Star Wars: trama, cover ed estratto dal nuovo romanzo “Shadow of Sith” in uscita a giugno

Leggi un estratto in italiano del nuovo romanzo Star Wars: Shadow of Sith” di Adam Christopher in uscita a giugno 2022.

Il 28 giugno uscirà in edizione inglese Star Wars: Shadow of Sith di Adam Christopher, un nuovo romanzo che si svolgerà tra “Il Ritorno dello Jedi” e “Il risveglio della Forza” e seguirà Luke Skywalker e Lando Calrissian mentre indagano sul mistero che circonda la presenza persistente dei Sith, mentre al contempo cercano senza sosta la figlia scomparsa di Lando. Il libro (copertina dell’artista Juan Esteban Rodriguez e grafica di Ella Laytham) rivelerà anche ulteriori dettagli sui genitori di Rey.

 

La sinossi ufficiale del romanzo: L’Impero è morto. Quasi due decenni dopo la battaglia di Endor, i resti a brandelli delle forze di Palpatine sono fuggiti fino ai confini più remoti della galassia. Ma per gli eroi della Nuova Repubblica, il pericolo e la perdita sono compagni onnipresenti, anche in questa nuova era di pace. Il Maestro Jedi Luke Skywalker è perseguitato da visioni del lato oscuro, che predice un inquietante segreto che cresce da qualche parte nelle profondità dello spazio, su un mondo morto chiamato Exegol. Il disturbo nella Forza è innegabile…e le peggiori paure di Luke vengono confermate quando il suo vecchio amico Lando Calrissian viene da lui con notizie di una nuova minaccia Sith. Dopo che la figlia di Lando è stata rapita dalle sue braccia, ha cercato tra le stelle ogni traccia della sua bambina scomparsa. Ma ogni nuova voce porta solo a vicoli ciechi e speranze svanite, finché non incontra Ochi di Bestoon, un assassino Sith incaricato di rapire una giovane ragazza. Le vere motivazioni di Ochi rimangono oscure a Luke e Lando. In una discarica lunare, un misterioso inviato dei Sith Eternal ha lasciato in eredità una lama sacra all’assassino, promettendo che risponderà alle domande che lo perseguitano dalla caduta dell’Impero. In cambio, deve completare un’ultima missione: tornare a Exegol con la chiave della gloriosa rinascita dei Sith: Rey, la nipote di Darth Sidious stesso. Mentre Ochi dà la caccia a Rey e ai suoi genitori ai confini della galassia, Luke e Lando corrono nel mistero dell’ombra persistente dei Sith e aiutano una giovane famiglia a scappare per salvarsi la vita.

Il romanzo “Star Wars: Shadow of Sith” è disponibile in inglese e in pre-ordine su Amazon.

ESTRATTO “SHADOW OF SITH” TRADOTTO IN ITALIANO

A seguire trovate un coinvolgente estratto tradotto in italiano tratto dal romanzo “Shadow of Sith” (via starwars.com),  che vede Luke combattere in una scena che rievoca per suggestioni un paio di classici: vedi l’attacco a Colle Vento dei Nazgûl dal film Il signore degli anelli – La compagnia dell’anello e Harry Potter alle prese con i Dissennatori nella Foresta proibita.

Ci fu un botto, più simile a un tuono, e tutto divenne nero. La brezza scese, l’aria calma e calda. Luke prese fiato e sentì il sapore della polvere secca sulla sua lingua, e poi si rese conto che non era più seduto sulla pietra che vedeva. Tython se n’era andato.

Guardò in basso. Adesso era in piedi su terra nera, compatta, screpolata, ricoperta di polvere che turbinava a vortici intorno ai suoi stivali.

Alzò lo sguardo. Il mondo era nero e arido, il cielo scuro e pieno di nubi nere turbinanti, illuminate da continui lampi che precipitavano direttamente nel terreno. Se fosse giorno o notte, Luke non poteva dirlo: il luogo era sia chiaro che buio allo stesso tempo, con la vasta e piatta pianura di pietra nera illuminata uniformemente da un sole che non c’era.

Luke fece un altro respiro, il sapore si fece più forte in bocca. Gli si stavano già seccando gli occhi, l’atmosfera, la terra, l’intero posto così vecchio, così arido.

Capì immediatamente dove si trovava. Era stato qui molte volte di recente, in questo paesaggio da incubo delle sue visioni.

Solo ora ne riconosceva il nome.

Questo luogo era Exegol, il mondo nascosto dei Sith di cui si parlava solo sussurrando nei testi antichi. Un luogo raggiungibile solo con un “Wayfinder”.

E… per meditazione? Luke fece un passo avanti, trovando il terreno solido e decisamente reale sotto i suoi piedi. Percorse un piccolo e lento cerchio, gli occhi all’orizzonte. Un lampo balenò, illuminando le zone più lontane della pianura, rivelando che era informe e morta.

Lo stesso posto delle sue visioni, sì, ma questo sembrava…diverso.

Questo sembrava reale.

Potrebbe essere stato trasportato? Luke si accigliò, la sua mente correva insieme al suo cuore. Abbastanza vero, non conosceva l’intera portata dei poteri della Pietra della Meditazione. Aveva ricercato il luogo per anni, ma non aveva mai usato la pietra per il suo antico scopo, per comunicare direttamente con la Forza. Sapeva da sé quale potente Jedi era diventato, quale potenziale non sfruttato aveva ancora dentro di sé nonostante, o forse a causa dei suoi anni di addestramento autonomo e senza maestro.

L’aveva fatto? Aveva l’Holocron, o quel che ne restava, e i Cristalli Kyber. Era rimasto abbastanza del nucleo di dati dell’Holocron perché la Pietra della Meditazione fosse in grado di leggerlo, in qualche modo, portandolo dove il proprietario originale non era riuscito a raggiungere tanti secoli fa? E i Cristalli Kyber? Risuonavano con la Forza, le loro stesse strutture in una vibrazione naturale e comprensiva con essa. Erano loro il catalizzatore che rendeva possibile il viaggio? Era quello che aveva provato il pilota originale: combinare due forme molto diverse di potere Sith per superare la loro mancanza di un vero “Wayfinder”?

Fu allora che una domanda molto più importante entrò nella testa di Luke.

Potrà tornare a Tython?

Poi si girò, schivando istintivamente mentre qualcosa sfiorava il cappuccio della sua tunica, abbastanza forte da spostare il tessuto pesante sopra la sua spalla. Non c’era nessuno dietro di lui. Si girò di nuovo guardandosi attorno. Era solo nella pianura, l’aria perfettamente immobile, il sapore acido e caustico che cresceva sempre più forte nella sua bocca.

Ancora. Qualcosa lo sfiorava, questa volta con un sibilo distinto dell’aria secca e il suono dei piedi di qualcuno che raschiavano il terreno duro. Luke si allontanò di nuovo, spostandosi di pochi metri dalla sua posizione originale. Guardando in basso vide le sue impronte nella polvere: non era certo un’impressione, ma abbastanza per lui per vedere le proprie tracce.

E le tracce di qualcuno, o qualcos’altro. Due grandi archi, non dei passi ma i segni di qualcosa che veniva trascinato lungo il terreno, ai lati opposti di dove era appena stato Luke.

Alzò lo sguardo, girandosi lentamente per vedere tutto intorno a lui. Non c’era posto dove nascondersi: niente rocce, niente edifici, niente. Luke poteva vedere da un orizzonte vuoto all’altro.

Un lampo balenò e poi lo vide, solo per un istante mentre veniva illuminato dalla tempesta elettrica. Una figura, a una discreta distanza, forse cento metri. E poi non c’era più, prima che Luke potesse registrare qualsiasi caratteristica o forma.

“Heilà!” gridò, sentendosi un po’ sciocco. Tentò di nuovo. “Chi è là?”

Di nuovo il suono, ora più forte, e sentì qualcosa spingergli fisicamente la schiena. Seguì il movimento per mantenere la propria posizione, spostandosi in avanti, quindi si girò, la mano che estraeva la spada laser dalla cintura e la impugnava con un movimento fluido e regolare. Si fermò, i piedi divaricati, il baricentro basso, la posizione difensiva che per lui era istintiva, automatica, come respirare.

