Cannes 2022: la giuria presieduta da Vincent Lindon includerà Jasmine Trinca e Noomi Rapace

Vincent Lindon presiederà la giuria dei film in concorso al Festival di Cannes 2022 che include anche Jasmine Trinca e Noomi Rapace.

Annunciata la giuria del Festival di Cannes 2022 con la star francese Vincent Lindon che presiederà la giuria in occasione del 75° anniversario della prestigiosa kermesse d’oltralpe. Lindon è il primo attore francese a presiedere la giuria del concorso dal 2009, anno in cui fu l’attrice Isabelle Huppert a ricoprire il prestigioso ruolo.

Il festival si svolgerà dal 17 maggio al 28 maggio, riprendendo i festeggiamenti di persona per il secondo anno consecutivo dopo il ritorno alla normalità post-pandemia.

Jasmine Trinca, Rebecca Hall, Deepika Padukone, Noomi Rapace, Asghar Farhadi, Ladj Ly, Jeff Nichols e Joachim Trier sono i rimanenti membri che completano la giuria.

Il presidente della giuria Lindon ha recitato nel film francese Titane vincitore della Palma d’Oro 2021. Rapace ha fatto tappa al festival dell’anno scorso nella sezione Un Certain Regard con il dramma horror “Lamb”. Lo sceneggiatore e regista norvegese Trier ha diretto “La peggiore persona del mondo”, che ha ottenuto il premio alla migliore attrice vinto dalla protagonista Renate Reinsve a Cannes 2021. Lo sceneggiatore e regista iraniano Farhadi con “Un Eroe” ha vinto il Grand Prix al festival del 2021.

Il programma di quest’anno include opere di David Cronenberg, Kelly Reichardt, Claire Denis, Arnaud Desplechin, i fratelli Dardenne, James Gray, Hirokazu Kore-eda, Ruben Ostlund, Park Chan-wook e l’italiano Mario Martone con “Nostalgia”. I titoli proiettati in anteprima e precedentemente confermati come parte dell’edizione di quest’anno includono il film biografico Elvis di Baz Luhrmann con Austin Butler nei panni di Elvis Presley e il tanto atteso sequel Top Gun: Maverick, con Tom Cruise entrambi fuori concorso.

CONCORSO

Les Amandiers, regia di Valeria Bruni Tedeschi (Francia)
Armageddon Time, regia di James Gray (Stati Uniti d’America)
Barādarān Leylā, regia di Saeed Roustayi (Iran)
Boy From Heaven, regia di Tarik Saleh (Svezia, Finlandia, Danimarca, Francia)
Broker, regia di Hirokazu Kore’eda (Corea del Sud)
Close, regia di Lukas Dhont (Belgio, Francia, Paesi Bassi)
Crimes of the Future, regia di David Cronenberg (Canada, Grecia)
Eo, regia di Jerzy Skolimowski (Polonia, Italia)
Frère et Sœur, regia di Arnaud Desplechin (Francia)
Heeojil gyeolsim, regia di Park Chan-wook (Corea del Sud)
Holy Spider, regia di Ali Abbasi (Danimarca, Germania, Svezia, Francia)
Nostalgia, regia di Mario Martone (Italia)
Le otto montagne, regia di Felix van Groeningen e Charlotte Vandermeersch (Italia, Francia, Belgio, Regno Unito)
Un petit frère, regia di Léonor Serraille (Francia)
RMN, regia di Cristian Mungiu (Romania)
Showing Up, regia di Kelly Reichardt (Stati Uniti d’America)
The Stars at Noon, regia di Claire Denis (Francia, Brasile)
Tori et Lokita, regia di Jean-Pierre e Luc Dardenne (Belgio, Francia)
Tourment sur les îles, regia di Albert Serra (Spagna)
Triangle of Sadness, regia di Ruben Östlund (Svezia, Francia, Stati Uniti d’America, Regno Unito)
Žena Čajkovskogo, regia di Kirill Serebrennikov (Russia, Francia)

UN CERTAIN REGARD

Bačennja metelyka, regia di Maksym Nakonečnyj (Ucraina)
Beast, regia di Riley Keough e Gina Gammell (Stati Uniti d’America)
Le Bleu du caftan, regia di Maryam Touzani (Marocco, Francia)
Corsage, regia di Marie Kreutzer (Austria)
Domingo y la niebla, regia di Ariel Escalante Meza (Costa Rica)
Harka, regia di Lotfy Nathan (Francia, Germania, Stati Uniti d’America, Tunisia)
Kurak Günler, regia di Emin Alper (Turchia)
Joyland, regia di Saim Sadiq (Pakistan)
Mediterranean Fever, regia di Maha Haj (Palestina, Francia, Germania, Cipro)
Metronom, regia di Alexandru Belc (Romania)
Les Pires, regia di Lise Akora e Romane Gueret (Francia)
Plan 75, regia di Chie Hayakawa (Giappone)
Plus que jamais, regia di Emily Atef (Francia, Germania, Lussemburgo, Norvegia)
Retour à Séoul, regia di Davy Chou (Cambogia, Francia)
Rodéo, regia di Lola Quivoron (Francia)
Silent Twins, regia di Agnieszka Smoczyńska (Polonia, Regno Unito, Stati Uniti d’America)
Syk Pike, regia di Kristoffer Borgli (Norvegia)
The Stranger, regia di Thomas M. Wright (Australia, Regno Unito)
Volaða land, regia di Hlynur Pálmason (Danimarca, Islanda, Svezia, Finlandia)

FUORI CONCORSO

Elvis, regia di Baz Luhrmann (Australia, Stati Uniti d’America)
L’Innocent, regia di Louis Garrel (Francia)
Masquerade, regia di Nicolas Bedos (Francia)
Novembre, regia di Cédric Jimenez (Francia, Belgio)
Three Thousand Years of Longing, regia di George Miller (Australia)
Top Gun: Maverick, regia di Joseph Kosinski (Stati Uniti d’America)
Coupez!, regia di Michel Hazanavicius (Francia) – film d’apertura[1]

CANNES PREMIERE

Chronique d’une liaison passagère, regia di Emmanuel Mouret (Francia)
Dodo, regia di Panos H. Koutras (Grecia, Francia, Belgio)
Don Juan, regia di Serge Bozon (Francia, Belgio)
Esterno notte, regia di Marco Bellocchio – miniserie TV (Italia)
Irma Vep, regia di Olivier Assayas – serie TV (Stati Uniti d’America)
Nos frangins, regia di Rachid Bouchareb (Francia)
La Nuit du 12, regia di Dominik Moll (Francia, Belgio)

Fonte: Festival di Cannes

Ultime notizie su Cannes

Tutto su Cannes →