Torino 2013: Pif in concorso, Coen e Jarmusch in Festa Mobile – Tutti i film in programma

Torino Film Festival 2013: quasi 200 film per la prima edizione targata Paolo Virzì. Un concorso di 14 opere prime, seconde e massimo terze sulla carta notevolissimo. Una Festa Mobile da leccarsi i baffi con i Coen, Jarmusch, Baumbach, Gordon Green e tanti altri. Nuove sezioni come Europop e Afterhours. E poi gli incontri, gli omaggi, le anteprime tv e gli esperimenti. Ecco il programma del 31 TFF.

Tutto racchiuso tra una commedia e un thriller, dentro quella che il neo-direttore Paolo Virzì ha voluto descrivere come “rassegna popolare”: s’inizia il 22 novembre con le risate di Last Vegas e si chiude il 30 con i brividi di Grand Piano. Per 9 giorni il pubblico che sarà al 31. Torino Film Festival assisterà a tutto e di più: un concorso di 14 opere prime, seconde o massimo terze, un “fuori concorso” (Festa Mobile) da star male, gli esperimenti di Onde, le altre sezioni e persino all’anteprima mondiale del restauro in 2k di 8½ di Fellini, a 50 anni dall’uscita in sala.

185 film su 4000 visionati tra corti, medi e lunghi; 70 opere prime e seconde; 46 anteprime mondiali e 25 internazionali. Iniziamo dal concorso (che verrà giudicato dalla giuria capitanata da Guillermo Arriaga), sulla carta uno dei più notevoli degli ultimi anni. Domina la Francia con tre titoli in concorso tutti diversi. Si difendono benissimo gli Stati Uniti con Blue Ruin, acclamato a Cannes, e la commedia “agricola” C.O.G. con Jonathan Groff vista al Sundance. Dalla Spagna arriva il vincitore di San Sebastian, Pelo Malo, mentre sono due i titoli che sventolano bandiera italiana.

Pif esordisce alla regia con La mafia uccide solo d’estate, sorta di “Forrest Gump palermitano”, un film comico sulla mafia; Il treno va a Mosca ci racconta invece di cos’era il comunismo italiano e della disillusione attraverso degli 8mm ritrovati dai trentenni Ferrone e Manzolini. Si continua con una commedia sudcoreana prodotta da Kim Ki-duk, le opere seconde dei registi di Sul lago Tahoe e Le vendeur, e poi si va in Spagna, in Thailandia…

Uno sguardo a Festa Mobile, come sempre impressionante. Da Cannes arrivano anteprime davvero di peso di film bellissimi come Inside Llewyn Davis dei Coen (recensione), Only Lovers Left Alive (recensione) e All Is Lost (recensione). Ci sono poi tanti indie americani che hanno segnato quest’annata come Prince Avalanche di David Gordon Green, il bellissimo remake di Either Way (vincitore di Torino 2011) che ha riportato il regista in forma.

E poi Frances Ha di Baumbach, Enough Said con l’ultima interpretazione di James Gandolfini, The Way Way Back degli sceneggiatori di Paradiso amaro… Sempre da Cannes arriva l’acclamato Ugly, mentre sarà a Torino la primissima de La sedia della felicità, ex-La regina della neve, il nuovo film di Carlo Mazzacurati. Dal Canada arrivano The Grand Seduction di Don McKellar (con Brendan Gleeson e Taylor Kitsch) e The Husband di Bruce McDonald (“abbonato” al TFF).

In Festa Mobile c’è anche la sottosezione Europop che ci porta tra i successi commerciali di vari paesi del continente, mentre la sezione After Hours è quella più matta, nerd e goduriosa (attesissimi Big Bad Wolves, Computer Chess e Wrong Cops). Onde, la sezione più “puramente cinefila” e sperimentale della rassegna, si concentrerà sul cinema di Yu Lik-wai, grande direttore della fotografia e anche regista, e proporrà un focus sul cinema portoghese. Qui si trova anche il nuovo Serra, Pardo d’oro a Locarno 2013.

Notevole la proposta di serie tv, ormai vicinissime al cinema per qualità e autori che vi lavorano, mentre tra i documentari si possono scovare chicche da non perdere: noi vi segnaliamo di tenere d’occhio i film di Minervini, Lanzmann e Panh. Non perdete poi gli appuntamenti del TorinoFilmLab, tra i quali spiccano The Lunchbox, Il sud è niente di Mollo (presentato a Toronto) e due film di Biennale College – Cinema 2012/13, ovvero Yuri Esposito e Mary is Happy, Mary is Happy.

