Stasera in tv: “Noi” su Italia 1

Italia 1 stasera propone “Noi”, film horror del 2019 di Jordan Peele con Lupita Nyong’o, Winston Duke, Elisabeth Moss e Yahya Abdul-Mateen II.

Cast e personaggi

Lupita Nyong’o: Adelaide Wilson / Red
Winston Duke: Gabe Wilson / Abraham
Shahadi Wright Joseph: Zora Wilson / Umbrae
Evan Alex: Jason Wilson / Pluto
Elisabeth Moss: Kitty Tyler / Dahlia
Tim Heidecker: Josh Tyler / Tex
Yahya Abdul-Mateen II: Russel Thomas / Weyland
Anna Diop: Rayne Thomas / Eartha
Madison Curry: Adelaide da bambina / Red da bambina
Cali Sheldon: Becca Tyler / Io
Noelle Sheldon: Lindsey Tyler / Nix
Kara Hayward: Nancy / Syd

Doppiatori italiani

Sara Ferranti: Adelaide Wilson
Nanni Baldini: Gabe Wilson
Tiziana Martello: Zora Wilson / Umbrae
Diego Follega: Jason Wilson / Pluto
Rachele Paolelli: Kitty Tyler / Dahlia
Marco Vivio: Josh Tyler / Tex
Alberto Angrisano: Russel Thomas / Weyland
Benedetta Degli Innocenti: Rayne Thomas / Eartha

La trama

Ambientato ai giorni nostri lungo l’iconica costa della California del Nord, Noi, di Jordan Peele, ha come protagonista l’attrice premio Oscar Lupita Nyong’o nel ruolo di Adelaide Wilson, una donna che torna alla sua casa d’infanzia sul mare con il marito Gabe (il Winston Duke di Black Panther) e i due figli (Shahadi Wright Joseph e Evan Alex) per un’idilliaca vacanza estiva. Tormentata da un trauma irrisolto del suo passato e sconvolta da una serie di inquietanti coincidenze, Adelaide sente crescere e materializzarsi la sua ossessione e capisce che qualcosa di brutto sta per accadere alla sua famiglia. Dopo un’intensa giornata trascorsa in spiaggia con i loro amici, i Tyler (l’attrice vincitrice dell’Emmy Elisabeth Moss, Tim Heidecker, Cali Sheldon e Noelle Sheldon), Adelaide e la sua famiglia tornano a casa. Quando cala l’oscurità, i Wilson vedono sul vialetto di casa la sagoma di quattro figure che si tengono per mano. Noi traccia la contrapposizione fra un’affettuosa famiglia americana e un terrificante e misterioso avversario: i sosia di ciascuno di loro.

Curiosità

  •  Jordan Peele ha dato al cast undici film horror da guardare in modo che avessero “un linguaggio condiviso” durante le riprese: Lo squalo (1975), L’altro delitto (1991), Shining (1980), Babadook (2014), It Follows (2014), Two Sisters (2003), Gli uccelli (1963), Funny Gmaes (1997), Martyrs (2008), Lasciami entrare (2008) e The Sixth Sense – Il sesto senso (1999).
  • Lupita Nyong’o ha basato la voce di Red su Robert F. Kennedy Jr. e in particolare sulla disfonia spasmodica di cui soffre.
  • Come Ragazzi perduti (1987), diverse scene chiave si svolgono sul Santa Cruz Beach Boardwalk. I realizzatori non avevano bisogno di lavorare molto sul Santa Cruz Beach Boardwalk, poiché molti giochi e giostre sono originali che risalgono agli anni ’10. Inoltre, c’è in effetti un sistema di tunnel sotterranei sotto The Boardwalk, sebbene sia utilizzato principalmente come deposito e come riparo in caso di emergenza. Non c’è però una sala degli specchi (come mostrato nel film) sulla spiaggia.
  • La scritta Scappa – Get Out, che era il titolo del precedente film di Jordan Peele, può essere vista incisa ai lati dell’ingresso della sala degli specchi.
  • Il versetto biblico che compare continuamente in “Noi” (Geremia 11:11) recita: “Perciò, così parla l’Eterno: Ecco, io faccio venir su loro una calamità, alla quale non potranno sfuggire. Essi grideranno a me, ma io non li ascolterò”.
  • I personaggi di Duke Nicholson si chiamano Danny e Tony, e Jordan Peele ha detto all’attore di interpretare la parte come Lloyd il barista di Shining (1980), non realizzando all’epoca che Duke è il nipote di Jack Nicholson.
  • Durante le riprese al Santa Cruz Beach Boardwalk, le giostre erano tutte piene di manichini, quindi è stata utilizzata la CGI per creare persone in movimento.
  • Il filmato d’archivio della bambina di 5 anni Nicole Richie appare nella pubblicità di “Hands Across America”.
  • L’inquadratura dall’alto dei Wilson che guidano verso la casa delle vacanze, insieme ai discorsi e ai modi sincronizzati dei gemelli, è un riferimento a Shining (1980).
  • Mentre i Wilson sono a casa dei Tyler, Jason mangia una ciotola di Froot Loops secchi. Questo fa riferimento a una scena del film precedente di Jordan Peele, Scappa – Get Out (2017), in cui un personaggio mangia Froot Loops e beve latte da bicchieri “segregati”.
  • Ironia della sorte, il nome dell’inutile assistente virtuale dei Tyler, Ophelia, deriva dal greco “ofeleia”, che significa “aiuto”.
  • A Jason Blum, che aveva prodotto il precedente film di Jordan Peele Scappa – Get Out (2017), è stato chiesto di produrre anche “Noi”. Poiché la sua società di produzione a basso budget, la Blumhouse, non riusciva a trovare il budget necessario, la Universal Pictures lo ha assunto come produttore al di fuori della sua azienda una tantum.
  • Tra una ripresa e l’altra di “Noi”, Lupita Nyong’o sarebbe rimasta nel personaggio di Red, con grande costernazione del cast e della troupe.
  • La partita di baseball è in parità sull’11-11…e una squadra è il Minnesota. La squadra del Minnesota si chiama Twins (gemelli).
  • Il primo ruolo delle gemelle Cali Sheldon e Noelle Sheldon è stato quello di interpretare a turno Emma bambina nell’ultima stagione di Friends.
  • Il fast food in cui mangia la famiglia si chiama “Copperpots”, un cenno a Chester Copperpot, il leggendario cacciatore di tesori del film I Goonies (1985) a cui viene fatto riferimento molte volte nel film.
