Stasera in tv: “Zack, cane eroe” su Rai 1

Rai 1 stasera propone “Zack, cane eroe”, dramma di guerra sull’Olocausto del 2019 di Lynn Roth interpretato da August Maturo, Ken Duke, Ayelet Zurer, Adam Porogi, Viktória Stefanovszky e Lois Robbins-

Zack cane eroe, su Rai 1 in occasione della Giornata della memoria il film sull’olocausto diretto da Lynn Roth interpretato da August Maturo,  Ken Duke e Ayelet Zurer, basato sul romanzo “The Jewish Dog” di Asher Kravitz.

Zack cane eroe – Cast e personaggi

August Maturo…Joshua
Ken Duke…Ralph
Ayelet Zurer…Shoshonna
Adam Porogi…Samuel
Viktória Stefanovszky…Rachel
Lois Robbins…Greta
Miklós Kapácsy…Frank Heinz
Kristóf Widder…Salzberg
Miklós Béres…Lerman
Gabor Nagypal…Sasha Moltovski
Zsolt Páll Zsolt Páll…Walinsky
Piroska Mészáros…Mathilde
Levente Molnár…Stengel
Alexis Latham…Baruch Zonnenfeld
Carna Krsul…Partigiano Devorka
Máté Haumann Máté Haumann…Miete
Peter Linka…Jurgen Klein
Géza Bodor…Otto Stadie
Peter Schueller…Ufficiale addestratore SS
Zsuzsa Gyöngy…Erica
Hans Peterson Hans Peterson…Peter
Balint Egri…Marito podere
Eliza Sodró…Moglie poder
Bálint Antal…Uomo con Rottweiler
Levente Törköly…Uomo jugoslavo
Farting Fancsikai…Sacerdote
Viktor Dénes…Mr. Komorsky
Karen Gagnon…Sig. Komorsky
Mate Cross…Figlio di Komorsky
Rebeka Rea…Figlia di Komorsky
Sándor Téri…Dr. Plechtner
Howard Rosenman…Glavsky
Lee Cross… Gabriel
Ádám Boros…Fattorino
Emma Papp…Bambina Con Le Trecce
Soma Zámbori…Padre alla stazione ferroviaria
Jacqueline Moellendorf…Bambina alla stazione ferroviaria

Zack cane eroe – Trama e trailer

La trama ufficiale: Zack è un fedelissimo e dolcissimo pastore tedesco che viene strappato alla sua famiglia di origini ebree, quando a Berlino entrano in vigore le Leggi di Norimberga. Viene adottato da un ufficiale delle SS ed addestrato a sorvegliare ed attaccare i prigionieri dei campi di concentramento. Zack, però, non ha perso la fedeltà alla sua famiglia e, quando nel campo di prigionia viene rinchiuso Joshua, il suo vecchio padroncino, lo riconosce immediatamente. La vita di Joshua è perennemente in bilico e Zack potrà dimostrare tutto il suo coraggio, aiutando il ragazzo a fuggire dal campo. I due, finalmente di nuovo insieme, dovranno lottare per raggiungere la salvezza.

Curiosità sul film

  • La regista Lynn Roth ha diretto anche la commedia Cambio Vita (1997) e il dramma The Little Traitor (2007). I crediti di Roth includono anche sceneggiature per film tv In attesa di un sorriso (1990) con Moira Kelly, L’occasione della mia vita (1991) con Leslie Nilesen, Ritratti (1993) con Gregory Peck e Lauren Bacall, Un miracolo anche per me (1998) con Clancy Brown.
  • Le musiche originali del film sono del compositore Wlad Marhulets (Ruby la piccola strega, Ambition, I Am a Ukrainian: Personal Stories of a Revolution). Marhulets ha musicato anche il videogioco Darq (2019) e fornito musiche addizionali e orchestrazione per Sabotage con Arnold Schwarzenegger, The Giver – Il mondo di Jonas, November Man, Hitman: Agent 47, Jem e le Holograms.

