Tribeca 2016, programma: primi titoli per il festival di New York, Perfetti Sconosciuti di Paolo Genovese in concorso

Tribeca Film Festival 2016: prima parte del programma della rassegna di cinema indipendente di NYC. L'Italia è a sorpresa rappresentata da Perfetti Sconosciuti di Paolo Genovese, sorpresa al botteghino nazionale. E dopo aver diviso altri festival in precedenza, Equals e High Rise cercano qui un riscatto.

Tribeca Film Festival 2016 film programma

55 titoli su 101 in totale: così il Tribeca Film Festival (13 – 24 aprile) getta le sue prime carte. Non è ancora lassù con il Sundance e il SXSW, ma il festival ideato da Robert De Niro continua la sua crescita, aiutato da una città che sta studiando il cambiamento del mercato e ha deciso di farne parte attiva. Che A24, la nuova realtà del cinema indie (nei libri si parlerà di “era Weinstein” e di “era A24”, vedrete), sia basata a NYC, anche se con già una succursale a L.A., dovrebbe di certo dire qualcosina.

Così Tribeca decide di entrare in partnership con Snapchat e di creare un concorso per giovani content creator (la parola filmmaker è vecchia e non ha più senso...), capaci di girare short web videos con l’app più giovane del momento. È il nuovo che avanza, bellezza. Per i puristi, però, c’è ancora lui: il Cinema. E c’è tanto da scoprire in questa prima metà del programma di Tribeca.

Svelati i concorsi U.S. Narrative, International Narrative e Documentary, così come la sezione fuori concorso Viewpoints. La prima mondiale di Contemporary Color, sull’evento ideato da David Byrne al Barclays Center di Brooklyn la scorsa estate, aprirà il concorso World Documentary. La prima mondiale di Kicks, coming of age ambientato nella Bay Area, aprirà il concorso americano. Sempre in prima mondiale, Madly aprirà il concorso internazionale: si tratta di un’antologia di corti sull’amore diretti da Gael García Bernal, Anurag Kashyap, Natasha Khan, Sebastián Silva, Sion Sono e Mia Wasikowska.

Viewpoints punta invece sul film d’animazione R-rated Nerdland, su due amici che vogliono diventare famosi. Sarà un successo come Anomalisa? Staremo a vedere. Intanto qualche numero interessante: ci saranno, a programma completo, 77 prime mondiali e ben 42 registi alla loro opera prima. Dopo una rivoluzionaria edizione del Sundance, e in attesa di vedere i fuochi d’artificio del SXSW, sono due numeri che sembrano confermare un trand di scoperta.

Alcuni titoli interessanti nel concorso americano. In Always Shine rivediamo il team di Wild Canaries composto da Sophia Takal (lì attrice e produttrice, qui regista) e Lawrence Levine (lì regista e sceneggiatore, qui solo sceneggiatore). The Fixer di Ian Olds vede James Franco e Melissa Leo in un thriller ambientato in California. The Ticket di Ido Fluk narra di un uomo cieco che inspiegabilmente riacquista la vista. Il più “originale” del lotto è però Women Who Kill di Ingrid Jungermann, ambientato in una Brooklyn molto LGBT. Attenzione poi a Lola Kirke in AWOL di Deb Shoval.

Nel concorso internazionale, spicca per noi la presenza di Perfetti Sconosciuti di Paolo Genovese, già grande successo al box office nazionale. Un altro italiano è Matteo Norzi, co-regista con Leonor Caraballo di Icaros: A Vision, con Filippo Timi nel cast. Tra i documentari invece ci siamo già innamorati di All This Panic, in cui la regista Jenny Gage segue la crescita delle sorelle durante gli anni del liceo a NY. Shia LaBeouf, ormai mito artsy di NYC, è il produttore esecutivo di LoveTrue, che indaga sul senso – se esiste – del vero amore.

In Viewpoints, A24 (appunto) cerca il riscatto per Equals di Drake Doremus, sbertucciato a Venezia, mentre Magnolia cerca pareri favorevoli per il lancio americano di High Rise di Ben Wheatley, amato-odiato anche in Italia a Torino. L’inglese Christopher Smith torna finalmente al thriller con Detour, interpretato da tre giovani attori formidabili: Tye Sheridan, Emory Cohen e Bel Powley. Attenzione poi ad Actor Martinez, ritorno alla regia di Nathan Silver, ad As I Open My Eyes di Leyla Bouzid, visto a Venezia nelle Giornate degli Autori, a Night School, promettente documentario di Andrew Cohn su alcuni adulti che provano a prendere il diploma di liceo, e a Poor Boy di Robert Scott Wildes, con Lou Taylor Pucci e Michael Shannon.

L’8 marzo verranno infine svelati i titoli delle altre sezioni: Spotlight, Midnight, e Special Sections.

US Narrative Competition


10 film in corsa per i premi: Miglior film narrativo, Miglior sceneggiatura, Miglior fotografia, Miglior attore, Miglior attrice.