Concorso Torino 31


2 automnes 3 hivers – Sébastien Betbeder (Francia)
La bataille de Solférino – Justine Triet (Francia)
Blue Ruin – Jeremy Saulnier (USA)
Bulg-eun gajog (Red Family) – Ju-hyoung Lee (Corea del sud)
Club Sándwich – Fernando Eimbcke (Messico)
C.O.G. – Kyle Patrick Alvarez (USA)
Le démantèlement – Sébastien Pilote (Canada)
La mafia uccide solo d’estate – Pif (Italia)
Pelo Malo – Mariana Rondón (Venezuela)
La Plaga – Neus Ballús (Spagna)
Sao Karaoke (Karaoke Girl) – Visra Vichit-Vadakan (Thailandia/USA)
Sensô to hitori no onna (A woman and war) – Junichi Inoue (Giappone)
Il treno va a Mosca – Federico Ferrone e Michele Manzolini (Italia)
Vandal – Hélier Cisterne (Francia)

Festa Mobile


All is lost – J.C. Chandor (USA)
Blood pressure – Sean Garrity (Canada)
Drinking buddies – Joe Swanberg (USA)
Enough said (Non dico altro) – Nicole Holofcener (USA)
Frances Ha – Noah Baumbach (USA)
Grand Piano – Eugenio Mira (Spagna)
The Grand Seduction – Don McKellar (Canada)
The Husband – Bruce McDonald (Canada)
Ida – Pawel Pawlikowski (Polonia)
Inside Llewyn Davis – Ethan e Joel Coen (USA/Francia)
Last Vegas – Jon Turteltaub (USA)
Loubia hamra (Red beans) – Narimane Mari (Algeria/Francia)
Only lovers left alive – Jim Jarmusch (USA)
Prince Avalanche – David Gordon Green (USA)
La sedia della felicità – Carlo Mazzacurati (Italia)
Suzanne – Katell Quillévéré (Francia)
Temporary Road – (Una) vita di Franco Battiato – Giuseppe Pollicelli e Mario Tani (Italia)
This is Martin Bonner – Chad Hartigan (USA)
Ugly – Anurag Kashyap (India)
The way way back (C’era una volta un’estate) – Nat Faxon e Jim Rash (USA)

Federico Fellini
8 1/2 – Federico Fellini (Italia/Francia)

Nel nome di Riccardo III
Essere Riccardo… e gli altri – Giancarlo Scarchilli (Italia)

Premio Maria Adriana Prolo
Tutte le storie di Piera – Peter Marcias (Italia)

Proiezione speciale
The Repairman – Paolo Mitton (Italia)

Europop

Alceste à cicyclette (Molière in bicicletta) – Philippe Le Guay (Francia)
Drogòwka (Traffic Department) – Wojciech Smarzowski (Polonia)
Monica Z (Waltz for Monica) – Per Fly (Svezia)
La mossa del pinguino – Claudio Amendola (Italia)
The Stag – John Butler (Irlanda)

After Hours


Au nom du films – Vincent Lannoo (Belgio)
Big bad wolves – Aharon Keshales e Navot Papushado (Israele)
Blutgletscher (The Station) – Marvin Kren (Austria)
Canìbal – Manuel Martín Cuenca (Spagna/Romania/Russia/Francia)
Computer Chess – Andrew Bujalski (USA)
The conspiracy – Christopher MacBride (Canada)
La danza de la realidad – Alejandro Jodorowsky (Cile)
L’etrusco uccide ancora – Armando Crispino (Italia/Germania/Jugoslavia)
LFO – Antonio Tublén (Svezia/Danimarca)
Männer zeigen Filme & Frauen ihre Brüste (Men show movies & Women their breasts) – Isabell Suba (Germania)
Plus one – Dennis Iliadis (USA)
The Stone Roses: made of stone – Shane Meadows (UK)
Sweetwater – Logan Miller (USA)
V/H/S/2 – Simon Barrett, Jason Eisener, Gareth Evans, Gregg Hale, Eduardo Sánchez, Timo Tjahjanto e Adam Wingard (USA)
Whitewash – Emanuel Hoss-Desmarais (Canada)
Wrong Cops – Quentin Dupieux (Francia/USA)

TFFDOC


Internazionale.doc

Belleville Baby – Mia Engberg (Svezia)
Os caminhos de Jorge (Jorge’s paths) – Miguel Moraes Cabral (Portogallo/Belgio/Francia)
Chroniques Équivoques – Lamine Ammar-Khodja (Algeria/Francia,)
E agora? – Lembra-me (What now? Remind me) – Joaquim Pinto (Portogallo)
Portrait of a lone farmer – Jide Tom Akinleminu (Danimarca/Nigeria/Germania)
A spell to ward off the darkness – Ben Rivers e Ben Russell (Francia/Estonia)
Stop the pounding heart – Roberto Minervini (USA/Belgio/Italia)
Treve – Carmit Harash (Francia/Israele)
The uprising – Peter Snowdon (Belgio/UK)
Yumen – J.P. Sniadecki, Huang Xiang e Xu Ruotao (Cina/USA)

