente nessun posto dove si potesse guardare senza vedere un cadavere in mostra. La cosa più inquietante era che si diceva che Goeth avesse usato bambini per il tiro al bersaglio. Secondo quanto riferito, Steven Spielberg non ha visto la necessità di descrivere tutte queste atrocità per mostrare il carattere malvagio di Goeth.
  • Il film costato 22 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 321.

La colonna sonora

  • Le musiche originali di “Schindler’s List”  premiate con un Oscar sono di John Williams collaboratore abituale di Steven Spielberg.
  • Quando Steven Spielberg ha mostrato per la prima volta a John Williams una parte di questo film, Williams era così commosso che ha dovuto fare una passeggiata fuori per diversi minuti per riprendersi. Al suo ritorno, ha detto a Spielberg che accettava l’incarico.
  • Il violinista Itzhak Perlman esegue l’ossessivo accompagnamento musicale di John Williams nella colonna sonora. Perlman ha dichiarato che il suo contributo al film è uno dei suoi momenti di orgoglio in un’illustre carriera.
  • Il film, come mostrato nella maggior parte dei paesi, include la canzone “Yerushalayim Shel Zahav”, Gerusalemme d’Oro, alla fine. Ciò ha causato alcune controversie in Israele, poiché la canzone (che è stata scritta nel 1967 da Naomi Shemer) è ampiamente considerata un inno informale della vittoria israeliana nella Guerra dei Sei Giorni. Nelle stampe israeliane del film la canzone è stata sostituita con “Halikha LeKesariya” (“A Walk to Caesarea”) di Hannah Szenes, una combattente della resistenza della seconda guerra mondiale.

TRACK LISTINGS:

1. Theme From Schindler’s List 4:15
2. Jewish Town (Krakow Ghetto – Winter ’41) 4:40
3. Immolation (With Our Lives, We Give Life) 4:43
4. Remembrances 4:20
5. Schindler’s Workforce 9:08
6. OYF’N Pripetshok And Nacht Aktion 2:56
7. I Could Have Done More 5:52
8. Auschwitz-Birkenau 3:41
9. Stolen Memories 4:20
10. Making The List 5:10
11. Give Me Your Names 4:54
12. Yerousshalaim Chel Zahav (Jerusalem Of Gold) 2:16
13. Rememberances 5:16
14. Theme From Schindler’s List (Reprise) 2:59


[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →