Strange World: flop al box office per il nuovo film d’animazione Disney

“Strange World” delude al box office, flop d’incassi per la nuova avventura fantascientifica targata Disney che esordisce ben al di sotto delle stime.

Strange World, l’ultimo film d’animazione targato Disney che ha debuttato negli Stati Uniti in concomitanza con la festività del Ringraziamento è andato incontro ad un weekend di apertura fallimentare rispetto alle stime, la scelta dello studio di far uscire il film prima nelle sale, invece che optare per lo streaming su Disney Plus purtroppo non ha pagato.

Il sito Variety riporta che “Strange World” ha esordito con un fine settimana da appena 11,9 milioni di dollari spalmati su 4.174 sale nordamericane durante il fine settimana, arrivando a 18,6 milioni durante i cinque giorni delle festività, un disastro rispetto alle prime proiezioni, non proprio entusiasmanti, che davano l’apertura di “Strange World” tra i 30 ai 40 milioni di dollari tra mercoledì e domenica.

L’esordio di “Strange World” registra uno dei peggiori risultati della Disney degli ultimi anni in coppia con il West Side Story di Steven Spielberg (10,5 milioni di dollari) che però ha l’attenuante di essere un musical, genere non nelle corde di tutti, e di essere è uscito durante la pandemia. Questa classifica di esordi in negativo prosegue con il delizioso Encanto che ha registrato 27,2 milioni durante il primo fine settimana e 40 milioni a fine Ringraziamento e Lightyear – La vera storia di Buzz con 51 milioni lievitati a livello globale fino a 226,4 contro un budget investito di 200 milioni. Dei film elencati l’unico uscito indenne dall’uscita nelle sale è “Encanto”, l’acclamato musical colombiano ha fatto il pieno di premi portando a casa un Oscar, un Golden Globe e un BAFTA come miglior film d’animazione, registrando al box office globale 256,8 milioni di dollari da un budget che ha oscillato tra i 120 e i 150 milioni. Ricordiamo che “Encanto” è uscito durante la pandemia e Disney per ovviare alle mancate uscite nelle sale internazionali lo ha reso disponibile un mese dopo per gli abbonati base di Disney Plus.

Per avere un’idea degli incassi a cui normalmente puntano le produzioni Disney basta tornare al periodo pre-pandemia con Frozen II che nel 2019 ha incassato 1 miliardo e 450 milioni di dollari nel mondo da un budget di 150 milioni con un’apertura da 123,7 milioni; e se andiamo ancora più indietro ci sono Ralph Spacca Internet che nel 2018 ha incassato 529,3 milioni a fronte di un budget di 175 milioni con un’apertura da 84.6 milioni, Coco di Pixar/Disney che ha aperto con 71 milioni e ha chiuso la sua corsa nelle sale a livello globale con 807,8 milioni d’incasso da un budget di 175 milioni; chiudiamo con Oceania che nel 2016 da un budget di 150 milioni ha portato nelle casse della Disney 645 milioni, con un’apertura da 82,1 milioni.

Da mettere in conto per quanto riguarda “Strange World” è anche l’ambientazione fantascientifica, il film prende ispirazione dalle riviste pulp e da classici come Viaggio al centro della Terra e King Kong, materia prima da nerd e patiti del genere avventuroso, un genere non immediatamente collocabile a livello di target e quindi un rischio, anche se calcolato, rispetto all’appeal che potrebbe generare. Detto ciò il lavoro fatto con l’animazione, l’ambientazione e la caratterizzazione dei personaggi è come sempre notevole e rispetta appieno gli standard a cui la Disney ci ha abituati, inoltre era un po’ di tempo che Disney non realizzava un film d’avventura a tutto tondo nello stile di Atlantis – L’impero perduto.

Ultime notizie su Film al cinema

Tutto su Film al cinema →