• Film

Triangle of Sadness: tre nuove clip ufficiali del film di Ruben Ostlund in concorso a Cannes 2022

Tutto quello che c’è da sapere su “Triangle of Sadness”, il nuovo film del regista svedese Ruben Ostlund a Cannes 2022 e al cinema con Teodora Film.

Dopo la tappa in concorso al Festival di Cannes 2022, in programma sabato 21 maggio, Triangle of Sadness, il nuovo attesissimo film di Ruben Östlund arriverà nei cinema italiani con Teodora Film. Già vincitore della Palma d’Oro nel 2017 con The Square, in cui metteva alla berlina il mondo dell’arte contemporanea, il regista svedese torna a firmare una satira travolgente dove ruoli sociali e barriere di classe vanno in frantumi in una modalità che rievoca, in versione corale, il classico Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto di Lina Lina Wertmüller.

Protagonisti del film sono una coppia di modelli invitati a partecipare a una crociera di lusso insieme a un bizzarro gruppo di nuovi ricchi. Tutto all’inizio sembra piacevole e “instagrammabile”, ma un evento catastrofico trasformerà il viaggio in un’avventura da incubo, in cui ogni gerarchia finirà per essere capovolta. Nel cast spiccano i nomi di Woody Harrelson, nei panni inusuali del comandante della nave con un debole per gli alcolici e Karl Marx, della modella e attrice sudafricana Charlbi Dean e dell’attore britannico Harris Dickinson.

Trama e cast

La trama ufficiale: Una satira disinibita in cui i ruoli e le classi si invertono e si svela il pacchiano valore economico della bellezza. I modelli Carl e Yaya stanno navigando nel mondo della moda mentre esplorano i confini della loro relazione. La coppia è invitata per una crociera di lusso con una galleria di passeggeri super ricchi e dall’ambigua reputazione, tra loro un un oligarca russo, un trafficante d’armi inglese, a cui si aggiunge un capitano idiosincratico, alcolizzato che ama citare Marx. All’inizio, tutto appare instagrammabile. Ma si sta preparando una tempesta e un forte mal di mare colpisce i passeggeri durante la cena del capitano daben  sette portate. La crociera finisce in modo catastrofico. Carl e Yaya si ritrovano abbandonati su un’isola deserta con un gruppo di miliardari e uno degli addetti alle pulizie della nave. La gerarchia viene improvvisamente capovolta, poiché la governante è l’unica che sa pescare.

“Triangle of Sadness” è interpretato da Harris Dickinson, Charlbi Dean, Woody Harrelson, Vicki Berlin, Henrik Dorsin, Zlatko Burić, Jean-Christophe Folly, Iris Berben, Dolly De Leon, Sunnyi Melles, Amanda Walker, Oliver Ford Davies, Arvin Kananian, Carolina Gynning e Ralph Schicha.

Triangle of Sadness – trailer e video

Tre clip ufficiali in lingua originale pubblicate il 22 maggio 2022

 

Curiosità

Numero di attori considerati per il protagonista, Carl: 120
Ciak medi per scena: 23
Ore di riprese totali: 171
Tempo di montaggio: 22 mesi
Giorni di riprese: 73 su 3 periodi di ripresa (19.02.2020 –
26.03.2020 in Svezia / 27.06.2020 – 03.07.2020 in Svezia /
18.09.2020 – 13.11.2020 in Grecia)
Numero di test Covid effettuati durante la produzione: 1.061 / Tutti erano negativi

Dagli storyboard al film

Chi è Ruben Ostlund

Ruben Östlund è nato nel 1974 ed è cresciuto su un’isola della costa occidentale della Svezia. Ha studiato all’Università di Göteborg dove ha incontrato Erik Hemmendorff con il quale ha poi fondato la Plattform Produktion. Appassionato sciatore, Östlund ha diretto tre film sugli sci, alludendo al suo gusto per le lunghe sequenze di riprese, un gusto che ha strutturato e sviluppato durante i suoi studi cinematografici e che ancora oggi rimane un importante marchio di fabbrica del suo lavoro. Il film d’esordio di Östlund The Guitar Mongoloid (2005) ha vinto il Premio FIPRESCI al Festival di Mosca. Tutti i successivi lungometraggi di Östlund sono stati presentati in anteprima a Cannes, a cominciare dal suo secondo lungometraggio Involuntary (2008), presentato in anteprima a Un Certain Regard. Östlund ha vinto l’Orso d’Oro a Berlino per il suo cortometraggio Incident by a Bank (2010). Questo cortometraggio gli ha offerto l’opportunità di sperimentare tecniche e stile. Questa sperimentazione sarebbe diventata evidente nel suo terzo lungometraggio Play (2011), presentato in anteprima a Cannes alla Quinzaine des Réalisateurs. Ha poi vinto il Nordic Film Prize (il più importante premio scandinavo). Il suo quarto lungometraggio Forza Maggiore (2014) è stato presentato in anteprima a Un Certain Regard e ha vinto il Premio della Giuria. È stato anche nominato per un Golden Globe e nella rosa dei candidati per un Oscar. Östlund è tornato a Cannes con il suo quinto lungometraggio The Square (2017), selezionato in Concorso Ufficiale e vincitore della Palma d’Oro. È stato nominato per un Golden Globe e un Oscar. “Triangle Of Sadness” è il suo sesto lungometraggio e debutterà in concorso a Cannes 2022.

Intervista a cast e regista

Il regista Ruben Ostlund spiega a cosa si riferisce il titolo “Triangolo della tristezza”?