La trama ufficiale del romanzo: Filtrando il periodo più oscuro e drammatico della storia ebraica moderna attraverso la prospettiva ingenua e spesso saggia di un cane straordinario, The Jewish Dog offre una visione dell’Olocausto come mai vista prima. Questo romanzo best seller in Israele segue la vita e i pensieri di Caleb, un cane contemplativo insolitamente affascinato dalle vicende umane. Nato in una famiglia ebrea tedesca a metà degli anni ’30, Caleb assiste in prima persona all’ascesa del nazismo e dell’Olocausto. Quando gli eventi lo separano dai suoi proprietari ebrei, viene adottato da una famiglia nazista e impiegato dalle SS come cane militare. Profondamente ironico e persino divertente, The Jewish Dog presenta un commento politico sull’umanità e il degrado, mentre le riflessioni filosofiche di Caleb esplorano la lealtà, l’identità e la linea sottile che separa l’umanità dagli animali.

Dichiarazioni del regista

Ciò che mi ha incuriosito così tanto di questa storia (basata su un romanzo bestseller di un fotografo naturalista israeliano di nome Asher Kravitz) è che gli animali, in particolare i cani, hanno suscitato in me emozioni che quasi non sapevo esistessero. Qualche tempo fa, ero seduta a cena con alcuni attivisti cinofili e una donna ha detto (penso che queste fossero le sue esatte parole): “Ero triste quando mio marito è morto. Ero davvero triste. Ma quando è morto il mio cane, ero inconsolabile”. È successo almeno un decennio fa, ma lo ricordo così bene che te lo cito ora. I cani suscitano in noi emozioni così crude che volevo provare a vedere come potevamo sentirci riguardo all’Olocausto – e al destino che stava arrivando – attraverso la sensibilità di un animale. Ad esempio, quando Caleb torna di corsa a “casa sua”.

Non volevo avere un cane parlante. Non volevo avere una voce fuori campo. Ogni film sui cani negli ultimi, non so, 15 anni è stato un film sui cani parlanti. Lo vedo. Piango. Ma non volevo che questo film fosse così. Il mio obiettivo costante era immaginare cosa stesse pensando Caleb e provare a trasmetterlo. È stata una sfida, ma un incarico davvero creativo e interessante. Ho tenuto la macchina da presa sempre più bassa in modo che i personaggi umani si avvicinassero maggiormente al livello del cane. Ma non volevo farlo in modo esagerato. Sentire lo sgomento, il disorientamento, la tristezza di stare seduto davanti a quella casa e non sapere dove fosse la sua famiglia… Penso che sia la prima volta che vediamo queste cose attraverso la prospettiva di un cane; e lo dico con attenzione, ma è una porta diversa in questo argomento. E per me, come regista, è stato sempre, sempre intrigante…Ho letto quante più storie possibili sugli animali domestici durante l’Olocausto. Alcuni di loro correvano dietro ai camion che portavano via i loro proprietari. Alcuni di loro continuavano a cercarli in tutto il quartiere. Sono cani, quindi cercano i loro padroni. Vogliono stare in compagnia dei loro padroni.

[In realtà c’erano cinque cani che interpretavano Zack, ciascuno con qualcosa del cane eroe]: Zack è stato ucciso in Ungheria, quindi i cani venivano addestrati lì mentre ero qui a Los Angeles. Stavo guardando tutto sul computer. Stavo guardando l’addestramento. Stavo guardando i cani, come correvano, come facevano questo e quello. E c’era un cane in particolare che piaceva molto a tutti. Quando sono arrivata a Budapest, ho incontrato il cane. Il cane era bellissimo, ma non mi guardava negli occhi. Quindi, ho scelto invece un altro cane. Il cane che ho scelto cosa aveva uno sguardo molto concentrato e fisso. Ho pensato che fosse molto importante per il film.

Per l’intervista completa vi rimandiamo al sito ff2media.com.

 

 

 

 

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →