Oscar 2019, le nomination - La Favorita e Roma davanti a tutti

E' finalmente arrivato il gran giorno. E' tempo di candidature agli Oscar!

Tutto come ampiamente previsto. Otto film si contenderanno l'Oscar più ambito, con La Favorita di Yorgos Lanthimos e Roma di Alfonso Cuaron davanti a tutti, con 10 nomination a testa. Due registi non americani, quasi a voler sottolineare la pochezza qualitativa dell'annata hollywoodiana appena archiviata. Non a caso l'ennesimo remake di A Star Is Born ha strappato otto candidature, così come Vice, mentre a sette troviamo Black Panther, cinecomic più nominato di sempre, seguito dalle sei di BlacKkKlansman di Spike Lee, dalle 5 di Bohemian Rhapsody, dalle 4 di First Man e Il Ritorno di Mary Poppins, e dalle 3 di Se la strada potesse parlare.

Bradley Cooper, candidato per il miglior film, come miglior attore e per la miglior sceneggiatura non originale, non è riuscito a calare il poker con la miglior regia, grazie all'ingresso sul filo di lana del grandissimo Pawel Pawlikowski, mentre Willem Dafoe, già Coppa Volpi a Venezia, è entrato forse a sorpresa nella cinquina dei migliori attori, dove Christian Bale rimane grande favorito. Yalitza Aparicio, strepitosa attrice improvvisata di Roma, ha fatto sua la candidatura più impronosticabile, fino a sei mesi fa, ma saranno Glenn Close e Olivia Colman, già vincitrici ai Golden Globe, a contendersi l'ambita statuetta. Lady Gaga, al suo esordio da protagonista, ha già vinto di suo con l'inattesa presenza, oltre ad essere la favorita tra le canzoni originali con Shallow.

Sbalordisce, va detto, la doppia candidatura per il mediocre Opera senza Autore, sbertucciato al Lido e qui nominato sia come miglior film straniero che per la fotografia, con Amy Adams alla sua sesta nomination grazie a Vice. Chissà se sarà finalmente la volta buona. Mahershala Ali potrebbe bissare l'Oscar di Moonlight grazie a Green Book, che vede nominato anche Viggo Mortensen, snobbato ai Golden Globe, con i Coen di nuovo in nomination grazie allo script de La Ballata di Buster Scrubbs e Paul Schrader alla sua prima storica candidatura grazie allo script di First Reformed. Tra i registi prima nomination per Spike Lee in qualità di regista, a due anni dall'Oscar alla carriera, mentre Alfonso Cuaron potrebbe bissare la statuetta vinta con Gravity. Neanche una donna candidata, dietro la macchina da presa, con Ryan Coogler e Peter Farrelly rimasti fuori dalla corsa.

Chi ha già vinto, e rumorosamente anche, è la Mostra del Cinema di Venezia, con 39 candidature complessive, 28 delle quali affidate ai tre film più nominati: Roma, già Leone d'Oro, La Favorita, Leone d'argento - Gran premio della giuria e Coppa Volpi Femminile, e A Star is Born, presentato fuori concorso. First Man, film d'apertura, ne ha strappate 4. Grande festa anche in casa Netflix, che al lanciatissimo Roma aggiunge le due candidature per La ballata di Buster Scruggs.

Grandi snobbati Suspiria del nostro Luca Guadagnino, Boy Erased, Widows di Steve McQueen, Eighth Grade, The Rider e Crazy & Rich, acclamato dalla stampa Usa e campione d'incassi, così come Nicole Kidman, che puntava ad una doppia nomination con Boy Erased e Destroyer, e Ethan Hawke. Fuori dai giochi anche Julia Roberts con Ben is Back e Rosamund Pike, splendida in A Private War, così come i giovani e talentuosi Lucas Hedges e Timothée Chalamet. Esclusi anche John David Washington, per BlacKkKlansman, Claire Foy (First Man), Margot Robbie (Mary Queen of Scots), Toni Collette (Hereditary) e Emily Blunt (A Quiet Place e Il ritorno di Mary Poppins).


Miglior film

Black Panther
BlacKkKlansman
Bohemian Rhapsody
La Favorita
Green Book
Roma
A Star is Born
Vice

Miglior regia
Alfonso Cuaron (Roma)
Yorgos Lanthimos (The Favourite)
Spike Lee (BlacKkKlansman)
Adam McKay (Vice)
Pawel Pawlikowski (Cold War)

Miglior attore
Christian Bale (Vice)
Bradley Cooper (A Star Is Born)
Willem Dafoe (At Eternity's Gate)
Rami Malek (Bohemian Rhapsody)
Viggo Mortensen (Green Book)

Miglior attrice protagonista
Yalitza Aparicio (Roma)
Glenn Close (The Wife)
Olivia Colman (The Favourite)
Lady Gaga (A Star Is Born)
Melissa McCarthy (Can You Ever Forgive Me?)