Luke era circondato. Erano alti, magri. Nove di loro. Nient’altro che spettri. Nient’altro che ombre. Fantasmi alti e magri, i loro corpi si curvavano e si arcuavano in un vento nuovo che si era alzato, un vento che soffiava attraverso la pianura nera, cambiando continuamente direzione.

Luke sistemò la presa sulla sua spada laser e premette l’attivatore. Con uno swoosh bruciante, la lama verde si accese, illuminando un grande cerchio attorno a Luke e agli spettri, illuminando la polvere color cenere che turbinava nell’aria come un alone.

Luke si preparò. Perché questi non erano fantasmi o ombre o spettri. Erano molto reali. Ad ogni lampo nel cielo scuro sopra, i fantasmi erano illuminati come figure solide e tridimensionali, vestite di nero, con il volto fasciato.

Era disorientante. Luke strinse gli occhi mentre si concentrava, i nemici che lo circondavano lampeggiavano tra ombre fluttuanti traslucide e solide figure umanoidi.

Poi cominciarono a circondarlo. Si mantenevano alla stessa distanza da Luke, e l’uno dall’altro, mentre si muovevano, tenendosi tutti di fronte a questo intruso nel loro mondo. Luke, in equilibrio sulla punta dei piedi, con le dita che si sistemavano, riadattandosi alla presa della sua spada laser, era pronto per l’attacco che sapeva sarebbe arrivato, mentre la sua mente correva.

Come sono arrivato qui…e come torno?

E poi gli spettri, muovendosi all’unisono come se tra loro fosse intervenuta una comunicazione invisibile e inaudita, infilarono una mano nelle vesti che in un istante erano mulinelli di cenere e nel lampo successivo un tessuto nero pesante e intrecciato, ed estrassero le loro spade laser.

Luke, con i suoi anni di esperienza, anni in cui ha imparato a dominare le sue emozioni e controllare le sue azioni, non si lascia sorprendere dalla vista di queste nove armi. Perché… ovviamente avevano le spade laser. Era su Exegol, il mondo Sith, il cuore delle tenebre. Aveva osato visitare il pianeta con l’ausilio della Forza, e ora era qui, nella realtà fisica, di fronte a nove incarnazioni del lato oscuro che volevano chiaramente che la loro esistenza rimanesse nascosta.

I Wraith sollevarono le loro spade laser e le attivarono. Luke non sentì tanto la loro accensione quanto la sentì dentro, il suono familiare in qualche modo acuto e distante, un ricordo quasi dimenticato piuttosto che una vera sensazione fisica. Gli spettri alzarono le loro lame, pronte a incontrare quella di Luke, ma non erano niente, semplici contorni neri contro le figure nere in piedi sulla terra nera sotto un cielo nero. Ma quando il fulmine lampeggiò, le nove lame erano invertite, un lampo bianco negativo che fece danzare delle macchie negli occhi di Luke. Abbagliato, il controllo di Luke svanì solo per un momento e gli fece fare un involontario mezzo passo indietro.

Era ciò che i Wraith stavano aspettando. Si precipitarono verso di lui in silenzio, le loro vesti di cenere-ombra che si disintegravano nel vento mentre si muovevano, i loro corpi interi diventavano materia inconsistente, particolato che volava via nella brezza. E poi il lampo lampeggiò e Luke fu circondato da nove figure molto reali, molto solide, vestite di nero che brandivano spade laser di luce accecante e impossibile.

Spinto dall’istinto, guidato dalla sua connessione con la Forza, Luke para i primi colpi, la sua spada laser si è collegata ai suoi nemici con un familiare colpo ad alta energia. Ma con il lampo che lampeggiava insieme alle nove lame bianche e nere dei suoi nemici, Luke scoprì presto che stava effettivamente combattendo alla cieca, la sua vista non era altro che macchie viola e rosse.

Ma Luke Skywalker non si fece prendere dal panico, non ebbe paura. Deviando un altro attacco, Luke chiuse gli occhi ed espirò. Non aveva bisogno di occhi per vedere i suoi nemici. Tutto quello che doveva fare era guardarsi dentro, sentire la Forza fluire attraverso di lui, sentire la sua connessione con se stesso, la galassia e tutti gli esseri che vivevano al suo interno.