Kicks, directed by Justin Tipping, written by Justin Tipping and Josh Beirne-Golden. (USA) [film d'apertura]
Always Shine, directed by Sophia Takal, written by Lawrence Michael Levine. (USA)
AWOL, directed by Deb Shoval, written by Deb Shoval and Karolina Waclawiak. (USA)
Dean, directed and written by Demetri Martin. (USA)
Dreamland, directed by Robert Schwartzman, written by Benjamin Font and Robert Schwartzman. (USA)
The Fixer, directed by Ian Olds, written by Paul Felten and Ian Olds. (USA)
Folk Hero & Funny Guy, directed and written by Jeff Grace. (USA)
Live Cargo, directed by Logan Sandler, written by Logan Sandler and Thymaya Payne. (USA, Bahamas)
The Ticket, directed by Ido Fluk, written by Ido Fluk and Sharon Mashishi. (USA)
Women Who Kill, directed and written by Ingrid Jungermann. (USA)

International Narrative Competition


8 film in corsa per i premi: Miglior film narrativo, Miglior sceneggiatura, Miglior fotografia, Miglior attore, Miglior attrice.

Madly, directed and written by Gael García Bernal, Mia Wasikowska, Sebastian Silva, Anurag Kashyap, Sion Sono, and Natasha Khan. (Argentina, Australia, USA, India, Japan, UK) [film d'apertura]
El Clásico, directed by Halkawt Mustafa, written by Anders Fagerholt and Halkawt Mustafa. (Norway, Iraqi Kurdistan Region)
Icaros: A Vision, directed by Leonor Caraballo and Matteo Norzi, written by Leonor Caraballo, Matteo Norzi, and Abou Farman. (Peru, USA)
Junction 48, directed by Udi Aloni, written by Oren Moverman and Tamer Nafar. (Israel, Germany, USA)
Mother (Ema), directed by Kadri Kousaar, written by Leana Jalukse and Al Wallcat. (Estonia)
Parents (Forældre), directed and written by Christian Tafdrup. (Denmark)
Perfect Strangers (Perfetti sconosciuti), directed by Paolo Genovese, written by Filippo Bologna, Paolo Costella, Paolo Genovese, Paola Mammini, and Rolando Ravello. (Italy)
The Tenth Man (El Rey Del Once), directed and written by Daniel Burman. (Argentina)

World Documentary Competition
12 film in corsa per i premi: Miglior documentario, Miglior fotografia, Miglior montaggio.

Contemporary Color, directed by Bill Ross and Turner Ross. (USA) [film d'apertura]
All This Panic, directed by Jenny Gage. (USA)
Betting on Zero, directed and written by Ted Braun. (USA)
BUGS, directed and written by Andreas Johnsen. (Denmark)
Do Not Resist, directed by Craig Atkinson. (USA)
The Happy Film: a GRAPHIC Design Experiment, directed by Stefan Sagmeister, Ben Nabors, and Hillman Curtis. (USA)
Keep Quiet, directed by Joseph Martin and Sam Blair. (U.K., Hungary)
LoveTrue, directed by Alma Har'el. (USA)
Memories of a Penitent Heart, directed by Cecilia Aldarondo. (USA, Puerto Rico)
The Return, directed by Kelly Duane de la Vega and Katie Galloway, written by Kelly Duane de la Vega, Katie Galloway, and Greg O'Toole. (USA)
Tickling Giants, directed and written by Sara Taksler. (USA)
Untouchable, directed by David Feige. (USA)

Viewpoints


25 film fuori concorso (11 documentari e 14 narrativi).

Nerdland, directed by Chris Prynoski, written by Andy Kevin Walker. (USA) [film d'apertura]
Abortion: Stories Women Tell, directed by Tracy Droz Tragos. (USA)
Actor Martinez, directed and written by Nathan Silver and Mike Ott. (USA)
Adult Life Skills, directed and written by Rachel Tunnard. (U.K.)
After Spring, directed by Ellen Martinez and Steph Ching. (USA)
As I Open My Eyes (À peine j'ouvre les yeux), directed by Leyla Bouzid, written by Leyla Bouzid and Marie-Sophie Chambon. (France, Tunisia, Belgium, United Arab Emirates)
Between Us, directed and written by Rafael Palacio Illingworth. (USA)
Califórnia, directed by Marina Person, written by Marina Person, Mariana Veríssimo, and Francisco Guarnieri. (Brazil)
The Charro of Toluquilla (El Charro De Toluquilla), directed and written by Jose Villalobos Romero. (Mexico)
Children of the Mountain, directed and written by Priscilla Anany. (USA, Ghana)
Detour, directed and written by Christopher Smith. (U.K.)
Equals, directed by Drake Doremus, written by Nathan Parker. (USA)
14 Minutes from Earth, directed and written by Jerry Kolber, Adam "Tex" Davis, Trey Nelson, and Erich Sturm. (USA)
haveababy, directed by Amanda Micheli. (USA)
High-Rise, directed by Ben Wheatley, written by Amy Jump and Ben Wheatley. (U.K.)
Houston, We Have a Problem!, directed by Žiga Virc, written by Žiga Virc and Boštjan Virc. (Slovenia, Croatia, Germany, Czech Republic, Qatar)
The Human Thing (La Cosa Humana), directed by Gerardo Chijona, written by Francisco García and Gerardo Chijona. (Cuba)
Keepers of the Game, directed by Judd Ehrlich. (USA)
The Loner, directed and written by Daniel Grove. (USA)
Night School, directed and written by Andrew Cohn. (USA)
Obit, directed by Vanessa Gould. (USA)
Poor Boy, directed by Robert Scott Wildes, written by Robert Scott Wildes and Logan Antill. (USA)
The Ride, directed and written by Stéphanie Gillard. (France)
SOLITARY, directed by Kristi Jacobson. (USA)
Southwest of Salem: The Story of the San Antonio Four, directed by Deborah S. Esquenazi. (USA)

  • shares
  • +1
  • Mail