  • Non c’è alcun significato nascosto per l’infatuazione di Gabe per la barca. Jordan Peele voleva semplicemente che Gabe avesse una barca come status symbol.
  • Nella scena iniziale in cui è in onda lo spot “Hands Across America”, una copia in VHS di C.H.U.D. (1984) e I Goonies (1985) sono visibili sullo scaffale a sinistra della TV e una copia di Uomini veri (1983) è visibile al piano sottostante. CHUD parla di creature sotterranee e i Goonies si svolgono principalmente in tunnel sotterranei. Uomini veri si svolge principalmente in superficie e in orbita.
  • In linea con il tema della dualità del film e il concetto di due parti identiche che compongono un tutto, uno dei nastri VHS visti vicino alla televisione all’inizio del film è Ho perso la testa per un cervello (1983).
  • Tra i tatuaggi di Josh Tyler c’è un paio di corna, una su ogni braccio, un riferimento al film precedente di Jordan Peele, Scappa – Get Out (2017).
  • La presenza dei conigli bianchi, la sala degli specchi e le tute rosse indossate dai doppelgänger, (Tethered) sono tutti riferimenti ad Alice nel Paese delle Meraviglie. La sala degli specchi in particolare rappresenta “attraverso lo specchio” mentre i semi rossi rappresentano la Regina Rossa, la cattiva della storia.
  • I conigli sono spesso visti come un simbolo di prosperità. Ironia della sorte, i conigli sono la principale fonte di cibo per i doppelgänger che, rispetto alle loro controparti non hanno nulla.
  • L’armadio dei giocattoli dei Wilson include il gioco “Indovina chi?”, un classico gioco da tavolo che richiede ai giocatori di abbinare la stessa faccia della carta scelta dall’altro giocatore.
  • Il nome del figlio, Jason, è un riferimento al cattivo di Venerdì 13, Jason, che indossa anche una maschera.
  • Per interpretare il suo personaggio alter ego Red e le sue strane modulazioni di di voce, Lupita Nyong’o ha lavorato con uno specialista otorinolaringoiatra, un terapista vocale e un allenatore dialettale. Ciò è stato fatto in gran parte per paura di danneggiare la sua voce.
  • C’è un personaggio di nome Nancy il cui doppelgänger si chiama Syd. Questo è un riferimento a Sid Vicious e Nancy Spungen.
  • I doppelgänger che giocano e prendono in giro i Wilson mentre sono seduti sul divano, semplicemente guardando con paura, è un riferimento a Funny Games (1997) e al remake Funny Games (2007).
  • Le forbici usate dai doppelgänger in “Noi” sono anche un riferimento al film coreano Two Sisters (2003), dove viene usata la stessa arma. Sono anche un riferimento a L’altro delitto (1991), che presenta un antico paio di forbici.
  • “Noi” è simile a Lost in Space: The Anti-Matter Man (1967), dove i gemelli malvagi della famiglia Robinson complottano per prendere il loro posto. In effetti, Lost in Space ha fatto diverse variazioni su questo tema.
  • Jason indossa una maglietta de film Lo squalo (1975) per la spiaggia. Quando Jason scompare sulla spiaggia per andare in bagno c’è un punto in cui inizia a camminare lentamente. Sopra la sua spalla c’è un’ombra distinta che sembra una pinna di squalo che irrompe nell’acqua.
  • Quando la giovane Adelaide entra nella sala degli specchi nel 1986, si chiama “Shaman’s Vision Quest Forest”. Quando i Wilson visitano la stessa spiaggia nel 2018, è stata ribattezzata “Merlin’s Forest”, anche se le altre caratteristiche esterne e interne sembrano essere rimaste invariate. Ciò è coerente con il cambiamento culturale avvenuto tra gli anni ’80 e il 2010. Mentre era comune nel 20° secolo usare i simboli dei nativi americani per nominare istituzioni (squadre sportive, campi estivi, fornitori militari, ecc.), il 21° secolo ha visto un’ondata di pressione per adeguare tali convenzioni di denominazione rifiutando l’appropriazione culturale.
  • I titoli di coda ringraziano in modo speciale due registi americani: Paul Thomas Anderson e Steven Spielberg. Entrambi hanno collegamenti con il mondo dell’horror. Quando Anderson era un ragazzino, suo padre ha presentato uno spettacolo horror a tarda notte a Cleveland. Spielberg ha scritto e prodotto Poltergeist – Demoniache presenze (1982), un film su una famiglia perseguitata da una schiera di fantasmi demoniaci che rapiscono una bambina.
  • Quando Lupita Nyong’o è apparsa al The Late Show con Stephen Colbert (2015) per promuovere “Noi”, indossava lenti a contatto spaventose con iridi gialle per riflettere meglio la natura inquietante del suo personaggio.
  • Lupita Nyong’o e Winston Duke hanno già recitato insieme in Black Panther (2018).
  • Il cast principale comprende tre recenti ex alunni della Yale Drama School: Lupita Nyong’o (classe 2012); Winston Duke (classe 2013) e Yahya Abdul-Mateen II (classe 2015).
  • Il film è stato girato in tre mesi che hanno incluso sei settimane in una casa appositamente modificata a Pasadena.
  • Elisabeth Moss e Yahya Abdul-Mateen II hanno recitato insieme anche nella serie tv The Handmaid’s Tale che presenta anche un’immagine iconica di una lunga fila di persone in uniforme rossa.
  • Una delle due uscite nelle sale del 2019 in cui compare una copia VHS del film Uomini veri (1983). L’altro film è Captain Marvel.
  • Shahadi Wright Joseph (Zora Wilson / Umbrae) ha recitato nella serie horror antologica Loro (2021).
  • Jordan Peele ha detto che una delle ispirazioni per il film è stato l’episodio “Immagine allo specchio” della prima stagione della serie tv Ai confini della realtà.
  • Yahya Abdul-Mateen II e Anna Diop sono apparsi entrambi in produzioni DC Comics. Yayha ha interpretato Black Manta nel film Aquaman e Anna interpreta Starfire/Koriand’r nella serie tv Titans.
  • Questa è una metafora ovvia del conflitto di classe in America: la classe dirigente contro la nascente sottoclasse; e come uno usa e terrorizza l’altro.
  • Lupita Nyong’o aveva solo 3 anni nel 1986. Il suo personaggio Adelaide è un po’ più vecchio dell’attrice, poiché Madison Curry che interpreta Adelaide del 1986 è chiaramente molto più grande di 3 anni nelle sue scene.
  • Dopo che suo padre ha vinto una partita sul lungomare, Adelaide sceglie una maglietta di Michael Jackson: Thriller (1983) come premio. Da bambino, Corey Feldman è stato un membro della stretta cerchia di amicizie di Michael Jackson, ed è stato anche uno dei protagonisti di Ragazzi perduti (1987) e I Goonies (1985). Entrambi i film sono citati in “Noi”.
  • “Noi” continua la tendenza di Jordan Peele di includere nei suoi film un attore della serie tv West Wing – Tutti gli uomini del Presidente. Bradley Whitford in Scappa – Get Out ed Elisabeth Moss in questo film.
  • Nella versione origiale il regista Jordan Peele fa un cameo nel film: è la voce narrante nella sala degli specchi.
  • “Noi” ha incassato 71 milioni di dollari nel suo weekend di apertura negli Stati Uniti, il più alto di sempre per un film horror originale e il secondo più alto per un film live-action originale, dopo i 77 milioni di dollari di Avatar (2009).
  • “Noi” ha incassato nel mondo un totale di 255 milioni di dollari da un budget di 20 milioni.

Curiosità con SPOILER sulla trama

  • Il fatto che “Red” sia l’unico doppelgänger / Tethered che sa parlare inglese è un indizio della sua vera identità. Allo stesso modo, la qualità della sua voce roca e incerta è dovuta sia al fatto che “Red” non ha avuto nessuno con cui parlare per decenni e anche al fatto che le sue corde vocali sono state danneggiate da bambina quando il suo doppio l’ha soffocata e l’ha rapita. Allo stesso modo, il dialogo e la trama di “Adelaide” lasciano intuire diversi indizi relativi alla voce sulla sua identità. Da bambina, i suoi genitori l’hanno portata in terapia dopo il passaggio perché sembrava che smettesse di parlare. Anche se presumevano che fosse silenziosa a causa di un trauma, in realtà non poteva parlare, perché era un Tethered e le ci volle del tempo per imparare a parlare. Quando Kitty cerca di fare due chiacchiere con Adelaide adulta sulla spiaggia, Adelaide esita, spiegando: “Ho difficoltà a parlare”.
  • L’uomo con il segno di Geremia 11:11 fu il primo ad essere attaccato dal suo doppelgänger. Viene visto all’inizio del film mentre viene messo sul retro di un’ambulanza, presumibilmente dopo essere stato accoltellato. Più tardi, Jason vede il doppelgänger sulla spiaggia con le mani insanguinate e le braccia tese, la prima persona in fila in attesa che gli altri si uniscano per mano. Si può anche vedere la sua tuta rossa che spunta dal fondo della sua giacca.
  • La maglietta di Adelaide si macchia gradualmente di rosso per tutto il film, rivelando lentamente la sua vera origine. È anche un altro riferimento a Two Sisters (2003), poiché Su-mi ed Eun-ju in quel film indossano abiti bianchi nel climax che diventano progressivamente rossi di sangue.
  • Oltre a Geremia 11:11 che è stato visto due volte scritto su un cartello, i numeri 11:11 appaiono frequentemente in tutto questo film. Quando Gabe sta guardando una partita di baseball in TV, l’annunciatore dice che la partita è in pareggio 11-11. Quando Addie e Jason stanno parlando nella sua stanza, l’orologio digitale segna le 23:11. Inoltre, un addetto del luna park nel 1986 e uno dei gemelli dei giorni nostri indossano entrambi una maglietta della band Black Flag, il cui logo è costituito da quattro barre nere verticali che ricordano il numero 1111. E ancora alla fine del film quando l’ambulanza sta guidando lungo la strada ventosa, la telecamera si sposta e mostra l’ambulanza contrassegnata con il numero 1111.
  • La parola sulla felpa con cappuccio di Zora significa “coniglio” in vietnamita.
  • Diversi aspetti dell’aspetto e del piano dei Tethered si legano agli ultimi ricordi di Adelaide della sua vita in superficie. I Tethered indossano tutti un unico guanto, che era anche un accessorio di moda preferito di Michael Jackson; Il padre di Adelaide le ha regalato una maglietta di Michael Jackson: Thriller (1983) poco prima del suo rapimento. Allo stesso modo, “Hands Across America”, che per la maggior parte degli americani che l’hanno vissuta è stato un momento relativamente minore e dimenticabile, incombeva nella memoria di Adelaide come uno degli ultimi eventi della cultura pop che poteva ricordare prima della sua prigionia.
  • I doppelgänger dei Wilson appaiono per la prima volta sul loro vialetto nello stesso ordine della decalcomania della famiglia sul retro della loro auto.
  • La maglietta di Michael Jackson: Thriller (1983) vinta per Adelaide da suo padre nell’apertura del film prefigura il finale; sia il film che il video musicale si concludono con una domanda sull’identità del protagonista principale, punteggiata da un sorriso minacciosamente suggestivo.
  • Sebbene non tutti i Tethered siano nominati nel film, nei titoli di coda a ogni Tethered viene assegnato un nome indicato in rosso.
  • Lupita Nyong’o ha basato la voce della controparte doppelgänger della protagonista Adelaide Red su un disturbo neurologico chiamato disfonia spasmodica che provoca spasmi involontari della laringe. È stata ispirata a farlo dopo aver letto una riga nella sceneggiatura che affermava che “Lei (Red) non usava la sua voce da molti anni”.
  • Dahlia sembra avere cicatrici sulle guance, che riflettono la chirurgia plastica di Kitty (menzionata in precedenza). Probabilmente è anche il motivo per cui si è tagliata la faccia più tardi.
  • Entro la fine del film, ogni membro della famiglia Wilson ha ucciso le rispettive controparti.