Io sono tutt’uno con la Forza, e la Forza è con me.

L’attacco successivo fu parato alla perfezione; Anche la risposta di Luke era un esempio da manuale della forma Jedi.

Ma poi la sua lama passò attraverso…niente.

Luke non aprì gli occhi, si limitò a chinare la testa, girandosi sul posto per contrastare gli attacchi provenienti dall’altro lato mentre si concentrava, cercando di entrare in uno stato quasi meditativo in modo da poter portare un attacco piuttosto che lasciare che la Forza lo guidasse semplicemente attraverso una difesa passiva e automatica.

E poi vacillò. Un cipiglio tremolò sul suo viso mentre percepiva il contatto con la Forza e…

Non c’era niente. Nessuna connessione. Nessun sentimento. Era come se fosse ancora su Tython, sulla pietra che vede, al centro di una grazia in cui la Forza si fondeva intorno a lui ma non dentro di lui.

Gli esseri intorno a lui, nove spettri d’ombra con lame di luce e oscurità, non esistevano nella Forza: non avevano presenza, nessuna forma.

Questo era impossibile.

La Forza collegava tutta la vita nella galassia, ma circondava e penetrava anche l’inanimato. Gli oggetti – rocce, pianeti, astronavi, droidi, tutto – avevano una presenza nella Forza, o meglio, un’assenza che poteva essere percepita con la stessa forza come se fossero esseri viventi stessi.

Ma gli spettri non erano niente. Luke non poteva percepirli affatto con la Forza.

Girò a sinistra poi a destra, con la spada laser che oscillava su, poi giù, poi verso l’esterno, parando altri tre colpi. Ma accecato e incapace persino di percepire i suoi avversari, non fu in grado di attaccare. Avrebbe potuto anche oscillare casualmente nell’aria intorno a lui.

Cosa che fece. Aprì gli occhi, socchiudendoli contro i bagliori dei fulmini e i colpi ardenti delle lame spettrali, la sua spada laser verde l’unica cosa che gli era familiare, l’unico colore nel suo incubo.

Ma quella fedele spada laser non poteva fare nulla contro gli spettri. Bloccato un fendente – i suoi occhi e il suo cervello iniziavano ad adattarsi, molto leggermente, al mondo disorientante che lo circondava – e poi un altro attacco, in alto e poi in basso, evitando completamente la lama del suo avversario. Ma la sua spada laser attraversò lo spettro, trascinandosi dietro una scia di cenere, illuminata dal verde brillante della spada laser di Luke.

Lo spettro non sembrò nemmeno accorgersene. Alzò la lama e Luke parò, parò di nuovo, si chinò di lato e parò un colpo dal fianco sinistro, fece oscillare la spada laser a destra per contrastarne un altro, quindi disegnò nell’aria una serie di attacchi angolati che avrebbero dovuto tagliare a brandelli i tre avversari davanti a lui.

La sua lama non incontrò resistenza – al contrario, lo spettro direttamente di fronte a lui avanzò nel suo attacco, apparentemente inconsapevole o indifferente alla posizione della lama di Luke.

Luke non smise di muoversi. Evitò la lama d’ombra dello spettro anche mentre attraversava l’essere stesso, la nuvola di cenere e polvere fitta intorno al suo viso, che ricopriva la sua pelle, la sua lingua, riempiendo la sua bocca con il sapore del metallo caldo. Ora dietro il gruppo, si voltò e portò un nuovo attacco alle loro spalle, facendo oscillare la sua spada laser a sinistra e a destra, e di nuovo a sinistra, bloccando la spinta di una lama d’ombra mentre uno spettro si girava in un vortice di fumo nero vorticoso e impugnava la sua arma. Ancora una volta spada laser incontra spada laser, la luce verde incontra la lama d’ombra e Luke poté sentire la scossa attraverso l’elsa della sua stessa arma, poté vedere l’effervescenza dell’energia mentre la sua lama scivolava lungo quella del suo nemico, prima che lo spettro si allontanasse in una direzione e Luke nell’altra, entrambi poi girandosi per tagliare ad angolo acuto. Spada incontra di nuovo spada, questa volta con un colpo di plasma che scaturì dalle lame di energia, come se i Wraith stessero giocando con lui, un momento le loro armi erano vere, l’altro, un’imitazione oscura della realtà.

Percependo questo cambiamento, il colpo successivo di Luke fu abbastanza potente da respingere l’altra lama, e diede rapidamente la sua risposta, direttamente attraverso il collo e il busto dell’apparizione.

Ancora una volta, la sua lama non incontrò nulla. La forma dell’ombra si aprì come fumo, anche se il lampo tornò a lampeggiare e l’essere era solido come il corpo di Luke.

Luke oscillò ancora, e ancora, e ancora, brandendo colpi ora con la sua lama senza alcun intento o progetto particolare se non quello di tenere a distanza i nove spettri, concentrandosi ora non sul combattimento, ma sul trovare una via d’uscita.

Gli spettri portarono il loro attacco, la lama di Luke li trafisse innocua. Man mano che si avvicinavano sempre più, sollevarono di nuovo le loro spade laser, agendo insieme in unione telepatica, pronti a infliggere il loro colpo finale.

Nove lame contro una. A Luke non piacevano le probabilità, ma si preparò comunque.

Gli spettri attaccarono, nove lame d’ombra trattenute da braccia d’ombra che si abbattevano in velocità…

E fu allora che apparve una nuova luce. Non il lampo bianco del fulmine, o le lame spettrali illuminate dalla luce empia. Non il bagliore verde della spada laser di Luke, che illumina il terreno cinereo come una torcia verde.

No, questa luce era azzurra. Luccicava nell’aria, strisciando leggermente verso il basso, spazzando via gli attaccanti con un unico movimento fluido.

Era una spada laser, la lama azzurra e forte, l’elsa…

L’elsa era trasparente, nient’altro che un bagliore blu, tenuto in una mano blu trasparente.

Luke cadde all’indietro, sui gomiti, e rimase senza fiato per il dolore alle articolazioni e anche per la pura sorpresa della vista davanti a lui.

Tra lui e gli spettri c’era un’altra figura: un uomo con svolazzanti vesti pallide, la schiena rivolta a Luke, la testa nascosta sotto un voluminoso cappuccio. L’intera figura brillava come una morbida elettricità, luminosa in questo mondo di notte senza fine. Quando il fulmine lampeggiò, Luke riuscì a vedere i nove solidi spettri attraverso la forma dell’uomo che si frapponeva tra loro e la loro preda.

La mente di Luke correva mentre cercava di identificare lo spirito di Forza che era arrivato per proteggerlo.

“Ben?”

No, non era Ben… la veste, la forma dell’uomo, era…

L’essere spettrale sollevò la sua spada laser, tenendola alta sopra la sua testa, la lama parallela al suolo.

Per la prima volta, i Wraith sembravano prendere atto del loro nemico. Indietreggiarono, nove forme rannicchiate insieme, le lame abbassate. Stavano urlando dai loro volti vuoti e bendati, anche se Luke non era sicuro se fosse un suono reale o solo un’eco nella sua testa. Era difficile concentrarsi su ciò che stava vedendo, sul modo in cui la Forza risuonava intorno alla figura in blu. La sua intera vista sembrava piegarsi intorno a lui.

I fantasmi continuarono a indietreggiare, e poi scomparvero, le loro forme d’ombra evaporarono in polvere che si volse via sull’ultimo vortice del vento morente.

Per un momento, tutto fu immobile.

Poi la figura blu si voltò, la sua spada laser spenta.

Luke si sollevò sui gomiti. Sbatté le palpebre.

Era impossibile.

Era impossibile.

La figura blu sollevò il cappuccio all’indietro per rivelare il viso forte e affilato di un giovane uomo, il suo sguardo intenso sotto una fronte corrugata che era divisa in due da una cicatrice diritta e verticale. I suoi folti capelli erano lunghi fino alle spalle e leggermente ondulati.

Anakin Skywalker tese la mano.

Luke l’ha prese e tutto diventò bianco.

 

Ultime notizie su Libri

Tutto su Libri →