Miglior attrice non protagonista
Amy Adams (Vice)
Marina de Tavira (Roma)
Regina King (If Beale Street Could Talk)
Emma Stone (The Favourite)
Rachel Weisz (The Favourite)

Miglior attore non protagonista
Mahershala Ali (Green Book)
Adam Driver (BlacKkKlansman)
Sam Elliott (A Star Is Born)
Richard E. Grant (Can You Ever Forgive Me?)
Sam Rockwell (Vice)

Miglior Film Straniero
Cold War
Capernaum
Roma
Opera senza autore
Un Affare di Famiglia

Miglior doc
Free Solo
Hale County This Morning, This Evening
Minding the Gap
Of Fathers and Sons
RBG

Miglior cortometraggio documentario
Black Sheep
End Game
Lifeboat
A Night at the Garden
Period. End of Sentence.


Miglior trucco e parrucco

Border
Maria Regina di Scozia
Vice

Miglior fotografia
The Favourite (Robbie Ryan)
Never Look Away (Caleb Deschanel)
Roma (Alfonso Cuaron)
A Star Is Born (Matty Libatique)
Cold War (Lukasz Zal)

Miglior Lungometraggio animato
Gli Incredibili 2
Isle of Dogs
Mirai
Ralph Spacca Internet
Spider-Man - Un nuovo universo

Miglior canzone originale
"All the Stars" (Black Panther, written by Kendrick Lamar, Al Shux, Sounwave, SZA and Anthony Tiffith)
Performed by Kendrick Lamar and SZA

"I'll Fight" (RBG, written by Diane Warren)
Performed by Jennifer Hudson

"The Place Where Lost Things Go" (Mary Poppins Returns, written by Marc Shaiman and Scott Wittman)
Performed by Emily Blunt

"Shallow" (A Star Is Born, written by Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando and Andrew Wyatt)
Performed by Bradley Cooper and Lady Gaga

"When a Cowboy Trades His Spurs for Wings" (The Ballad of Buster Scruggs, written by Dave Rawlings and Gillian Welch)
Performed by Tim Blake Nelson and Willie Watson

Miglior sceneggiatura non originale
La Ballata di Buster Scrubbs
BlacKkKlansman
A star is Born
Se la strada potesse parlare
Copia Conforme

Miglior sceneggiatura originale
La Favorita
First Reformed
Roma
Green Book
Vice

Migliori effetti speciali
Christopher Robin
First Man
Ready Player One
Solo: A Star Wars Story
Infinity War

Miglior scenografia
Black Panther
La Favorita
First Man
Mary Poppins Returns
Roma

Migliori costumi
Black Panther
La Favorita
Mary Poppins Returns
Maria Regina di Scozia
La ballata di Buster Scruggs

Miglior sonoro
Black Panther
Bohemian Rhapsody
First Man
Roma
A Star is Born

Miglior cortometraggio
Detainment
Fauve
Marguerite
Mother
Skin

Miglior corto animato
Animal Behaviour
Bao
Late Afternoon
One Small Step
Weekends

Miglior montaggio sonoro
Black Panther
A Quiet Place
First Man
Roma
Bohemian Rhapsody

Miglior montaggio
BlacKkKlansman
Bohemian Rhapsody
La Favorita
Green Book
Vice

Miglior colonna sonora
Black Panther (Ludwig Goransson)
BlacKkKlansman (Terence Blanchard)
If Beale Street Could Talk (Nicholas Britell)
Isle of Dogs (Alexandre Desplat)
Mary Poppins Returns (Marc Shaiman)

Oscar 2019

le nomination in diretta dalle ore 14.15


A poco più di un mese dalla Notte degli Oscar® 2019, è finalmente arrivato il momento di conoscere le nomination, annunciate quest'oggi alle ore 14:15, in diretta su Sky Cinema Uno, direttamente dal Samuel Goldwyn Theater di Los Angeles, e in liveblogging su Cineblog. Tra i titoli che potrebbero strappare più candidature, La Favorita di Yorgos Lanthimos, A Star is Born di Bradley cooper e Roma di Alfonso Cuaron.

Nello studio Sky spazio a Francesco Castelnuovo, in compagnia di Elena Di Cioccio e del Cinemaniaco Gianni Canova, mentre su Blogo poco dopo l'annuncio delle candidature sarà tempo di un commento a caldo, tra eventuali sorprese e inattesi esclusi.

La cerimonia di premiazione della 91ª edizione degli Academy Awards® sarà poi in onda in diretta e in esclusiva su Sky domenica 24 febbraio, a partire dalle 22.50 su Sky Cinema Oscar®, canale interamente dedicato ai film premiati che si accenderà sul canale 304 da venerdì 15 febbraio a domenica 3 marzo, con oltre 90 film in programmazione sul canale e con i migliori titoli disponibili anche su Sky On Demand.

A più tardi.

  • shares
  • +1
  • Mail