  • Le gemelle Tyler sembrano essere basate sulle gemelli Grady di Shining (1980). Durante la scena della spiaggia, la loro postura è simile quando stanno sopra Zora e invece di dire “Vieni a giocare con noi” prendono in giro Jason che gioca nella sabbia. Inoltre, quando vediamo i loro cadaveri insanguinati nell’inquadratura che guardano lungo il corridoio sopraelevato, giacciono in posizioni simili ai flashback dell’omicidio delle gemelle Grady.
  • Sembra essere una regola non scritta che i Tethered uccidano solo il proprio doppelganger. I Tyler, ad esempio, muoiono per mano dei loro stessi doppelganger, ma quando si confrontano con i Wilson, sembrano solo giocare e catturare la famiglia, nonostante le molteplici opportunità di ucciderli. Lo stesso sembra essere vero quando la scena dell’inseguimento Zora/Umbrae viene interrotta dal proprietario dell’auto, poiché il proprietario dell’auto viene pugnalato da Umbrae, ma solo alla gamba.
  • Quando Jason si “perde” sulla spiaggia, molte delle riprese della macchina da presa fanno riferimento direttamente a quelle usate in Lo squalo (1975), durante scene simili sulla spiaggia. Jason indossa persino una maglietta del film “Lo squalo”, sottolineando ulteriormente la riverenza di Jordan Peele per il classico di Spielberg.
  • Durante il monologo di Red ad Adelaide nell’aula sotterranea, finisce con “… ora è il nostro momento. È il nostro momento lassù!” Questo è probabilmente un riferimento a I Goonies (1985) quando Mikey dice “…Ma adesso devono fare quello che è giusto per loro. Perché è il loro momento, il loro momento, lassù. Ma qua sotto è il nostro momento. È il nostro momento qua sotto.” Entrambi i monologhi si verificano in tunnel sotterranei segreti. Goonies è citato in diversi modi durante il film.
  • Ci sono alcuni altri indizi sul fatto che Adelaide sia in realtà una delle Tethered. Quando Zora uccide Umbrae, la conforta mentre sta morendo. Quando Jason riesce a far uccidere Pluto, lei urla “No!”, Perché voleva che fosse al sicuro. E quando uccide Red e uccide Dahlia, ride gioiosamente con lo stesso ringhio selvaggio dei Tethered, dimostrando così che non è normale come tutti pensano che sia.
  • Il fatto che i Tethered utilizzino principalmente le forbici come arma è una grande rappresentazione degli stessi Tethered; sono due pezzi identici legati insieme per creare un tutto.
  • Red menziona Dio in due occasioni. Questa è un’indicazione che Red è la vera Adelaide, che avrebbe appreso di Dio prima del suo rapimento, mentre i Tethered, che non hanno lingua, probabilmente non comprenderebbero il concetto di Dio.
  • Quando la famiglia Wilson visita la spiaggia, viene mostrata in una ripresa a volo d’uccello che cammina sulla sabbia con lunghe ombre che ricordano i numeri “1111”, un riferimento a Geremia 11:11, il versetto della Bibbia che appare più volte nel film . Le loro lunghe ombre alludono anche ai loro doppelgänger, o “ombre”, che appaiono più avanti nel film.
  • L’unico doppelgänger che Adelaide cerca attivamente di uccidere è il suo, nonostante tutta la sua famiglia sia in pericolo, forse per evitare di essere responsabile della distruzione di un compagno doppelgänger. È sola con il doppelgänger di sua figlia e invece di finirla, dice gentilmente “shh, shh” e la lascia morire. Cerca di convincere il doppelgänger di suo figlio a non entrare nel fuoco. L’unico doppelgänger che uccide oltre al proprio è una delle gemelle, e ciò potrebbe essere dovuto al fatto che la gemella rappresentava una minaccia contro di lei. Alla fine, ha cercato solo di uccidere Red in modo da poter rimanere l’unica Adelaide.
  • Quando Addie e Zora parlano nella sua stanza all’inizio del film, uno dei libri sul tavolino di Zora si intitola “They Came From Below” (Sono venuti dal basso), che prefigura l’arrivo dei Tethered dai tunnel sotterranei.
  • Nella scena iniziale in cui è in onda lo spot “Hands Across America”, una copia VHS di C.H.U.D. (1984) può essere visto sullo scaffale a sinistra del televisore. CHUD è un film horror di fantascienza cult su un gruppo di creature sotterranee che vivono in tunnel sotto New York, simili alle “ombre” sotterranee di “Noi”. Un altro nastro VHS visibile su quello scaffale è una copia di Ho perso la testa per un cervello (1983), un riferimento sia alla connessione dual-anima tra i Tethered e le loro controparti in superficie, sia al precedente film di Jordan Peele, Scappa – Get Out (2017), che prevedeva la sostituzione parziale del cervello.
  • Oltre all’ovvio cenno a Jason Voorhees di Venerdì 13 nel figlio di Adelaide Jason a cui piace indossare maschere, nell’originale Venerdì 13 (1980) la madre è l’assassino. Il che rispecchia il fatto che Adelaide sia in realtà Red.