Italiana.doc

Emmaus – Claudia Marelli (Italia)
I fantasmi di San Berillo – Edoardo Morabito (Italia)
Fuoriscena – Massimo Donati e Alessandro Leone (Italia)
Habitat [Piavoli] – Claudio Casazza e Luca Ferri (Italia)
Il lago – Yukai Ebisuno e Raffaella Mantegazza (Italia)
El lugar de las fresas – Maite Vitoria Daneris (Italia/Spagna)
La passione di Erto – Penelope Bortoluzzi (Francia/Italia)
Rosarno – Greta De Lazzaris (Italia)
Sanperè! – Venisse il fulmine – Francesca Frigo (Italia)
Il segreto – cyop&kaf (Italia)
Striplife – Nicola Grignani, Alberto Mussolini, Luca Scaffidi, Valeria Testagrossa e Andrea Zambelli (Italia)
Wolf – Claudio Giovannesi (Italia/Repubblica Ceca)

Documenti

Le dernier des injustes – Claude Lanzmann (Austria/Francia)
L’image manquante – Rithy Panh (Francia/Cambogia)
Anak Araw (Albino) – Gym Lumbera (Filippine/USA)
The embassy – Filipa César (Portogallo)
Cacheau – Filipa César (Portogallo/Guinea-Bissau)
Mille soleils – Mati Diop (Francia)
The Stuart Hall Project – John Akomfrah (UK)
Pays barbare – Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi (Francia)
Tarr Béla, I used to be a filmmaker – Jean-Marc Lamoure (Francia)
Parole e utopia #6 Alberto Grifi – Donatello Fumarola e Alberto Momo (Italia)
Parole e utopia #10 Béla Tarr – Donatello Fumarola e Alberto Momo (Italia)
Anna (Materiali espansi) – Alberto Grifi e Massimo Sarchielli (Italia)

Cirko Vertigo
Grazing the sky – Horacio Alcalá (Canada/Spagna/Olanda)

Proiezione speciale
La corona verde – Matteo Greco (Italia)

Big Bang TV


House of Cards – David Fincher (USA)
Southcliffe – Sean Durkin (UK)
Top of the lake – Jane Campion e Garth Davis (Australia/Nuova Zelanda/UK)

Onde


Alligator tears – Theresa Schwartzman (USA)
Cut – Christoph Girardet e Matthias Müller (Germania)
Flood tide – Todd Chandler (USA)
Història de la meva mort – Albert Serra (Spagna/Francia)
Hotel de l’univers – Tonino De Bernardi (Italia)
In the traveler’s heart – Melissa Dullius e Gustavo Jahn (Lituania/Germania/Brasile)
Lezuo – Giuseppe Boccassini (Italia)
Luton – Michalis Konstantatos (Grecia)
Neon heartache – Danielle Lessovitz (USA)
Noche – Leonardo Brzezicki (Argentina)
Pisa – Manuel Alejandro Salas (Ecuador)
Sceneries of new beginning – Atsushi Shinohara (Giappone)
Silencio en la tierra de los sueños – Tito Molina (Ecuador)
Soles de primavera – Stefan Ivancic (Serbia)
Sto lyko (To the wolf) – Aran Hughes e Christina Koutsospyrou (Grecia)
La ultima pelìcula – Raya Martin e Mark Peranson (Canada/Danimarca/Messico/Filippine)

Onde portoghesi
Carosello – Jorge Quintela (Portogallo)
Mahjong – João Pedro Rodrigues e João Rui Guerra da Mata (Portogallo)
Rei inutil – Telmo Churro (Portogallo)
Bibliografia – João e Miguel Manso (Portogallo)

Omaggio a Yu Likwai
Neon goddess (Hong Kong/Belgio)
Tin seung yan gaan (Love will tear us apart) (Hong Kong)
Mingri tianya (All tomorrow’s parties) (Cina/Francia/Brasile/Corea del Sud/Hong Kong)
Dance with me to the end of love (Corea del Sud)
Dangkou (Plastic City) (Brasile/Cina/Hong Kong/Giappone)

E intanto in Italia

Adelante petroleros! – Maurizio Zaccaro (Italia)
Parole povere – Francesca Archibugi (Italia)
La pazza della porta accanto, conversazione con Alda Merini – Antonietta De Lillo (Italia)

Spazio Torino

Bandini – Tragedia in tre atti – Stefano Cravero (Italia)
Carmine – Davide Luchino (Italia)
Chasing – Renato Porfido (Italia)
L’illusionista – Rocco Riccio (Italia)
Il signore delle chiavi – Mauro De Fazio e Lucio Viglierchio (Italia)
Trilogia dell’amore – Felipe Aguila (Italia)

Evento speciale
Un altro ritmo – Giancarlo Tovo (Italia)

TorinoFilmLab

The lunchbox – Ritesh Batra (India/Francia/Germania)
Lupu (Wolf) – Bogdan Mustata (Romania/Germania)
Mary is happy, Mary is happy – Nawapol Thamrongrattanarit (Thailandia)
Salvo – Fabio Grassadonia e Antonio Piazza (Italia/Francia)
Il sud è niente – Fabio Mollo (Italia/Francia)
Yuri Esposito – Alessio Fava (Italia)

Qui il programma completo.

Ultime notizie su Torino Film Festival

Tutto su Torino Film Festival →