È un termine usato nel settore della bellezza. Un amico si è seduto accanto a un chirurgo plastico a una festa e, dopo una rapida occhiata al suo viso, ha detto: “Oh, hai un triangolo della tristezza piuttosto profondo … ma posso risolverlo con Botox in 15 minuti”. Si riferiva a una ruga tra le sue sopracciglia. In svedese si chiama “rughe da guai” e suggerisce che hai avuto molte lotte nella tua vita. Ho pensato che dicesse qualcosa sull’ossessione della nostra epoca per l’aspetto e che il benessere interiore è, per alcuni aspetti, secondario. Ho pensato che sarebbe stato interessante guardare a queste differenze attraverso i personaggi principali, un modello maschile e uno femminile chiamati Carl e Yaya. Quando ho iniziato a fare ricerche per il film, numerosi modelli maschili mi hanno detto che spesso devono superare potenti uomini omosessuali del settore che vogliono andare a letto con loro, a volte con la promessa di una carriera di maggior successo. Per certi aspetti, essere un modello maschile rispecchia ciò che le donne devono affrontare in una società patriarcale.

Ostlund spiega come il film Affronta anche questioni relative ai ruoli di genere e alle aspettative comportamentali, principalmente con Carl e Yaya quando discutono su chi dovrebbe pagare la cena all’inizio del film.

La scena del ristorante è ispirata dalla mia esperienza con Sina. Verso l’inizio della nostra relazione, volevo impressionarla e l’ho invitata a Cannes. Ho pagato il conto della cena la prima, la seconda e la terza sera e poi ho pensato: “Ca**o, devo prendere il toro per le corna e discuterne. Mi piaceva troppo lei per affrontare il ruolo di uomo e donna, dove l’uomo paga sempre il conto”. Quello che vedete nel film è quello che è successo tra noi: la discussione è avvenuta nell’ascensore dell’hotel Martinez; lei mi ha infilato la banconota da 50 euro nella camicia e io che do di matto e vorrei urlare; io seduto in una stanza da solo a pensare: “Ora ho rovinato questa relazione” e poi la discussione sincera che abbiamo avuto quando è finalmente tornata. Eravamo finalmente pronti a esporci, a renderci vulnerabili e di conseguenza ad avvicinarci.

I film di Ostlund sono molto radicati nel cinema europeo, ma Triangle of Sadness è il primo film del regista in lingua inglese. Ostlund spiega il processo creativo/produttivo un po’ più impegnativo.

Ci sono sfumature che non conosco nella lingua inglese che conosco in svedese. Detto questo, i miei scenari e temi sono semplici e hanno un’universalità, quindi è facile per gli attori relazionarsi con loro. Lavoro sempre allo stesso modo: durante il casting e le prove, improvviso le scene con gli attori; e in seguito utilizzo parte di quel materiale nella sceneggiatura quando è migliore del dialogo originale. Se lavoro con attori di lingua inglese, possono colmare eventuali lacune che potrei avere e rendere la lingua più ricca, più sfumata e così via.

L’attore Harris Dickinson (Carl), che vedremo prossimamente nel thriller La ragazza della palude, racconta la sua audizione con Ruben Östlund.

Dei suoi film avevo visto solo Forza Maggiore. Poi ho fatto l’errore di guardare tutti i suoi film prima dell’audizione per “Triangle of Sadness” e mi ha fatto desiderare ancora di più il lavoro. Non ho letto il copione ma Ruben mi ha raccontato la storia del film e poi, al provino, mi ha chiesto di improvvisare la scena in cui Carl e Yaya cenano e discutono del conto. Ruben ha interpretato Yaya meravigliosamente, devo dire.

Dickinson racconta la sua scena preferita e cosa gli ha insegnato la collaborazione con Ostlund.

C’è una scena in particolare del film che ti è rimasta impressa? Ho adorato la scena con il capitano e Dimitriy. Vedere due uomini ubriachi divagare sulla loro politica – rispettivamente comunista e capitalismo – è stato molto divertente. Ci ho pensato molto da allora. Purtroppo non ho avuto l’opportunità di incontrare Woody Harrelson, ma la mia missione è incontrarlo prima o poi…Ostlund Si ostina a cercare la verità e reazioni genuine e penso che questo mi abbia reso iper-consapevole di quando io non stava ascoltando o non era presente in quel dato momento, il che è qualcosa di inestimabile.

Charlbi Dean (Yaya), che ha interpretato Syonide nella serie tv Black Lightning, parla del film e e della collaborazione con Ostlund.

Di Ostlund avevo visto solo uno dei film di Ruben prima di fare un provino per lui: ho scelto a caso THE SQUARE e l’ho visto all’Angelica di New York. Di solito mescolo popcorn e cioccolato come regalo per un film, ma non li ho toccati perché non volevo perdermi un film così unico, intrigante e brillante. Alla fine ero così entusiasta che sentivo come se potessi correre una maratona…Copione? Quale sceneggiatura? Il misterioso Ruben non ci ha dato niente del genere! Mi ha parlato un po’ della premessa, ma le cose sono cambiate e sono cresciute fino alla fine delle riprese. Non sapevamo nemmeno come sarebbe finita. Ruben chiaramente dirige lo spettacolo, ma è anche incredibilmente adattabile e cambia le cose se pensa che potrebbero essere migliori o più interessanti. Quando gli ho parlato per la prima volta del film, l’ho fatto con una sensazione di puro terrore, ma allo stesso tempo è il tipo di progetto che non vedi l’ora di intraprendere.

Foto e poster