  • Adelaide non mangia mai carne e non beve altro oltre all’acqua. Nella scena in cui la sua famiglia mangia al fast food e beve bibite, lei mangia fragole e beve acqua. Più tardi, Kitty le offre del vino in spiaggia e lei dice che sta bene con l’acqua.
  • Quando Adelaide è sdraiata sul divano, vede un ragno sul tavolo che striscia davanti a un ragno giocattolo più grande. Questa immagine prefigura il tema “doppelgänger” nel film.
  • Riprendendo il tema della dualità, il titolo può essere interpretato in due modi. In primo luogo, “Noi” come pronome personale. In secondo luogo, USA come abbreviazione di Stati Uniti. Durante un dialogo entrambe le interpretazioni vengono riprese quando Jason dice “Siamo noi” e più tardi Red dice “Siamo americani”.
  • Un primo indizio che “Noi” riguarda più la classe che la razza appare nello spot televisivo di Hands Across America, un evento molto pubblicizzato del 1986 che mirava a sensibilizzare sulla fame formando una catena umana da costa a costa. L’evento rappresenta una critica più generale della beneficenza (in particolare la beneficenza sponsorizzata da celebrità) come risposta adeguata alla disuguaglianza strutturale allegorizzata in “Noi” (o negli Stati Uniti) attraverso i Tethered. (“Hands Across America” ​​ha anche fruttato relativamente poco ai poveri a causa delle enormi spese generali e dell’enorme numero di impegni non pagati) Quando i Tethered vengono visti verso la fine del film (ri)formare la catena umana, si può ascoltare una eco ironica della canzone effettivamente cantata durante l’evento del 1986: “We are the World” di Michael Jackson. C’è anche un’altra eco musicale tra lo spot e la scena finale… lo spot presenta una versione muzak di “Les Fleurs”, utilizzata anche come canzone dei titoli di coda del film.
  • Red è l’unico Tethered che usa il linguaggio, perché è la vera Adelaide e ha imparato a parlare prima di essere intrappolata sottoterra dal suo Tethered molto tempo fa.
  • All’inizio del film, Adelaide è vestita di bianco. Durante le sue lotte, sempre più sangue assorbe la sua maglietta finché non fa quasi eco visivamente a “Red”, la sua controparte vestita di rosso.
  • All’inizio del film, quando Zora chiude Jason nell’armadio, c’è un gioco da tavolo nella parte posteriore chiamato “Monster Trap”. Prefigurando dove Jason avrebbe intrappolato il suo doppelgänger più avanti nel film.
  • Quando le “ombre” dei Wilson appaiono per la prima volta nel vialetto, si tengono per mano, prefigurando la sanguinosa ricreazione di “Hands Across America” ​​dei Tethered.
  • Il giocattolo dell’ambulanza che blocca la porta dell’armadio prefigura la fine del film.
  • L’addetto del luna park che gestisce il gioco Whac-a-Mole indossa una maglietta per l’album “My War” dei Black Flag. La copertina dell’album presenta un burattino a mano vestito di rosso e che brandisce un coltello. Questo è un portiere di ciò che verrà: una guerra di doppelgänger, vestiti di rosso, che attaccano e accoltellano le loro controparti umane. Inoltre, il logo di Black Flag è composto da 4 linee nere sfalsate o lunghi rettangoli neri verticali, che potrebbero anche essere visti come: IIII (Un altro modo intelligente per inserire un altro 11:11)
  • Il concetto di “tethered” è prefigurato dalla pubblicità di Hands Across America all’inizio, che dice “sei milioni di americani si legheranno insieme” (una scelta molto insolita di parole per parlare di tenersi per mano). Adelaide da bambina ha visto questo annuncio, quindi questo spiega anche perché ha familiarità con la parola un po’ arcaica e la usa per spiegare le connessioni tra i doppelgänger.
  • Quando la famiglia è in macchina ad ascoltare “I Got Five On It”, Adelaide sta insegnando a suo figlio a prendere il ritmo, mentre lei sta perdendo tempo. Questo prefigura che è una Tethered evasa, non del tutto in sintonia con il mondo.
  • Quando Jason dice “Quando punti un dito contro qualcuno, altre tre dita puntano indietro verso di te” a suo padre all’inizio del film, questo prefigura la rivelazione di Adelaide riguardo alla sua vera natura. Adelaide è fermamente decisa a scappare dalla spiaggia a casa dei Tyler, un dito puntato in una direzione, mentre la sua famiglia decide di voler restare, tre dita puntate nella direzione opposta.
  • Elisabeth Moss (Kitty) ha recitato in The One I Love (2014), altro film che parlava di doppelganger, anche se mutaforma.

La colonna sonora

  • Le musiche originali di “Noi” sono di Michael Abels che torna a collaborare con il regista Jordan Peele dopo aver musicato Scappa – Get Out. Altri crediti di Abels includono musiche per Bad Education, See You Yesterday e Nightbooks – Racconti di paura.
  • “I Got 5 On It” del duo rap hip-hop Luniz, è la canzone presente nel trailer del film statunitense e remixata in diverse scene del film. La canzone è stata pubblicata nel maggio 1995. È stata certificata come singolo di platino (un milione di unità vendute) nell’ottobre 1995. Il titolo è una frase che significa pagare a metà una bustina (una bustina da 10 dollari di cannabis) con un’altra persona. Il testo della canzone racconta di due ragazzi che guadagnano 5 dollari ciascuno per comprare un sacchetto di erba da 10 dollari, che come le forbici e la ripetizione del numero 11 nel film, è una combinazione di due cose che creano un tutto, proprio come gli stessi doppelgänger.
  • La colonna sonora di “Noi” include i brani “Les Fleurs” di Minnie Riperton, “Creation Story” di Tsonakwa & Dean Evenson, “I Like That” di Janelle Monáe, “Forever” di Noname feat. Ravyn Lenae & Joseph Chilliams, “Toast” di Koffee, “Reality Check” di Noname feat. Eryn Allen Kane & Akenya, “Good Vibrations” di The Beach Boys, “Fuck Tha Police” di N.W.A., “Me and Your Mama” di Childish Gambino.

TRACK LISTINGS:

1. Anthem 2:57
2. I Like That (Janelle Monáe) 3:22
3. Outernet 0:46
4. Spider 1:17
5. Ballet Memory 1:11
6. I Got 5 On It (feat. Michael Marshall) (Luniz) 4:15
7. Beach Walk 1:23
8. First Man Standing 0:44
9. Back to the House 1:10
10. Keep You Safe 1:36
11. Don’t Feel Like Myself 2:00
12. She Tried to Kill Me 1:46
13. Boogieman’s Family 1:25
14. Home Invasion 4:11
15. Once Upon a Time 2:59
16. Run 4:39
17. Into the Water 2:23
18. Spark in the Closet 2:58
19. Escape to the Boat 1:18
20. Femme Fatale 2:13
21. Silent Scream 1:24
22. News Report 2:02
23. Zora Drives 1:42
24. Death of Umbrae 0:55
25. Somber Ride 1:07
26. Immolation 1:40
27. Down the Rabbit Hole 2:34
28. Performance Art 1:20
29. Human 4:03
30. Battle Plan 0:59
31. Pas De Deux 2:51
32. They Can’t Hurt You 1:45
33. Finale 3:05
34. Les Fleurs (Minnie Riperton) 3:16
35. I Got 5 On It (Tethered Mix from US) [feat. Michael Marshall] (Luniz) 1:43

La colonna sonora di “Noi” è disponibile su Amazon.

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →